Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
Il prodismo antipolitico malattia senile del girotondismo

di : Rina Gagliardi
mercoledì 18 gennaio 2006 - 01h13
1 comment
JPEG - 19.3 Kb

di Rina Gagliardi

Nella sua ormai trentennale storia, la "Repubblica" ha privilegiato un obiettivo su tutti gli altri: la “modernizzazione” del sistema politico italiano. Via via, mutavano i protagonisti delle campagne sostenute (De Mita contro Craxi, Lama contro Berlinguer, Occhetto e Segni contro il proporzionale, e vari altri), ma l’idea restava sostanzialmente la stessa: finirla con la storica anomalia di questo paese, che era data dall’esistenza dei partiti di massa e in particolare del Partito comunista italiano; superare, in via più o meno definitiva, la natura fortemente ideologica della nostra cultura politica nazionale; marciare verso un bipolarismo di tipo europeo, anzi anglosassone. A tutt’oggi, questo resta il “programma fondamentale” del quotidiano fondato da Eugenio Scalfari: il quale, in coerenza, da anni è schierato con nettezza sia contro Berlusconi e la destra, sia a favore delle componenti più moderate della sinistra e del centrosinistra.

In questo schieramento - ecco la novità relativa - oggi la "Repubblica" tende a cavalcare il “prodismo puro”: non il semplice (e scontato) sostegno al leader dell’Unione, ma un appoggio pressoché incondizionato alla sua leadership nella sua variante, chiamiamola così, più estremisticamente antipartitica e antipolitica. Talora, è stato il professor Parisi a delineare l’essenza autentica del progetto, ovvero una “radicale” uscita dal Novecento e dalle sue ideologie, una nettissima soluzione di continuità con tutte le tradizioni della sinistra. Tal’altra, è stato Carlo De Benedetti a imprimere una cifra più precisa, di classe, alla più generale proposta del Partito Democratico: come quando ne ha chiesto la “tessera numero uno” e ne ha nominato, sul campo, i leader autentici, Walter Veltroni e Francesco Rutelli. Con ciò rendendo palese l’atteggiamento suo proprio, e di una parte della borghesia “illuminata”, nei confronti di Romano Prodi: quella del Professore altro non è che una fase tanto “necessaria” quanto contingente e transeunte.

Intanto, però, è ancora Prodi il leader sul campo: tanto da riprovare a rimettere in discussione la scelta di Margherita e Ds di presentarsi separati al Senato, tanto da far balenare la possibilità, per il 9 aprile, di dar vita a una sua propria lista. Nell’Ulivo tende dunque a riaprirsi la dialettica tra il leader designato e le forze maggiori della sua coalizione - e, in un quadro nient’affatto risolto, la "Repubblica" tende a diventare proprio l’organo del “prodismo”. L’articolo domenicale di Ilvo Diamanti aveva quasi anticipato l’iniziativa del Professore. Mosso dalla preoccupazione che l’ancor rovente scontro sull’Unipol finisca con restituire troppa forza ai Democratici di sinistra, il politologo si era lanciato in una accorata “denuncia” dei partiti e del loro ruolo ingombrante. Chiedeva a Prodi di superare le sue prudenze e chiedeva alla Quercia di sciogliersi - né più né meno - consegnando agli archivi ogni traccia, anche la più residua, della sua storia. Sono le posizioni espresse con quasi quotidiano vigore da altri commentatori di "Repubblica" (Maltese, Berselli ed altri). Del resto, non era stato proprio Eugenio Scalfari uno dei protagonisti del referendum del ’93, tanto da definirlo in Tv come “una bomba ad orologeria messa sotto i partiti”? E non è vero che ormai i principali organi di stampa (anche il "Corriere della sera") tifano forsennatamente per il Partito Democratico, quasi completamente a prescindere dai suoi contenuti, dalla sua possibile fisionomia, dai suoi programmi?

Cerchiamo di capire di che cosa davvero si tratta. Così come viene sollecitato, auspicato, preconizzato, il Partito Democratico sarebbe un soggetto politico nuovo di zecca: la vera chiave di volta per superare tutte le arretratezze italiane. Modellato sul suo omologo statunitense, sganciato da ogni legame organico con gli interessi dei lavoratori e con il conflitto sociale, privo di ogni fisionomia forte, esso avrebbe il compito di costituire attorno a sé un’aggregazione elettorale - capace di coinvolgere la “medietà” dell’opinione di sinistra, gli intellettuali, un po’ di “liberal”, un po’ di borghesi progressisti, un pizzico di ambientalismo, e anche un po’ di movimentismo, purché autocensurato nelle sue sfere d’intervento e nella sua pratica sempre e comunque “compatibile”con l’esistente. Sarebbe, insomma, uno dei due poli nei quali suddividere una politica finalmente normalizzata: del tutto simili l’uno all’altro sulle grandi discriminanti (la politica internazionale e quella economica), la scelta sarebbe ridotta agli “umori” - tra un fronte vagamente progressista e un fronte, più o meno, reazionario. A tutto il resto sarebbe riservato, come massimo, un diritto di tribuna, all’interno di un destino di marginalità.

Ma come mai un’idea come questa affascina, quasi con la stessa intensità, intellettuali (quasi) “radicali” e imprenditori? “Girotondini” antiberlusconiani e borghesi perbene? Estremisti prodiani ed estremisti “riformisti”?

Risposta numero uno. In realtà, nell’immaginario ideologico postcomunista e nelle campagne della "Repubblica", il Pd, il Partito Democratico è da intendersi proprio come una scorciatoia: non è un partito, ma la fine dei partiti. Non è una nuova forza politica, ma l’approdo “necessario” dello scioglimento delle forze attuali. Non è un nuovo inizio, ma la conclusione desiderabile della crisi delle grandi narrazioni novecentesche. Si scrive Pd, ma si deve leggere - almeno per una parte sostanziale - come fine della politica classica, quella fondata sulle grandi categorie della politica europea (comunismo, socialismo, socialdemocrazia, e perfino liberalismo). Si capisce bene, perciò, perché piace a una parte, la meno volgare, del capitalismo italiano. Contemporaneamente, esso - il Pd - non può che piacere a un’intellettualità che è, al tempo stesso in crisi e critica, “libera” e separata, priva cioè di rapporti diretti con la realtà sociale, ma bisognosa di ritrovare una funzione e di esercitare un’influenza. Gli uni e gli altri, alla fine, rispondono alla crisi dei partiti (che c’è) e al degrado della politica (che c’è) con una ricetta dall’apparente semplicità: l’antipolitica.

Risposta numero due. In quanto ideologia antipolitica, il Pd corrisponde ai miti oggi più diffusi dal sistema mediatico: l’efficienza, la competenza, il merito, intesi come valori “in sé”, in qualche modo neutrali e comunque sempre benefici. Se la politica è rappresentata come il regno delle chiacchiere, della retorica inetta, della “fannullonaggine” (come ha detto Berlusconi nel faccia a faccia con Bertinotti), e se in conseguenza i politici di professione sono identificati con burocrazie tanto costose quanto voraci, il Tecnico - ovvero il Non Politico di mestiere - viene esaltato in quanto tale, in quanto detentore in sé e per sé di un potere salvifico.

A destra, Berlusconi ha fatto di questa ricetta - l’orgoglio imprenditoriale e aziendale - una chiave del suo successo, e a suo tempo anche del suo consenso popolare. A sinistra, di Romano Prodi si esalta, in quest’ottica, il ruolo di Professore, di Tecnico, di “esperto” (ciò che è anche oggettivamente fondato). Eppure, in quest’ultimissima fase, se c’è un fallimento conclamato, sotto gli occhi di tutti, non è proprio quello dei Grandi Tecnici (Fazio), dei manager ex-furbi, degli imprenditori, dei raccoglitori puri di ricchezza? Ma la retorica della “società civile” - vaga e indifferenziata, interclassista, priva di soggetti e interessi sociali definiti - resta forte. Un’icona quasi irresistibile.

Risposta numero tre. I fans del prodismo e del Partito Democratico, anche quelli che ci credono davvero, sottovalutano radicalmente il rapporto tra qualità della democrazia - anche della democrazia liberale e rappresentativa - e presenza dei partiti. Non sembri un paradosso polemico: ma è perfino curioso annotare quanto poco ai “democratici in fieri” interessi la democrazia, quanto poco (quasi nulla) questo tema compaia nelle loro riflessioni. Come se l’antica formazione azionista - quella sorta di riflesso ipergiacobino e paternalistico che costituisce tanta parte della cultura politica della "Repubblica" e del suo fondatore - si proiettasse “naturalmente” su intellettuali, opinion maker, analisti. Come se l’ossessione dell’uscita dalle grandi narrazioni novecentesche costituisse, a tutt’oggi, la vera priorità

Ma è anche grazie a quelle narrazioni che, per la prima volta nella storia moderna, si è rotto - o incrinato - il dominio delle oligarchie: le classi subalterne si sono date strumenti di partecipazione, riflessione e intervento, hanno scoperto la militanza in prima persona, in una parola, hanno inventato i partiti di massa. La politica di trasformazione rivoluzionaria, ma anche, allo stesso tempo, un nuovo e determinante innervamento della stessa democrazia liberale. La politica, insomma, non più come tecnica riservata ad una élite di specialisti, destinati ad amministrare al meglio gli interessi delle classi dominanti, ma come riconciliazione tra il cittadino astratto e la persona in carne ed ossa - con il suo essere sociale, i suoi bisogni, le sue sofferenze, le sue gioie. E’ vero che questa epopea straordinaria conosce da tempo una crisi profonda - per molte ragioni che qui non possiamo analizzare. E’ vero che il più grande tentativo rivoluzionario del ‘900 è finito in un disastro - non solo in quella che è stata l’Unione sovietica. Ed è vero che, in conseguenza, non solo il movimento comunista, ma la sinistra, in quanto tale, in tutte le sue varianti, non appare più capace di promettere il futuro. Ma la risposta può essere quella, in fondo molto banale, del nodo gordiano? Se i partiti sono in crisi, se deludono, e gravemente, se sono - talora - una vera schifezza, si può pensare davvero che sia un bene eliminarli? Tagliarli come fossero solo escrescenze fastidiose e ingombranti? Sradicarli a forza? E senza pagare prezzi salatissimi dal punto di vista dello stato di salute della democrazia?

Conclusione (provvisoria). Dunque, da Diamanti a Panebianco, la richiesta è univoca - ed è logico che il bersaglio privilegiato della campagna per il Partito Democratico siano i Ds. Per quanto sia stato fatto dai suoi gruppi dirigenti (quasi) tutto quello che è stato chiesto - dalla Bolognina in poi - non sono né soddisfatti né placati: perché i Ds, a dispetto di tutto, sono un partito, vengono dalla sinistra, ne portano tracce profonde e rispondono comunque ad un popolo. I suoi dirigenti (e militanti) vengono, per lo più, dal Pci - un altro peccato, una “diversità”, una storia, che si possono scontare soltanto con una buona eutanasia. Alla fin fine, può darsi che le sirene della "Repubblica" incantino la Quercia: ognuno decide liberamente il proprio destino. Ma c’è un classico motto della politica classica che potrebbe tornare utile anche in questa circostanza: “primum vivere”...

http://www.liberazione.it/commento....



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo


Forum del' articolo
 

> Il prodismo antipolitico malattia senile del girotondismo
19 gennaio 2006 - 10h28 - Di 99adb5b80ebc7312c8fc0a81597eb23c...

Mentre Silvio fa i girotondi mediatici, dove sono quelli del centrosinistra pronti a rispondere a le sue nefandezze. Nel centrosinistra parlano solo da soli, Prodi con Veltroni e con Fassino, Pecoraro Scanio con Diliberto. Basta. Bisogna andare tutti in tv e raccontare la verità e tenere testa al più grande bugiardo d’Italia.

RINALDO SIDOLI
SIDOLI.ORG






In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista
Terremoto di Casamicciola
martedì 22 - 17h08
di : Lucio Garofalo

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

Tout compromis repose sur des concessions mutuelles, mais il ne saurait y avoir de concessions mutuelles lorsqu'il s'agit de principes fondamentaux. Gandhi
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito