Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
Iran, Israele, il sionismo: la scivolosa ambiguità de “L’Ernesto”

di : Ok. Tober
lunedì 7 novembre 2005 - 04h09
1 comment
JPEG - 13.9 Kb

di Ok. Tober

Le dichiarazioni del presidente Iraniano Ahmadi-Nejad sulla cancellazione di Israele dalla carta geografica hanno provocato varie reazioni nella sinistra italiana. La discussione si è in un buona parte concentrata sulla manifestazione promossa da Giuliano Ferrara. Anche a sinistra si è discusso se partecipare o meno, dato l’orientamento pro-Sharon e anti-palestinese da sempre sostenuto dal direttore del “Foglio”. Nella sinistra alternativa è prevalsa la decisione di non partecipare a questa manifestazione, anche se si è espressa qualche voce dissenziente che è ha trovato spazio anche su Liberazione.

Al di là delle diverse valutazioni sull’opportunità di scendere in piazza, la gran parte della sinistra alternativa ha espresso una comune valutazione di netta condanna alle dichiarazioni di Ahmadi-Nejad e di riaffermazione, “senza se e senza ma”, del principio dei “due popoli, due stati”, entrambi con il pieno diritto ad esistere e convivere in pace: Israele e Palestina.

Ma non bisogna nascondere che c’è un settore, anche se marginale, della sinistra “radicale” che esprime una posizione quanto meno ambigua su questa vicenda. Ne fa testo l’articolo di Marcello Graziosi, pubblicato con grande evidenza sul sito dell’Ernesto.

In questo intervento non emerge nessuna condanna delle dichiarazioni del presidente iraniano, che vengono anzi banalizzate. “Nulla di nuovo, in realtà (sono diversi i paesi arabi od islamici, incluso l’Iran dal 1979, che continuano a ragionare nella prospettiva della fine di Israele).“ Derubricato a “ragionamento”, l’intervento del capo degli oltranzisti iraniani, si afferma che è stato data al suo intervento un’importanza del tutto sproporzionata.

Molto diversa l’opinione dei comunisti iraniani del Partito Tudeh (partito che proviene dalla corrente filosovietica) che hanno ritenuto di dover rispondere al discorso del presidente dell’Iran con una impegnativa dichiarazione del loro Comitato Centrale di netta e inequivocabile condanna. (Tradotta in inglese è disponibile sul loro sito web). Vengono definiti “commenti profondamente irresponsabili” quelli di Ahmadi-Nejad. “Il Partito Tudeh dell’Iran, insieme a tutte le forze progressiste e democratiche dell’Iran e del mondo, condannano questo sciocco e vanno atteggiamento” I comunisti iraniani ricordano di aver già messo in guardia nei mesi scorsi contro i pericoli derivanti dall’elezione di un presidente reazionario (elezione, ricordano, avvenuta attraverso una estesa frode elettorale). Invitano alla costruzione di un ampio fronte democratico e nel contempo respingono “le politiche di Stati Uniti, Gran Bretagna e altri paesi capitalisti che stanno cercando di avvantaggiarsi della attuale situazione per far avanzare la loro agenda imperialista nel Medio Oriente”.

Accolte senza particolari remore da Graziosi e da “L’Ernesto” le dichiarazione che vengono da uno dei settori più reazionari dell’integralismo islamico (ricordiamo che la sinistra iraniana ha denunciato Ahmadi-Nejad come uno dei più feroci anticomunisti presenti nel campo khomeinista, in quanto ha partecipato direttamente all’eliminazione fisica di militanti comunisti e democratici) si passa immediatamente a denunciare il vero nemico: “il sionismo”.

Non è questa l’occasione e la sede per un esame ampio della storia del movimento sionista. La sinistra comunista israeliana, come altre componenti della sinistra marxista internazionale, sono state sempre critiche dell’ideologia sionista, ma da qui a costruire una sommaria caricatura della vicenda storica come fa Marcello Graziosi c’è ne corre. Citiamo solo due elementi di evidente faziosità.

Il primo è che il sionismo, ben lungi dall’essere riducibile ad “ebrei fanatici e conservatori”, è stato in gran parte un movimento di sinistra, influenzato dalle correnti del socialismo, e in certi settori importanti dal marxismo, con una base largamente proletaria. (Per una complessa ricostruzione del rapporto tra socialismo e nazionalismo all’interno del sionismo, e di come alla lunga il secondo abbia “ucciso” il primo, si può leggere “Nascita di Israele” di Zeev Sternhell).

Il secondo è che la nascita di Israele non è riducibile ad un operazione “imperialista” contro il nascente nazionalismo arabo. Qui siamo nella pura leggenda. Comprendiamo l’imbarazzo di Graziosi nel dover riconoscere il ruolo dell’Unione Sovietica nella decisione che ha fatto nascere lo Stato di Israele (difficile da far rientrare in uno schema manicheo). Non solo ci fu la decisione dell’Unione Sovietica a favore della soluzione dei due Stati in Palestina. Ci fu anche un consistente appoggio militare all’Hagana, cioé all’esercito ebraico. Sostegno che passava dalla Cecoslovacchia già dal ’47 quando i comunisti erano parte dominante di un governo di coalizione. In quel momento il movimento sionista non riusciva facilmente ad armarsi, perché c’era un vincolo agli Stati a non concedere armamenti a quello che era un movimento insurrezionale non “legittimo”. Dopo la formazione di Israele, la Cecoslovacchia con l’autorizzazione dell’URSS, fornì armi, aerei, addestramento militare, e ad un certo punto arrivò a creare un campo di addestramento per volontari che si sarebbero dovuti recare in Palestina a combattere a fianco di Israele. La ricostruzione dettagliata di questa vicenda è stata fatta da Karel Bartosek, in “Le pouvoir communiste en Tchécoslovaquie et la naissance de l’Etat d’Israel” in “Communisme”, 1984. La realtà storica ci dice che erano semmai le classi dirigenti arabe, in gran parte feudali e reazionarie, ad essere legate a filo doppio al “vecchio” imperialismo in declino, quello britannico, che in quel momento aveva interessi divergenti da quello nascente degli Stati Uniti.

Questa realtà storica non cancella l’altra sulla realizzazione di una vera e propria “pulizia etnica” verso i palestinesi, l’allontanamento forzato dalle loro terre, le stragi commesse da settori militari sionisti (anche per effetto di una scelta politica dei vertici e di Ben Gurion, come hanno dimostrato gli storici israeliani più coraggiosi). Fatti che Graziosi denuncia ma che inserisce in un contesto “depurato” per farli rientrare in una storia che procede per “feticci” e “immagini sacre”, più che per analisi materialistiche (verrebbe da dire marxiste) della realtà.

Sul sionismo ritengo valga a tutt’oggi quanto ha scritto ormai parecchi anni fa, in un libretto sulla sinistra israeliana, David Meghnagi (che riconosceva tra l’altro le ragioni dei palestinesi). Richiamate le ambiguità, i limiti e le responsabilità politiche dell’ideologia sionista si chiede: “Bisogna forse per questo rappresentare l’insediamento e la colonizzazione sionista della Palestina prima e la creazione dello stato di Israele dopo come il risultato di un “complotto” imperialista tramato contro i popoli arabi della regione? No, senza dubbio. Una tesi del genere, fino ad alcuni anni fa largamente diffusa in ampi settori della nuova sinistra e considerata come un punto qualificante e imprescindibile da parte delle varie correnti del nazionalismo arabo e della Resistenza palestinese, è grossolanamente semplificatrice e va rifiutata anche per le sue implicazioni politiche”. (Meghnagi, La sinistra in Israele, Feltrinelli).

Queste implicazione politiche a cui fa riferimento Meghnagi, sono esattamente quelle che portano Graziosi e “L’Ernesto” ad assumere un atteggiamento accomodante nei confronti delle dichiarazioni di Ahmadi-Nejad e delle correnti islamico-integraliste che cercano di assumere la guida della resistenza palestinese sottraendola alle componenti laico-democratiche.

Infine, c’è un’altra considerazione che va fatta, anche se non possiamo qui supportarla in modo più ampio, ed è che il “sionismo” ha smesso da tempo di essere l’ideologia dominante della politica israeliana. Sharon, al di là dei rapporti complessi che la tradizione del Likud ha con il cosiddetto “sionismo revisionista”, non è più l’espressione di quella corrente ideologica. Il “sionismo” in realtà, come idea-forza, è sostanzialmente morto da tempo. Identificare la politica del governo Sharon, che va criticata e combattuta politicamente come fanno anche tanti ebrei israeliani, come quella delle forze che lo sostengono (USA soprattutto), con il sionismo è sbagliato e pericoloso. Lo è perché non individua le vere ragioni degli interessi e delle forze che impediscono la formazione dello Stato palestinese e che cercano di destrutturate il Medio Oriente per renderlo omogeneo agli interessi al capitalismo globalizzato. Lo è ancora di più perché l’utilizzo di questo “totem” ideologico, mescola e confonde, anziché dividere nettamente, tre posizioni inconciliabili: quella di chi è per i due Stati, per la pace e contro ogni forma di antisemitismo; quella di chi è per risolvere la questione palestinese attraverso l’eliminazione di Israele; quella di ambienti realmente antisemiti che utilizzano l’”antisionismo”, perché più rispettabile del rozzo razzismo antiebraico ma che alla fine veicolano la solita, vecchia spazzatura.



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo


Forum del' articolo
 

> Iran, Israele, il sionismo: la scivolosa ambiguità de “L’Ernesto”
7 novembre 2005 - 10h41 - Di 40f5462c4282c5e586e2c152ae7bbf69...

in aggiunta all’articolo ben scritto e ben documentato di Ok.Tober, vorrei ricordare come lo stato di israele nasce dopo l’Olocausto , in sostanza dopo la prova provata che la convivenza di grandi comunità ebraiche , quelle per intenderci nella europa centrale ed orientale ,con le masse cristiane era sempre e comunque a rischio di pogrom. Mi chiedo cosa sarebbe successo di eventuali altre importanti comunità ebraiche ricostituite in europa orientale dopo la caduta del muro di berlino . Quindi fondazione di uno stato di israele , con le caratteristiche attuali, anche come luogo di vita la più tranquilla possibile per un popolo perseguitato da secoli ; da ciò anche la evidente voglia attuale degli israeliani , ma anche dei palestinesi, di pace e di normalità , onde l’appello della classe dirigente persiana per l’annullamento dello stato di israele appare non solo criminale, ma anche francamente estraneo all’attuale comune sentire dela parte migliore della società araba.
Buster Brown






In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista
Terremoto di Casamicciola
martedì 22 - 17h08
di : Lucio Garofalo

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

Nous devons penser l'éducation comme un moyen de développer nos plus grandes capacités. John Fitzgerald Kennedy
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito