Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
La Francia "riscrive" la sua storia coloniale - "Un revisionismo" inaccettabile

di : edoneo
venerdì 2 dicembre 2005 - 09h36
2 commenti
JPEG - 17.4 Kb
Nella foto: André Gide

André Gide ha scritto un reportage sulla costruzione della ferrovia Congo Océan, per collegare al mare le zone forestali, prospere, del Congo francese. Gide dovrebbe figurare in tutti i manuali scolastici e le sue riflessioni incise nel marmo all’Assemblea, perché mostra tutta la bestialità sanguinosa, il modo selvaggio in cui venivano trattati gli abitanti, spediti alla morte.

La Francia "riscrive" la sua storia coloniale L’Assemblea conferma una legge sul "ruolo positivo" della colonizzazione

di ANNA MARIA MERLO PARIGI

La crisi delle banlieues ha fatto scattare il ripensamento dei socialisti francesi rispetto a un’indifferenza e addirittura una compromissione : il 10 novembre scorso, il Ps ha presentato un emendamento a una legge del 23 febbraio 2005 sui "rimpatriati" d’Algeria, proposta dalla destra Ump e passata allora al Senato con il voto anche dei socialisti, il cui l’articolo 4 recita : "I programmi scolastici riconoscono il ruolo positivo della presenza francese oltremare, in particolare in Africa del nord".

Martedì, con 183 contro 94, l’emendamento per abolire questo articolo è stato respinto dall’Assemblea. «Un doppio scandalo contro la memoria e la storia», secondo lo storico algerino Daho Djerbal, mentre il segretario del Fln algerino, Abdelaziz Belkhadem, deplora che «i deputati della maggioranza in Francia abbiano dedicato una legge a falsificare la storia». Il voto ha fatto slittare la firma del trattato d’amicizia franco-algerina, già prevista entro l’anno.

Le frasi volate in aula martedì illustrano bene lo stato del dibattito politico oggi in Francia, che riguarda il passato ma soprattutto il presente, soprattutto dopo l’esplosione delle violenze da parte dei figli e nipoti degli immigrati nord-africani e africani. Una parte sempre più consistente della destra Ump (il partito di Chirac e del premier Sarkozy), ormai «senza complessi», ha adottato la terminologia dell’estrema destra. Si va dal disprezzo («osservo che il signor Bouteflika [il presidente algerino] non è rancoroso - ha ironizzato il deputato Ump Lionel Luca - perché è venuto a farsi curare in Francia [è ricoverato al Val de Grâce]: bell’omaggio al colonizzatore!») alla voglia di revisionismo («basta pentimento», «basta con il politicamente corretto anti-occidentale», «la storia, si dice, è sempre scritta dai vincitori. Per la guerra d’Algeria, i vincitori furono i partigiani dell’indipendenza e la sua storia, o la sua vulgata, è stata scritta dai loro compagni di strada»: sono frasi pronunciate in aula martedì).

Sul fronte opposto, la deputata (indipendente Ps) della Guyana, Christiane Taubira, ha trovato le parole giuste per ribattere: «Non chiedo riparazione per le spoliazioni o per il sesto della popolazione algerina decimato nel corso dei 25 primi anni della conquista. Non chiedo neppure che sia taciuto il ruolo emancipatore dei maestri francesi o il coraggio dei numerosi militari francesi in occasione dell’epidemia di colera del `49». Ma denuncio «l’impresa di lacerazione dell’umanesimo» e ha invitato i deputati a riconoscersi nella «voce della Francia che dà forza e speranza agli oppressi della terra e non in quella che si chiude nella nostalgia».

La legge del febbraio 2005, così riconfermata, viene da lontano. E’ dal 2003 che deputati di destra - eletti soprattutto nel sud della Francia, a forte presenza di rimpatriati - cercano di introdurre nelle leggi la «positività» della colonizzazione. Sono le associazioni dei rimpatriati che hanno chiesto al ministro dell’Istruzione di intervenire sui manuali scolastici, e sono riuscite a far costruire monumenti alla gloria dell’Oas (Organizzazione dell’esercito segreto), che si era opposta con violenza all’indipendenza dell’Algeria, tra cui la stele inaugurata a luglio a Marignane, vicino a Marsiglia, dopo quelle di Tolone, Nizza, Théoule-sur-Mer- e Perpignan.

La storia così fa irruzione nel dibattito politico presente. Lo scorso inverno un «Appello contro il razzismo anti-bianco», in seguito alle violenze contro dei manifestanti liceali operate da gruppi di casseurs venuti dalle banlieues, era iniziativa del movimento sionista Hachomer Hatzaïr e di radio Shalom (firmato anche dal filosofo Alain Finkielkraut, oggi di nuovo in primo piano perché ha definito le rivolte di banlieue come «etnico-religiose»). A gennaio la petizione «Indigeni della Repubblica», del Collettivo musulmani di Francia (vicino a Tariq Ramadan), aveva «comunitarizzato» lo scontro, con le dichiarazioni dell’attore Dieudonné che definiva «pornografia della memoria» le commemorazioni della Shoah.

La scorsa primavera, dopo la legge sul «ruolo positivo» della colonizzazione, più di un migliaio di storici e personalità aveva firmato una petizione - «Colonizzazione, no all’insegnamento di una storia ufficiale» - per denunciare «il disprezzo della storia e delle vittime». Tra i firmatari, i resistenti Aubrac, il filosofo Etienne Balibar, il sindacalista Gérard Aschieri della Fsu, l’attore Guy Bedos, il regista Patrice Chéreau. «Questa legge appare come un regolamento di conti, una strumentalizzazione del passato» ha affermato lo storico Claude Liazu, all’origine della petizione: «Si sente odore di Oas». Lo storico Gérard Noiriel, specialista dell’immigrazione, denuncia «un contributo al sentimento di umiliazione che rischia di accentuare il ripiego su se stessi e va contro la politica d’integrazione».

Gli storici si interrogano anche sull’opportunità di legiferare sulla storia e la sua interpretazione. Citano la legge Gayssot del luglio `90, che condanna il negazionismo dell’Olocausto («non giusta a livello dell’etica storica, anche se è stata utile», per lo storico Jean-Pierre Azema), la legge Taubira del 10 maggio 2001 che riconosce la tratta dei neri e la schiavitù come crimine contro l’umanità e quella che riconosce il genocidio armeno da parte dei turchi. Per molti, queste leggi parlano di «fatti», non di «interpretazioni» (come invece quella sul «ruolo positivo» della colonizzazione), e sono legittime. Non è d’accordo lo storico Pierre Vidal-Naquet: «Vomito sui negazionisti, ma non tocca allo stato dire come si insegna la storia. Tutto ciò che somiglia a storia ufficiale è pernicioso».

http://www.ilmanifesto.it/Quotidian...

INTERVISTA «Un revisionismo» inaccettabile Lo storico Chesneaux: «Lavano i crimini dell’espansione coloniale» A.M.M. PARIGI Jean Chesneaux, storico della Cina e del Vietnam, ha scritto sulla presenza francese non solo nell’Asia del sud-est ma anche nel Pacifico.

Cosa pensa della legge che decreta il «ruolo positivo» della colonizzazione?

Si tratta di un vero e proprio revisionismo coloniale, nel peggior senso del termine, cioè di una manovra ideologica che tende a lavare i crimini dell’espansionismo coloniale del XIX e XX secolo, come quelli del nazismo. Senza fare naturalmente nessun amalgama tra nazisti e «coloniali», che potevano anche essere «brava gente», ma pur sempre dei profittatori. Si tratta di una questione storica di grande importanza, non di un episodio isolato. Anche se c’era «brava gente», questo non cambia nulla, perché bisogna affrontare il problema della finalità della storia, al di là di quello dell’intenzionalità. Portare i vaccini, costruire scuole e ferrovie potevano essere dettati da buone intenzioni, ma resta il problema della finalità: la logica profonda dell’evoluzione del capitalismo dell’Europa occidentale che ha portato all’espansione coloniale, cosa buona per i profitti e la potenza, che ha riguardato non solo Francia, Gran Bretagna, Olanda, Portogallo, ma persino Svezia e Danimarca, con un summit raggiunto dal Belgio, dove il re era proprietario privato dell’immenso bacino del Congo.

La destra parla di «effetti positivi» della colonizzazione. Anche questi si inseriscono in una finalità di sfruttamento?

Le colonie dovevano essere ben tenute, i rischi dovevano venire eliminati. Quindi bisognava eliminare le malattie, garantire la sicurezza, fornire personale docile - di qui il ruolo della scuola - costruire infrastrutture, per portar fuori le derrate. In questa legge c’è una logica profonda, un meccanismo cartesiano nel cattivo senso del termine, di bianco e nero, un dualismo bene-male che fa parte della propaganda occidentale ma che è solo una filosofia a buon mercato. Mettono a confronto due colonne, i più e i meno, come in un estratto conto bancario. Si tratta di una truffa logica, vogliono fare un bilancio dei più e dei meno, ma prendere a prestito il linguaggio delle banche non è innocente. La vera questione è: perché i bianchi in America, poi in Asia, in Africa, più tardi in Oceania hanno cercato il dominio politico e militare a profitto dei loro interessi ? Parlare del più e del meno dispensa dal riflettere sul senso storico della colonizzazione. Troppo sovente, la lista dei vantaggi viene gonfiata, viene idealizzato l’apporto di «civiltà», mentre è accettato solo a malincuore di mettere qualcosa nella colonna dei meno. La repressione, lo sfruttamento vengono considerati soltanto eccessi disdicevoli, individuali o occasionali.

Eppure in Francia la critica del colonialismo ha una sua storia. E’ dimenticata ?

In Francia un insieme di movimenti di idee ha messo da tempo sotto accusa l’espansione coloniale fin dal XIX secolo. Faccio un solo esempio: André Gide, che non era un rivoluzionario, ha scritto un reportage sulla costruzione della ferrovia Congo Océan, per collegare al mare le zone forestali, prospere, del Congo francese. Gide dovrebbe figurare in tutti i manuali scolastici e le sue riflessioni incise nel marmo all’Assemblea, perché mostra tutta la bestialità sanguinosa, il modo selvaggio in cui venivano trattati gli abitanti, spediti alla morte. Non si tratta di una reazione politica contro Sarkozy o Chirac, ma di una corrente di idee che ha animato la Francia fin da prima della Grande guerra.

http://www.ilmanifesto.it/Quotidian...


http://www.edoneo.org/



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo


Forum del' articolo
 

> La Francia "riscrive" la sua storia coloniale - "Un revisionismo" inaccettabile
10 dicembre 2005 - 12h19 - Di 1856977da9d5cf3c72bb091f75ccd26d...

E vero, che Gide dovrebbe figurare in tutti i manuali scolastici. Vi è anche una di lui parola cosi bella che preferisco citarla nelle sua versione di origine, essendo comunque imperfetto il mio italiano : "Moins le Blanc est intelligent, plus le Noir lui paraît bête" (Voyage au Congo, p. 21). Cordialmente. Luc Nemeth



> La Francia "riscrive" la sua storia coloniale - "Un revisionismo" inaccettabile
26 maggio 2009 - 10h57 - Di miaraccolta - af04fc5cdc0cbe77abba5c1ebbca2173...

Egregio dott. Nemeth,
come posso contattarla?
Avrei bisogno di scriverle per chiederli informazioni su una mia ricerca ma non trovo la sua mail.
Se desidera può scrivermi a miaraccolta@libero.it.

La ringrazio.

g.l.





Corruzione e schiavitù moderna : il controverso leader del Qatar in visita in Italia
lunedì 19 - 12h52
di : Valentina Ricci
In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

Je voudrais seulement comprendre comment il se peut que tant d'hommes, tant de bourgs, tant de villes, tant de nations supportent quelquefois un tyran seul qui n'a de puissance que celle qu'ils lui donnent, qui n'a de pouvoir de leur nuire qu'autant qu'ils veulent bien l'endurer. Etienne de La Boétie, 1576
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito