Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Nicaragua - il colpo di spugna : come cancellare il passato e prepararsi alle elezioni

di : Giorgio Trucchi
mercoledì 9 novembre 2005 - 19h53
JPEG - 35.7 Kb

di Giorgio Trucchi)

Dopo l’approvazione della Ley Marco (che rinvia l’entrata in vigore delle riforme istituzionali approvate all’inizio del 2005 dall’alleanza tra il Frente Sandinista e il Partido Liberal) e l’improvviso accordo tra il Segretario del Fsln, Daniel Ortega e il Presidente Enrique Bolaños, il clima tra le varie Istituzioni dello Stato si é in parte rasserenato ed è stato trovato un primo accordo per l’approvazione di una serie di leggi che permetteranno al Nicaragua di rispettare gli accordi con il Fondo Monetario Internazionale (che "frutteranno" circa 520 milioni di dollari in prestiti) e di accedere alla Cuenta del Milenio, con relativo esborso da parte degli Stati Uniti di circa 170 milioni di dollari.

Il clima politico comincia però a risentire dell’avvicinarsi delle prossime elezioni presidenziali previste per il 2006.

La strategia del Frente Sandinista continua ad essere quella di mantenere diviso il voto antisandinista e quindi, dopo mesi di alleanza con il Plc di Arnoldo Alemán, sono evidenti i tentativi di creare un clima di dialogo e di distensione con il Governo e con i possibili pre candidati filo governativi.

Il Partido Liberal Constitucionalista (Plc), rimasto escluso dall’accordo Ortega-Bolaños, obbligato a votare a favore della Ley Marco, orfano dell’alleanza con il Fsln e non ultimo, "spaventato" dagli attacchi dell’amministrazione Bush nei suoi confronti, ha cercato un riavvicinamento con gli altri partiti autodenominati "democratici" ed ha assicurato al Governo il pieno e totale appoggio per l’approvazione in Parlamento delle leggi pro FMI.

L’obiettivo principale resta però quello della libertà del proprio leader Alemán e mentre da un lato accoglie la proposta di elezioni primarie per scegliere il candidato da opporre a Ortega (con metodi però ben diversi da quelli proposti dagli altri settori della destra nicaraguense), dall’altra spinge per una Legge di Amnistia che salverebbe tutti quei funzionari pubblici che hanno commesso reati legati allo svolgimento delle proprie funzioni dal 1996 (anno dell’elezione di Alemán) ad oggi.

In pratica un "borrón y cuenta nueva", un colpo di spugna inaccettabile e già apparentemente rifiutato dal Fsln e dallo stesso Governo.

Proprio per recuperare il terreno perduto in termini di immagine e di forza politica nelle scorse settimane, il Partido Liberal ha cercato di far approvare le leggi introdotte dal Governo in Parlamento, scavalcando l’accordo Ortega-Bolaños che prevedeva la loro discussione all’interno del Dialogo Nazionale per trovare un accordo congiunto.

Nei giorni precedenti, infatti, il Segretario del Fsln aveva già dichiarato che il Frente Sandinista avrebbe appoggiato le nuove leggi, ma che non avrebbe accettato tutte le imposizioni del Fondo Monetario che, oltre a voler decidere l’impostazione economica del paese, voleva adesso intervenire anche sugli ammontari destinati ai vari settori dello Stato.

La ripresa del Dialogo Nazionale, in cui le varie forze politiche e il Governo si proponevano quindi questo obiettivo di consenso, è invece stata l’occasione per affilare le armi e scontrarsi su tematiche molto delicate davanti a tutta la stampa nazionale.

Durante il suo intervento, il deputato sandinista Bayardo Arce ha chiesto pubblicamente al Plc di ritirare il Progetto di Legge di Amnistia (ascolta prossimamente su www.itanica.org ).

"Per amore al popolo chiedo al Plc di ritirare questo progetto di Amnistia che dice: si decreta e concede amplia e incondizionata amnistia a favore delle autorità, funzionari e impiegati pubblici attuali cosí come ad ex autorità, ex funzionari e impiegati dell’amministrazione pubblica dei Poteri dello Stato, di qualsiasi categoria, ruolo o gerarchia e anche per qualsiasi altra persona coinvolta con essi come autori o partecipanti nell’aver commesso od omesso i seguenti delitti: frode, malversazione di fondi pubblici, peculato, associazione e istigazione a delinquere, riciclaggio di denaro derivante da attività illecite, delitti legati ai processi elettorali.

La Policia Nacional, il Pubblico Ministero, la Procura della Repubblica e qualsiasi altra istanza amministrativa, così come i Tribunali del Potere Giudiziario che hanno iniziato o che stanno per iniziare indagini criminali o amministrative, che stanno conducendo processi di tipo penale o amministrativo o qualsiasi altra azione contro persone beneficiate da questa Legge, dovranno sospenderlo, archiviarlo e ordinare l’immediata libertà dei detenuti, processati, sentenziati con o senza una sentenza definitiva...".

La risposta da parte del Partido Liberal non si è fatta attendere, accusando i sandinisti di utilizzare questi argomenti per sviare dall’obiettivo principale del Dialogo e di essere i principali corrotti con la Piñata dell’inizio degli anni 90.

Dopo più di due ore e mezza di scontro, che nulla aveva a che fare con il Dialogo Nazionale, la situazione si è ricomposta ed alla fine si sono raggiunti alcuni accordi, tra cui definire una Commissione che preparerà una agenda dei lavori del Dialogo, fissare per il 22 novembre la data ultima per poter approvare il Bilancio della Repubblica per il 2006, fissare una serie di incontri della Commissione per affrontare, con la presenza del Fmi, le varie leggi da approvare in Parlamento entro il 15 novembre.

Particolarmente scottante è il tema del Bilancio del 2006.

Il Fmi preme per una riduzione del deficit fiscale al 1,5 per cento del prodotto Interno Lordo (Pil), cosa che nemmeno in Europa se la possono sognare, ma soprattutto che per arrivare a questo risultato si dovrà restringere ancora una volta la Spesa pubblica.

Un primo grande ostacolo è rappresentato dall’ormai famoso 6 per cento che la Costituzione destina alle Università e che il Governo vuole ridurre al 4,5%. Questa decisione, se non corretta, potrebbe generare nuovamente la reazione del Consejo Nacional de Universidades (Cnu) e degli stessi studenti, riproponendo le proteste e gli scontri di ogni anno.

Alla situazione già di per sé delicata e con le elezioni alle porte, si aggiungono anche le continue e costanti intromissioni da parte del Governo statunitense che, dopo aver salutato con entusiasmo l’accordo Ortega-Bolaños, attraverso il suo ambasciatore, Paul Trivelli (forse il peggiore in assoluto negli ultimi 15 anni), ha dichiarato che "gli Stati Uniti si aspettano delle elezioni libere e giuste, senza errori tecnici come schede nulle o alterate che contribuiscano all’instabilità del paese.

Le istituzioni elettorali in Nicaragua non rispettano ancora la primordiale importanza e il ruolo dei votanti all’interno di una democrazia. Per questo, la collaborazione e il monitoraggio nazionale ed internazionale deve essere presente durante tutto il processo elettorale. Il Consejo Supremo Electoral ha l’obbligo di cooperare con questa presenza affinché si garantisca il diritto al voto, che è l’espressione più alta della libertà democratica in Nicaragua".

Ha poi toccato ancora una volta temi che violano la libertà e la sovranità di un Paese libero ed indipendente, ma purtroppo queste affermazioni passano ogni giorno sempre più inosservate, quasi fosse ormai normale che un diplomatico di un Paese straniero possa fare aperta campagna elettorale contro o a favore di un partito o coalizione.

"Le elezioni del 2006 incarneranno la scelta tra un modello di governo fallimentare e sconfitto (quello del Fsln), i partiti di destra e un modello di Stato democratico moderno; tra lo stile di governo caudillesco del XX secolo e le nuove opportunità del XXI secolo.

Queste elezioni rappresentano il futuro di questa nazione e darà a tutti i nicaraguensi l’opportunità di prendere decisioni vere.

Il governo sandinista è stato un governo oppressore e con una gestione economica disastrosa, mentre dal 1990 il Nicaragua ha avuto una crescita media del 3 per cento annuo ed ora ci saranno anche gli effetti del Cafta.

Non c’è bisogno di ricordarvi della massiccia violazione ai diritti umani, le restrizioni alle libertà basiche, il servizio militare obbligatorio, le confische, il mercato nero, l’iperinflazione e la svalutazione della moneta.

Dobbiamo continuare a ricordare queste cose alla gente, giorno dopo giorno, affinché guardi con ottimismo al futuro e rifiuti i modelli fallimentari del passato".

A queste violente dichiarazioni di un governo che dovrebbe guardare maggiormente a ciò che succede all’interno dei propri confini, Daniel Ortega ha risposto con la minaccia di una protesta ufficiale alla Organizzazione degli Stati Americani per ingerenze dirette sulle politiche di uno Stato sovrano.



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo





FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista
Terremoto di Casamicciola
martedì 22 - 17h08
di : Lucio Garofalo
La Strage di Barcellona ed il genio incompreso di G Romero
lunedì 21 - 21h23
di : pugliantagonista
16 agosto 1894: Sante Caserio fa il fornaio non la spia
martedì 15 - 18h38
di : caserio
Agosto 1926-2017 Resistete agli sfratti, opponete l’azione autonoma di Classe
venerdì 11 - 17h52
di : pugliantagonista
editoriale 10 anni di Pugliantagonista.it
giovedì 10 - 21h58
di : pugliantagonista
UNO SPETTRO NAZIFASCISTA SI AGGIRA NEL MEDITERRANEO [MA CHI LO FINANZIA?]
domenica 6 - 16h31
di : Lucio Galluzzi
In rete il numero di luglio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 17 - 11h12
di : Franco Cilenti
Uomini o caporali
martedì 11 - 16h48
di : Lucio Garofalo
no In rete il nuovo numero del periodico nazionale Dire, Fare Rifondazione
domenica 9 - 10h29
di : Franco Cilenti
Progettifici e dittatori scolastici
mercoledì 5 - 15h57
di : Lucio Garofalo
Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino
venerdì 2 - 16h52
di : Alessio Di Florio
In rete, e in distribuzione, il nuovo numero del periodico lavoro e Salute
martedì 23 - 10h59
di : Franco Cilenti
Pubblicato Dire, Fare Rifondazione, notiziario dell’Organizzazione - maggio 2017
lunedì 15 - 08h28
di : Franco Cilenti
1 comment
Pubblicato Dire, Fare Rifondazione, notiziario dell’Organizzazione - maggio 2017
lunedì 15 - 08h28
di : Franco Cilenti
L’ESERCITO DI RISERVA NELLE MANI DEL CAPITALISMO NELLA LOTTA DI CLASSE
sabato 6 - 06h15
di : PCL Pavia
Sinceramente razzisti
giovedì 4 - 19h25
di : Antonio Recanatini
PACE
sabato 8 - 07h43
di : Franco Astengo
SULL’ORLO DELLA GUERRA?
venerdì 7 - 10h21
di : Franco Astengo
LA PROSPETTIVA DI UN GOVERNO DELLE LAVORATRICI E DEI LAVORATORI
martedì 28 - 06h03
di : PCL Pavia
La vendetta come augurio (Elogio della vendetta)
martedì 21 - 21h55
di : Antonio Recanatini

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

Chacun est l'ombre de tous. Paul Eluard
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito
Letteratura e guerra partigiana in Italia a Parigi
martedì 7 Febbraio
di : ANPI PARIGI
Il Collettivo Bellaciao sarà presente... Un ciclo di incontri sulla letteratura della Resistenza presentato da Daniele Gaio presentato da Daniele Gaio 13 e 27 febbraio, 5 marzo 2012, ore 19 alla libreria: "La Libreria" 89 rue du faubourg Poissonnière 75009 Parigi L’Anpi Parigi, sezione Carlo e Nello Rosselli, in collaborazione con La Libreria, vi propone un ciclo di incontri sulla letteratura della Resistenza italiana. Quattro narratori (Italo Calvino, Cesare Pavese, Beppe (...)
Leggere il seguito