Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
La Rivoluzione d’Ottobre e il silenzio dei mass-media

di : Antonio Catalfamo
martedì 6 dicembre 2005 - 02h26
2 commenti

Verso una dittatura a livello mondiale

di Antonio Catalfamo

Il 7 novembre 1917, con l’occupazione dei palazzi del potere da parte delle avanguardie proletarie, si concludeva vittoriosamente in Russia la rivoluzione bolscevica. Nonostante Putin abbia deciso di cancellare questa data dal calendario delle feste nazionali, centinaia di migliaia di cittadini hanno sfilato in molte città dell’ex Unione Sovietica, chiedendo a gran voce il ritorno al regime comunista. Queste manifestazioni non hanno avuto nessuna eco sulla stampa e sulle televisioni occidentali, legate ai governi borghesi e ai potentati economici. Alla globalizzazione economica fa riscontro la globalizzazione dei mezzi di comunicazione, cioè il loro controllo a livello planetario da parte di ristretti circoli capitalistici. Si sta realizzando a livello mondiale una dittatura imperialista e neo-liberista. In Italia, anche il Tg3, vicino alle posizioni dei Democratici di sinistra, ex comunisti pentiti, si è associato alla congiura del silenzio.

Ma perché i cittadini dell’ex Unione Sovietica invocano il comunismo? Stando a Berlusconi e a Prodi, il regime comunista ha seminato solo fame, morte e distruzione, mentre il capitalismo avrebbe restituito la libertà politica ed economica alla Russia e agli altri Stati nati dal crollo dell’ “impero del male”. Per sapere come stanno i fatti citiamo due fonti che non possono certo essere accusate di simpatia nei confronti del comunismo. Una nota delle Nazioni Unite sostiene che ai tempi del comunismo nell’Urss e nei Paesi del blocco sovietico si stava bene. Leggiamo: “Prima degli anni ’90 i servizi sociali nei Paesi (...) dell’Europa orientale erano notevolmente buoni. Il lavoro a tempo continuato era garantito per tutta la vita. Anche se il salario era basso era stabile e sicuro. Molti beni di consumo e servizi di base erano sussidiati e la fornitura era regolare. Erano sufficienti alimentazione, vestiario e sussistenza. L’accesso all’istruzione e alla sanità era gratuito. La pensione era assicurata e le persone potevano usufruire di molte altre forme di protezione sociale”.

E oggi? Il quotidiano “La Stampa” di Torino (12/11/2005), legato agli industriali italiani, riporta un rapporto della Cia, i servizi segreti americani, che certo non sono amici dei comunisti, secondo il quale la Russia, entro il 2015, potrebbe sparire a causa di malattie, droga, alcol. Stando alle “spie” di Washington, nel 2015 i russi passeranno da 146 a 130 milioni; “la popolazione russa sarà sempre più indebolita dall’alcolismo, dall’uso delle droghe, dall’aumento di malattie cardiache e di infezioni virali”. “A queste condizioni - conclude il rapporto della Cia - non può esserci una crescita economica sana, né rinascita dell’industria o della ricerca”. Passando dal comunismo al capitalismo, i cittadini ex sovietici, a quanto pare, non hanno fatto un buon affare!

Pubblichiamo qui di seguito un resoconto delle manifestazioni svoltesi il 7 novembre scorso in varie città dell’ex Urss. In tal modo, daremo quelle notizie che la stampa e la televisione di regime hanno negato ai cittadini, venendo meno al dovere costituzionale di un’informazione completa ed obiettiva. Ringraziamo per la traduzione dal russo il compagno Espero.

Il resoconto dimostra ampiamente il rispetto che hanno Putin e i suoi amici delle libertà democratiche: i manifestanti sono stati sorvegliati a vista dai reparti speciali, in pieno assetto di guerra, con i cani, pronti ad azzannarli. Avrebbero dovuto passare tra due ali di “miliziani”, sottoporsi alle “forche caudine”. La folla, invece, ha rotto gli “argini” ed è dilagata libera e festosa. Nessuno può imprigionare la creatività popolare!

(Antonio Catalfamo)

Meeting del 7 novembre nella piazza teatrale di Mosca

Lenin ha potuto: lo potremo anche noi

Il potere ha fatto quanto poteva: con i suoi artigli da orso ha spinto tutti sulla strada, perfino coloro che, forse, avrebbero resistito ancora. Ma offendere l’anima di tutto un popolo, che ancora ricorda che si chiamava sovietico, è stato chiaro oltre misura. Abolendo il giorno “rosso” del calendario, il 7 novembre, il Cremlino ha reso chiaramente rosso tutto ciò che ancora ieri era appena roseo. E questo evidentemente lo ha dimostrato l’onda di dimostrazioni e di meeting susseguitisi in tutto il paese. E un accordo finale è risuonato nella grandiosa dimostrazione di Mosca.

Le persone non si sono poste all’interno di un accerchiamento che, non si sa perché, è stato disposto lungo tutta la via Tviorsca. A qualcuno è venuto in mente di separare il marciapiede dalla carreggiata con una catena di agenti dell’ordine e di cani, affinché, probabilmente, l’opposizione si adattasse all’accerchiamento.

La Piazza Sverdlova, provvisoriamente rinominata Teatrale, non conteneva quanti desideravano ascoltare la parola dei leader dell’opposizione. I disonesti SMI “calcolavano” 5, 7, 8 mila dimostranti. Più onesta di tutti è risultata la polizia dando una cifra di 12 mila. E’ ridicolo. Che nella piazza non ci fossero meno di 25 mila uomini era chiaro perfino ai ciechi. Superò tutti la televisione non notando nemmeno gli uomini scesi in piazza. Si sono ricordati che a Parigi per anni non ci si era accorti di 7 milioni di emigranti. Ce ne ricorderemo anche noi quando sarà l’ora.

Il presidente del Comitato Centrale del Partito Comunista della Federazione Russa Ghennadij Sciuganov ricordò dalla tribuna i successi del passato socialista: “Al grande Ottobre è legata la storia del mondo. La luce di Ottobre ha distrutto l’impero coloniale, sotto la luce di Ottobre sono nate la grande Armata Rossa e la Grande Vittoria. La luce di Ottobre ha rischiarato il cosmo e la prima azione di Gagarin non a caso è avvenuta nel cosmo”.

“Non c’è niente di più grandioso del grande Ottobre”, ha aggiunto dalla tribuna. “Oggi siamo obbligati a giurare che non permetteremo di profanare la memoria e la Piazza Rossa. Così pacificamente convivono le stelle rosse, le croci ortodosse e le maestose aquile russe. Così in pace riposano le spoglie di tutte le generazioni che, con la fede e la verità, hanno servito il nostro potere e l’hanno difeso”.

Eduard Limonov, leader del Partito nazional-bolscevico, fece eco al leader del Partito Comunista: “Evviva la grande rivoluzione socialista di Ottobre, che con una luce accecante batte sui nostri occhi sin dal 1917. Saremo degni di essa. Lenin ha potuto. Lo potremo anche noi”.

Come ha dichiarato prima del meeting il vice presidente del Comitato Centrale del Partito Comunista della Federazione Russa, l’azione di oggi deve dimostrare ai poteri e al paese quanti sono i partigiani del Partito nella capitale. “Questo, da un lato, è per noi una grande festa, considerando che il 7 di novembre ha dato vita ad una nuova epoca. Ma per noi è più importante ancora anche perché noi possiamo dimostrare di essere in molti nella città” - ha dichiarato Mel’nikov.

In realtà siamo molti, a Mosca e a Pietroburgo, a Saratov e a Perm, a Niscnem e a Novasibirsk...Noi siamo in ogni piccola città della grandiosa Russia, in ogni villaggio, in ogni campagna. Non tutti noi abbiamo la tessera del partito, ma la nostra appartenenza al partito è scritta sulle nostre mani rugose. Noi ricordiamo tutto e non dimentichiamo niente. (dal sito del Partito Comunista della Federazione Russa)

Controinformazione
Numero Unico a cura del Centro Studi “Nino Pino Balotta”- Novembre 2005

Stampato in proprio- Via Degli Studi, 98 - 98051 Barcellona P.G. (Me)



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo


Forum del' articolo
 

La Rivoluzione d’Ottobre e il silenzio dei mass-media
21 agosto 2010 - 16h17 - Di 2c750379e70a4a7c65c831070ce54796...

Avrei un consiglio da chiederle, in merito alla possibile pubblicazione delle lettere che Ambrogio Donini scrisse negli anni 1956-1968, alla prof. Iside Mercuri, amica strettissima sua e della famiglia, e autrice della pubblicazione dei Codici della DDR, con ampia introduzione. Avendo letto l’ottima biografia di Donini, da lei firmata, su Wikipedia, e immaginando che lei sia giovane, e abbia più contatti di me (ottuagenario), vorrei chiederle se conosce qualche editrice che potrebbe essere interessata. Il mio indirizzo e-mail è maalinei@tin.it. Grazie e cordiali saluti
Mario Alinei



La Rivoluzione d’Ottobre e il silenzio dei mass-media
21 dicembre 2010 - 14h23 - Di Lo Iacono Luciano - cfef74b56fb5f6e8c5e33fb4a0a05eef...

Ho seguito i corsi di lingua e terminologia giuridica tedesca della compianta professoressa Iside mercuri all’Università di roma e penso che la corrispondenza con il prof.Donini sarebbe interessante. Cortesemente, tenetemi informato.
Luciano Lo Iacono nicolaloiac@libero.it
via dei Mille, 38
00185 Roma





FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista
Terremoto di Casamicciola
martedì 22 - 17h08
di : Lucio Garofalo
La Strage di Barcellona ed il genio incompreso di G Romero
lunedì 21 - 21h23
di : pugliantagonista
16 agosto 1894: Sante Caserio fa il fornaio non la spia
martedì 15 - 18h38
di : caserio
Agosto 1926-2017 Resistete agli sfratti, opponete l’azione autonoma di Classe
venerdì 11 - 17h52
di : pugliantagonista
editoriale 10 anni di Pugliantagonista.it
giovedì 10 - 21h58
di : pugliantagonista
UNO SPETTRO NAZIFASCISTA SI AGGIRA NEL MEDITERRANEO [MA CHI LO FINANZIA?]
domenica 6 - 16h31
di : Lucio Galluzzi
In rete il numero di luglio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 17 - 11h12
di : Franco Cilenti
Uomini o caporali
martedì 11 - 16h48
di : Lucio Garofalo
no In rete il nuovo numero del periodico nazionale Dire, Fare Rifondazione
domenica 9 - 10h29
di : Franco Cilenti
Progettifici e dittatori scolastici
mercoledì 5 - 15h57
di : Lucio Garofalo
Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino
venerdì 2 - 16h52
di : Alessio Di Florio
In rete, e in distribuzione, il nuovo numero del periodico lavoro e Salute
martedì 23 - 10h59
di : Franco Cilenti
Pubblicato Dire, Fare Rifondazione, notiziario dell’Organizzazione - maggio 2017
lunedì 15 - 08h28
di : Franco Cilenti
1 comment
Pubblicato Dire, Fare Rifondazione, notiziario dell’Organizzazione - maggio 2017
lunedì 15 - 08h28
di : Franco Cilenti
L’ESERCITO DI RISERVA NELLE MANI DEL CAPITALISMO NELLA LOTTA DI CLASSE
sabato 6 - 06h15
di : PCL Pavia
Sinceramente razzisti
giovedì 4 - 19h25
di : Antonio Recanatini
PACE
sabato 8 - 07h43
di : Franco Astengo
SULL’ORLO DELLA GUERRA?
venerdì 7 - 10h21
di : Franco Astengo
LA PROSPETTIVA DI UN GOVERNO DELLE LAVORATRICI E DEI LAVORATORI
martedì 28 - 06h03
di : PCL Pavia
La vendetta come augurio (Elogio della vendetta)
martedì 21 - 21h55
di : Antonio Recanatini

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

Si la matière grise était plus rose, le monde aurait moins les idées noires. Pierre Dac
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito
Letteratura e guerra partigiana in Italia a Parigi
martedì 7 Febbraio
di : ANPI PARIGI
Il Collettivo Bellaciao sarà presente... Un ciclo di incontri sulla letteratura della Resistenza presentato da Daniele Gaio presentato da Daniele Gaio 13 e 27 febbraio, 5 marzo 2012, ore 19 alla libreria: "La Libreria" 89 rue du faubourg Poissonnière 75009 Parigi L’Anpi Parigi, sezione Carlo e Nello Rosselli, in collaborazione con La Libreria, vi propone un ciclo di incontri sulla letteratura della Resistenza italiana. Quattro narratori (Italo Calvino, Cesare Pavese, Beppe (...)
Leggere il seguito