Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Pasolini : "Sbagliavamo a chiamarlo semplicemente poeta"

di : Tonino Bucci
mercoledì 2 novembre 2005 - 12h25
JPEG - 13.9 Kb

di Tonino Bucci

Con il Pci Pasolini ha un rapporto lungo, tormentato, aspro, persino conflittuale. Lo vive nei panni di chi si considera un compagno di strada, di chi considera il partito comunista un mondo nuovo in gestazione nella pancia di quello vecchio. E’ una storia lunga. Inizia nel ’47 quando il giovane Pasolini aderisce al partito e in poco tempo diventa segretario della sezione di San Giovanni di Casarsa. Ma l’idillio non dura molto. Il 15 ottobre del 1949 Pasolini viene segnalato ai carabinieri di Cordovado per corruzione di minorenne, lo accusano d’essersi appartato con due o tre ragazzi. Arriva l’espulsione dal partito per "indegnità morale» con un comunicato pubblicato su l’Unità: «Prendiamo spunto dai fatti che hanno determinato un grave provvedimento disciplinare a carico del poeta Pasolini per denunciare ancora una volta le deleterie influenze di certe correnti ideologiche e filosofiche dei vari Gide, Sartre e di altrettanto decantati poeti e letterati, che si vogliono atteggiare a progressisti, ma che in realtà raccolgono i più deleteri aspetti della degenerazione borghese".

A sua volta Pasolini girerà le critiche al partito. Lo rimprovererà con frequenza di «eccesso di burocrazia» e di nascondere al proprio interno atteggiamenti «borghesi», «un certo perbenismo, un certo moralismo». Eppure un filo invisibile continua a tenere legato Pasolini al Pci, un sentimento politico che lo spingerà sempre «a votare per loro». «Il mio atteggiamento è di adesione al Pci, perché voto comunista da quando ero ragazzo - spiegava in un’intervista a Enzo Biagi - dal tempo dei partigiani, sono stato dalla loro parte, benché non iscritto, sono un indipendente di sinistra e la mia posizione adesso è una posizione abbastanza personale, devo dire, perché non sono decisamente nel Partito comunista, benché lo appoggi nei momenti, insomma, di lotta, di emergenza sia sempre con loro. Non sono nemmeno con gli estremisti, benché invece con alcuni estremisti vada molto d’accordo, ma non potrei dirmi un estremista, non sono un extraparlamentare, per me il parlamento, insomma, è sacrosanto». La storia di questo incontro è costellata anche di incomprensioni e «forse ingiustamente il pensiero di Pasolini è stato troppo in fretta liquidato come semplice poetica. Questo ci ha impedito di cogliere il carattere profetico di tante sue intuizioni». E’ un giudizio che conta, che viene dall’interno di quel partito, da uno dei dirigenti storici del Pci. Aldo Tortorella, al momento dell’uccisione di Pasolini, è responsabile della politica culturale. A lui è affidato il compito di organizzare i funerali dello scrittore e di pronunciare l’orazione funebre.

Sullo sfondo di questo rapporto non mancheranno sospetti e pregiudizi. Quanto ha pesato lo stereotipo omofobico nel giudizio del Pci su Pasolini?

Il Pci è un organismo che cambia nel tempo. Non si può paragonare il Pci del 1949 che usciva dalla guerra, che aveva come quadri dirigenti dei compagni cresciuti nella clandestinità, nella guerra partigiana, nello stalinismo - non si può, dicevo, paragonare quel Pci con l’altro Pci che farà, sia pure con difficoltà e stento, la battaglia per ottenere prima e difendere poi la legge sul divorzio e in seguito quella sull’aborto. Sono due Pci diversi. Detto questo, è naturale che in una grande organizzazione popolare e di massa trovassero posto i pregiudizi correnti. Il sentimento di Pasolini che ci fosse nella costituzione del Pci un certo perbenismo è senz’altro vero. Altra cosa è il pensiero di coloro che avevano più responsabilità e consapevolezza.

Una figura di tutto rispetto come Carlo Salinari reagì all’uscita del romanzo "Ragazzi di vita" dicendo che al di là del mondo del sottoproletariato romano, il vero interesse di Pasolini fosse «il gusto morboso dello sporco, dell’abbietto, dello scomposto e del torbido. E Giovanni Berlinguer aggiunse: «Tutto trasuda disprezzo e disamore per gli uomini, conoscenza superficiale e deformata della realtà, morboso compiacimento degli aspetti più torbidi di una verità complessa e multiforme». La pensavano tutti così?

Non si può generalizzare. Alcuni di noi la pensavano diversamente. Certo, era una questione delicata. Negli anni ’50, fino alla morte di Stalin c’era una sorda lotta all’interno del gruppo dirigente. Si risolverà con la conferenza d’organizzazione nella quale Secchia perderà la segreteria e il suo ruolo nel rapporto con l’Unione Sovietica. La mentalità e lo stile di pensiero di Secchia che aveva fino ad allora influenzato tanti quadri, non sarebbero finiti da un momento all’altro. E una certa sordità c’era anche negli intellettuali del tempo. Ma bisogna tener conto della temperie dell’epoca. Non dico questo per attenuare quelle posizioni, ma per sottolineare che la nostra stessa diversa percezione critica dipende dall’essere noi cresciuti in culture e generazioni diverse, più criticamente aperte. Siamo avvantaggiati abbastanza per non cadere in quei giudizi.

Pasolini si richiamava a un marxismo molto personale, intessuto di tonalità poetiche. Questo rendeva più difficile il rapporto con il Pci?

Pasolini non pretendeva d’essere un teorico né un politico. Gli si rimproverava di concepire le classi sociali come entità poetiche. Questo non è totalmente vero, significa sminuire troppo l’acume di Pasolini. La sua stessa produzione letteraria e filmica testimonia il contrario. Ha avuto intuizioni profetiche che a torto sono state definite soltanto poetiche o soltanto letterarie o, ancora, dettate soltanto da una visione populistica. Egli stesso, forse, non sarà in grado di formularle in modo teoricamente compiuto. Ma, del resto, chi può dire d’aver indovinato tutto? Seppe scorgere i tarli nella società italiana. Certi vizi culturali non potevano non colpire la sua forte sensibilità etica. Tanto da essere indotto a esaltare, per contrasto, il buono che c’era nel Pci e nel mondo che questo rappresentava. Un paese nel paese, una società pulita in un mondo sporco. Era forse un’esagerazione, ma testimoniava un’ambizione, un’aspirazione.

Il Pasolini più profetico è quello che descrive e inventa nuovi termini per definire questo tarlo della società. E’ il Pasolini che parla degli effetti negativi del consumismo, della mutazione antropologica, dello svuotamento degli individui, della fine delle culture operaie e contadine, della colonizzazione del mondo ad opera della borghesia. Quest’analisi del capitalismo poteva convincere il Pci?

Coglie il limite della critica al capitalismo che allora portava avanti il Pci, basata più sulla quantità che sulla qualità. E’ anche logico che una grande organizzazione popolare dovesse rispondere in primo luogo ai bisogni materiali di grandi masse affamate e che l’attenzione ricadesse sullo sviluppo quantitativo, sulla produzione, sul cibo, il vestiario, la casa. Man mano che le rivendicazioni materiali venivano in qualche modo soddisfatte - anche se la società restava, come oggi, ingiusta - sorgevano anche istanze diverse, qualitative. E’ un problema permanente, ancora oggi aperto. La sinistra alternativa oscilla sempre tra una prospettiva quantitativa - più consumi e più sviluppo delle forze produttive - e la domanda sulla qualità, sul modello di sviluppo e di civiltà. E’ un problema che non ammette facili soluzioni. Si fa presto a dire "meno consumismo", ma si rischia di non vedere che sono i consumi popolari a ridursi. Le classi popolari fanno ancora fatica ad arrivare alla fine del mese e i loro bisogni materiali sono ancora lontani dall’essere soddisfatti in maniera dignitosa, dalla casa fino ai consumi culturali di libri. Pasolini, ad ogni modo, avverte questa contraddizione tra quantità e qualità. Si rende conto che non tutto può ridursi a quantità. Qui va riconosciuto un ritardo del Pci nell’acquisire come propria la battaglia per certi diritti elementari, per i diritti civili della persona, per la libertà della donna di decidere del proprio corpo. I recenti referendum sulla procreazione assistita dimostrano che questi diritti non possono essere considerati acquisiti neppure oggi. Il mondo cerca di andare indietro. Pasolini - forse proprio per la sua condizione, come allora si diceva, di "diverso", per le sue scelte sessuali difformi da quelle della maggioranza - sentiva più acutamente il bisogno di un’altra mentalità, di un altro modo di pensare, di altri rapporti tra le persone, di un altro modo d’amare e così via.

Nonostante Pasolini abbia posto problemi moderni come il controllo sui corpi e sulle culture, non ha mai avuto rapporti idilliaci con il movimento studentesco del ’68. Come mai?

Fa fatica. Nonostante tutto i suoi paradigmi culturali erano datati, relativamente parlando. Nella sua cultura gioca un ruolo importante la formazione cattolica, vissuta con profondità di sentimenti e con grandi risultati. C’era una distanza rispetto alla cultura che ispirava le rivolte giovanili e studentesche. Era una rivolta anti-autoritaria, libertaria, ma non coincideva con la libertà che aveva in mente Pasolini, una libertà dominata da istanze etiche che gli derivavano dalla sua formazione cristiana. Ecco perché giudicava gli studenti dei «piccoli borghesi», «figli di papà», a differenza dei poliziotti manganellatori figli poveri del Sud. Naturalmente il problema è complesso. Le motivazioni di fondo degli studenti non erano poca cosa, nessuno oggi ricorda cosa era il baronaggio nelle università, quale cappa oppressiva rappresentasse. Forse da parte del Pci e dello stesso Berlinguer c’è stato un limite di comprensione, ma si può dire altrettanto dei movimenti studenteschi.

Criticarono aspramente l’organizzazione del partito comunista, accusandolo di gerarchismo, ma a loro volta non crearono forme nuove di organizzazione politica, anzi hanno talora generato dei rivoli disastrosi. Pasolini aveva intravisto che i movimenti studenteschi non erano di per sé creatori di un nuovo mondo. C’era chi ti chiedeva di fare il socialdemocratico di destra e chi, invece, di fare la rivoluzione, tutta e subito.

Cosa rimane di attuale? Abbiamo bisogno ancora dell’immagine del neofascismo e della omologazione degli stili di vita per capire il degrado morale e culturale della nostra società?

Il berlusconismo in Italia e il rigurgito neocons negli Usa non sono macchiette. Non sono operette messe in scena da pochi cretini. I germi c’erano già all’epoca di Pasolini. L’Occidente ha elaborato una cultura - e una pratica economica - che esclude miliardi di persone. In quella sua vicinanza al sottoproletariato Pasolini andava ascoltato. E’ chiaro che quel mondo di borgatari era destinato a spegnersi. Ma era proprio in quel mondo che poteva osservare la mutazione antropologica. Man mano che anche gli ultimi nella società capitalistica vengono assimilati pur rimanendo in una condizione subalterna, diventano visibili gli effetti rovinosi della cultura dominante. Anche coloro che stanno in basso vengono assimilati e introiettano il modo di sentire di chi sta in alto e si considera superiore agli altri. Pensiamo al razzismo che si è venuto a creare in certe manifestazioni "plebee" della Lega. Ecco l’intuizione forte di Pasolini: di fronte al dramma del mondo l’Occidente si sarebbe chiuso in se stesso. Il processo di americanizzazione è proprio questo, anche colui che non ha quasi nulla crede di doversi difendere dal serbo, dal polacco, dal nero, dall’arabo, dall’immigrato che sbarca a Lampedusa. Da qui nasce la guerra e il progetto di dominio sul mondo. Pasolini aveva colto l’inizio di questo mutamento, all’interno di quelle borgate che erano state comuniste e che si convertivano a tendenze fasciste, al razzismo, all’odio per il diverso. Le periferie si trasformavano.

http://www.liberazione.it/giornale/...



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo





FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista
Terremoto di Casamicciola
martedì 22 - 17h08
di : Lucio Garofalo
La Strage di Barcellona ed il genio incompreso di G Romero
lunedì 21 - 21h23
di : pugliantagonista
16 agosto 1894: Sante Caserio fa il fornaio non la spia
martedì 15 - 18h38
di : caserio
Agosto 1926-2017 Resistete agli sfratti, opponete l’azione autonoma di Classe
venerdì 11 - 17h52
di : pugliantagonista
editoriale 10 anni di Pugliantagonista.it
giovedì 10 - 21h58
di : pugliantagonista
UNO SPETTRO NAZIFASCISTA SI AGGIRA NEL MEDITERRANEO [MA CHI LO FINANZIA?]
domenica 6 - 16h31
di : Lucio Galluzzi
In rete il numero di luglio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 17 - 11h12
di : Franco Cilenti
Uomini o caporali
martedì 11 - 16h48
di : Lucio Garofalo
no In rete il nuovo numero del periodico nazionale Dire, Fare Rifondazione
domenica 9 - 10h29
di : Franco Cilenti
Progettifici e dittatori scolastici
mercoledì 5 - 15h57
di : Lucio Garofalo
Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino
venerdì 2 - 16h52
di : Alessio Di Florio
In rete, e in distribuzione, il nuovo numero del periodico lavoro e Salute
martedì 23 - 10h59
di : Franco Cilenti
Pubblicato Dire, Fare Rifondazione, notiziario dell’Organizzazione - maggio 2017
lunedì 15 - 08h28
di : Franco Cilenti
1 comment
Pubblicato Dire, Fare Rifondazione, notiziario dell’Organizzazione - maggio 2017
lunedì 15 - 08h28
di : Franco Cilenti
L’ESERCITO DI RISERVA NELLE MANI DEL CAPITALISMO NELLA LOTTA DI CLASSE
sabato 6 - 06h15
di : PCL Pavia
Sinceramente razzisti
giovedì 4 - 19h25
di : Antonio Recanatini
PACE
sabato 8 - 07h43
di : Franco Astengo
SULL’ORLO DELLA GUERRA?
venerdì 7 - 10h21
di : Franco Astengo
LA PROSPETTIVA DI UN GOVERNO DELLE LAVORATRICI E DEI LAVORATORI
martedì 28 - 06h03
di : PCL Pavia
La vendetta come augurio (Elogio della vendetta)
martedì 21 - 21h55
di : Antonio Recanatini

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

Je n'ai qu'une passion, celle de la lumière, au nom de l'humanité qui a tant souffert et qui a droit au bonheur. Emile Zola
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito
Letteratura e guerra partigiana in Italia a Parigi
martedì 7 Febbraio
di : ANPI PARIGI
Il Collettivo Bellaciao sarà presente... Un ciclo di incontri sulla letteratura della Resistenza presentato da Daniele Gaio presentato da Daniele Gaio 13 e 27 febbraio, 5 marzo 2012, ore 19 alla libreria: "La Libreria" 89 rue du faubourg Poissonnière 75009 Parigi L’Anpi Parigi, sezione Carlo e Nello Rosselli, in collaborazione con La Libreria, vi propone un ciclo di incontri sulla letteratura della Resistenza italiana. Quattro narratori (Italo Calvino, Cesare Pavese, Beppe (...)
Leggere il seguito