Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
Gli intellettuali nel fascismo, complici o frondisti?

di : edoneo
mercoledì 28 settembre 2005 - 01h10
1 comment
JPEG - 31.1 Kb
Carlo Lizzani

Impegnato nella scrittura di un libro di memorie, il regista interviene nella polemica sulle organizzazioni universitarie fasciste, sollevata recentemente da un libro di Mirella Serri e poi dal Corriere. Una stagione vissuta in prima persona

di Carlo Lizzani

Meravigliarsi ancora che in questo territorio confuso di spinte innovatrici e conservatrici, di invettive antiborghesi e anticapitaliste e di richiami all’ordine, potessero anche trovarsi in posizioni di protagonisti o di fiancheggiatori, poeti o filosofi, pittori o cineasti, significa ignorare i tratti originali del movimento mussoliniano.

Il totalitarismo fascista - finché non si arrivò poi alla catastrofe della guerra - riuscì ad armonizzare (questo è il vero mistero, o comunque il problema storico sul quale dovrebbero veramente riflettere i revisionisti di oggi) tutte le spinte originarie alla "modernizzazione" che ne costituivano il tratto di fondo, (insieme al "sociale"), con un orizzonte tardo-ottocentesco ancora circoscritto nell’ambito della "nazione proletaria" e nei confini - avviati già al tramonto in tutto il mondo - di nuovi, velleitari sogni coloniali. Il fascismo, insomma, come rotta verso un socialismo "nazionale", in un’epoca in cui sta cominciando il tramonto - irreversibile - delle nazioni, e della loro logica di espansione. Una logica che vede (che vide, fino ai primi anni del Novecento) la risposta per il proprio benessere, nella predazione di altre nazioni più deboli, nella ricerca di uno "spazio vitale" sempre più ampio che legittimi la colonizzazione dei propri vicini, o addirittura nella distruzione di altre razze "inferiori" (gli ebrei, gli slavi dell’est, per non parlare dei neri, ecc. E come culmine quindi il nazionalsocialismo). Sì, il fascismo come processo di modernizzazione. Ma un homo (socialpatriota) homini lupus che vanifica - per la sua cecità rispetto al contesto - i valori di quella "modernizzazione" che pur sta attuando. Una testa che opera la modernizzazione con tutto il corpo ancora immerso nell’Ottocento.

Niente paura, quindi, a riconoscere certe intuizioni, e il valore di certe "opere del regime", che talvolta l’antifascismo tradizionale ha dovuto se non occultare, sminuire o addirittura ridicolizzare. Insomma, sì, i giovani non solo a Roma ma in tante province, ebbero strumenti di promozione (Cineguf, Teatroguf) degni delle università americane.

Non c’era bisogno, per emergere, o quanto meno per avvicinarsi al mondo dello spettacolo, del giornalismo ecc - anche partendo dalle province più lontane da Roma - di quel lungo calvario che la democrazia non è riuscita a risparmiare ai giovani. La piccola città di Trento, già nel quarantadue catapulta verso il successo un giovane come Luciano Emmer. Il Teatroguf di Messina laurea, prima di Roma, l’enfant prodige della scena italiana: Enrico Fulchignoni. E così centinaia di altri casi. Ma con quale contropartita? La guerra, il saccheggio dei vicini di casa.

Poi in quegli stessi organismi, nella stampa giovanile, nei littoriali cominciano a divaricarsi i percorsi. E sono tanti. Da Ugo Spirito si può risalire - all’indietro - a Gentile, da Gentile a Croce, e da lì un altro bivio: il liberalismo, il liberalsocialismo, oppure, ancora indietro, Labriola e poi il marxismo. E qui l’incontro tra fascismo di sinistra (il sociale, l’anticapitalismo) e il marxismo.

Ma come è pensabile che questi percorsi diventino chiari, visibili in un regime "modernizzatore" ma totalitario e ancora più dittatoriale a causa della guerra in corso? Perché non usare i pochi spiragli lasciati aperti proprio a causa di quella profonda ambiguità che è impressa nel suo codice genetico?

Ce ne è traccia nel lessico della stampa giovanile, di primato, di cinema.

Il lessico dei Littoriali, dei Guf, studiato a distanza ravvicinata, parola per parola, racconta il passaggio da un fascismo di sinistra ("sociale", "rivoluzionario" che prendeva alla lettera le invettive antiborghesi della dottrina ufficiale) a riflessioni sul prefascismo, e per alcuni giovani già critici del regime, a qualche trasparente forma di opposizione.

Sfogliando per esempio, le pagine di tanti giornali dei Guf dal ’40 in poi si incontra spesso, invece della parola "Nazione" la parola "Paese".

"Nazione" era una cosa (evocava nazionalismo, sangue, razza). Qualcuno - chi sarà stato il primo? - cominciava a scrivere "Paese". Un’eco carpita da qualche pagina di Vittorini? Era un modo per distinguersi? Certamente, e nessuna censura poteva obbiettare qualcosa.

Altro terreno di ambiguità: quello del rapporto individuo-società. Nel linguaggio fascista c’era la cosiddetta battaglia antindividualistica, antiborghese... Quindi "antindividualistico" si poteva usare (evocando però un senso sociale diverso). "Esperienza individuale" (espressione che si riscontra in qualche nostro articolo) era ancora qualcosa in più. La parola "esperienza" vuol dire già un "farsi da soli", un "muoversi indipendentemente".

"Responsabili", "sentirsi responsabili e promotori": l’aggettivo "responsabile", non appariva mai nel lessico fascista, perché la responsabilità era del potere. Ma comunque anche in questo caso era difficile che un censore potesse sospettare una trasgressione.

"Umanità", per esempio, evoca piuttosto, il sovranazionalismo; il fascismo non ne parlava mai. Dava il senso di qualcosa che andava al di là dei confini, delle frontiere. E poi ecco, al posto della parola "Popolo", un altro tipo di vocaboli: i "lavoratori", "le masse"... Questo per dirvi quanto era, in fondo, anche affascinante leggersi e scoprire delle parentele attraverso parole che a tentoni, proprio nel buio, noi riuscivamo a individuare e che ci facevano da radar per segnalarci gli uni agli altri.

Resta il problema della rimozione, dell’autoassoluzione. In una stagione in cui gli eventi precipitano e sembra saltare la linearità della storia con i suoi processi lunghi, forse molti di noi, miracolati dal comunismo e passato l’esame durissimo della Resistenza, si sentirono assolti e senza rischio di appello da parte di chicchessia.

Fu anche grazie a questo che nel breve arco di due anni (dal ’43 al ’45) si verificò l’altro fenomeno straordinario del Novecento italiano: la trasformazione di un partito di quadri (il Pci) in un partito di massa con milioni di militanti.

Sì, anche la Storia è schizofrenica, e vive di rotture, salti indietro e bruschi salti in avanti, momenti di circolarità e di irrazionalità che vedono convivere (non dialetticamente) estremi opposti. Solo sotto questa luce si potranno capire i tratti fondamentali profondi, del fenomeno fascista, le sue ambiguità, i suoi paradossi. Un’altra idea giustificazionista? No, soltanto una chiave di lettura per i tanti paradossi che ci fornisce la storia. Vogliamo parlare, per esempio, di una teoria come quella marxista, nata per sciogliere i nodi del mondo capitalistico più avanzato e che diventa Libretto rosso, Bibbia di un mondo contadino arretrato, e nutrimento per i deliri di Pol Pot e della dinastia nordcoreana?

http://www.liberazione.it/giornale/...


http://www.edoneo.org/



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo


Forum del' articolo
 

> Gli intellettuali nel fascismo, complici o frondisti?
30 settembre 2005 - 16h21 - Di 8f10ebbece60dc4a61a61a178ea55359...

grande è l’imbarazzo di scrivere ancora su fatti noti e risaputi , anche perchè ogni quindicina d’anni qualche scrittore o storico o giornalista riscopre l’acqua calda . Gran parte degli intellettuali nati fra il 1910 ed il 1925 si sono nutriti ( e non poteva essere altrimenti) alla cultura fascista , spesso se non spessissimo in contrasto con la sostanza del fascismo, rappresentata fino al 1940 dalla rigida irregimentazione staraciana e dal culto della personalità di Mussolini, e dopo il 1940 dalla turpe guerra fascista . Essi hanno poi vissuto ( ed io dico fortunatamente ) un percorso nuovo , spesso attraverso la lotta partigiana , che li ha portati ad approdare ad una cultura democratica, sia alla sponda cattolica, che a quella laico-azionista che a quella marxista . Certo, vi è stato chi ha vissuto in esilio durante il fascismo , ma erano quasi tutti militanti marxisti , comunisti o socialisti , chi ha subito il carcere, chi è stato zitto ; ma ogni percorso personale è accettabile se è sincero ed approda ad una scelta di campo corretta e coerente .E così sono stati fascisti : Bocca, Lajolo (il compagno Ulisse), Pintor, Teresio Olivelli, Fenoglio, Ingrao, e tanti altri . Sul punto ha scritto un libro direi esaustivo Ruggero Zangrandi ," Il Lungo Viaggio Attraverso il Fascismo ", che ha quarant’anni ma che invito a rileggere . Certo vi è stato chi vivendo il fascismo ha ritenuto di non mutar bandiera , come Almirante od Evola , ma non mi paiono figure da prendere ad esempio.
Buster Brown






In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista
Terremoto di Casamicciola
martedì 22 - 17h08
di : Lucio Garofalo

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

le merveilleux de la guerre, c'est que chaque chef des meurtriers fait bénir ses drapeaux et invoque Dieu solennellement avant d'aller exterminer son prochain. Voltaire
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito