Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
COCCODRILLO PADANO

di : Spartacus
martedì 20 dicembre 2005 - 10h28
8 commenti
JPEG - 18.6 Kb

de Spartacus

Onorevole Borghezio, come va? Finito ko al primo incrocio di guantoni? Qui crolla un mito: l’eroe duro e puro del celodurismo, il peso massimo spazzanegri-ebrei-arabi-meticci e razzemiste che implode a round appena iniziato.

Non è possibile.

E tutte le ronde padane a cosa son servite? E la sacra ampolla ricolma di pater padus non l’ha preservata come l’acqua dello Stige? E le seratine di cori in stile nazibavarese in birreria non l’hanno gasata abbastanza contro i rossi?

Viene davvero da pensare che la Lega non sia più quella d’una volta se i suoi pilastri rocciosi si sbriciolano tanto maldestramente.

Eppure Obelix, come si fa chiamare dai compagni di merende il celto-piemontese, era uno di quelli che ringhiava e faceva il duro. Artefice e gran capo delle Guardie padane menava fendenti in Parlamento e in certe piazze ghignava agguerrito.

Un tempo se la prese anche con le prostitute, purché di colore.

E incitava a imitare i politici più cagneschi del suo gruppo che sbavavano livore contro gli extracomunitari e più che nei Cpt li volevano in catene, a lavorare nella fabbrichetta di famiglia, e per il restante tempo in galera.

Il ministerialismo di questi anni deve aver fiaccato la razza padana e le camicie verdi assistono alla precoce decadenza del proprio duce. Infatti peso massimo della provocazione Borghezio non è più lui, ha smarrito ogni energia se non riesce a tener a bada un manipolo di ragazzi dei centri sociali che lo incitavano a dar fondo al suo riuscitissimo repertorio di mastino dei Berlusconville.

Ora patetico, la voce mesta, frigna ai Gr Rai, ridotto a elemosinare solidale pietà per un’aggressione subìta insieme ai guardiaspalle.

Il muscolare divenuto coccodrillo padano piange e ripiange, per la cattiva l’Italia che lui vuol federalizzare, per gli ingrati i valligiani che non vogliono i trenini della Valdisusa che tanti dané portano alle tasche dei ministri della grande libera Casa del “facciamo un po’ come cazzo ci pare”.

Animo onorevole, si può sempre sperare nell’anno che verrà.



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo


Forum del' articolo
 

> COCCODRILLO PADANO
20 dicembre 2005 - 11h34 - Di cc7eaad9f6cf8f444b5148d9aeaeb9c5...

Bravo Spartacus!
A parte le solite querimonie piagnose dei soliti politicastri che temono di essere presi a calci sul naso anche loro, e difendono i privilegi della categoria, l’Italia tutta è stata scosa da una solida risata liberatrice di soddisfazione per il prepotente con la tremarella.
Vedere questo energumeno nazista degno del Ku Klux Clan e delle peggiori camicie brune hilteriane, questo cultore della mazza e della torcia, della svastica e dei proclami inumani, vederlo in lacrime, piagnolente e confuso, col cerottino sul nasino e il collarone di gommapiuma di chi vuole fregare l’assicurazione, spiace dirlo, ma ha arrecato una liberatoria soddisfazione trasversale a destra e a sinistra. E’ superfluo ricordarlo, ma le sbruffonate di questo nazista padano stanno sulle scatole a tutti, specie ai soci di schieramento e dequalificano in modo abnorme questo povero paese mettendoci ai gradini più bassi di fascismo tribale.
Non si è capito nemmeno bene chi sia stato il collerico tiratore di calci né come tecnicamente l’evento si sia realizzato (ci voleva proprio una moviola al processo di Biscardi per esaminare con attenzione il triplice goal, ma aspettiamo con ansia di vedere e rivedere con calma le riprese delle telecamere ferroviarie. Sarebbe un bel regalo natalizio delle FFSS agli italiani, più gradito certo dell’invito a visitare lo zio di Matera!). Ora non i sa bene a chi attribuire la paternità del calcione, e gli italiani sono pronti a pagare i rimborsi processuali, ma gli autonomi di Padova di sono tirati indietro perché non presenti sul posto e con alibi collettivo, quelli di Rifodnazione hannoa ddirittura bloccato il goaleador invitando il Borgh. a chiudersi nel cesso.
Chi dunque ha fatto il fiero gesto? Chi ha osato sfidare manu pedis questo monumento alla imbecillità umana, alla ferocia xenofoba, all’arroganza violenta? E il calcio non gliel’ha dato nemmeno una prostituta nigeriana o un extracomunitario marocchino, perché senno’ non gli avrebbe fatto sanguinare un pochino il naso ma gli avrebbe portato via la testa.
Il gesto del prode calciatore del Nord non sarà democratico, non sarà civile, forse non avrebbe mai dovuto essere fatto, probabilmente dovrà essere penalizzato perché non si usa in un paese civile calciare chicchessia e i politici non possono creare precedenti.. ma lasciateci dire che enorme senso di liberazione si è sprigionato in ogni dove, io non ho visto altro che gente che rideva a crepapelle. Una grossa omerica risata ha scosso l’Italia.
Sarà che questi leghisti hanno ormai stufato, sarà che è ora che vadano un po’ a fare scuole serali e lezioni di educazione civica e democrazia, sarà che abbiamo trovato avvilente che un presidente del Senato si abbassasse ai loro discorsi dequalificanti, ma, siccome si sta avvicinando un nuovo anno, abbiamo solo speranza che questa genìa malnata sia mandata via a calcioni (metaforici, si intende) da ogni forma di governo di questo paese.
E ora ogni volta che un energumeno simile si affaccerà su qualche piazza a dire che ce l’ha duro, gli chiederemo: "Cosa? onorevole, il nasino?"
Ormai tre eroi abbiamo:
il muratore Roberto dal Bosco che tirò un cavalletto a Berlusconi
Pietro Ricca che chiamò "Buffone" il premier al processo SME
e l’ignoto calciatore del naso di Borghezio.
A’ la guerre comme à la guerre! L’Italia si difende anche così. Viva l’Italia!
viviana



> COCCODRILLO PADANO
21 dicembre 2005 - 08h46 - Di 81092946c2a26228895ec06546c33115...

ahi ahi ahi caro Borghezio : chi semina vento raccoglie tempesta .........
buster brown



> COCCODRILLO PADANO
21 dicembre 2005 - 13h43 - Di fbcdd87971a54d7c3aca9c3af2482413...

Dopo aver visto e letto tutto questo inneggiamento alla violenza da parte di voi comunisti io voterò Berlusconi. Non era mia intenzione farlo ma devo dargli ragione quando parla del pericolo dei comunisti. Siete sempre i soliti, pronti a picchiare e sprangare chi non la pensa come voi. Proprio come succedeva negli anni ’70 quando ammazzavate i ragazzini come Sergio Ramelli rei solo di essere anticomunisti. E come cittadino italiano vi dico anche che i 622 gladiatori erano persone per bene perchè erano dei veri Patrioti pronti a difendere la nostra Nazione dalle orde marxiste che avrebbero volentieri inviato in Siberia migliaia e migliaia di italiani se solo ne avessero avuto la possibilità.



> COCCODRILLO PADANO
21 dicembre 2005 - 17h37 - Di 118b4016df10ee5fc54cf2965758da53...

O bravo, vota Berlusconi! Vai con chi ti somiglia! Separiamo il grano dall’erbaccia! Fascista eri e fascista resti, con o senza questo sito! E’ una tara genetica. Se ci sei nato, peggio per te. Troppo difficile spiegare a una testa quadra che i comunisti in Italia non si sono mai visti! Viva il pregiudizio e separiamo le pecore da chi pensa, una volta per tutte! Tu di la’ con questi bei soggetti da galera e noi da un’altra parte. E cosi’ sia.
viviana


> COCCODRILLO PADANO
21 dicembre 2005 - 18h27 - Di 118b4016df10ee5fc54cf2965758da53...

Ma pure un gladiatore doveva scrivere qui?!
Sono andata a cercare chi era Sergio Ramelli. I fatti risalgono a 30 anni fa. Ramellie ra uno studente diciannovenne dell’ITIS Molinari di Milano che professava idee di estrema destra, militante del Fronte della Gioventù (l’organizzazione giovanile del M.S.I.) ; fu percosso sotto casa sua a colpi di chiave inglese da militanti di Avanguardia Operaia e morì dopo un mese e mezzo d’ospedale.
Dopo il 2003 il Comune di Milano (con maggioranza di destra) ha cercato di ricordare Ramelli intitolandogli qualche aula scolastica ma nessun istituto ha accolto la proposta. Fin dal primo anno di scuola superiore, era stato espulso da ben 2 scuole.
Ora paragonare questo storia al ceffone che ha fatto sanguinare Borghezio mi pare fuori di testa. E uno che inneggia a Gladio non viene fuori a dire che e’ stato questo sito a spingerlo a votare Berlusconi.
Dunque l’omicidio Ramelli e’ del ’75.
Il 18 marzo 1978 Fausto Tinelli e Lorenzo Iannuzzi - Fausto e Jaio - vengono uccisi a revolverate vicino al Centro sociale Leoncavallo da un commando formato da neofascisti e uomini dei servizi segreti. I due giovani erano impegnati nella lotta all’eroina. L’azione viene rivendicata dal gruppo armato fascista "Sergio Ramelli". Dopo pochi mesi viene ucciso in un finto incidente stradale il giornalista de L’Unità Mauro Brutto, che aveva scoperto i retroscena del duplice delitto.
Mi fermo qui per carita’ di patria. Per indicare tutti i delitti attuati dall’estremismo missino, non mi basterebbe tutta bellaciao.
viviana


> COCCODRILLO PADANO
21 dicembre 2005 - 18h48 - Di 118b4016df10ee5fc54cf2965758da53...

Su Borghezio insisto nel dire che quando uno le rogne se le va a cercare, è giusto che le trovi.
Chi glielo aveva consigliato di mettersi in mezzo a 200 autonomi da solo su un treno? La mamma? Dal Piemonte a Milano poteva andarci in auto o in compartimento riservato o con la scorta. Crede che la gente al solo vederlo provi dei moti di simpatia o di rispetto? Crede di avere suscitato della stima nel popolo italiano nei suoi confronti? Io stigmatizzo il calcio, ma ripeto che se l’e’ voluto.
Per la par condicio, quando Fassino volle partecipare, sconsigliato da tutti, alla grande manifestazione pacifista di Roma, e ci stava come il cavolo a merenda, dopo tutte le manfrine che aveva fatto per tenere le truppe in Irak in una guerra di pura aggressione, nata su una montagna di menzogne, anche allora quella presenza fu letto come pura provocazione e dovette ritirarsi con la gente che tirava le bottigliette alla sua scorta.
Ma chi crede di essere questa gente? Crede di non dover pagare mai per i suoi errori e per i suoi atti di insolenza? E i fascisti credono di picchiare, malmenare e uccidere restando indenni? E credono anche di venire su bellaciao a inneggiare a chi tento’ un golpe armato contro lo stato? Cosa hanno, il monopolio della violenza pretendendo pure che le vittime restino inerti?
Il fascismo è morto e finito e di questi orrori non ne vogliamo piu’.
viviana


> COCCODRILLO PADANO
21 dicembre 2005 - 19h02 - Di 900849c1e3cb34dcd7635fe49922dab2...

L’ignobile ( in questo sono del tutto d’accordo) episodio di Ramelli , peraltro compiuto da personaggi di un gruppo tutt’altro che "estremista" come Avanguardia Operaia, segui’ comunque di poco tempo gli assassinii altrettanto ignobili di Claudio Varalli, studente ( da parte di un fascista, ora avvocato di grido) e di Giannino Zibecchi, insegnate di educazione fisica ( da parte dei carabinieri).

Cosi’, tanto per chiarire il clima che si respirava in Italia in quel 1975, in aprile, oltre a Varalli e Zibecchi a Milano, erano stati uccisi l’operaio Rodolfo Boschi, militante del Pci a Firenze (dalla polizia) e Tonino Micciche’, operaio Fiat e dirigente nazionale di Lotta Continua a Torino ( da parte di un altro fascista).

E a breve distanza dalla morte di Ramelli, sempre a Milano i fascisti sanbabilini avevano ucciso a coltellate Alberto Brasili, operaio nemmeno particolarmente politicizzato, soltanto perche’ aveva strappato un manifesto del Msi mentre passeggiava con la fidanzata.

Ea novembre a Roma ci furono l’uccisione di Pier Paolo Pasolini ( dove le implicazioni dei fascisti cominciano faticosamente ad uscire fuori) , quella di Pietro Bruno, studente e militante di Lotta Continua, da parte dei carabinieri ,e ancora quella di Antonio Corrado, giovane proletario di S.Lorenzo, di nuovo ad opera dei fascisti.

E qualche mese prima c’era stato il massacro del Circeo ad opera dei noti fascisti Ghira, Izzo e Guido.

Ripeto, l’episodio Ramelli fu una cosa veramente ignobile e condotto da gente piu’ abituata a colpire gli altri compagni ( le chiavi inglesi di A.O. in quel periodo mandarono all’ ospedale non pochi militanti di altre organizzazioni) che non i fascisti, ma il clima che si respirava allora in Italia era quello che ho descritto ....

Keoma


> COCCODRILLO PADANO
22 dicembre 2005 - 10h40 - Di e4ef7a224b8e196eb614da9bcfa44b15...

Tra il 1966 ( uccisione dello studente Paolo Rossi all’ Universita’ di Roma da parte dei fascisti di Delle Chiaie) e i primi anni ottanta ci fu in Italia una vera e propria guerra civile strisciante che poi culminera’ nel lottarmatismo da entrambe le parti ( anche se bisogna dire che nel periodo del lottarmatismo lo scontro diretto tra estrema destra ed estrema sinistra fu quasi inesistente, tutte e due tendevano ad "attaccare lo stato" ).

Ma nella prima fase ( grosso modo 1966-1975 ) lo scontro fu veramente impari e i fascisti godettero pressoche’ sempre della copertura dello stato e spesso agivano in stretto rapporto con servizi segreti, polizia e carabinieri.

Vorrei ricordare i tentetivi di golpe, Piazza Fontana, Brescia, Italicus, bombe ai treni ( Azzi preso mentre innescava un ordigno sul Roma - Milano), i fatti di Reggio Calabria e le miriadi di aggressioni, non poche omicide, da parte dei fascisti nelle piazze e nei quartieri.

Grosso modo dal 1976 la tendenza si rovescio’ ; da un lato lo stato tese a scaricare i fascisti, dall’ altro la pratica dell’ antifascismo militante divenne dilagante ed effettivamente isolo’ i fascisti nelle loro "riserve indiane".

Evito di commentare la cazzata secondo cui i combattenti della Rsi "combattevano il capitalismo" ; non sta ne’ in cielo ne’ in terra ed e’ stata ampiamente smentita dalla storia.

Che, durante i pochi mesi di Salo’, Mussolini e il suo entourage tentarono di giocare la vecchia carta "sociale" del fascismo degli inizi , e’ vero ma furono per primi i tedeschi ( che erano il vero potere ) a bloccare sul nascere ogni applicazione dei programmi demagogici della cosiddetta " Carta di Verona".

Gli anticapitalisti veri stavano dall’ altra parte e naturalmente vinsero la guerra sul campo e poi persero pesantemente quella politica, con l’ avvento del vecchio potere e col riciclaggio di non pochi fascisti al suo interno, il tutto garantito dalla presenza militare americana e, con forme ancora piu’ reazionarie, di quella inglese sul territorio italiano.

E a sancire definitivamente il tutto ci penso’ poi anche Baffone con gli accordi di Yalta che collocavano, senza ombra di dubbio, l’ Italia nel campo "amerikano".

Keoma

P.s. Che c’entra poi un verme come Borghezio con una discussione di tipo storico come questa non lo capisco proprio.

Al di la’ della sua antica militanza in Ordine Nuovo, quel verme dovrebbe fare schifo anche a chi si dichiara fascista, se non altro per coerenza "nazionale".

O no ?






IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista
Terremoto di Casamicciola
martedì 22 - 17h08
di : Lucio Garofalo
La Strage di Barcellona ed il genio incompreso di G Romero
lunedì 21 - 21h23
di : pugliantagonista
16 agosto 1894: Sante Caserio fa il fornaio non la spia
martedì 15 - 18h38
di : caserio
Agosto 1926-2017 Resistete agli sfratti, opponete l’azione autonoma di Classe
venerdì 11 - 17h52
di : pugliantagonista

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

L'utopie cest la réalité de demain. Victor Hugo
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito