Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
PARADISE NOW

di : Luisa Morgantini
sabato 29 ottobre 2005 - 14h51
JPEG - 25.2 Kb

Io cerco di raccontarvelo, voi però andate a vederlo

di Luisa Morgantini

Paradise Now è un vero film. Intenso, pieno di comprensione e compassione, non giudica anche se la sua scelta è chiara, non dà soluzioni, esprime contraddizioni, dice della profondità dei personaggi ma paga lo scotto della (forse) necessità di colloqui a volte didascalici.

E’ la storia di due giovani amici d’infanzia palestinesi, nati in un campo profughi di Nablus, nel nord della Palestina, nei territori occupati nel 1967 dall’esercito israeliano, che vengono scelti per compiere un attentato suicida in Israele.

Il regista Hani Abu Assad, palestinese, vive ad Amsterdamm , ha girato il film a Nablus e a Nazareth città abitata da palestinesi in Israele, con estreme difficoltà: a Nablus, lì i soldati gli erano sempre addosso. In una sua intervista ci dice: “il mio non è un film politico, io faccio cinema e racconto delle storie, in questo caso quella di due giovani che decidono di sacrificare le loro vite per la causa palestinese. Anche la mia presenza agli Oscar è un modo per rappresentare la causa, perché la Palestina resta una causa visto che non è ancora una nazione riconosciuta a livello internazionale”.

Per me, che frequento regolarmente, a partire dal 1986, la Palestina e Israele è stata una emozione continua. Dall’inizio alla fine, dalla vista del check point di Huwara , situato poco prima dell’entrata nella città di Nablus e del campo profughi di Balata, fino alla vista della città di Tel Aviv, con i suoi grattacieli e le donne in bikini sul lungomare, così in contrasto con le immagini di Nablus, dove le strade della città vecchia sono strette e si intrecciano con i cortili e le case di pietra mentre le strade principali pullulano di automobili e di persone che cercano di raggiunge i banchetti pieni di frutta e verdura e si cammina tra le case bombardate e la vecchia prigione di Nablus, completamente distrutta nelle prime incursioni israeliane, dopo l’inizio della seconda Intifadah.

Al check point di Huwara sono stata ferma ore ed ore per tentare di entrare a Nablus ed ho visto le scene più terribili, decine e decine di giovani spinti brutalmente dai soldati, picchiati e lasciati per ore sotto il sole ad aspettare che i soldati effettuassero il controllo delle loro carte di identità o il permesso per entrare o lasciare Nablus, vecchi e ammalati costretti a passare a piedi ed a volte ricacciati indietro malgrado i certificati medici e gli evidenti segni di infermità. Questo non si vede nel film, ma lo spettatore forse lo può immaginare. Non c’è violenza fisica in questo film, non si vedono i corpi dei feriti o dei morti, l’occupazione è negli sguardi, nelle vite, nella quotidianità, nei colpi di mortaio vicino ai check point e nelle persone che si chinano e camminano su sentieri accidentati perché la strada principale, un’altra, è chiusa dai massi di cemento e dai soldati.

Nel film, il check point ,quello vero, è prima visto da lontano e poi artificiosamente ricreato nella scena successiva per far passare la protagonista del film, Suha, figlia di un eroe della resistenza palestinese assassinato dal Mossad. Suha ha vissuto in Francia e poi in Marocco, la sua pronuncia araba non ha l’accento palestinese, come molte/i palestinesi della diaspora, che hanno potuto tornare nei territori occupati dopo l’accordo di Oslo. Suha viene a riprendere la sua vecchia auto nell’officina meccanica dove due giovani, Said e Khaled, lavorano. Tra Suha e Said c’è coinvolgimento, lo si vede dai gesti e dalle loro conversazioni impacciate. Il padrone Abu Salim stima Said ma detesta Khaled e lo licenzia dopo che il giovane - irritato da un cliente che voleva a tutti i costi parlare con il padrone insistendo che il parabrezza dell’ auto pendeva a sinistra - con una spranga rompe il parabrezza. I due ragazzi passano il resto della giornata su uno dei lati delle montagne che circondano Nablus, che si stende sotto di loro con i palazzi costruiti senza piano regolatore, a fumare Narghilè ed a bere un thè ormai freddo portato da un ragazzino con il quale Khaled fa un gioco di sguardi esilaranti.

Parlano, Khaled pensa di trovare un nuovo lavoro, fa battute sulla simpatia di Suha per Said, hanno silenzi, ascoltano musica e poi tornano verso le loro case, ed è lì che trovano i due dirigenti, si suppone di Hamas, che gli dicono che la loro richiesta è esaudita, è arrivato il momento del loro grande gesto: compiere un attentato suicida in Israele. Vedendoli non si sarebbe detto che fossero dei fanatici del Corano, il loro fare riferimento continuamente a Dio, “se Dio lo vuole”, “grazie a Dio”, “che Dio ti benedica” sembrano in tutto il film più degli intercalari che una fede vera e propria. Eppure sono disposti a compiere questo gesto crudele verso sé stessi e verso gli altri, per il “volere di Dio”, ma le loro motivazioni sono la rabbia, l’umiliazione, il sentirsi vivere, anzi morire, in una prigione sotto un occupazione militare che dura da più di 38 anni.

E’ l’umiliazione che ha subito il padre di Khaled rimasto zoppo da una gamba dopo che i soldati israeliani gli avevano chiesto quale preferiva che gli rompessero,quella destra o quella sinistra, e il padre aveva risposto la sinistra, mentre il figlio dice che all’umiliazione avrebbe preferito perderle tutte e due. E’anche l’umiliazione di Said il cui padre è stato ucciso nella prima Intifadah, quando lui aveva dieci anni perché era un collaborazionista, e questo gli viene ricordato ogni giorno dai vicini, dalle persone che sanno e tutti sanno. Suha non lo sa invece, lei che è figlia di un eroe e alla quale vengono per questo perdonate o concesse cose che forse ad altri non sarebbe permesso.

Said e Khaled passano la loro ultima notte con la famiglia I due dirigenti - quello che resta con Said, Jamal, è un professore (confesso, l’ho odiato) - rimangono a dormire da loro, accolti con la solita cortesia per gli ospiti, malgrado forse le famiglie intuissero qualcosa, con il pretesto che le strade erano state chiuse dai soldati israeliani. Said trova una scusa per il giorno dopo: andrà a lavorare in Israele, la madre chiede come ha fatto ad avere il permesso, lui dice che glielo ha fatto avere Jamal. E la madre ringrazia. Cenano insieme, una cena povera, insalata di pomodori e cetrioli e un piatto di full, fave bollite, il dirigente fa i complimenti alla madre, donna di poche parole e piena di affetto per i figli, il piccolino è intelligente e molto impertinente.

Said sembra attraversato dai dubbi, non riesce a dormire e alle quattro del mattino va a riportare la chiave della macchina a Suha, cerca di metterla sotto la porta ma lei gli apre e lo invita ad entrare. Suha chiede che cosa fa nel tempo libero, se legge, se va al cinema. Ma il cinema a Nablus non c’è più , e l’unica volta che lui ha visto un cinema, il “Rivoli” è stato quando si è unito agli altri per protestare contro il divieto ai palestinesi di lavorare in Israele e lo hanno incendiato. Ma perché incendiare il cinema, insiste Suha, senza ricevere una risposta.

Al mattino partono, la madre di Khaled prepara le pita che riempie di hommos, cetrioli e pomodoro, in una mette il formaggio salato e lo za’atar. Dettagli di una quotidianità fatta di miseria e dignità, dettagli che hanno storia, come quando si vedono due ragazzini che stanno per lanciare un aquilone con i colori della bandiera palestinese. Quante volte nella prima Intifadah alle cinque di sera ho visto dal campo di Balata e da tutta Nablus centinaia di aquiloni con i colori della bandiera palestinese che si stagliavano nel cielo ed immediatamente i soldati correvano dai ragazzini che li avevano lanciati per picchiarli, sparare, lanciare gas lacrimogeni , disperderli o arrestarli.

Per Khaled e Said inizia la cerimonia, vengono rasati e i capelli tagliati, si vestono di un abito festivo, quello che si usa ai matrimoni, gli vengono messe le cinture esplosive che non potranno essere tolte se non da chi le ha messe, crudeltà nella crudeltà, viene il capo a salutarli. Devono registrare il video della loro azione. Ma la telecamera non funziona, Khaled deve ripetere il proclama e quando vede i due dirigenti mangiare la pita preparata dalla madre si interrompe e si rivolge alla madre per dirle di andare a comperare il filtro per l’acqua in un negozio dove costa meno. Partono, devono attraversare la barriera dei reticolati, è tutto organizzato, carte d’identità, un israeliano li accompagnerà a Tel Aviv, è pagato, probabilmente non sa che vanno a fare i kamikaze, ma vive facendosi pagare bene dai palestinesi che hanno bisogno di andare in Israele. Qualcosa però va storto: sulla strada c’è una jeep di soldati.

Ritornano indietro ma Said si perde e gli altri temendo di essere scoperti lasciano il rifugio e dubitano che Said li abbia traditi, ma Khaled insiste, non è un traditore e lo va a cercare, lo stesso fa Said che prima di tornare a Nablus, cerca di compiere la sua missione, c’è una fermata di autobus, sono coloni, c’è anche una bambina, arriva l’autbus, Said non sale, ritorna al rifugio e lo trova vuoto. Gira impazzito, dalla madre di Khaled, da sua madre senza farsi vedere, va all’officina e rivede Suha che ha sempre la macchina rotta, Said gliela sistema ma mentre richiude il cofano il suo orologio rimane schiacciato, lei insiste per andarlo ad aggiustare, vanno insieme anche a ritirare una foto che Said si era fatto fare, sei troppo serio gli dice Suha.

Nella tv del negozio sta andando un video di un attentatore suicida, lei chiede se sono in vendita, si anche quelle della confessione dei collaborazionisti, che vanno molto. Lui trascina la trascina via e in auto le dice che suo padre era un collaborazionista ed era stato ucciso. Si danno un lieve bacio e lui se ne va. Quando arriva a casa Khaled la sta aspettando. E’ vestito come Said. Lei gli salta addosso perché, perché, non dovete farlo. Khaled pensa che Said sia andato sulla tomba del padre, corrono a cercarlo.

Il tragitto è uno dei momenti più intensi e drammatici, Suha - e qui il regista prende posizione - cerca di convincerlo che ci sono altre strade per combattere, che quella militare o degli attacchi suicidi sono sbagliate, che danno strumento ad Israele per mantenere l’occupazione militare, che non è morale. Khaled sostiene che loro non hanno niente, che quello di usare il loro corpo è l’unico modo per rispondere all’occupazione e all’oppressione. No è solo vendetta dice Suha.

Said è disteso sulla tomba, tra i due sono botte, si ritrovano al rifugio dai dirigenti. Jamal insiste con Khaled che deve decidere da solo se vuole continuare l’azione, ma lui vuole prima parlare con Said che viene interrogato dal capo per verificare se è idoneo o no. Supera la prova, è determinato, racconta del padre, della sua vita nel campo profughi, degli israeliani che usano la debolezza per rendere alcuni palestinesi collaborazionisti, assolve il padre. Dice che non ha trovato altra strada che quella di fare il “sacrificio” perché sotto l’occupazione sono già morti. Ripartono, questa volta senza intoppi, arrivano a Tel Aviv e mentre si incammino Khaled si ferma, dice a Said che non devono farlo, che ha parlato con Suha e lei ha ragione, si può lottare in un altro modo. Richiama l’israeliano per farsi portare indietro. Said conferma. Quando l’auto arriva, Said fa entrare Khaled poi chiude la portiera e intima di partire, la macchina si allontana. Khaled piange. Said è seduto su un autobus, ci sono soldati ma anche civili, gli occhi di Said sono sempre fissi....

E qui forse c’è una debolezza da parte del regista, gli attacchi in Israele sono stati fatti anche in luoghi dove vi erano soli civili, la vendetta distrugge tutti.

E’ un film non facile. Sarà contestato, certamente da parte degli israeliani non pacifisti, alcune recensioni apparse in Francia parlano di pura propaganda, ovviamente esprimendo un sacco di pregiudizi oltre che menzogne, ma non saranno i soli, ci sarà il rifiuto anche da parte di molti palestinesi. I due ragazzi non sono visti come eroi, la loro azione il risultato di una condizione, che rende estreme le risposte, sono visti nella loro umanità, con le loro sofferenze, rabbie, desideri, non mostri. Questo rende il film grande. E ad una donna, a Suha , è affidata la ricerca di un strada che non è quella militare, a lei è affidata nel film l’umanità che trovo in Palestina, è lei che riscatta il dolore delle madri e la resistenza dei milioni di palestinesi che non si fanno distruggere dall’umiliazione, dalla povertà, dall’occupazione ma continuano a vivere o a sopravvivere con dignità e a sperare ancora che la Comunità Internazionale faccia applicare il diritto, il diritto di avere uno Stato che coesista in pace e sicurezza con lo Israele.

Un film coraggioso, grazie Hani.

Luisa Morgantini



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo





In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista
Terremoto di Casamicciola
martedì 22 - 17h08
di : Lucio Garofalo

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

Tant que la couleur de la peau sera plus importante que celle des yeux, nous ne connaîtrons pas la paix. Haile Selassie, Empereur éthiopien
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito