Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
Il diritto di voto per gli italiani all’estero al vaglio delle primarie dell’Unione di domenica 16

di : News ITALIA PRESS
sabato 15 ottobre 2005 - 19h51
JPEG - 14.8 Kb

Il diritto di voto per gli italiani all’estero al vaglio delle primarie dell’Unione di domenica 16 ottobre, programmate in 21 Paesi, oltre all’Italia

Cordoba/Il Cairo/Manchester/New York/Parigi/Praga - Si avvicina l’appuntamento con le primarie dell’Unione di domenica 16 ottobre; evento pre-elettorale, oltre a determinare il rivale della Casa della Libertà per le votazioni generali del 2006, darà indicazioni fondamentali su due questioni aperte del dibattito politico italiano ed italico degli ultimi mesi. Da una parte la reazione dei cittadini italiani che si rispecchiano ideologicamente nel programma politico del centro-sinistra a un momento di democrazia diretta e partecipativa. Dall’altra, un test con cui misurare la risposta della comunità degli italiani residenti oltre confine alla prima prova ufficiale di esercitazione del diritto di suffragio dall’estero per le elezioni politiche.

E in tal senso proprio ieri il Coordinamento nazionale de l’Unione degli Italiani nel Mondo con sede a Roma, ha approvato l’elenco dei seggi che saranno allestiti nella Circoscrizione estero per l’espletamento della Primaria 2005. Il regolamento ufficiale prevede infatti che tutti i cittadini italiani, residenti in altri Paesi ed iscritti all’AIRE (Anagrafe Italiani Residenti all’Estero), o temporaneamente all’estero, se maggiorenni o compienti i 18 anni entro il 13 maggio 2006, potranno esprimere la propria preferenza per uno dei candidati dell’Unione, ovunque vi sia un seggio allestito appositamente. Precisando che, oltre a quelli organizzati dal Coordinamento centrale nelle città a maggiore presenza di comunità italiane, sarebbe stato possibile creare dei luoghi adatti al voto ovunque un gruppo di almeno cinque firmatari, rappresentanti le diverse correnti ideologiche presenti nella coalizione del centro-sinistra, richiedesse a Roma l’autorizzazione per la costituzione di un seggio.

Il coordinatore della segreteria dei Demicratici di Sinistra (DS) Vannino Chiti ha reso noto, in una conferenza stampa, che il Coordinamento nazionale ha riconosciuto 157 seggi all’estero e che si potrà votare in Belgio, Francia, Germania, Gran Bretagna, Grecia, Lussemburgo, Malta, Olanda, Repubblica Ceca, Romania, Spagna, Svezia e Svizzera; fuori dall’Europa in Argentina, Australia, Brasile, Canada, Egitto, Stati Uniti, Tunisia e Uruguay.

Le discrepanze geografiche, ma anche socioeconomiche e politiche, dei vari Paesi rappresentano un elemento molto importante per osservare i differenti approcci con cui la comunità italiana oltre confine sta interpretando il primo esercizio del voto politico. E per due ragioni fondamentali.

Innanzitutto perché i 2 referendum precedenti, primi appuntamenti con il voto all’estero, non sono risultati molto legati agli interessi degli italiani oltre confine. "Il referendum non è stato molto sentito, almeno tra gli italo-americani - riferisce Gaspare Pipitone, coordinatore del seggio di White Stone a New York -, ma la situazione è ben diversa con le primarie. C’è un grandissimo entusiasmo ed è importantissimo che sia stata finalmente riconosciuta la nostra personalità politica su una questione puramente politica; è una conquista vera e propria".

E, in secondo luogo, perché le primarie, non rappresentando un appuntamento elettorale pubblico, ma giuridicamente privato, non hanno potuto contare con aiuti economici né logistici istituzionali. Una mancanza colmata in ’Italia grazie alla presenza capillare di sezioni locali dei partiti dell’Unione e di associazioni adoperatesi per trovare sedi e fondi per l’esercizio del voto. Una lacuna, al contrario, ben più grave nelle comunità all’estero, le quali, senza il supporto di consolati ed ambasciate, hanno dovuto affidarsi alle proprie risorse personali . E se in alcuni Paesi erano presenti sezioni distaccate delle forze politiche dell’Unione che hanno contribuito all’organizzazione delle primarie, in altri, soltanto grazie a sforzi individuali si è riuscito a garantire il voto all’estero per l’occasione.

Iniziative personali hanno, ad esempio, permesso l’istituzione di seggi a Praga, Cordoba (in Argentina), Tunisi e nella già citata White Stone. "Approfittando del regolamento delle primarie - afferma Domenico Virgulti, responsabile per la Repubblica Ceca - io e altri quattro conoscenti, espressione dei diversi orientamenti dell’Unione abbiamo formato un Comitato locale, trovato una sede per il voto (la sede del partito social-democratico ceco) e organizzato le urne per domenica. Uno di noi aveva già avuto esperienze politiche in passato, ma per gli altri è stato davvero uno sforzo importante, volto a far votare una piccola comunità, come quella esistente a Praga. Il risultato più significativo è stato appunto rendere possibile la partecipazione".

Un’opinione simile a quella proveniente dall’Argentina: "Credo che si tratti di un momento democratico fondamentale - ha sostenuto Graciela Brizuela, coordinatrice del seggio di Cordoba - e proprio per renderlo esecutivo io e un gruppo di persone, appoggiandoci soprattutto all’associazionismo locale, abbiamo iniziato ad organizzare il tutto. E sinceramente mi ha sorpreso e sbalordito l’interesse con cui la popolazione ha risposto all’iniziativa. Stiamo ricevendo aiuti e supporto da gran parte della comunità italiana, che si è resa conto della rilevanza della votazione. Speriamo che l’afflusso corrisponda alle aspettative".

Un aspetto sottolineato nelle quattro città è stato la mancanza di un aiuto dall’alto, carenza alla quale ogni sede ha supplito come possibile. E in tale tentativo hanno avuto un ruolo due fattori fondamentali: la voglia di partecipare, comune e la stampa italica dimostratasi importante in America e Tunisia. "Abbiamo cercato di dare spazio all’informazione sui candidati delle primarie attraverso l’inserzione di articoli sui giornali in lingua italiana - interviene Francesco Addis da Tunisi -, ma l’elemento più rappresentativo è stato il passaparola con cui la società civile di origine italiana si è confrontata, informata ed è venuta a conoscenza delle primarie e del loro contenuto". In termini simili si è espresso anche il rappresentante nordamericano, che ha evidenziato il ruolo del quotidiano "America Oggi", così come la Brizuela, che ha ribadito la funzione primaria del dialogo tra cittadini: "Abbiamo inviato mail, pubblicizzato i siti web dei 7 candidati, passato articoli di giornali italiani, ma sicuramente nessuno di questi mezzi ha potuto competere con il passaparola".

Voglia di partecipazione ed attivismo, dunque, i principali motori per l’organizzazione delle primarie all’estero, anche se pervenuti da strati diversi della comunità italiana. "In Argentina, la classe sociale più incline al voto è quella degli emigrati di tanti anni fa e ormai pensionati - dice la Brizuela -; preoccupati che la crisi economica italiana possa ripercuotersi in una diminuzione dei proventi dalla previdenza sociale, si stanno aggiornando su quale candidato sia più vicino alla loro causa". Diversa la situazione in Tunisia, dove "abbiamo osservato come, mentre i cittadini usciti solo contemporaneamente dai confini italiani sono stati i protagonisti per la preparazione delle votazioni, la comunità più anziana, presente sin da prima dell’indipendenza, si sia gradualmente distaccata dalle vicende politiche del Paese e sia più difficilmente coinvolgibile".

Descrizione, questa, che sembrerebbe avallare le tesi di quanti che sostengono che il diritto per gli italiani nel mondo non sia utile. Ma la stessa accusa viene immediatamente confutata dalle voci provenienti dagli altri seggi: "Non credo che si possa parlare di un disinteresse verso la politica italiana - asserisce Virgulti -, anche perché la maggior mobilità internazionale non solo delle persone ma anche del flusso di informazioni rende assai più reperibili notizie e dati sull’Italia. Esattamente come gli immigrati credo debbano avere il diritto a votare nel nuovo Paese di residenza, ugualmente i cittadini all’estero che lo vogliono devono poter eleggere i propri rappresentanti in patria. È una questione di giustizia democratica". E Pipitone, sarcasticamente, aggiunge che "vivere all’estero permette di guardare alla politica italiana dall’esterno, senza implicazioni e interessi personali che allontanino da una corretta analisi dei fatti".

Infine, un ultimo aspetto, condiviso dalle comunità interpellate, riguarda il significato stesso del voto in relazione alle elezioni generali dell’anno prossimo. "La primavera 2006 rappresenta una data in cui veramente il voto degli italiani all’estero sarà decisivo - sostiene Virgulti - e noi vogliamo che le primarie di domenica rappresentino un test decisivo per valutare la nostra capacità d’azione democratica". Considerazione alla quale crede anche Francesco Addis: "Nel 2006 avremo il sostegno dell’Aire, ma ritengo che l’occasione delle primarie, anche se rappresentative di circa metà della popolazione italiana in Tunisia, sia momento fondamentale per far sentire la nostra voce e per prepararci in vista delle prossime votazioni".

News ITALIA PRESS



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo





Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista
Terremoto di Casamicciola
martedì 22 - 17h08
di : Lucio Garofalo
La Strage di Barcellona ed il genio incompreso di G Romero
lunedì 21 - 21h23
di : pugliantagonista
16 agosto 1894: Sante Caserio fa il fornaio non la spia
martedì 15 - 18h38
di : caserio
Agosto 1926-2017 Resistete agli sfratti, opponete l’azione autonoma di Classe
venerdì 11 - 17h52
di : pugliantagonista
editoriale 10 anni di Pugliantagonista.it
giovedì 10 - 21h58
di : pugliantagonista
UNO SPETTRO NAZIFASCISTA SI AGGIRA NEL MEDITERRANEO [MA CHI LO FINANZIA?]
domenica 6 - 16h31
di : Lucio Galluzzi
In rete il numero di luglio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 17 - 11h12
di : Franco Cilenti
Uomini o caporali
martedì 11 - 16h48
di : Lucio Garofalo
no In rete il nuovo numero del periodico nazionale Dire, Fare Rifondazione
domenica 9 - 10h29
di : Franco Cilenti
Progettifici e dittatori scolastici
mercoledì 5 - 15h57
di : Lucio Garofalo
Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino
venerdì 2 - 16h52
di : Alessio Di Florio
In rete, e in distribuzione, il nuovo numero del periodico lavoro e Salute
martedì 23 - 10h59
di : Franco Cilenti
Pubblicato Dire, Fare Rifondazione, notiziario dell’Organizzazione - maggio 2017
lunedì 15 - 08h28
di : Franco Cilenti
1 comment

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

Ne fais jamais rien contre ta conscience, même si l'Etat te le demande. Albert Einstein
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito