Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Amiri Baraka: "Noi afroamericani per Bush non esistiamo"

di : edoneo
domenica 30 ottobre 2005 - 10h59
JPEG - 21.1 Kb

Intervista allo scrittore noto negli anni ’60 con il nome di LeRoi Jones. Autore de "Il popolo del blues", punta l’indice contro la Casa Bianca dopo la tragedia che ha colpito New Orleans

di Giorgio Rimondi

Amiri Baraka ha al suo attivo circa venti volumi di poesia, molti dischi, tre opere-jazz, un volume di racconti e otto volumi di saggi, per i quali ha ottenuto importanti premi letterari. Oggi è considerato il maggiore poeta afroamericano del secondo Novecento, ma è noto soprattutto per la pubblicazione di Blues People (pubblicato nel 1963 con il nome di LeRoi Jones e tradotto da Einaudi nel 1968 con il titolo Il popolo del blues).

Come scrittore la fama gli arriva nel 1964 con Dutchman, fortunatissima pièce teatrale andata in scena per circa un anno consecutivo nei teatri del Village. Ma insoddisfatto del successo, egli inizia un periodo di svolte clamorose, sia dal punto di vista politico che creativo.

Aderisce inizialmente al nazionalismo nero, fautore di una rigoroso separatismo razziale, e successivamente abbraccia una posizione marxista e terzomondista che lo porta a rivedere profondamente tanto la sua posizione politica quanto la sua poetica. Abbandonato il nome americano LeRoi Jones e convertitosi all’Islam con il nuovo nome di Amiri Baraka, mantiene nel tempo la sua posizione socialmente impegnata e politicamente comunista, che gli procura non pochi guai con la giustizia americana.

Contemporaneamente inizia a modificare la struttura dei suoi testi poetici, aprendola alle suggestioni foniche e trasformandola in una sorta di spartito su cui improvvisare. In questo modo il suo lavoro si apre progressivamente ai modi dell’oralità, valorizzando l’improvvisazione e l’aspetto performativo della parola poetica. Diviene così uno straordinario performer, il cui lavoro, riaffermando continuamente la centralità della musica nera, rappresenta la più convincente realizzazione delle tesi esposte in Blues People.

Mister Baraka, nel settembre 2005, durante un concerto con il gruppo dei Blue Ark lei ha dedicato Creole Love Call di Duke Ellington alla "gente di New Orleans, che non c’è più". Cosa significa per la comunità afroamericana ciò che è successo in quella città?

Intanto significa una grande perdita per l’umanità, una tragedia di proporzioni inimmaginabili. E poi, parlare di New Orleans è come parlare dell’estetica nera e della storia del popolo afroamericano, perché le cose sono indissolubilmente legate. Il blues è la prima musica post-schiavista, una musica di liberazione. Da lì nasce il jazz. Chi arriva a New Orleans lo sa, perché nel centro cittadino c’è una statua di Louis Armstrong.

Eppure sembra che persone come George Bush non abbiano alcuna intenzione di riconoscere l’importanza di questa musica e della cultura che le ha dato vita, visti i ritardi nei soccorsi e i successivi giochi politici sulla sorte della città. Dopo di che queste stesse persone hanno il coraggio di dire che vogliono esportare la democrazia... Ma la sola forma di democrazia che gli Stati Uniti hanno esportato nel mondo è il jazz!.

Lo dicono anche molti jazzmen: il jazz è la sola democrazia realizzata che si conosca.

Certo. Perché la democrazia, come il jazz, è fatta di autodeterminazione e di uguaglianza, e New Orleans era la città dell’uguaglianza. Per questo era la città del jazz, era la capitale dell’estetica blues e dunque dell’estetica nera. Era un bene che andava protetto. E invece c’è stata una volontà antidemocratica che l’ha lasciata volutamente a se stessa, che ha voluto perdere, insieme alla città, un pezzo di storia di una grande cultura.

Eppure anche all’interno della comunità nera c’è chi non riconosce una collegamento così stretto fra il blues e le condizioni storiche e politiche in cui si è svolta la vicenda del popolo afroamericano.

Le ragioni per cui alcuni preferiscono parlare dell’estetica blues separandola dall’estetica nera sta nel fatto che preferirebbero tenete separata la politica dall’estetica. Ma questo non è possibile, perché gli esseri umani sono esseri politici. Il modo in cui noi facciamo arte è strettamente collegato alla nostra vita, per cui la nostra creatività dipende anche dal nostro atteggiamento politico. E l’estetica nera è il prodotto dei sacrifici, delle lotte sostenute dal popolo afroamericano.

Come diceva il poeta Amilcar Cabral, io penso che la cultura abbia in sé la capacità di resistenza, e dunque finché un popolo abita la sua cultura ha la possibilità di resistere all’oppressione. Se ci si pensa, dal blues al rhytm and blues al jazz, tutte le musiche afroamericane sono ricerca della libertà. Ma se guardiamo i programmi che propongono le grandi orchestre americane, sembra che gli afroamericani non siano riusciti a produrre nessuna musica di buon livello. Ovviamente non è così. Chiunque sa che il jazz è il più grande apporto americano all’arte del Novecento.

Insomma, come sostiene in Blues People, fra la storia del popolo nero e la storia della sua musica non c’è differenza?

In un certo senso è proprio così. Io l’ho imparato molti anni fa, durante la mia esperienza al college. Allora avevo come insegnante Sterling Brown, un grande poeta. Noi discutevamo spesso, e un giorno egli mi portò a casa sua e mi mostrò un’intera parete del suo studio piena di dischi, perfettamente allineati in ordine alfabetico, e mi disse: "Questa è la nostra storia! ". Io non capii subito cosa volesse dire, anzi, ci ho pensato a lungo... Poi ho capito: Brown voleva insegnarmi che la storia del popolo afroamericano è nella sua musica e non nei libri, e che i cambiamenti della musica rivelano i cambiamenti della gente.

Però, sostenendo queste posizioni lei si è trovato spesso nei guai con il governo americano...

E’ vero. Nel 1967 sono andato in prigione perché avevo scritto una poesia che si chiama Black People, e sono stato condannato perché il giudice ha ritenuto che quella poesia spingesse alla violenza. Secondo lui le persone prima di compiere atti violenti venivano da me, leggevano la poesia e poi dicevano: "Ehi, ecco, adesso possiamo agire...". E qualcosa del genere è successo anche dopo l’11 settembre, quando ho scritto "Somebody Blew up America" (Qualcuno ha fatto saltare in aria l’America).

In questo poema mi chiedo perché molti israeliani non sono andati a lavorare al World Trade Centre quel giorno. Non l’ho inventato io, sono notizie apparse sui giornali. Il fatto è che se in Palestina una ragazza si fa saltare in aria è terrorismo, se l’esercito rade al suolo una scuola invece no... E’ pazzesco. E poi, sarà un caso, ma tutti i nemici di Bush sono di colore: afroamericani, iraniani, irakeni, palestinesi... Chissà perché l’asse del male non comprende il bianco!

Ma ci sono stati diversi riconoscimenti dell’arte afroamericana, anche recentemente. Se non sbaglio il governo americano ha dichiarato il 2003 anno del blues, e per l’occasione si sono anche prodotti alcuni film di autori come Wim Wenders, Martin Scorsese e altri. Che ne pensa?

Penso che i neri l’hanno saputo dalla stampa che era l’anno del blues, e comunque i soldi non sono arrivati a loro ma ai bianchi che hanno fatto i film. In realtà dal blues e dal jazz hanno imparato tutti: registi, musicisti e altri artisti bianchi, ma non lo riconoscono. E se lo fanno, come ad esempio Eric Clapton, va benissimo. Però perché allora loro fanno i soldi e i neri a cui si ispirano continuano a fare il lift d’ascensore?

Vuol dire che non c’è un riconoscimento adeguato della funzione culturale degli afroamericani?

Il riconoscimento talvolta c’è, ma non c’è alcuna distribuzione della ricchezza che deriva dalla creatività nera. Allora noi dobbiamo fare chiarezza, dobbiamo organizzarci perché i nostri artisti più veri siano conosciuti. Per questo recentemente ho lavorato sulle musiche di Curtis Mayfield. A canzoni come People Get Ready o Keep on Pushin’ egli affidava il suo messaggio sociale, per cui esse riflettono bene la grande stagione del movimento per i diritti civili. Anche lui fa parte della rivoluzione culturale che bisogna ancora fare, una rivoluzione necessaria per avere quella libertà che ci è ancora negata. L’avanguardia è anche questo: prendi la tradizione e rivitalizzala, rendila attuale.

Cosa implica questa rivoluzione culturale?

Che bisogna prendere ispirazione dai grandi esempi, per essere artisticamente potenti e culturalmente rivoluzionari. Questo diceva Mao-Tse-Tung: bisogna essere artisticamente potenti e politicamente rivoluzionari. E’ quello che cerco di fare con il mio lavoro.

http://www.liberazione.it/giornale/...


http://www.edoneo.org



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo





FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista
Terremoto di Casamicciola
martedì 22 - 17h08
di : Lucio Garofalo
La Strage di Barcellona ed il genio incompreso di G Romero
lunedì 21 - 21h23
di : pugliantagonista
16 agosto 1894: Sante Caserio fa il fornaio non la spia
martedì 15 - 18h38
di : caserio
Agosto 1926-2017 Resistete agli sfratti, opponete l’azione autonoma di Classe
venerdì 11 - 17h52
di : pugliantagonista
editoriale 10 anni di Pugliantagonista.it
giovedì 10 - 21h58
di : pugliantagonista
UNO SPETTRO NAZIFASCISTA SI AGGIRA NEL MEDITERRANEO [MA CHI LO FINANZIA?]
domenica 6 - 16h31
di : Lucio Galluzzi
In rete il numero di luglio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 17 - 11h12
di : Franco Cilenti
Uomini o caporali
martedì 11 - 16h48
di : Lucio Garofalo
no In rete il nuovo numero del periodico nazionale Dire, Fare Rifondazione
domenica 9 - 10h29
di : Franco Cilenti
Progettifici e dittatori scolastici
mercoledì 5 - 15h57
di : Lucio Garofalo
Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino
venerdì 2 - 16h52
di : Alessio Di Florio
In rete, e in distribuzione, il nuovo numero del periodico lavoro e Salute
martedì 23 - 10h59
di : Franco Cilenti
Pubblicato Dire, Fare Rifondazione, notiziario dell’Organizzazione - maggio 2017
lunedì 15 - 08h28
di : Franco Cilenti
1 comment
Pubblicato Dire, Fare Rifondazione, notiziario dell’Organizzazione - maggio 2017
lunedì 15 - 08h28
di : Franco Cilenti
L’ESERCITO DI RISERVA NELLE MANI DEL CAPITALISMO NELLA LOTTA DI CLASSE
sabato 6 - 06h15
di : PCL Pavia
Sinceramente razzisti
giovedì 4 - 19h25
di : Antonio Recanatini
PACE
sabato 8 - 07h43
di : Franco Astengo
SULL’ORLO DELLA GUERRA?
venerdì 7 - 10h21
di : Franco Astengo
LA PROSPETTIVA DI UN GOVERNO DELLE LAVORATRICI E DEI LAVORATORI
martedì 28 - 06h03
di : PCL Pavia
La vendetta come augurio (Elogio della vendetta)
martedì 21 - 21h55
di : Antonio Recanatini

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

Devenir adulte, c'est apprendre à vivre dans le doute et à développer, au travers des expériences, sa propre philosophie, sa propre morale. Éviter le "prêt à penser". Hubert Reeves
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito
Letteratura e guerra partigiana in Italia a Parigi
martedì 7 Febbraio
di : ANPI PARIGI
Il Collettivo Bellaciao sarà presente... Un ciclo di incontri sulla letteratura della Resistenza presentato da Daniele Gaio presentato da Daniele Gaio 13 e 27 febbraio, 5 marzo 2012, ore 19 alla libreria: "La Libreria" 89 rue du faubourg Poissonnière 75009 Parigi L’Anpi Parigi, sezione Carlo e Nello Rosselli, in collaborazione con La Libreria, vi propone un ciclo di incontri sulla letteratura della Resistenza italiana. Quattro narratori (Italo Calvino, Cesare Pavese, Beppe (...)
Leggere il seguito