Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
DISSOLUZIONE DEL “NUCLEO AFFETTIVO”: DISSOCIALITÀ E CRIMINE

di : Carmelo R. Viola
mercoledì 28 dicembre 2005 - 03h00
JPEG - 44.3 Kb

di Carmelo R. Viola

“Il potere è l’altra faccia della vita”. Questa massima della biologia sociale ha un duplice valore: attivo e passivo. Attivo è il potere di cui disponiamo (per rispondere alle nostre esigenze naturali), passivo è il potere cui sottostiamo, da cui dipendiamo e da cui, possibilmente, ci sentiamo rassicurati. Il che significa che anche il potere passivo ci serve per rispondere alle dette esigenze. Il neonato cresce acquistando potere (di comprendere, di muoversi, di comunicare, di distinguere, valutare e scegliere e, alfine, di farsi delle idee” e di autoidentificarsi , intanto, attraverso parti del proprio corpo). Egli dipende, nello stesso tempo, dalla nutrice e da quanti si occupano di lui, quindi anche da chi rappresenta la figura maschile-paterna, a cui via via si aggiungerà il potere degli insegnanti, malauguratamente talvolta anche dei catechisti, infine dei rappresentanti dell’ordine sociale.

In qualsiasi organismo - biologico o tecnologico - ogni parte ha ed “è” un potere che agisce e interagisce in quanto parte di quell’organismo. C’è stretta analogia fra società ed organismo biologico. Altra massima biosociale è che “la società è un organismo vivente sui generis”.

La libertà è il potere e “il potere è un rapporto organico fra due o più forze o soggetti, sia pure inerti”.

Il primo contesto bio-organico dell’infante è il “nucleo affettivo” che, nella nostra civiltà da secoli si chiama “famiglia”. L’etimo di questa parola ci suggerisce piuttosto un “nucleo servile” - da famulus: servo - ma, come sempre vale il valore acquisito. Noi vogliamo riferirci solo al rapporto primordiale (sodalizio) che il neonato ha con la madre o nutrice e con il contesto immediato che tale rapporto comprende, possibilmente anche la figura maschile rappresentata non sempre dal padre naturale. Il neonato chiede alla nutrice latte e affetto, cioè cibo e rassicuranza affettiva. Quest’ultima la chiede anche all’intero contesto vitale che lo contiene come una specie di nido. Il latte (o cibo) risponde al bisogno di nutrizione indispensabile all’esistenza del soggetto come organismo vivente. L’affetto risponde al bisogno di sicurezza - del sentirsi protetti contro l’ambiente, i cui confini sono sempre più lontani, e contro l’ignoto.

L’affetto rassicurante è la percezione del potere passivo nel rapporto minori-adulti nutori e tutori, che non sono sempre e necessariamente i genitori e i parenti. L’affettività non fa questione di sangue. Essi, in ogni caso, esercitano un potere rassicurante. Nel apporto minori-adulti si configura il modulo biologico del dominio-soggezione, ovvero di chi domina - senza necessariamente essere dispotico - e di chi soggiace, senza necessariamente soffrirne. Chi ricorda i primi anni della propria vita, sa quanto fosse “dolce e quindi rassicurante” il sottostare al volere della madre, di una figura maschile, che chiamava papà, e di figure complementari che gli volevano bene - se ha avuto la fortuna di non nascere in un contesto violento.

Tra società ed organismo biologico c’è stretta analogia (e quindi tra medicina e biologia sociale): la funzionalità è fisiologica quando nel rapporto attivo-passivo del potere non c’è prevaricazione; è patologica nel caso contrario. E’ la malattia interiore: la depressione, la disintegrazione dell’io, la perdita dell’identità, talvolta perfino la pazzia. Ovviamente altre cause, come le malattie organiche, possono portare alle stesse conseguenze catastrofiche. Nell’evoluzione sociale (gestazione storica) della specie i soggetti umani non ancora geneticamente adulti (gli antropozoi, insomma), per effetto del loro stesso bisogno di rassicuranza affettiva, hanno prevaricato i limiti del loro potere attivo (voglio dire che ne hanno abusato): in altre parole, i genitori o nutori-tutori, hanno abusato dei figli, l’operatore economico dei suoi “dipendenti”; il potere politico dei sudditi; i ricchi-potenti dei loro mezzi di pressione e di ricatto, realizzando una predonomia violenta, insomma, comportandosi da padroni-despoti, che dànno ai lavoratori quel tanto per non morire, predandoli il più possibile; da padroni del potere pubblico (politico) che impongono ai “sudditi” delle condizioni schiavistiche e che ingabbiano la collettività per meglio potersene servire. Donde, appunto la predo-nomia: artescienza della predazione di diretta origine animale.

Lo stesso bisogno di rassicuranza diventa causa di male sociale dato che i soggetti più forti cercano di rassicurarsi anche attraverso il possesso di beni senza limite e un potere autocratico sui sottomessi, subalterni e sui deboli in genere. E’ così nato il potere organizzato, inizialmente assoluto ed arbitrario. Donde le guerre e tutte quelle violenze di cui ci parla la storia. Il sadismo (della tortura, per esempio) viene percepito come “voluttà del potere” quasi “divino” perché esercitato “dentro” lo stesso organismo della vita altrui. Il vandalismo è l’odio distruttivo di ciò che non ci rassicura (ovvero che non ci ama) e che non si può amare.

Tutto questo spiega perché da sempre il potere è causa di scontento e oggetto di contestazione fino al pensiero degli anarchici “storici”, che in tutta sincerità hanno finito per credere di avere individuato, nel potere stesso, la causa massima dei mali sociali, eliminando la quale a tutti i livelli, si lascerebbe spazio ad una libertà piena ovvero ad una società armonica e fraterna. Ho sotto gli occhi l’articolo attuale di un giornalista-scrittore anarchico di grande cultura, intitolato “Il potere fa schifo” con riferimento ad un vero e proprio dogma dell’ideologia anarchica tradizionale e alla penosa ignoranza che il potere è soltanto uno strumento vitale indispensabile e che lo schifo va riferito solo agli uomini che di quello strumento si servono in maniera criminosa in un contesto para-animale che è il capitalismo. Per contro, la storia dell’anarchismo e la vita dei singoli anarchici sono ricche di esercizio di potere naturale (“negato” e per questo talora più insidioso), che nega categoricamente quel dogma. Senza potere, autorità, gerarchia militare e disciplina gli anarchici non avrebbero potuto fare la Rivoluzione spagnola del 1936.

Dal concetto di potere a quello di autorità il passo è brevissimo: l’autorità è l’abito del potere e deriva dalla parola “autore”. L’autorità è la prerogativa naturale di ogni “autore” in quanto tale. L’autore è colui che può e autorità è il potere del soggetto. Ognuno di noi ha la propria autorità: naturale se si riferisce ai valori intrinseci del soggetto; burocratica o giuridica se si riferisce al posto che occupa nell’organizzazione del potere pubblico.

La condanna del potere e dell’autorità trova il suo complemento nella condanna dello Stato. Perciò, gli anarchici politicamente-propriamente detti, si battono per una “società senza Stato”. Se questa locuzione significa - come certamente significa, - lo scrivente conta una militanza anarchica giovanile di oltre venti anni - un’organizzazione sociale senza potere e senza autorità, ci troviamo di fronte ad un’affermazione biologicamente assurda e quindi priva di senso realistico. Non vorrei che queste considerazioni venissero interpretate dagli anarchici come una condanna globale della loro contestazione; al contrario, quasi tutte le critiche anarchiche sono verità sacrosante che fanno parte del bagaglio della mia formazione mentale. E’ la pretesa soluzione paradossalmente sbagliata che si nega da sé come incompatibile con la logica della vita, se così si può dire, che è organicità, complementarità e interattività organica, rapporti di potere attivo-passivo, rapporti di dominio-soggezione, rassicuranza reciproca e così via. Ho ripreso questo tema perché proprio oggi si ha bisogno di credere in un possibile potere costruttivo, mentre il predicare contro il potere come male per sé stesso dà man forte a coloro che stanno portando la specie umana al marasma della pre-estinzione.

E’ vero che pochi sono coloro che si professano anarchici ma è altrettanto vero - e qui denuncio una verità, che sfugge ai più - che la logica corrente dei politici e ancor più degli industriali (ed è ben comprensibile) è imbevuta del pregiudizio “meno Stato uguale a più libertà”. La maggior parte della gente, oggi, imbevuta di odio pregiudiziale e viscerale contro tutte le dittature e i governi forti senza distinzione di contenuti, ragiona in termini di riduzione del potere e quindi dello stesso Stato come condizione di maggiore giustizia

Il neoliberismo altro non è che la suddetta predonomia (il capitalismo nella sua metamorfosi storica) sempre più sottratta alla disciplina del potere pubblico, ridotto ad una specie di “agenzia di arbitrato” dell’universale agonismo per il pane quotidiano e per la ricchezza senza limite, detto - molto ridicolmente - “società liberale” (sic). Infatti, il risultato è un crescendo di ladrocinio, coperto dalla legalità, una crescente illegalità-paralegalità (detta, talvolta, impropriamente “mafia” e che sono modi diversi di fare capitalismo), una crescente divaricazione fra ricchi e poveri, una crescente precarietà, una crescente insicurezza del domani, un crescente disagio sociale, una pensione sempre più ridotta in una vecchiaia sempre più angusta, una crescente criminalità di autodifesa, di odio e di emulazione nei riguardi di chi sta bene - dell’altro in genere - , un crescendo di “ottuntori sociali” per oppiare la gente, confonderne le idee e distoglierla dai veri problemi per lasciare libero campo ai veri padroni del mondo. Sono questi che, sul piano internazionale, conducono una lotta senza quartiere per la conquista dei mercati e dove, “il più forte dei più forti” (la superpotenza Usa) si appropria direttamente delle risorse senza fare complimenti con le armi ed ogni sorta di menzogna e di violenza. L’Iraq resta l’esempio più emblematico di un imperialismo autocratico sostenuto da un potere che fa capo a sé stesso, avulso dal contesto organico del consorzio mondiale e che alcuni, offendo gli anarchici, definiscono appunto “anarchico” nel senso spregiativo del termine. Io amo parlare di “fuori legge”.

La domanda che ci insegue è sempre la stessa: perché l’uomo delinque?. Si può rispondere solo se si sa che cos’è il crimine. La biologia sociale risponde che crimine è qualunque atto di violenza, diretta o indiretta, a danno dei diritti naturali (o esigenze biologiche) di chicchessia”. La prima esigenza è certamente quella di “esistere”, di essere al mondo, ovvero di soddisfare la fame. La seconda è quella di “sentirsi sicuri”. Se il concetto di “mangiare come prima condizione per esserci” è di facile comprensione, il concetto del sentirsi sicuri è meno intuitivo: se l’uomo che ha fame, è tentato di togliere il pane di bocca al suo vicino, l’uomo insicuro lo può seviziare e uccidere senza una ragione oggettiva. Il soggetto insicuro (timoroso) è quello che manca della “rassicuranza affettiva”. E’ pericoloso. L’uomo ha sempre commesso violenza per fame ma quanto può fare per trovare una “compensazione affettiva” è inimmaginabile. Infatti, se la fame la si può soddisfare ingerendo del cibo, la carenza di rassicuranza affettiva è il sentirsi estraneo nel contesto organico, che va dal “nucleo nativo” alla società. Si è sempre inseriti in contesto ma occorre sentirsene protetti e rassicurarti: solo allora si ha la sensazione di essere la parte di un tutto e di essere sé stesso. Quando le esigenze naturali sono represse l‘inserimento sa di prigione e al sentimento di appartenenza succede quello di ostilità. Vedi il “sentirsi straniero in patria”! Quando ciò avviene il bruto ovvero l’animale, che c’è in noi, si ammala d’infelicità: può insorgere o identificarsi in uno che lo domina e che delinque “anche per lui”. L’uomo - dice ancora la biologia sociale - è quello che diventa (buono o cattivo, mansueto o ribelle e così via) ma nel senso che cambia le modalità di risposta alle sue pulsioni naturali a seconda delle circostanze e del proprio potere”. Le pulsioni naturali (abbiamo accennato, per comodità, solo alle prime due) sono categoriche, costanti e universali. Un esempio per tutti: non avremmo mai certamente un soggetto “che non ha fame” ma possiamo avere innumeri tipologie antropologiche di soggetti che rispondono a quel sintomo secondo modalità le più diverse.

La storia della specie umana è un ininterrotto scorrere di violenza e insieme di ricerca di pace. La violenza di oggi va ricercata anche nel tramonto della figura paterna, dominane e rassicurante insieme, ovvero nella dissoluzione del nucleo affettivo, detto impropriamente famiglia. Da sempre dietro ogni atto di violenza c’è una dissoluzione organica e psicodinamica. Lo stesso animale (superiore), sazio e sicuro, non è aggressivo: lo diventa al momento della fame, della difesa del suo habitat, del suo nucleo (partner e figli non ancora autonomi) e del... potere all’interno del gruppo, e della paura.

Più sopra mi sono soffermato sul pregiudizio dell’anarchismo ideologico: potere uguale a violenza, proprio perché la gioventù di oggi, (spesso “orfana” - nel senso di priva di padre - e padre di sé stessa) fa dell’anarchismo nel senso detto, senza saperlo. Ascoltiamoli questi nostri figli e nipoti quando dicono che fanno ciò che vogliono, quando disdegnano la compagnia dei genitori e dei nonni perché “vecchi anche di mentalità”, quando si prendono gioco degli insegnanti e di qualunque “autorità”; quando sfidano il codice della strada, quando, nel corso di una manifestazione di piazza, s abbandonano ad un vandalismo gratuito; quando non vogliono sentire di regole e di limiti.

La dissoluzione della famiglia (specie di quella patriarcale in cui i nonni svolgevano un ruolo complementare e di sostegno) è solo la causa oggettiva più evidente di una generazione affetta da “solitudine affettiva” (e quindi esistenziale) - che talora viene risolta con il suicidio! - ma la causa generale è lo stesso Stato non in quanto potere ma in quanto sempre meno-potere (sic!), che si desocializza a favore del privato quando, per l’effetto combinato di una maggiore coscienza del mondo e di una tecnologia galoppante, si ha maggiore bisogno di un potere pubblico sociale capace di controllare la tecnologia stessa (strumento dalla pericolosità crescente) e di insegnare la socialità organica sin dall’asilo-nido: la socialità del lavoro come creatività e servizio di una collettività di uomini-fratelli, uguali (economicamente) e quindi liberi secondo lo spirito del 1789. Lo Stato attuale è impegnato a far quadrare i parametri dell’impianto capitalista-predonomico (PIL - prodotto interno lordo - bilancio dei pagamenti con l’estero, legittimazone del parlamento e dei potenti) non quelli del benessere della collettività come comunità di individui aventi pari diritti. I milioni di disoccupati, maloccupati, poveri e diseredati (barboni compresi) sono dettagli ininfluenti.

Assieme al nucleo affettivo si sta dissolvendo lo Stato: non credo che gli anarchici intelligenti possano esserne contenti come se potessero affermare di essere vicini alla mèta del grande Ideale della “società senza Stato”. Io penso che siamo sempre più vicini al marasma sociale, dove l’arbitrio e la violenza, giovanile e non, sono sentiti come l’unica via per riappropriarsi dei propri diritti naturali e quindi della propria identità. Con quel che segue...



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo





In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista
Terremoto di Casamicciola
martedì 22 - 17h08
di : Lucio Garofalo

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

C'est seulement par le risque de sa vie que l'on conserve la liberté. Georg Wilhelm Friedrich Hegel
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito