Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
DESTINO INCERTO DELLA SPECIE UMANA : ospite invasiva e criminale del Pianeta Terra

di : Carmelo R. Viola
giovedì 22 dicembre 2005 - 23h34
JPEG - 26 Kb

di Carmelo R. Viola

Che il padreterno abbia creato questo pianeta come “luogo dell’uomo” è una favoletta che ci riporta all’immaginario creazionismo, che non ha ombra di attendibilità scientifica.

E’, appunto, una favoletta per uomini-bambini, biologicamente bambini, ovvero primitivi, alias antropozoi, che si sono inventati eventi e destinazioni gratuite solo per rispondere al bisogno di autorassicurarsi (seconda costante dell’esistenza) contro le insidie dell’ambiente circostante, l’ignoto e la paura della morte.

Questo bisogno l’animale, incosciente per definizione, lo esprime con un’aggressività apparentemente gratuita, mentre nell’uomo si fa razionale e comprende possibili accadimenti come la malattia, ma anche la certezza della morte e quindi il lutto per la perdita di una persona cara.

La risposta a tale bisogno è uno dei diritti naturali ed è fisiologico quanto il soggetto primitivo o immaturo fa per soddisfarlo, come quello d’inventare un’entità onnipotente, preesistente al mondo e creatore di questo, e che si chiamerà dio. E’ invece patologico continuare a crederci (peggio, a “fingere di crederci) e d’infondere tale “fede” nell’infanzia per meglio dominare gli altri - quando la ragione è cresciuta abbastanza da vedere chiaramente l’inconsistenza della favola, cioè il non senso o l’autocontraddiziione di una potenza increata, vissuta solitaria da sempre - ab aeterno! - e che, ad un certo punto, abbia sentito il bisogno (sic!) di creare il mondo e l’uomo! Bisogno totalmente assurdo in chi, per definizione, non ha bisogno di niente.

E’ nociva per l’umanità ogni religione creazionistica e la più catastrofica è certamente quella della Chiesa cattolica, la quale, con il pretesto segreto di sfruttare il bisogno di rassicuranza degli uomini, ha finito per esercitare un potere politico (diretto: vedi potere temporale, o per interposto potere altrui) sulla mente e sul sentimento della gente per il solo piacere di farlo degli “agenti” della sua variegata gerarchia liturgico-burocratica piramidale, meglio quando qualche sempliciotto in veste talare ci creda davvero. Il cattolicesimo è la costruzione più grande, più mostruosa e più complessa che la ragione umana abbia mai potuto creare attorno al bisogno sopraddetto ed anche lo strumento più sottile e accattivante per razionalizzare, motivare e “legittimare” (agli occhi degli ignari) la tirannia più obnubilante sull’animo dell’uomo. La letteratura cattolica è poderosa e abbacinante.

Il pianeta Terra non è stato creato per l’uomo né è il solo ad essere abitato da esseri viventi. Altra favola, avallata perfino da papi (non vale fare nomi), è che gli animali siano stati creati per l’uomo, al punto che le grida della loro sofferenza (per esempio, durante la macellazione) sono da paragonare ai rumori prodotti dal lavoro. Alcuni vivisezionisti devono essere proprio di questo parere. Il nostro pianeta fa parte di un organismo vivente sui generis detto “sistema”, che sappiamo non essere il solo in un universo (o pluriverso) di cui non conosciamo i confini, le origini e meno che mai la ragion d’essere. Non ci rimane che constatare che il mondo è come la vita che siamo noi. Prenderne atto!

Non siamo i padroni della Terra, ma suoi ospiti. Coesistiamo. Se essa fosse stata creata per noi, non avremmo ragione di difenderci dalla furia, talora catastrofica, degli elementi della natura. Essa è un punto dell’infinito cosmo, dove casualmente convergono condizioni chimiche e meteorologiche atte a tradurre la vita potenziale, immanente in ogni atomo, in quella che a noi appare l’unica vera vita, solo perché è la nostra. Darwin e Marx parlavano della vita attuale, non della Vita. La maiuscola è d’obbligo per indicare ciò che non muore, ciò che “è” anche laddove tutto sembra “senza vita”. (Vedi l’ilozoismo).

Per questo, il pianeta Terra è parzialmente ospitale (abitabile) e sempre a condizione che il soggetto si premunisca di accorgimenti e di strumenti di adattamento e di autodifesa. Negli animali e nei vegetali accorgimenti e mezzi di autodifesa sono istintivi. Il vegetale si copre di clorofilla o di spine (facciamo solo esempi banali per intenderci) come l’animale si munisce di lana e di corna. Nell’uomo, definito anche “scimmia nuda”, intervengono anche la ragione e l’esperienza: si copre di pellicce animali, che diventeranno anche indumenti e scava grotte per avere abitacoli protetti dal freddo e dal caldo, che poi saranno case e palazzi.

L’intervento dell’intelletto e della scienza in difesa dell’animale-uomo, si chiama civiltà e storia con quanto c’è dentro: dall’amore fraterno alla guerra più crudele. E’ nel corso della civiltà-storia che l’uomo si lascia sedurre dai prodigi della tecnologia (strumentalistica artificiale) e dal piacere del potere (che è autorassicurante) e dimentica la propria esistenza, casuale, precaria e condizionale, come dire la sua posizione di ospite sul pianeta Terra. In altre parole, dimentica la più grande delle verità del suo essere al mondo. Questa dimenticanza, inconsapevole prima, colpevole, dopo, è oggettivamente il viatico naturale dell’estinzione della nostra specie.

La vita sul pianeta Terra ha subìto in passato cambiamenti epocali indipendentemente dal comportamento di una specie intelligente non ancora “emersa” dalla materia (leggi:madre). Basti pensare alla scomparsa dei dinosauri. Questo conferma l’esistenza casuale e precaria dello stesso nostro pianeta come di qualunque altro. E’ solo la lunghezza dei tempi che ci dà l’illusione dell’eterna stabilità.

Paradossalmente la comparsa dell’animale intelligente o ragionante, quale è l’uomo - inizialmente antropozoo (uomo-animale) - invece di migliorare la “salute” del pianeta, ha fatto esattamente il contrario e continua a fare sempre peggio. La ragione di questo paradosso dipende semplicemente dalla disparità di crescita fra intelligenza aggressivo-tecnologica (che continua l’animalità) e intelligenza affettivo-etica (che “crea” l’uomo propriamente detto e che quindi ha il compito di controllare la prima). (L’uso del verbo “creare” non è improprio perché non sottintende necessariamente la locuzione “dal nulla”, che appartiene alla logica creazionistica). In parole più semplici: con il primo tipo d’intelligenza l’uomo si comporta come “animale che ragiona” (che ragiona, appunto, “come animale”); con la seconda si comporta come soggetto capace di controllare la propria originaria animalità. Il secondo tipo d’intelligenza è l’ultimo stadio che fa dell’uomo un soggetto sui generis compiuto. C’è da aggiungere che il primitivo animale-uomo, per definizione amorale e anaffettivo (fatta eccezione, per la seconda qualità, per i propri congiunti e per gli amici), tende a conservare ed accrescere le conquiste (predazioni) della sua animalità antropomorfa, cioè il possesso senza limite (donde il futuro diritto alla proprietà illimitata, fulcro del capitalismo) e il potere di sfruttamento dei suoi simili (che è una forma speciale di proprietà: dalla schiavitù alla “vendita del lavoro” come concessione di vita) e quindi ad impedire che le nuove generazioni crescano in affettività etica, che porta alla solidarietà istintiva verso i propri simili, alla consapevolezza dei privilegi (predazioni) dei “dominanti”, al bisogno di cambiare il sistema in termini di fratellanza (giustizia) e via via fino al... socialismo (che i predatori non si stancano di additare come il male sociale per antonomasia: vedi Berlusconi!).

L’attuale civiltà è la risultante di un antropozoismo amorale-anaffettivo fortemente aggressivo che ha imparato ad usare i termini della civiltà compiuta (socialista) come voci di suggestione e di inganno per la gran massa di antropozoi mansueti e ignari. Tali termini sono democrazia, solidarietà umana, diritto, Stato di diritto e simili “flatus vocis”. I pochi soggetti veramente più evoluti si ritrovano stranieri in casa e spesso finiscono emarginati, sommersi, costretti a “lanciare voci nel deserto”. Il risultato di siffatta situazione è uno sviluppo tecnologico con il doppio coefficiente di possesso-potere.

La specie umana, come ogni specie animale, non poteva non cibarsi della natura per soddisfare la fame (prima costante biologica). Siamo ancora nei limiti della fisiologia. Quando, più avanti, impara a disboscare - per esempio la Foresta Amazzonica, polmone della Terra - per usare o vendere il legno che ne ricava, siamo già ad un livello patologico: la specie umana si è evoluta di molto rispetto all’animalità ma, nel contempo, è diventata un fattore nocivo del pianeta. Una ditta italiana possedeva e credo che ancora possegga, per fini di sfruttamento, un pezzo di tale foresta grande quanto la Lombardia. Gli animali si possono paragonare a microbi fisiologici dell’organismo Terra, mentre certi antropozoi a microbi patogeni.

Quando la depredazione e l’abuso della natura sono accompagnati dalla consapevolezza del male arrecato alla stessa, e, per riflesso, a noi stessi, allora si può affermare che la specie umana è, rispetto alla Terra, un’ospite invasiva, criminale e suicida.

Siamo a questo punto. Il protagonista di uno scempio sistematico della Terra, nostro naturale habitat, è il capitalismo inteso nella sua globale artescienza della predazione umana, voglio dire nella sua doppia valenza di “fame” insaziabile di possesso e di potere.

L’emissione di anidride carbonica inquina l’aria, cioè avvelena l’atmosfera ovvero la biosfera. L’inquinamento ha prodotto una serie di danni che si chiamano buco nell’ozono, effetto serra, rialzo della temperatura, vere e proprie “pazzie” meteorologiche con effetti anche apocalittici (come lo “tsunami”). L’urbanizzazione selvaggia con distruzione di verde corrisponde ad un processo di desertificazione. Non sappiamo il danno prodotto da centinaia di esperimenti nucleari nel sottosuolo e quello delle esplosioni di migliaia e migliaia di bombe, magari contenenti sostanze radioattive, durante i conflitti bellici. Non sappiamo dove vada a finire il veleno versato nel “bel Danubio blu” dall’aggressione Usa alla Serbia. Certamente anche nella catena alimentare e cioè dentro ognuno di noi attraverso il cibo e l’aria che respiriiamo. Ma l’antropozoismo tecnico-predatorio dominante - insomma, la barbarie capitalistica, oggi estremizzata nel neoliberismo - va per la propria strada inseguendo ogni successo materiale (predatorio) e il piacere del potere, incurante della casa (habitat) che va in rovina.

Mancano quasi in assoluto la consapevolezza di essere non padroni della Terra, ma suoi ospiti, e il senso del dovere del rispetto verso l’ospitante, che è poi rispetto verso noi stessi. Le industrie continuano ad inquinare; le auto, che ormai coprono a tappeto ogni spazio urbano e non solo, fanno peggio al punto da indurre a prendere provvedimenti di sospensione del loro uso per far calare il tasso del veleno: è un momento della crescente drammatica “ridicologia” dell’esistente sistema sociale antinatura. I produttori dei mezzi di locomozione a combustione inquinante fanno a gara a chi vende di più. Pensare a forme di vita del passato - per esempio alla trazione animale - è segno, dicono i padroni (padreterni della predazione) e i loro ingenui echeggiatori, di arretratezza mentale! Non si pensa nemmeno di mettere in circolazione mezzi pubblici in abbondanza, comodi, igienici e a poco prezzo (se non gratuiti) per far fronte alla crescente mobilità con il minor danno possibile alla natura. L’uso dell’auto è diventato un costume viscerale che fa comodo ai cacciatori di profitti.

X X X

Mentre i grandi ghiacciai si stanno sciogliendo - come ci mostrano servizi fotografici mozzafiato - segno evidente dell’incombente marasma degli equilibri della natura e dell’ulteriore, forse estremo, deterioramento della parziale ospitalità del pianeta Terra, si distruggono o mutilano monti per costruire ferrovie per treni ad alta velocità, i cosiddetti TAV. Quanto è appena successo in Val di Susa conferma pienamente quest’analisi. La gente del luogo, i dodici sindaci compresi, sono scesi in piazza con l’intento d’impedire i relativi lavori, per rispettare la natura e per evitare il possibile sprigionamento di minerali radioattivi o comunque cancerogeni, come l’uranio e l’amianto. E ne avrebbero il diritto “naturale” costituendo quei monti il loro habitat. Una manifestazione imponente ma non violenta che chiede anzitutto di essere ascoltata e possibilmente rassicurata. A tal fine chiede al primo cittadino del paese di ascoltare i suoi timori e le sue ragioni. Ma il Presidente della Repubblica - incredibile dictu - avrebbe esclamato Cicerone) si rifiuta. Non c’è tuttavia da meravigliarsi che costui, già protoragioniere di Stato, non conosca il diritto (quello vero), come non si ricordi dell’esistenza dell’art. 11 per non scontentare la dominanza Usa verso la quale raccomanda amicizia (!), nell’àmbito di uno Stato di diritto solo sulla carta. Un paese capitalista non può essere uno Stato di diritto: o qualcuno può provare il contrario?!

Non è tutto. Nella notte fra il 5 e il 6 dicembre, centinaia di poliziotti (con casco, scudo e manganello, cioè in pieno assetto di guerra) irrompono nel presidio di Venaus (zona degli inizi dei lavori), svegliano in malo modo i manifestanti che bivaccano, nonostante il gelo, sotto tende accomodate, non per gioco ma per una causa che ritengono giusta. In malo modo ne distruggono quanto serviva a costoro per la circostanza. In malo modo li cacciano come delinquenti. E’ un blitz vero e proprio in un contesto militarizzato che produce 31 feriti anche fra i cosiddetti agenti dell’ordine o pretoriani del pubblico potere. Il nostro ministro degli Interni è ormai abituato a paventare, all’interno di qualunque manifestazione di popolo, la presenza di mafiosi e di terroristi ed anche di anarchici, questi ultimi come sovversivi per vocazione quindi capaci solo di portare disordine. No, signor Ministro: gli anarchici “sognano” quando preconizzano una società senza Stato ( che è un non senso biologico), sbagliano quando compiono gesti che li discreditano, ma quando criticano e contestano questa “giungla antropomorfa”, pronunciano verità sacrosante.

Provato che gli uomini di potere di questa giungla sono di norma digiuni di scienza sociale, possiamo affermare che costoro ignorano anche che in un uomo in divisa deputato a riportare l’ordine (cioè l’immobilizzazione di cittadini trattati alla stregua di sudditi) nel modo appena detto, facilmente emerge l’animale che è in lui, come è avvenuto - ma non è un caso isolato - a Genova qualche anno fa. Ma per il ministro degli Interni tali uomini in divisa fanno solo e sempre il loro dovere e qualunque incidente è sempre colpa di sovversivi. Nel caso specifico, si ripete da parte di responsabili (si fa per dire) che la linea TAV Italia-Francia deve essere fatta ad ogni costo non potendo, aggiungono costoro, tagliarci fuori dall’Europa. Quindi, aprioristicamente non si tiene conto dei possibili rischi ambientali reali né ci si preoccupa di correggere, attraverso un pacifico dialogo informativo, le eventuali convinzioni errate dei cittadini, trattati solo come “materiale ingombrante” (e siamo in democrazia!).

In questo gravissimo incidente e nella ripetuta affermazione (anche da parte del “primo cittadino”) che la linea TAV deve essere fatta senza tenere conto della ragione di nessun abitante del luogo, c’è, tutta la stupidità e la vergogna di una civiltà non ancora degna dell’uomo vero. Anzitutto, l’uso della forza come risposta ad una richiesta di dialogo ci riporta a secoli addietro e ci conferma che lo Stato capitalista è una dittatura di fatto, camuffata dietro la parola democrazia, che altro non è che una gara per la conquista di un posto in parlamento, peraltro molto ben retribuito. Che poi gli eletti (quasi “unti del Signore”) non conoscano i diritti naturali e si perdano in chiacchiere senza rispondere a quelli, è un altro paio di maniche. Bene a ragione il parlamentare comunista Di Liberto ha parlato di “Stato di polizia” dimostrando che, per fortuna, ci sono anche le eccezioni.

Che l’alta velocità sia uno strumento indispensabile di collegamento con l’estero, è soltanto una menzogna ipocrita e puerile. La verità è che, da un lato, urge l’interesse di chi da tali lavori deve trarre quanti più profitti possibili, dall’altro, un vero e proprio culto idolatrico della tecnologia come presunto coefficiente del vero progresso. Ma è proprio questo tipo di progresso, inteso come vettore della civiltà, disgiunto dalla coscienza etica, che offende la natura e uccide la specie umana.

La soluzione non è certamente quella suggerita dall’amico Danilo D’Antonio: di stabilire patti interstatali di autocontenimento del PIL, allo scopo di evitare conflitti. Il prodotto interno lordo (oh quanto difficile da calcolare!) è una “balla” della ridicologia di un paese capitalista, il quale, in quanto tale, non può contenersi. In un paese capitalista conta appunto la quantità dei prodotti, non la qualità della vita e l’universalità del benessere. E’ ritenuto avanzato un paese con un PIL molto alto e con milioni di disoccupati e di poveri! Volere limitare la produzione (strumento elettivo di predazione industriale e fiscale) è come volere disciplinare la violenza della guerra!

Il rimedio resta sempre quello di “liberarci” dalla criminalità (legale e paralegale - quest’ultima detta “mafia) del capitalismo, vero e proprio cancro della specie umana. Quanti “1789” (senza ghigliottina) ci vorranno per riuscirci?



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo





In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista
Terremoto di Casamicciola
martedì 22 - 17h08
di : Lucio Garofalo

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

Vous voulez les misérables secourus, je veux la misère supprimée. V. Hugo
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito