Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
Cumbre de los Pueblos de America

di : Giorgio Trucchi
giovedì 10 novembre 2005 - 09h32
JPEG - 32.5 Kb

di Giorgio Trucchi

"¡AL-CA, AL-CA!, ¡al carajo!"
"Mar del Plata su sepultura"

Immagini di Che Guevara, bandiere di Cuba e grida di "venceremos" hanno accolto nello stadio "José María Minella" di Mar del Plata il presidente del Venezuela Hugo Chávez, che nel suo discorso davanti a migliaia di manifestanti contrari a George Walker Bush ha affermato che l’idea di realizzare l’Area di Libero Commercio de las Américas (Alca) non ha futuro. (Ascoltate parte del discorso di Chávez su www.itanica.org a partire da lunedí - In fondo Dichiarazione finale del Vertice dei Popoli) "Ognuno di noi ha portato una pala, una pala per interrare, perché qui a Mar del Plata c’é la tomba dell’Alca.

La tomba dell’Alca. Lo diciamo: "Alca, Alca, al carajo!", ha detto Chávez davanti ad una folla infervorata. Il mandatario venezuelano è stato il principale oratore nell’atto del "Vertice dei Popoli", in alternativa al "Vertice delle Americhe".

A Mar del Plata si sono concentrati migliaia di attivista antiglobalizzazione, con alla testa l’ex calciatore Diego Armando Maradona, il leader indigeno boliviano Evo Morales, il cantautore cubano Silvio Rodríguez ed il cineasta bosniaco Emir Kusturica. Con un saluto ai popoli americani e in modo particolare al leader cubano Fidel Castro, Hugo Chávez ha lanciato un acceso discorso criticando la politica statunitense e l’Alca.

"Alca al carajo!", ha arringato Chávez le migliaia di manifestanti riuniti. "L’Alca è morta ed oggi la seppelliremo ben in fondo nel IV Vertice delle Americhe ed è per questo che ho portato la mia pala".

Lo scenario comprendeva anche tre gigantesche fotografie di Simón Bolívar, il poeta cubano José Martí e l’argentino José di San Martin.

Sulle tribune dietro il palco si sono situati gli invitati illustri: a sinistra una delegazione di 300 cubani e anche le Madri de Plaza de Mayo, artisti ed intellettuali locali. Il mandatario venezuelano ha fatto il suo ingresso vicino a Maradona ed al cantante cubano Silvio Rodríguez, provocando un’esplosione di applausi e grida.

Un’ovazione di vari minuti, con esclamazioni di giubilo ha accolto Chávez quando ha iniziato il suo discorso.

"Grazie per mi avermi invitato a questo atto. Sono contento di condividere questo giorno storico", ha detto dopo avere invitato Maradona a salire sul palco: "Saluto Diego Armando Maradona, il pibe di oro".

Dopo, Chávez ha invitato sul palco Evo Morales, leader cocalero e uno dei favoriti per le elezioni generali boliviane di dicembre che ha dedicato "un saluto rivoluzionario a tutto il popolo latinoamericano antimperialista.

"Solo uniti potremo sconfiggere l’imperialismo per una vita migliore. Come l’impero ha fallito nel cercare di ostacolare la rivoluzione cubana, fallirà anche nel tentativo di impedire la rivoluzione bolivariana", ha aggiunto il mandatario venezuelano...

Chávez, Maradona e Morales, hanno fatto un simbolico minuto di silenzio per la "morte" dell’Alca. Il minuto non si è potuto realizzare completamente a causa delle grida delle 50 mila persone presenti al "Contro Vertice".

Chavez ha continuato il suo discorso dicendo che "oltre a seppellire l’Alca, i paesi dell’America seppelliranno il modello economico che ci ha imposto l’imperialismo capitalista.

Siamo le levatrici di questi nuovi tempi, della nuova storia, della nuova integrazione".

Piani contro il Venezuela

Chávez ha approfittato dell’opportunità per affermare che "l’impero nordamericano si è indebolito" e ha detto di essere sicuro che ció si dimostrerà dal documento che uscirà dal Vertice de las Americas.

"I piani militari per aggredire il Venezuela sono in piena preparazione... l’imperialismo nordamericano, nella sua disperazione, sta creando piani per invadere il Venezuela, ma non bisogna avere paura di questo imperialismo, perché i paesi del mondo uniti sono capaci di sconfiggere mille imperi.

Se all’imperialismo nordamericano venisse l’idea disperata di invadere il Venezuela, comincerebbe in questa terra la guerra dei 100 anni", indicò.

Circa 50 mila persone si sono presentate nello stadio locale dopo una lunga marcia iniziata alle 8 di mattina.

"Questa è la coscienza del nostro popolo latinoamericano in difesa della nostra dignità e sovranità. Ci convoca la lotta per la nostra libertà", ha detto Evo Morales.

"Il momento è molto importante. E’ vero che l’Alca è moribonda come progetto globale, ma non è stato abbandonato", ha detto Ricardo Alarcón, presidente del Parlamento cubano, aggiungendo che "benché non tutti i presidenti dell’America Latina condividano il rifiuto all’Alca c’è un denominatore comune che è il tentativo di affermare la sovranità, per sviluppare la cooperazione.... Una cosa molto importante che non esisteva prima che si creasse un’alternativa che si chiama Alba (Alternativa Bolivariana de las Americas, proposta da Chávez)

Durante la sua esposizione, il presidente Chávez segnalò che il neoliberalismo ha già fatto abbastanza danni e ricordò che questo sistema mercantilista portò al fallimento le economie dell’Argentina e del Venezuela e che quasi scatenò una guerra civile.

Tumulti in marcia vespertina

Integranti di una marcia in ripudio alla visita del presidente Bush, si sono scontrati con la Polizia nei pressi della zona dove si svolgeva il Vertice de las Américas I poliziotti hanno represso la folla con pallottole di gomma e gas lacrimogeni, mentre i manifestanti lanciavano pietre davanti agli steccati che impedivano di raggiungere la zona del Vertice.

Intanto nel Vertice de las Américas, i 33 capi di Stato del Continente americano non sono riusciti a trovare un accordo ed hanno rinviato la stesura del documento finale tra 30-60 giorni, dato che esistono posizioni molto diverse circa l’ALCA. In netta opposizione ad essa il gruppo dei paesi che formano il Mercosur.

www.radiolaprimerisima.com

(Traduzione Giorgio Trucchi - Foto La Prensa)


Dichiarazione finale del III Vertice dei Popoli di América

Delegati e delegate delle organizzazioni sociali di tutte le Regioni del continente, dal Canada fino alla Patagonia; lavoratori, contadini, indigeni, giovani e vecchi, di tutte le razze, donne ed uomini degni, ci siamo trovati qui a Mar del Plata, Argentina, per far sentire la voce, esclusa dai potenti, di tutti i popoli d’America.

Come le altre volte a Santiago del Cile ed in Québec, ci siamo trovati nuovamente di fronte al Vertice delle Americhe che riunisce i presidenti di tutto il continente, con l’esclusione di Cuba, perché benché i discorsi ufficiali continuino a riempirsi di parole sulla democrazia e sulla lotta contro la povertà, i popoli continuano a non essere presi in considerazione al momento di prendere decicioni sul nostro destino.

Ci troviamo qui, in questo III Vertice dei Popoli, anche per approfondire la nostra resistenza alle calamità neoliberali orchestrate dall’impero del nord e per continuare a costruire alternative. Abbiamo dimostrato che è possibile cambiare il corso la storia e c’impegniamo a continuare ad avanzare su questa strada.

Nell’anno 2001, nel Vertice ufficiale del Québec, quando ancora l’assoluta maggioranza dei governi si inclinava ciecamente a favore dell’ortodossia neoliberista e dei voleri di Washington, con la rispettabile eccezione del Venezuela, gli Stati Uniti riuscirono ad ottenere che si fissasse il primo gennaio del 2005 come la data fatale affinché entrasse in vigore il suo nuovo progetto di dominazione chiamato Area di Libero Commercio delle Americhe (Alca) e che il Quarto Vertice delle Americhe, da realizzarsi previamente in Argentina, fosse il culmine delle negoziazioni di questo progetto perverso.

Ma il primo Gennaio del 2005 ci siamo svegliati senza Alca e alla fine, il Vertice ufficiale dell’Argentina è iniziato con le negoziazioni dell’Alca stagnate.

Oggi siamo anche qui per celebrarlo!

Tuttavia, gli Stati Uniti non smettono di lavorare sulla loro strategia di affermare la propria egemonia nel continente per mezzo di Trattati di libero commercio bilaterali o regionali, come quello che si è approvato, con uno stretto margine, con l’America Centrale e quello che cercano di imporre ora ai Paesi Andini.

Inoltre, Washington sta lanciando l’Accordo per la Sicurezza e la Prosperità dell’America del Nord, (ASPAN).

Nonostante le evidenze incontestabili delle disastrose conseguenze di più di dieci anni di Trattato di Libero Commercio, questo TLC "bonus" pretende ora perfino di imporre la politica di "sicurezza" degli Stati Uniti a tutta la regione.

Ma il governo degli Stati Uniti non si accontenta di aggiungere i pezzi del puzzle della sua dominazione nel continente.

Insiste nel sistemarli in una cornice egemonica unica e non ha rinunciato al progetto dell’Alca.

Ora, insieme ai governi più fedeli, viene a Mar del Plata con la pretesa di rivivere quel cadavere che è l’Alca, quando i popoli hanno espresso chiaramente il loro rifiuto ad un’integrazione subordinata agli Stati Uniti.

E se la sua strategia a beneficio delle corporazioni nordamericane è stata accompagnata da una crescente militarizzazione del continente e di basi militari statunitensi, ora il genocida George W. Bush è venuto al Vertice di Mar del Plata per cercare di elevare la sua politica di sicurezza a impegno continentale con il pretesto della lotta al terrorismo, quando il modo migliore sarebbe quello di cambiare la sua politica interventista e colonialista.

Nella Dichiarazione ufficiale che verrà discussa dai Governi esiste la minaccia reale che possano passare, anche se in modo sfumato, le peggiori intenzioni degli Stati Uniti.

La stessa Dichiarazione è piena di parole vuote e proposte demagogiche per combattere la povertà e generare lavoro decente; la cosa concreta è che le sue offerte perpetuano un modello che ha reso il nostro continente sempre più miserabile ed ingiusto, il quale possiede la peggiore distribuzione della ricchezza nel mondo. Un modello che favorisce pochi, che deteriora le condizioni lavorative, approfondisce l’emigrazione, la distruzione delle comunità indigene, il deterioramento dell’ecosistema, la privatizzazione della previdenza sociale e l’Istruzione, l’implementazione di norme che proteggono i diritti delle corporazioni e non dei cittadini, come è il caso della Proprietà Intellettuale.

Oltre all’Alca, si insiste per continuare con gli Incontri di Doha che cercano di concedere più poteri all’Organizzazione Mondiale del Commercio (OMC), per imporre regole economiche inique ai paesi meno sviluppati e far prevalere i piani delle multinazionali.

Si continua ad esporre le nostre risorse naturali e i nostri giacimenti energetici al saccheggio, si privatizza la distribuzione e commercializzazione dell’acqua potabile; si stimola l’appropriazione e privatizzazione delle nostre riserve acquifere ed idrografiche, convertendo un diritto umano, come è l’accesso all’acqua, in una merce per gli interessi delle multinazionali.

Per imporre queste politiche, l’impero ed i suoi complici contano sul ricatto del Debito Estero, ostacolando lo sviluppo dei paesi e violando tutti i nostri diritti umani. La Dichiarazione dei presidenti non offre nessuna soluzione concreta, come sarebbe l’annullamento e il non pagamento del Debito illegittimo, la restituzione di quello che è stato fatto pagare in più ed il risarcimento dei debiti storici, sociali ed ecologici che sono stati usati per indebitare i popoli della nostra America.

Noi, i e le delegate dei vari popoli d’America, siamo qui non solo per denunciare, ma siamo qui anche perché stiamo costruendo alternative popolari, a partire dalla solidarietà e l’unità dei nostri popoli, costruendo tessuto sociale dal basso, dall’autonomia e diversità dei nostri movimenti con il proposito di raggiungere una società inclusiva, giusta e dignitosa.

Da questo III Vertice dei Paesi dell’America dichiariamo:

1) Le negoziazioni per creare una Area di Libero Commercio delle Americhe (Alca) devono essere SOSPESE IMMEDIATAMENTE E DEFINITIVAMENTE, e lo stesso con Trattato di libero commercio bilaterale o regionale. Assumiamo la resistenza dei popoli andini e del Costa Rica contro il Trattato di Libero Commercio, quella dei paesi dei Caraibi perché gli EPAS non significhino una nuova era di colonialismo mascherato e la lotta dei paesi dell’America del Nord, Cile ed America Centrale per ritirarsi dai Trattati di questa natura che pesano già su di loro.

2) Ogni accordo tra le nazioni deve partire da principi basati sul rispetto dei diritti umani, la dimensione sociale, il rispetto alla sovranità, la complementarietà, la cooperazione, la solidarietà, la considerazione delle asimmetrie economiche favorendo i paesi meno sviluppati.

3) C’impegniamo a favorire e appoggiare processi alternativi di integrazione regionale. Come l’Alternativa Boliviariana delle Americhe (Alba).

4) Facciamo nostre le conclusioni e le azioni nate nei fori, laboratori, incontri di questo Vertice e c’impegniamo a continuare ad approfondire il nostro processo di costruzione di alternative.

5) Bisogna annullare, immediatamente e senza condizioni, tutto il Debito Estero del Sud che è illegittimo, ingiusto ed impagabile. Ci presentiamo come creditori per riscuotere il debito sociale, ecologico e storico con i nostri popoli.

6) Facciamo nostra la lotta dei nostri popoli per la distribuzione equa della ricchezza, con un lavoro dignitoso e con giustizia sociale, per sradicare la povertà, la disoccupazione e l’esclusione sociale.

7) Decidiamo di promuovere la diversificazione della produzione, la protezione delle sementi originarie come patrimonio dell’umanità, la sovranità alimentare dei paesi, l’agricoltura sostenibile ed una riforma agraria integrale.

8) Respingiamo energicamente la militarizzazione del continente promossa dall’impero del nord. Denunciamo la dottrina della chiamata Cooperazione per la Sicurezza Emisferica come un meccanismo per la repressione delle lotte popolari. Respingiamo la presenza di truppe degli Stati Uniti nel nostro continente, non vogliamo basi né poli militari. Condanniamo il Terrorismo di Stato Mondiale dell’Amministrazione Bush che pretende bagnare di sangue le legittime disubbidienze dei nostri paesi.

9) Condanniamo l’immoralità del governo degli Stati Uniti che, mentre parla di lottare contro il terrorismo, protegge il terrorista Posada Carriles e mantiene in prigione i cinque patrioti cubani. Esigiamo la loro immediata libertà!

10) Ripudiamo la presenza in queste degne terre latinoamericane di George W. Bush, principale promotore della guerra nel mondo e ispiratore del credo neoliberista che colpisce perfino gli interessi del suo paese. Da qui mandiamo un messaggio di solidarietà agli uomini e donne statunitensi degni che provano vergogna per avere un governo condannato dall’umanità e che resistono contro venti e maree.

Dopo il Québec abbiamo costruito una gran campagna e una consultazione popolare continentale contro l’Alca e siamo riusciti a frenarla. Oggi, davanti alla pretesa di rivivere le negoziazioni dell’Alca e aggiungendoci anche gli obiettivi militaristi degli Stati Uniti, in questo III Vertice dei Popoli dell’America, ci assumiamo l’impegno di raddoppiare la nostra resistenza, rafforzare la nostra unità nella diversità e convocare ad una nuova e più grande mobilitazione continentale per seppellire l’Alca per sempre e contemporaneamente costruire, sull’onda di questa spinta, la nostra alternativa per una America giusta, libera e solidale.

Mar del Plata, Argentina, 4 novembre del 2005



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo





Corruzione e schiavitù moderna : il controverso leader del Qatar in visita in Italia
lunedì 19 - 12h52
di : Valentina Ricci
In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

Agissez envers les autres comme vous aimeriez qu'ils agissent envers vous. Confucius
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito