Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
Tre "scalate" - Un unico regista

di : keoma
venerdì 23 dicembre 2005 - 18h46
7 commenti
PNG - 16.1 Kb

di Keoma

E’ inutile girarci intorno, siamo di fronte al terzo (in ordine temporale) scandalo bancario nella storia della Repubblica: dopo la Banca Privata di Michele Sindona e il Banco Ambrosiano di Roberto Calvi, adesso anche la Banca Popolare Italiana, ex Lodi, entra a far parte della terribile casistica.

Per ora il “salvataggio” della Bpi ha assunto caratteristiche solo manageriali - l’arrivo di Divo Gronchi alla guida della banca, al posto di Gianpiero Fiorani - ma appena sarà finita la buriana giudiziaria, ci si dovrà occupare della sua sistemazione anche dal punto di vista proprietario.

Capisco che questo giudizio possa sembrare brutale, ma purtroppo quando, al di là delle perdite registrate dal gruppo bancario lodigiano, si inficia il rapporto fiduciario che lega il correntista che affida i propri risparmi con la banca che li accoglie e li gestisce - come è nel caso specifico, visto che Fiorani è reo confesso di aver prelevato denaro direttamente dai depositi - altro non può definirsi che uno scandalo bancario.

E, si badi bene, si tratta della cosa peggiore che possa capitare in un sistema economico, perchè proprio su quella fiducia si basano le fondamenta del sistema stesso (non a caso in tutto il mondo le autorità monetarie e politiche cercano in tutti i modi di evitare il fallimento degli istituti di credito).

Naturalmente, tutto sarebbe decisamente meno significativo se fossimo di fronte ad un puro e semplice caso di arricchimento personale.

Invece è del tutto evidente (ma lo era anche prima del precipitare delle cose) che la doppia opa su Antonveneta e BNL e il maldestro tentativo di scalata al Corriere fanno parte di un disegno organico - la cui mente non può essere quella del furbastro ma modesto ragioniere di Lodi - destinato a creare un vero e proprio sistema di potere (come fu per Sindona e Calvi).

Attenzione, qui è bene chiarire subito che sarebbe un errore correre troppo con la fantasia: non siamo di fronte alle sofisticate architetture di Enrico Cuccia, ma molto più modestamente a “furbetti” che, intravisti gli spazi di potere vuoti aperti dalla crisi del vecchio establishment creato da e intorno a Mediobanca, hanno pensato bene di riempirli. L’idea, visto che i segni evidenti della crisi del “salotto buono” risalgono alla fine degli anni Novanta, non nasce certo con queste ultime operazioni.

Ma il “concerto” sì.

In precedenza, Fiorani aveva speso cinque anni per creare un gruppo creditizio di dimensioni nazionali, assemblando nientemeno che 21 banche, stringendo alleanze e cercando coperture politico-istituzionali, a cominciare da quella ormai stranota con il Governatore della Banca d’Italia. L’alleanza più importante è quella con Chicco Gnutti, che gli porta in dote anche il rapporto con la Unipol di Giovanni Consorte.

La cosa è importante sia perchè il patron della Hopa ha la testa fina (vedi Telecom), sia perchè via Consorte si arriva a costituire a sinistra il pendant di quelle coperture politiche che Fiorani era stato capace di costruirsi a destra (prima con Berlusconi via Ubaldo Livolsi e via lo stesso Gnutti, che vanta tra i suoi soci la Fininvest, poi con la Lega).

Una rete che prima si muove su Antonveneta (l’operazione parte sei mesi prima del lancio dell’opa) e che poi si butta su Bnl dopo la decisione di Francesco Gaetano Caltagirone di uscire da una partita che non era più quella operazione di mercato che aveva pensato.

Una doppia opa a regia unica cui si aggiunge, non senza qualche tratto folkloristico, la scalata alla Rcs (l’opa più preannunciata e mai lanciata della storia) della new entry Stefano Ricucci.

Ma il mix tra sottovalutazione degli ex “poteri forti” - che sono deboli e divisi, ma non fino al punto di farsi fregare da quattro presuntuosi arroganti - e la sopravvalutazione del peso reale delle coperture politico-istituzionali - Fazio era già azzoppato, Berlusconi li ha benedetti ma non si è speso, mentre la guerra sorda dentro i Ds e più in generale nel centro-sinistra ha reso fragile quella sponda - ha fatto sì che il “grande disegno” s’infrangesse miseramente contro la saldatura (momentanea) di interessi avversi, dal patto di sindacato del Corriere della Sera alla magistratura milanese vogliosa di riconquistare il centro del ring passando per capitali stranieri ben rappresentati a Bruxelles.

Se questo è lo scenario, denunciare la dimensione sistemica del fenomeno che tiene “banco” nella cronaca di questi giorni non significa né sottovalutare i meccanismi perversi dell’orologio giudiziario che sta scandendo l’inchiesta milanese - identici, per tempi, modi e logiche, della stagione di Mani Pulite: basti pensare all’arresto “postumo” di Fiorani - né, tantomeno, alimentare la voglia di gogna che sempre emerge in questi casi.

Ma proprio per evitare che il recente passato ritorni - il Paese, già in pieno declino, non sopporterebbe una nuova stagione giudiziaria - occorre avere piena consapevolezza della portata strutturale della questione. La quale, contrariamente agli strali alzati dal solito rito della indignazione collettiva che si recita in situazioni come queste, non riguarda la portata del caso in sé - e neppure suoi eventuali sviluppi ulteriori, che peraltro appaiono piuttosto probabili - quanto, invece, le conseguenze “politiche” che esso è destinato a generare.

E non mi riferisco ai “soldi ai politici”, che è la morbosità di queste ore (destinata ad essere delusa: scommetto che i nomi saranno di secondo piano).

Parlo di almeno tre grandi deficit che finiranno per spingere ancora più alla deriva il Paese: l’impossibilità che si crei un nuovo establishment economico-finanziario, e con esso assetti diversi del nostro capitalismo; la riduzione delle chances, già scarse, che si metta mano ad un progetto-paese il cui fulcro sia un nuovo modello di sviluppo; il crollo “sanguinoso” del bipolarismo.

Insomma, il problema non è che potere economico e potere politico si siano ancora una volta incrociati - qui ha ragione Giuliano Ferrara: è fisiologico, e chi dice il contrario o è sciocco o è ipocrita - ma sta nel valore (infimo) dei protagonisti, nel comportamento (autolesionista) di Bankitalia, e soprattutto nel vuoto pneumatico della Politica.

Sì, credo proprio che attraverso questa vicenda si scriverà il certificato di morte della Seconda Repubblica - ed è un bene - ma che, ancora una volta a dettarlo sarà la magistratura, come nel 1992-1994, e che il Paese faticherà più di quanto già non sia a trovare il bandolo della matassa del declino economico e della crisi del sistema politico.

Alle porte bussa una campagna elettorale che solo formalmente contrapporrà le due coalizioni del nostro sgangherato bipolarismo, ma che in realtà sarà una guerra fratricida dentro i poli, come le polemiche su Unipol fanno presagire a sinistra ma che le confessioni di Fiorani dal carcere possono sicuramente aprire anche a destra.

Evito di stilare la lista delle responsabilità, ora non serve.

Spero solo che chi ha ancora un briciola di cervello lo usi.

Ma, confesso, è una speranza assai flebile.



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo


Forum del' articolo
 

> Tre "scalate" - Un unico regista
23 dicembre 2005 - 22h39 - Di 900849c1e3cb34dcd7635fe49922dab2...

"Sei indagato, stai attento ..."

Paolo Biondani e Luigi Ferrarella

Intercettazioni tra il giudice Castellano e il manager di Unipol

La talpa a Consorte: sei indagato, stai attento In un’altra telefonata il presidente della società dice: «Il magistrato mi aiuterà con i pm di Roma»

MILANO — Consorte vorrebbe telefonare da una utenza fissa? «Non pensare di essere esente». L’inchiesta di Roma sulla scalata Unipol a Bnl? «Lui è nel registro degli indagati, però non lo sa nessuno». Le «ultime novità da Roma»? Arrivano «dal suo amico famoso di Milano». Non soltanto millantato credito, maanche rivelazione di segreto d’ufficio: sono queste le ipotesi di reato per le quali il giudice Francesco Castellano, attuale presidente del Tribunale di Sorveglianza di Milano (competente su 6.600 detenuti) è stato convocato il 30 dicembre dalla Procura di Perugia che indaga su 18 sue telefonate di luglio con il presidente di Unipol Giovanni Consorte, che poi ne parla al suo vice Ivano Sacchetti. Eccole nei brogliacci, cioè nelle sintesi redatte dalla GdF nell’inchiesta sulla scalata della Bpi di Fiorani all’Antonveneta.

Insider a Milano: un giudice per avvocato. La prima telefonata è del 5 luglio. «Francesco Castellano chiama Consorte e gli chiede quando sarà a Milano», perché «voleva dirgli due cose» su «un certo discorso di Milano». «Gianni risponde che è già deciso e dice settembre. Francesco dice che si è fatto tirare fuori la legge». E poi «gli chiede se ha visto la posizione di "un certo ragazzo" ». In realtà già l’indomani un tal «Francesco» (che chiama dal Tribunale di Sorveglianza) comunica che «si vedranno sabato sera a Bologna ». Qui Consorte dice a un collaboratore di attendere «dal suo amico famoso di Milano» le «ultime novità da Roma». «Francesco» arriva alle 20. E un quarto d’ora dopo, sorseggiando un aperitivo, Consorte s’improvvisa giurista dettando al telefono: «Preparare un set sulla legge dell’insider evidenziando tutte le esenzioni, in particolare gli interventi dei senatori, tra cui Tarquini, sull’interpretazione... dargli il rinvio a giudizio per cui sono accusati e la memoria difensiva ». Forse è solo una coincidenza, ma a Milano Consorte e Sacchetti sono accusati di insider trading con Emilio Gnutti, il finanziere interdetto poi con Fiorani. «Consorte comunica a Carlo» che «il capo di "quella cosa" di Milano ha chiesto a "quella persona che ha incontrato" un po’ di materiale interpretativo di "quella cosa" di cui lui (Consorte) e Ivano...». Consorte tronca: «Anche "loro" hanno problemi interpretativi. Pensa come è amministrata la legge in Italia».

«Ha detto che l’obiettivo è il Cinghialone». La stessa sera dell’incontro con Castellano, Consorte aveva rassicurato un suo collaboratore che «per Roma non c’è nulla», dato che «quel signore che lo ha interrogato, gli ha chiesto di dare informazioni man mano che vanno avanti». Inoltre «la persona che ha incontrato» (Castellano?) gli ha «consigliato di intrattenere rapporti cordiali in quanto "questa" è candidata a diventare "il capo di tutti lì"». Il discorso sembra riferirsi ai due pm romani che indagano su Unipol. Il 12 luglio una chiamata allarma Consorte: Francesco «Castellani» (così nella trascrizione), detto «Ciccio», «ha bisogno di parlargli per qualche suggerimento». Consorte gli dà «un telefono fisso». Ma Francesco risponde di «non pensare di essere esente». Meglio vedersi a tu per tu. Castellano arriva in stazione alle 21.49. Mezz’ora dopo «Consorte dice a Sacchetti (suo vice, ndr) di aver saputo dal "nostro amico di Milano" che gli spagnoli (il Banco di Bilbao rivale di Unipol, ndr) hanno fatto un esposto dicendo che Unipol ha usato i soldi degli assicurati». E che «lui (Consorte, ndr) è nel registro degli indagati, però non lo sa nessuno ». Aquella data, in realtà, Consorte non risultava ancora indagato. Il manager Unipol precisa poi che «siccome i due sono molto amici, "lui" gli ha spiegato quello che Consorte gli aveva detto».

E aggiunge che «l’amico di Milano» gli avrebbe parlato anche di uno sviluppo ancora segreto: «Sta per scoppiare un grosso casino per il cinghialone e il suo amico», per cui «bisogna evitare qualsiasi connessione». «I due — prosegue Consorte—sono messi veramente male» e «l’obiettivo vero dovrebbe essere il cinghialone».

«Agende sparite e contratti distrutti». Il 20 luglio Consorte minimizza l’inchiesta romana: «Cose irrilevanti». L’indomani però spiega alla segretaria che «devono tenere una di quelle agendine da borsa...».E lei risponde: «Perché noi, da quando c’è stato detto che... abbiamo fatto sparire il...». Poi Consorte chiama Fiorani e gli dice che «nei prossimi anni si prenderanno molte rivincite». Quindi gli propone di acquistare «quel famoso 0,5% che a loro serve» per assicurarsi il 51% della Bnl. Risposta di Fiorani: «Quando vuoi». La prima emergenza scatta il 22 luglio, quando la Consob sanziona l’alleanza occulta tra Fiorani e Ricucci.

Per Consorte «è un macello»: Fiorani e Gnutti «hanno lavorato in modo superficiale», anche se «lui non sa bene, essendosene tirato fuori» in data imprecisata. Il manager Unipol comunque intima ai suoi di «non andare più a Lodi», perché «più stanno lontani e meglio è». La sera del 25 luglio, quando la procura di Milano sequestra a Fiorani il 40% di Antonveneta, Consorte è preoccupato: «Spero di non aver commesso errori ». Il 27 luglio «Consorte chiede alla segretaria chi ha i contratti di Guido Vitale», l’ex presidente di Rcs che ha fatto da advisor di Unipol. La segretaria risponde che «ne ha una copia Roberto» (che però «l’ha buttata via»). Consorte, allora, «dice alla segretaria di strapparli».

Paolo Biondani e Luigi Ferrarella

23 dicembre 2005

www.corriere.it



> Tre "scalate" - Un unico regista
23 dicembre 2005 - 22h53 - Di 900849c1e3cb34dcd7635fe49922dab2...

Fiorani, Gnutti, Consorte: un trio da 50 milioni - di GIANLUIGI NUZZI -

Sarebbe questo l’ammontare degli affari realizzati dal banchiere lodigiano e dai suoi due soci attraverso speculazioni di Borsa e compravendite immobiliari

La scalata ad Antonveneta è stata solo una delle operazioni finanziarie, uno degli assalti a grandi società, studiato e compiuto da un’insolita e potentissima alleanza trasversale: Gianpiero Fiorani, il banchiere che dava gli affidi, Chicco Gnutti, l’imprenditore bresciano che guidava la finanziaria di partecipazioni Hopa e, attenzione, Giovanni Consorte, amministratore delegato di Unipol. Che guadagnava in proprio. È questo il quadro che starebbe emergendo a Milano. Un intreccio d’affari, finanziamenti, operazioni immobiliari e plusvalenze su titoli che la «santa alleanza» come l’ha già ribattezzata qualcuno in tribunale, compiva ben prima dell’inverno scorso, quando mosse i primi passi la scalata ad Antonveneta. E quest’ultima potrebbe essere solo «un concertino nel concerto», un episodio, importante, ma non unico. Affari che ora la Guardia di finanza, il nucleo provinciale di Milano, sta ricostruendo con maxi tabelle di riferimento.

La tesi portata avanti dall’accusa è questa: già alla fine del 2001 Gnutti-Fiorani-Consorte erano attivi. Soci occulti ma con mire espansionistiche. Attraverso speculazioni in Borsa, acquisti di azioni su cui, questo è l’ipotesi, venivano realizzate ricche plusvalenze personali.Con frenetiche compravendite immobiliari tra Gnutti e Consorte, interponendo Marino Ferrari, il prestanome di fiducia di Fiorani, come «cuscino» fiduciario. Parecchi affari, quindi, ben superiori a quei 10 milioni di euro di plusvalenze su operazioni no risk che sarebbero stati incassati da Consorte grazie agli utili garantiti da Bpi.


> Tre "scalate" - Un unico regista
24 dicembre 2005 - 11h17 - Di e0b97a4a55fcfd34432fba4c80985e86...

" E’ con i poveri che i ricchi si fanno la guerra"di J.E. Renan
E’ una citazione, se vuoi anche banale e scontata, proprio perchè si ripete, tutto così uguale.
Ma fai bene ad analizzare e denunciare, non fosse altro per tutto il tempo che in queste "storiazze" ci siamo stato fuori-dentro, con il nostro lavoro e la nostra passione.
Ciao, Keoma
Doriana



> Tre "scalate" - Un unico regista
24 dicembre 2005 - 14h26 - Di 900849c1e3cb34dcd7635fe49922dab2...

«Unipol e Deutsche Bank, patto nascosto per Bnl»
by Paola Pica Saturday, Dec. 24, 2005

Inchieste e scalate «Unipol e Deutsche Bank, patto nascosto per Bnl» La Consob alza il prezzo dell’offerta a 2,755. Opa più cara e difficile per Consorte

MILANO — Nuova tegola per Giovanni Consorte e il suo piano di conquista di Bnl. La Consob ha rilevato l’esistenza di un patto tra Unipol e Deutsche Bank e imposto il rialzo del prezzo dell’offerta a 2,755 euro dagli attuali 2,7. Il provvedimento della Consob sposta di poco i termini dell’offerta (si tratta, per la compagnia bolognese, di un aggravio di 80 milioni su un’operazione da cinque miliardi), anche se rischia di dilatarne ancor più i tempi, ma accende un faro sui rapporti tra gli alleati. E, in particolare, sul ruolo della stessa banca tedesca guidata in Italia da Vincenzo De Bustis, risultata attiva in diverse partite finanziarie e il cui comportamento non era stato mai fino a ieri censurato da un’Autorità italiana. Da parte sua Deutsche Bank ha già fatto sapere che pur essendo in disaccordo con quanto sostenuto dalla Consob «continuerà a collaborare » con la Commissione e «non presenterà alcun ricorso per non danneggiare l’operazione, procrastinandone i tempi». Mentre Unipol si è limitata a «prendere atto» del verdetto di Lamberto Cardia riservandosi di «valutare la decisione nel chiaro convincimento di proteggere i nostri interessi».

IL PIANO TECNICO — Sul piano tecnico, la Commissione ha motivato la delibera con una disattesa della cosiddetta best price rule, ovvero il principio di parità di trattamento fra i destinatari dell’offerta stabilito dalla legge. L’impegno dalla banca tedesca a non aderire all’Opa promossa da Unipol, né ad altre eventuali offerte concorrenti, può essere considerato un «accordo rilevante » poiché pone dei limiti al trasferimento di azioni della Bnl e quindi Deutsche Bank «è da considerarsi soggetto aderente ad un patto parasociale con Unipol». Secondo quanto gli investigatori di Lamberto Cardia hanno potuto ricostruire «anche grazie ai riscontri della cooperazione internazionale» alcuni acquisti di Bnl da parte di Deutsche Bank «sono avvenuti, in parte, a 2,755 euro per azione». Ne discende che «il prezzo dell’intera offerta pubblica di acquisto promossa da Unipol su Bnl dovrà essere adeguato al prezzo più alto pagato da Deutsche Bank per i titoli Bnl», vale a dire a 2,755 euro.

ISTRUTTORIA FINITA — Si chiude così l’istruttoria avviata dalla Commissione cinque mesi fa, in contemporanea al sì condizionato al prospetto presentato dall’Unipol. Il nuovo prezzo d’Opa e la messa in chiaro dei rapporti con Deutsche Bank andranno ora inseriti nel supplemento informativo già in corso di scrittura da parte dell’Unipol e che necessiterà del nuovo via libera Consob. Quanto al resto dell’iter autorizzativo Banca d’Italia riceverà a breve il nuovo parere chiesto all’Isvap e potrà forse già entro la fine dell’anno far ripartire la procedura, sospesa l’8 dicembre in attesa del verdetto della Consob. Per il nuovo Governatore, è stato osservato da più parti, Unipol- Bnl sarà il primo banco di prova. Sempre che l’inchiesta della Procura di Roma non sparigli prima nuovamente le carte.

Paola Pica

www.corriere.it

24 dicembre 2005



> Tre "scalate" - Un unico regista
27 dicembre 2005 - 18h03 - Di 900849c1e3cb34dcd7635fe49922dab2...

GIOVANNI CONSORTE IN PROCURA A MILANO

MILANO - Il presidente dell’Unipol, Giovanni Consorte, e’ in Procura a Milano per essere interrogato dai pm titolari dell’inchiesta sulla scalata di Antonoveneta.
Giovanni Consorte e’ indagato a Milano con l’accusa di aggiotaggio in quanto sospettato di aver preso parte al concerto per il rastrellamento di azioni Antonveneta in concorso, tra gli altri, con l’ex ad di Bpi, Gianpiero Fiorani e il finanziere bresciano Emilio Gnutti. Il rastrellamento delle azioni della banca padovana non e’, pero’, l’unico capitolo all’attenzione degli inquirenti lombardi: nei giorni scorsi, infatti, Bruno Bertagnoli, ex agente di Borsa e cliente privilegiato di Bpi, aveva parlato di due operazioni con le quali aveva fatto confluire 2,4 milioni di euro su altrettanti conti a Monaco. L’ex direttore generale di Bpi, Gianfranco Boni, gli aveva spiegato successivamente che la somma era destinata a Consorte e che si trattava di plusvalenza ottenuta attraverso operazioni su titoli Unipol. Sullo sfondo rimangono, inoltre, delle plusvalenze ritenute anomale che sarebbero state ottenute da Consorte e dal suo vice Ivano Sacchetti dall’Hopa di Emilio Gnutti.

Nell’inchiesta romana sulla scalata alla Bnl entra, intanto, anche la Deutsche Bank. L’istituto di credito che, secondo quanto accertato dalla Consob, avrebbe concesso un finanziamento all’Unipol tramite la Bpi di Giampiero Fiorani per la scalata alla banca romana. I magistrati di Piazzale Clodio hanno acquisito la delibera della Consob nella quale si parla di ’’patto parasociale’’ tra Unipol e Deutsche Bank ed hanno avviato una serie di accertamenti per verificare se siano configurabili eventuali fattispecie penalmente rilevanti. Le ipotesi di reato che, in quest’ultimo caso, potrebbero emergere ai vertice del gruppo tedesco, secondo indiscrezioni, sarebbero quelle di ostacolo alla vigilanza e omissione in relazione agli obblighi di comunicazione.

Ansa ore 16,00 27/12/2005


> Tre "scalate" - Un unico regista
27 dicembre 2005 - 22h31 - Di 900849c1e3cb34dcd7635fe49922dab2...

Il presidente dell’Unipol in tribunale a Milano

Si vuol fare luce su 2,4 milioni di plusvalenze

Bpi, Consorte interrogato per 4 ore

50 milioni di plusvalenze anomale

Ora toccherà al suo vice Sacchetti, coinvolto in altre operazioni

MILANO- Per oltre quattro ore il presidente di Unipol, Giovanni Consorte ha risposto ai pm milanesi, titolari dell’inchiesta sulla scalata Antonveneta. Consorte, accusato di concorso in aggiotaggio per il rastrellamento di azioni dell’istituto padovano ed indagato anche a Roma per la scalata a Bnl, è giunto in Procura a Milano poco prima delle 16.

Ha cercato di chiarire ai magistrati i suoi rapporti con Giampiero Fiorani e, soprattutto in riferimento alla scalata Telecom, quelli con il finanziere bresciano Emilio Gnutti, sentito dagli stessi inquirenti milanesi sabato 24 dicembre. Gli inquirenti hanno calcolato in una cifra da 40 a 50 milioni le plusvalenze anomale ottenute da Consorte e dal vicepresidente Ivano Sacchetti con il trading borsistico architettato con le società di Gnutti. Il meccanismo messo in moto in svariate occasioni, sarebbe stato quello di acquistare pacchetti azionari ’sicuri’ per poi rivenderli ad un prezzo maggiore, ottenendo delle plusvalenze, parte di queste sarebbero poi state girate a Consorte e Sacchetti.

Il meccanismo chiave dell’operazione prevedeva l’acquisto di pacchetti azionari a prezzi di mercato e la loro rapida rivendita a prezzi molto superiori pagati da controparti quali Emilio Gnutti e la Bpi.

Plusvalenze su titoli Unipol. Il rastrellamento delle azioni della banca padovana non è, però, l’unico capitolo all’attenzione degli inquirenti lombardi: nei giorni scorsi, infatti, Bruno Bertagnoli, ex agente di Borsa e cliente privilegiato di Bpi, aveva parlato di due operazioni con le quali aveva fatto confluire 2,4 milioni di euro su altrettanti conti a Monaco. L’ex direttore generale di Bpi, Gianfranco Boni, gli aveva spiegato successivamente che la somma era destinata a Consorte e che si trattava di plusvalenza ottenuta attraverso operazioni su titoli Unipol.

L’interrogatorio, interrotto poco dopo le 20, sarà ripreso tra qualche giorno. Ma prima di risentire Consorte, i magistrati vogliono ascoltare il suo vice Ivano Sacchetti. Domani sono previsti gli interrogatori di Gianpiero Fiorani e Gianfranco Boni.

(27 dicembre 2005) www.repubblica.it


> Tre "scalate" - Un unico regista
29 dicembre 2005 - 19h54 - Di 900849c1e3cb34dcd7635fe49922dab2...

Unipol sotto inchiesta per responsabilità oggettive

Il finanziere bresciano lascia "per motivi di salute"

Antonveneta, Unipol indagata

anche Gnutti si dimette dal cda

MILANO - La compagnia assicurativa Unipol risulterebbe indagata come persona giuridica per responsabilità oggettive in violazione della legge 231, dal momento che lo stesso gruppo non ha predisposto alcun modello organizzativo atto a prevenire illeciti. E’ quanto si apprende in ambienti giudiziari milanesi. Confermata, inoltre, l’accusa di appropriazione indebita per Giovanni Consorte, il numero uno di via stalingrado già iscritto nel registro degli indagati della procura milanese nell’ambito dell’inchiesta sulla scalata ad Antonveneta.

Intanto dopo le dimissioni di Giovanni Consorte e Ivano Sacchetti sono arrivate quelle di Emilio Gnutti, pure coinvolto nelle inchieste giudiziarie sulle scalate ad Antonveneta e Bnl. Il finanziere bresciano lascia il consiglio d’amministrazione di Unipol ufficialmente "per motivi di salute". In una nota la compagnia bolognese precisa come Gnutti, nominato il 29 aprile del 2004, rivestisse "la carica di consigliere non esecutivo, ovverosia privo di deleghe gestionali". Con la stessa motivazione, il finanziere si è dimesso dal consiglio di amministrazione di Banca Mps (Monte dei Paschi di Siena), in cui rivestiva anche la carica di vicepresidente, e da quello di Asm Brescia, azienda ex municipalizzata che fornisce acqua, gas ed energia elettrica.

Appena la notizia del coinvolgimento di Unipol nelle indagini è piombata sul mercato, il titolo è subito scivolato a un minimo di seduta a quota 2,36 euro (-2,46%), poi è partita qualche ricopertura e il titolo viaggia ora a 2,3925 (-1,14%). Nelle sale operative si guardano due forze contrapposte. Da una parte la notizia dell’indagine sulla compagnia, e non più solo sui top manager, è ovviamente ribassista. Ma ciò complica ancor di più la strada verso Bnl e, considerando il recente aumento di capitale di Unipol, se il progetto di opa sfumasse, allora il gruppo bolognese si troverebbe più che capitalizzato.

(29 dicembre 2005)

www.repubblica.it





Corruzione e schiavitù moderna : il controverso leader del Qatar in visita in Italia
lunedì 19 - 12h52
di : Valentina Ricci
In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

Si la matière grise était plus rose, le monde aurait moins les idées noires. Pierre Dac
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito