Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
La Val Susa è un fiume in piena, il governo annaspa. Si può vincere

di : Claudio Jampaglia
sabato 10 dicembre 2005 - 01h47
1 comment
JPEG - 50.2 Kb

di Claudio Jampaglia

Una giornata come un fiume di gente, di determinazione e di ragione. Alla fine la Val Susa si è ripresa Venaus come voleva, scendendo dai monti, resistendo a cariche e arginando anche tafferugli e scontri (minimi). Una vittoria totale che merita un racconto. La mattina è fredda, ma alle 10 la piazza di Susa ribolle di musica e camion, ad accogliere le migliaia della valle 200 giovani comunisti e centri sociali romani, diversi lombardi, la Cub, i Cobas e il camion dell’Askatasuna (centro sociale antagonista di Torino).

Davanti i sindaci, una trentina, con la deputata del Prc Marilde Provera, l’eurodeputato Vittorio Agnoletto, il senatore dei verdi Zancan, il segretario generale della Fiom Gianni Rinaldini (con Cremaschi e Airaudo) e poi tanto Prc venuto da Torino e dal Piemonte (con Paolo Ferrero della segreteria nazionale). Davanti a loro e poco dietro una talpa-treno di cartapesta con scritto "la Tav-talpa mangia soldi e scava veleni" portato come un dragone cinese.

Poi gli studenti, i comitati, la gente. Si parte e si capisce subito che due chilometri avanti la polizia blocca l’accesso alla Val Cenischia e a Venaus. Giusto il tempo di godersi dalla salita la vista del corteo fiume di quasi 50mila persone che alla seconda curva ci troviamo inchiodati. Tre file di polizia e carabinieri già pronti al peggio bloccano la discesa.

Davanti si mettono i sindaci e comincia una trattativa, ma la gente preme e si posiziona tutta intorno, scalando piccoli declivi, issandosi sui tetti. Urlano alle forze dell’ordine “buffoni, vergognatevi” (qualche “libertà” e un corale Bella ciao), sono di qua e sono davvero arrabbiati, ma tanto. Non vogliono sentire ragioni, dopo aver visto picchiare donne e vecchi, dopo gli inganni e la militarizzazione (e nemmeno una scusa, una parola distensiva) vogliono riprendersi Venaus e i terreni del cantiere. Le lancette devono ritornare alla notte del blitz e delle botte.

La polizia accetta che passi il camion con il container per ripristinare il presidio con qualche centinaio di persone, non di più. Ma dietro ce ne sono altre 49mila e come si fa? Gli animi si scaldano; si inizia a far passare il camion e quando i carabinieri richiudono il varco si trovano davanti la folla e reagiscono subito: manganellate sulle macchine dei fotografi prima e poi a chi capita a tiro. Sono cinque minuti brutti, da una parte i ragazzi dell’Askatasuna con degli scudi di plexiglas che le prendono e in mezzo Rinaldini, Cremaschi e Agnoletto a cercare di placare la situazione. Ne fa le spese Nicoletta Dosio, segretaria del Prc di Bussoleno e una delle primissime no-tav: un manganello le rompe occhiali e naso.

Sanguina, ma questa signora di sessant’anni con le mani alzate, non molla e comincia a incamminarsi verso la statale come fanno tanti altri, invitati dal megafono da Marilde Provera e aiutati da un servizio d’ordine improvvisato da lavoratori, sindacalisti e rifondaroli. Intanto nevica e davanti è tornata la calma. Ricomincia la trattativa, ma ormai il corteo comincia a salire per la statale del Moncenisio, fino a un sentiero da cui si vede tutta la Val Cenischia. Giù c’è Venaus, con i terreni recintati, i caschi blu e qualche centinaio di abitanti che protesta con le bandiere. In tantissimi, sui sentieri e per i boschi, si scende e non si incontra nessuno. La strada è libera, tempo dieci minuti siamo tutti a Venaus.

Intanto, visto l’aggiramento, dopo una lunga mediazione di Agnoletto e Provera, la polizia libera anche la statale. Così ci si ritrova davanti ai terreni abbandonati di fretta e furia la notte delle botte, in almeno diecimila. Abbassare le recinzioni di plastica è un attimo e dopo qualche esitazione di fronte alle tre squadre di celerini pronti a caricare a una trentina di metri, la gente comincia a invadere il terreno da ogni lato. Il grido è sempre lo stesso: “Sarà dura! ” e via riprendersi la propria terra. La polizia arretra, tiene le distanze, e comincia a rintanarsi nei cantieri. La gente urla: “Siete venuti di notte, ve ne andrete di giorno”. I giovani dell’Askatasuna, dei centri sociali di mezza Italia e giovani comunisti tengono il punto di contatto più delicato. L’unico faccia a faccia. Spintoni e qualche tensione ma niente di più. Anche se da dietro tirano un po’ di tutto.

Il peggio però arriva da un altro lato. Una cinquantina di giovani mascherati attacca il cantiere da dietro, tirando sassi e mattoni, diversi carabinieri vengono colpiti e arretrano. Sparano una trentina di lacrimogeni su tutto il campo. Nessuno arretra, loro non avanzano. I manifestanti urlano “basta, abbiamo vinto, piantatela” agli incappucciati che varranno convinti a smetterla. Dall’altra parte del cantiere, nei campi e nell’accesso alla strada, la situazione è più calma. Ogni tanto qualcuno si esaspera, ma viene subito placato. La gente ha rinchiuso le forze dell’ordine da dove erano volute uscire per menare. Con le recinzioni scrivono “no tav” e uno striscione tra due alberi dice: “Se la Val Susa è un corridoio, il governo è un cesso”. Vittoria.

Si organizza un microfono aperto in mezzo al terreno. Antonio Ferrentino, presidente della Comunità montana, parla alla gente: "Anche i poliziotti vogliono andar via, loro non hanno gli stessi interessi di chi gli ha ordinato di essere qui. Bisogna assolutamente evitare che ci siano scontri. L’aver ripreso il pieno possesso del territorio del Comune di Venaus dimostra che questo cantiere non si può aprire contro la volontà della comunità". Applausi, sono tutti d’accordo, giovani e anziani, centri sociali e valligiani. Lele Rizzo dei comitati rivendica la vittoria: “Non ci saremmo mai aspettati tutto questo”, detto da uno che da dodici anni organizza la protesta...

Airaudo porta il saluto dei lavoratori metalmeccanici. Poi intervengono sindacati di base, comitati di Roma, Milano, gente qualunque. Arrivano altri carabinieri e polizia (oltre 800 uomini in tutto), ma un funzionario ci dice "aspettiamo un ordine del ministro dell’Interno, vogliamo andarcene", ma da Roma non danno il via libera. Sarebbe una resa. Cominciano a dare segni di impazienza. Ci dicono che ci sono 12 feriti tra i loro, ma Agnoletto che va all’ospedale di Susa a sincerarsi delle condizioni non trova alcun ricoverato (nemmeno a Rivoli e Avigliana): “Hanno medicato solo contusioni per manifestanti e poliziotti. Non ci sono altri feriti e non ci sono facinorosi, qua c’è un solo movimento, unito, che evita la violenza”. Il container per il nuovo presidio viene piazzato e i manifestanti in assemblea decidono quello che nessuno si aspetta: un corteo di rientro. Quelli che Pisanu continua a demonizzare come infiltrati e pericolosi sovversivi decidono con i sindaci di liberare l’area. Sta scendendo la notte e qui non si terrà a lungo. Nessuno vuole rischiare una carica di vendetta.

Hanno vinto.

Bon. Si scende a Susa e che la polizia riprenda i terreni, tanto si ritorna. Pragmatici, democratici e ragionevolmente rivoluzionari, sembrano proprio degli zapatisti questi valligiani valsusini. Alla fine annullano anche la fiaccolata notturna. Bisogna sapersi fermare. Oggi è stata per loro una giornata da segnare sul calendario (un po’ come quell’otto dicembre 1943 in cui i partigiani giurarono di cacciare gli occupanti proprio in queste montagne). Ieri la Val Susa ha dimostrato che la valle è loro, che la democrazia sono loro e che con loro si deve discutere. Dalle montagne insorgenti del Nord-Ovest italiano, per il momento è tutto.

http://www.liberazione.it/



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo


Forum del' articolo
 

> La Val Susa è un fiume in piena, il governo annaspa. Si può vincere
12 dicembre 2005 - 01h30 - Di 287974bf123cd90c240a2fc932e5624a...

La perseveranza e la non risposta di fronte alla provocazione dei poliziotti e dei carabinieri montati ad hoc dal viminale per far degenerare questa manifestazione pacifica in disordine pubblico non deve mai succedere. Il gruppo deve rimanere compatto senza degenerare. La manifestazione deve portare ad un dialogo con le terzi parte. Si ottine sempre qualcosa di utile con la non-violenza e la perseveranza.

RINALDO SIDOLI
SIDOLI.ORG






In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista
Terremoto di Casamicciola
martedì 22 - 17h08
di : Lucio Garofalo

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

Les fruits sont à tous, et la terre n'est à personne. Jean-Jacques Rousseau
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito