Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Gli americani a Fallujah hanno usato le armi di distruzione di massa

di : Sabina Morandi
mercoledì 9 novembre 2005 - 20h39
JPEG - 53.2 Kb

Clamoroso documentario di Rai News24 che la Rai manda in onda quasi clandestinamente

di Sabina Morandi

Si chiama "Fallujah, la strage nascosta", è una inchiesta giornalistica realizzata da Sigfrido Ranucci e curata da Maurizio Torrealta per Rai News24 e che andrà in onda stamattina alle sette e trenta sulla terza rete.

Questa inchiesta ci racconta in modo crudo e atroce - con immagini agghiaccianti, testimonianze e documenti - la storia della presa di Fallujah da parte dell’esercito americano, delle feroci stragi di civili commesse in quella città, e soprattutto dell’uso delle armi al fosforo, cioè armi chimiche, armi di distruzione di massa (proibitissime dalle convenzioni internazionali), che hanno tra le loro capacità quelle di uccidere i viventi lasciando intatte le cose.

Non è più il napalm del quale l’esercito degli Stati Uniti fece larghissimo uso nella guerra del Vietnam: la nuova arma si chiama Mk77 ed è basata sul fosforo bianco. Quando l’ordigno al fosforo esplode, l’aria si incendia producendo un fumo velenoso che distrugge ogni forma di vita nel raggio di 150 o 200 metri.

Se colpisce le persone, il fosforo si unisce all’ossigeno e non brucia, ma scioglie tutto ciò che è vivo: pelle, ossa, mucose e tutto il resto. I vestiti restano intatti. Nella foto che pubblichiamo piccola in questa pagina si vede che il poveretto ucciso dal fosforo, e con il volto completamente deformato e squagliato, così come la mano, indossa però una maglietta che non ha subito bruciature.

Nel documentario si citano anche molte testimonianze che non lasciano alcun dubbio sull’uso delle armi proibite. Tra le altre prove c’è la lettera scritta dal ministero della difesa britannico ad Alice Mahon, ex deputata laburista (la quale aveva accusato gli occidentali di avere usato le armi chimiche ed aveva ricevuto le nette smentite del ministero degli esteri). Il ministero della difesa si scusa con la Mahon e conferma ufficialmente l’uso delle armi al fosforo da parte delle truppe statunitensi.

«Vi sembra Al Zarqawi questo? Eh, vi sembra Al Zarkawi?». La donna grida alla telecamera indicando un bambino mutilato. Un uomo guarda incredulo qualcosa che assomiglia a un corpo.

Siamo a Fallujah anno zero, ovvero novembre 2004. Ufficialmente le truppe della coalizione stanno dando la caccia al pericoloso braccio destro di Bin Laden. Nella città bombardata non può entrare nessuno, e nessuno può uscire. Cos’è che non si deve vedere? Cosa c’è da nascondere che non sia già stato fatto altrove? In "Fallujah. La strage nascosta", inchiesta realizzata da Sigfrido Ranucci e curata da Maurizio Torrealta per RaiNews24, le risposte a queste domande ci sono tutte, e sono così documentate e rigorose che sarà davvero difficile, per detrattori e censori, liquidare tutto come propaganda pacifista.

Si chiama Mk77 il napalm del terzo millennio. Al posto della miscela di benzina, benzene e polistirolo che gli americani utilizzarono contro i contadini vietnamiti, oggi viene impiegato il fosforo bianco. Quando l’ordigno esplode l’aria s’incendia producendo un fumo denso e velenoso in grado di distruggere ogni forma di vita su di un raggio di 150-200 metri.

Ma questo è il meno. Se qualche frammento di fosforo colpisce le persone si "lega" all’ossigeno, e brucia - anzi, no, è più esatto dire che squaglia - pelle, ossa e mucose, lasciando intatti vestiti e oggetti. Ecco perché, i cadaveri di Fallujah sono congelati nelle loro occupazioni del momento come gli abitanti di Pompei: bambini che dormono, uomini che pregano, donne che cucinano. Letteralmente dissolti in mostruose statue di plastilina grigia con la bocca spalancata e i vestiti intatti, insieme ai rosari per la preghiera, ai giocattoli, alle borse della spesa. E tutti, innegabilmente, civili.

Che a Fallujah fosse stata fatta strage di civili lo si sospettava da tempo. Più che stanare il nemico pubblico "numero due", i bombardamenti americani avevano il compito di punire la città colpevole di avere ucciso quattro mercenari e di averne in seguito profanato i cadaveri. Molti giornalisti arabi - Al Jazeera e Islam Online, per primi - avevano denunciato l’impiego di armi proibite dalle convenzioni internazionali, ma l’Occidente aveva respinto con sdegno le accuse. Eppure, per i medici iracheni entrati nella città devastata subito dopo l’offensiva, a cui si devono molte delle immagini utilizzate dall’inchiesta di RaiNews 24, la consapevolezza non ha sminuito l’orrore. Per il dottor Mohamad Tareq al-Deraji, fondatore del Centro studi sui diritti umani di Fallujiah, che cerca da un anno di diffondere i filmati perché venga avviata un’inchiesta internazionale, la visione dei corpi insepolti o affrettatamente bruciati dagli americani in un maldestro tentativo di fare sparire le prove, è stata devastante. I medici chiamati a "ripulire" sono riusciti a raccogliere nomi, documenti e filmati e, soprattutto, a compilare un registro delle vittime completo del luogo in cui sono state sepolte nella speranza che qualcuno, prima o poi, conduca una vera inchiesta. Come dire: se qualcuno davvero vuole sapere com’è morta questa gente, sa dove cercare.

Ma Fallujah, si sa, è un argomento che scotta. L’ha ricordato ieri in conferenza stampa il direttore di RaiNews 24, Roberto Morrione, e lo ricorda Giuliana Sgrena nel video dove, fra l’altro, compaiono per la prima volta le foto satellitari della città praticamente rasa al suolo dal fuoco. Perché a Fallujah sono state usate armi proibite, le stesse che impiegava Saddam contro i curdi come ci è stato detto, ripetuto e mostrato dai media di mezzo mondo. L’impiego del fosforo bianco infatti è autorizzato esclusivamente come tracciante luminoso - pare che anche l’esercito italiano lo abbia in dotazione per questo scopo - ma è tassativamente vietato il suo impiego come arma dalla Convenzione sulle armi chimiche firmata anche dagli Stati Uniti.

Naturalmente il Pentagono nega. Il Dipartimento di Stato respinge sdegnosamente le accuse che, da almeno un anno, circolano regolarmente sui media arabi, ma viene puntualmente smentito dalla testimonianza di due veterani della I° Divisione, Jeff Englehart e Garett Reppenhagen che confermano, in un’intervista rilasciata nell’agosto scorso, il normale impiego di questo tipo di armi. «Ho sentito l’ordine di fare attenzione perché veniva usato il fosforo bianco su Fallujah. Il fosforo brucia i corpi, addirittura li scioglie», racconta Englehart e aggiunge: «Ho visto i corpi bruciati di donne e bambini. Il fosforo esplode e forma una nuvola, chi si trova nel raggio di 150 metri è spacciato». Comunque, chi diffida per principio dei giornalisti musulmani e dei marines pentiti, non può ignorare le ammissioni contenute in una lettera del ministero della Difesa britannico indirizzata a Alice Mahon, ex deputata laburista che ha deciso di lasciare parlamento e partito «perché non vuole fare parte di una coalizione che copre i crimini di guerra», come dichiara nell’intervista. La Mahon aveva presentato numerose interrogazioni sull’impiego di armi proibite, e il ministero aveva sempre negato fino al 13 giugno scorso quando, in perfetto stile britannico, i funzionari si sono ufficialmente scusati per «essere stati costretti a mentire» e ammettono l’impiego del MK77 da parte dell’esercito statunitense.

Testimonianze, documenti ufficiali, le riprese dei cadaveri e i filmati della pioggia di fuoco che si riversa sulla città. Dove sono finiti i cantori della civiltà occidentale? Com’è che la sala del Parlamento europeo dove sono stati presentati in anteprima alcuni filmati, l’estate scorsa era tragicamente deserta? E come è possibile che "Fallujah. La strage nascosta" venga trasmessa in chiaro solo su Rai Tre e solo alle sette e mezzo del mattino di domani (oggi, ndr)? Certo i fruitori di internet potranno scaricare l’inchiesta dal sito di Rai news 24 (www. rainews24. rai. it) mentre chi è dotato di antenna satellitare potrà mettersi a caccia delle repliche che, nei prossimi due giorni, verranno trasmesse su Hot Bird e sul canale 506 di Sky. Ma gli altri, tutti gli altri, continueranno a dormire sui rassicuranti allori della "storia ufficiale", pronti a fare carne da macello per un’altra serie di incomprensibili vendette. Perché, in questa storia, non è in gioco soltanto l’orrore comune a tutte le guerre, ovvero il massacro indiscriminato dei civili indifesi, ma, come ha ricordato Pino Arlacchi in conferenza stampa, Fallujah mette in discussione «ogni autorità morale dell’Occidente. E’ un problema legale enorme perché qualcuno ha autorizzato l’uso di queste armi, fornendo al terrorismo internazionale una sorta di legittimazione».

http://www.liberazione.it/giornale/...



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo





FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista
Terremoto di Casamicciola
martedì 22 - 17h08
di : Lucio Garofalo
La Strage di Barcellona ed il genio incompreso di G Romero
lunedì 21 - 21h23
di : pugliantagonista
16 agosto 1894: Sante Caserio fa il fornaio non la spia
martedì 15 - 18h38
di : caserio
Agosto 1926-2017 Resistete agli sfratti, opponete l’azione autonoma di Classe
venerdì 11 - 17h52
di : pugliantagonista
editoriale 10 anni di Pugliantagonista.it
giovedì 10 - 21h58
di : pugliantagonista
UNO SPETTRO NAZIFASCISTA SI AGGIRA NEL MEDITERRANEO [MA CHI LO FINANZIA?]
domenica 6 - 16h31
di : Lucio Galluzzi
In rete il numero di luglio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 17 - 11h12
di : Franco Cilenti
Uomini o caporali
martedì 11 - 16h48
di : Lucio Garofalo
no In rete il nuovo numero del periodico nazionale Dire, Fare Rifondazione
domenica 9 - 10h29
di : Franco Cilenti
Progettifici e dittatori scolastici
mercoledì 5 - 15h57
di : Lucio Garofalo
Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino
venerdì 2 - 16h52
di : Alessio Di Florio
In rete, e in distribuzione, il nuovo numero del periodico lavoro e Salute
martedì 23 - 10h59
di : Franco Cilenti
Pubblicato Dire, Fare Rifondazione, notiziario dell’Organizzazione - maggio 2017
lunedì 15 - 08h28
di : Franco Cilenti
1 comment
Pubblicato Dire, Fare Rifondazione, notiziario dell’Organizzazione - maggio 2017
lunedì 15 - 08h28
di : Franco Cilenti
L’ESERCITO DI RISERVA NELLE MANI DEL CAPITALISMO NELLA LOTTA DI CLASSE
sabato 6 - 06h15
di : PCL Pavia
Sinceramente razzisti
giovedì 4 - 19h25
di : Antonio Recanatini
PACE
sabato 8 - 07h43
di : Franco Astengo
SULL’ORLO DELLA GUERRA?
venerdì 7 - 10h21
di : Franco Astengo
LA PROSPETTIVA DI UN GOVERNO DELLE LAVORATRICI E DEI LAVORATORI
martedì 28 - 06h03
di : PCL Pavia
La vendetta come augurio (Elogio della vendetta)
martedì 21 - 21h55
di : Antonio Recanatini

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

La folie est de toujours se comporter de la même manière et de s'attendre à un résultat différent. Albert Einstein
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito
Letteratura e guerra partigiana in Italia a Parigi
martedì 7 Febbraio
di : ANPI PARIGI
Il Collettivo Bellaciao sarà presente... Un ciclo di incontri sulla letteratura della Resistenza presentato da Daniele Gaio presentato da Daniele Gaio 13 e 27 febbraio, 5 marzo 2012, ore 19 alla libreria: "La Libreria" 89 rue du faubourg Poissonnière 75009 Parigi L’Anpi Parigi, sezione Carlo e Nello Rosselli, in collaborazione con La Libreria, vi propone un ciclo di incontri sulla letteratura della Resistenza italiana. Quattro narratori (Italo Calvino, Cesare Pavese, Beppe (...)
Leggere il seguito