Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
RICORDO DI GIOVANNI PIOLI

di : Carmelo R. Viola
venerdì 3 febbraio 2006 - 01h05
3 commenti
JPEG - 26.4 Kb

di Carmelo R. Viola

Giovanni Pioli è una delle persone più nobili e più amabili che io abbia conosciuto fra migliaia di figure mediocri o scialbe. Per coerenza con la propria coscienza morale e sociale, costui aveva buttato la veste talare alle ortiche per dedicarsi alla libera ricerca e divulgazione della “verità che fa liberi” - come dice un negletto versetto della Bibbia. Stavo per dire “per seguir virtude e conoscenza”, ripetendo le parole di Dante. Se non ricordo male, era un acceso fautore del “modernismo”, considerato dalla Chiesa cattolica eresia meritevole di anatema. Pioli era, a mio avviso, un laico per costituzione e doveva avere accettato la ferrea catechesi del seminario non so per quali circostanze esistenziali, talora perfino violenti come certe pretese genitoriali di “vestire il pupo secondo fede maniaca o convenienza”, o probabilmente nella convinzione che quella fosse, tutto sommato, la strada per diventare il meglio di sé stesso.

Un uomo geniale e giusto, che si ritrova attanagliato nella gabbia dogmatica di un istituto machiavellicamente autocratico, quale è quello romano dei papi, o ne viene espulso per totale incompatibilità o se ne fugge come da un sogno terrificante. Non conosco - o non ricordo - l’esatta storia della crisi che portò il Pioli fuori e contro la terribile piovra dei sedicenti referenti storici di Pietro. So che si rivelò quello che si dice un uomo libero, un libero pensatore, un combattente disarmato volontario per la verità e la giustizia. Come tale si sentì attratto per affinità direi magnetica dagli ambienti nonviolenti, anarchici e di coloro che continuano ad onorare il ricordo di Giordano Bruno, la cui statua si erge nella Piazza dei Fiori di Roma a perenne condanna della impostura e ferocia dell’Inquisizione.

Me lo fece conoscere come studioso e scrittore l‘amico Francesco Sciuto, militante nonviolento, docente di Cristianesimo Antico presso l’Università di Catania e pubblicista. Era il tempo della stampa anticlericale, del famoso “Don Basilio” ed altri fogli “mangiapreti” come “Il Mercante” e della caccia ai vilipendiatori. Io ero già stato processato, condannato ed amnistiato (sic!) assieme al direttore del settimanale anarchico “Umanità Nova” di Roma, Umberto Consiglio, per avere citato l’aforisma di Arturo Schopenhauer. “ Se un Dio ha creato questo mondo non vorrei essere io perché la miseria umana mi spezzerebbe il cuore”. Era anche il tempo in cui impazzava il caso della statua della Madonna siracusana, che si era messa a lacrimare. Era l’ennesimo caso di miracolismo pagano di fronte al quale la Chiesa segue un preciso percorso subdolo: dapprima esprime scetticismo: la cautela prudenziale di chi, prima di esprimersi, esige la certezza dei fatti ma - e questo è l’essenza dei fatti, che sfugge ai più -, il solo attendere presuppone la possibilità di un miracolo contro la logica e la scienza secondo le quali non può esistere alcun miracolo all’interno di quell’unico incommensurabile miracolo che è la vita per miracolo intendendo una deroga alle leggi che governano il divenire della vita stessa.

Tramite lo stesso Sciuto ebbi l’aureo libretto del Pioli dal titolo “Luce sul mistero. Come si spiega la comparsa di lacrime e sangue su immagini di Madonna” e quasi contemporaneamente ricevetti la recensione dello scrittore milanese Luigi Rodelli, noto anche come fondatore dell’”Associazione per la libertà religiosa in Italia” (ALRI). La nota critica la ospitai nel numero di marzo 1957 della mia “Previsioni” (Rassegna internazionale polemica di cultura umanistica e sociale). Il recensore riassume in una sintesi pensosa i pregi del lavoro e le qualità dell’autore. Pioli, dopo avere ricordato che “anche le statue dei pagani sudavano lacrime e sangue” e che “ogni fenomeno è l’anello di una catena interminabile di cause ed effetti”, accenna all’”origine psichica delle visioni tipo Lourdes, Salette, Fatima, provocate da individui ipersensibili in genere fanciulle e contadinelli, dall’incrocio e dall’interazione di radiazioni cosmiche con le telluriche causate da corsi d’acqua giacimenti di minerali e metalli esistenti nelle località in cui avvengono tali perturbazioni psichiche”. Dunque, la presunta lacrimazione della Madonna di Siracusa - conclude il Rodelli - va ascritta alla fenomenologia psico-fisica, ovvero alla presenza di un soggetto psicopatico. E davvero la statuetta in causa “lacrimava” mentre un giovane soggetto dispsichico, abitante nella stessa casa, era in preda a crisi epilettiformi. Il saggio (intendo il testo in questione) era anche un inno alla religiosità, che, per il Pioli (come per il sottoscritto) è il legame mistico-affettivo dell’uomo con il tutto, e che non ha niente a che vedere con la religione istituzionalizzata, canonizzata, ridotta ad un codice catechistico di verità chiuse e di precetti con il solo dovere dell’obbedienza cieca e senza possibilità di appello della coscienza. Così ebbi occasione di conoscere, assieme all’uomo, anche lo scienziato.

Anch’io, come giornalista e come uomo, mi recai a Siracusa, per vedere la famosa statua, ma non vi riscontrai lacrime di sorta. I miei servizi (cinque, se non ricordo male), che contenevano mie ipotesi personali, vennero ospitate da testate varie ed anche dal periodico italo-americano “L’Adunata dei Refrattari” ed ottenne il plauso dell’allora noto sensitivo Eugenio Vento di Torino. L’iter subdolo della Chiesa si concluse con la costruzione di un immenso luogo di culto dedicato alla “Madonna delle lacrime” arricchendo la piovra di un ennesimo punto di suggestione collettiva e di cattura mentale.

Nel numero di settembre di “Previsioni” dello stesso anno ospito un intervento del Pioli dal titolo eloquente “Israele c’è e resterà dov’è” dal quale si scopre come anche il saggio uomo credesse nello Stato avveniristico dei Kibutzin e nelle migliori intenzioni dei suoi promotori, dietro lo sconcerto della persecuzione di cui gli ebrei erano state vittime anche in Italia. Anch’io sentivo alla stessa maniera finché mi ricrederò. Avevo un corrispondente, un certo Hocchauser-Armony di origine tedesca, unico superstite della sua famiglia, ospite di un lager della morte, che mi scriveva da Haifa ed era entusiasta delle innovazioni sociali del nuovo Stato. Probabilmente il Pioli non avrà il tempo di ravvedersi. Scriveva Egli di un “piccolo civilissimo Stato, che sostiene, isolato, l’immane compito, di restituire una patria ad un popolo martire da due millenni”. La verità sarà ben diversa. Gli Usa - e questo lo dico io - avevano furbescamente sfruttata la contingenza storica per crearsi un punto geopolitico chiave nel Medio Oriente, usando il nascente e sempre più forte potere israeliano come cuneo nel mondo arabo. Vero è che le origini ebraiche risalgono dritte dritte a Gerusalemme (o Sion) e quindi alla Palestina ma anche all’Egitto. Tuttavia, è altrettanto vero che non si può riportare indietro la storia. Gli Usa avrebbero avuto la possibilità di dare un territorio agli ebrei nella propria immensa area evitando di farli stipare lungo una striscia compressa da forze avversarie, ma avrebbero perso la loro più grande occasione di fornirsi del più grande pretesto d’intervento militare nel mondo sotto la fattispecie del “terrorismo”: nella realtà del “contro-terrorismo” delle vittime del proprio imperialismo!

Del Pioli ospiterò ancora l’articolo “Princìpi e coerenza” nel numero di giugno 1958. Con esso lo studioso risponde ad una domanda di un certo Nico apparsa sul n.ro 2 del “Seme Anarchico” di Torino di quell’anno: se fosse dovuto per legge “far battezzare i neonati che nascono da genitori cattolici”. L’A. fa notare l’ignoranza della maggior parte dei cattolici - più consuetudinari che cattolici - i quali fanno battezzare i loro figli per “costumanza” senza sapere che il “sacerdote battezzante” “intima all’immondo diavolo di uscire da quella creatura per dar luogo allo Spirito Santo” (così offendendo il neonato, spiegherà più avanti) e senza rendersi conto che l’opera del prete ha un effetto anagraficamente indelebile. E’, infatti, sulla base dei registri parrocchiali che “la Corte Costituzionale” sentenzierà che in Italia la maggior parte della popolazione è cattolica”.

Lo studioso richiama, per l’appunto, alla coerenza, che non è compatibile con l’indifferenza e la ripetitività delle consuetudini solo per darsi l’illusione di avere fatto il proprio dovere. A tal proposito il Pioli ricorda il Concilio di Trento che nella sessione XIII del secolo XVI prevedeva la scomunica (disposizione sempre valida) per coloro che dicono che i battezzati, una volta consapevoli del sacramento, “debbano essere lasciati fare a loro arbitrio” con la sola restrizione di non potere ricevere l’Eucaristia e gli altri sacramenti. Giovanni Pioli, liberatosi del tutto della cattura clericale, ricorda come il battesimo pregiudichi e condanni degli innocenti ad una catena infrangibile a tutti gli effetti mentre la sua assenza lascia liberi i soggetti, una volta in età di ragione di scegliere, se lo vogliono, anche la sudditanza passiva alla teocrazia dei papi. Il Pioli era per il rispetto rigoroso dell’innocenza dell’infanzia - da sottrarre a qualsiasi catechesi - ma anche di qualunque religione praticata n piena coscienza salvo a confutarla in un dialogo leale fra adulti, nello spirito di Thomas Jefferson, che la rivista “Previsioni” riportava sul proprio frontespizio: “Qui non abbiamo paura di seguire la verità ovunque questa ci possa condurre né di tollerare qualsiasi errore finché la ragione è lasciata libera di combatterlo”. Il contenuto dell’articolo sopra citato è tuttora di estrema attualità.

Qualche anno dopo conoscerò personalmente il Giovanni Pioli che, per me, alquanto giovane, era grande non solo di anni ma anche di esperienza. L’alone di simpatia e di rispetto che lo circondava negli ambienti che io frequentavo, ed anche la mole fisica, me lo facevano apparire ancora più grande. L’incontro avvenne in casa del già citato Luigi Rodelli ed io sentì come il fluido tonificante di un uomo che ha sofferto non poco per amore di coerenza e di giustizia. Della eventuale scomunica non gliene importava più certamente un bel niente ma non degli effetti nel lavoro e nella vita civile in ottemperanza ai Patti del Laterano, non esenti da spirito inquisitoriale. “Previsioni” - apro una parentesi - aveva un altro collaboratore ex prete: si chiamava Antonino Fradà. Questi, in applicazione dell’art. 5 (cito a memoria) di quei Patti, non poteva svolgere un lavoro che lo mettesse in contatto con il pubblico. Il pover uomo aveva ottenuto dal Comune di Messina, per pietà, il posto di guardacessi presso un giardino pubblico! Chiudo la parentesi.

Era con me mio figlio, Gianni, oggi scrittore affermato. Al momento delle presentazioni, Giovanni Pioli ebbe a dire a questo: “figlio di cotanto padre!” Non poteva farmi elogio più grande. Il Pioli aveva una grossa tumefazione su una guancia: forse il tumore che di lì a poco ne chiuderà l’esistenza.

Qualche anno dopo un gruppo di estimatori, fra cui il citato prof. Francesco Sciuto, lo ricorderemo in un libro dedicato alla sua memoria.

Quell’incontro, quasi occasionale, mi aveva dato la piena immagine di tutta la bonomia e la saggezza di un uomo che aveva conosciuto il potere vorace e vendicativo di un istituto che si richiama indegnamente a Cristo - storico o mitico poco importa. Quell’incontro m’è rimasto fermo nella retrospezione interiore come un evento-chiave della mia carriera di ricercatore e di combattente senza partito traendone costante motivo di riflessione. Per questo sono contento di avere ricordato il compianto “commilitone” Giovanni Pioli, autore, tra l’altro (se la memoria non mi abbaglia) di una poderosa opera su “Fausto Socino”.



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo


Forum del' articolo
 

RICORDO DI GIOVANNI PIOLI
9 settembre 2009 - 22h13 - Di 05f27ade81855f7a26c4135698dcee10...

Gentilissimo,
sono un ex allievo del più volte citato prof. Luigi Rodelli. Desidererei sapere se è in possesso di altre suo notizie oltre al fatto che è scomparso alcuni anni fa.
La ringrazio della attenzione
Giuliano Sacchi
giuliano.sacchi@gmail.com
3474981960



RICORDO DI GIOVANNI PIOLI
5 novembre 2012 - 15h38 - Di paolo - d0d7c499fcad4d96fb4cb5acbaf475c0...

pioli giovanni, btg romagna, massacrato dai partigiani comunisti a Oderzo, dopo che si era arreso...Porci!!!!!!!!!!!!


RICORDO DI GIOVANNI PIOLI
5 novembre 2012 - 15h39 - Di paolo - d0d7c499fcad4d96fb4cb5acbaf475c0...

Pioli Giovanni ucciso dai partigiani a Oderzo, aveva 24 anni e risiedeva a Castglione di Garfagnana.
Onore ai martiri del comunismo assassino!
Franca





Corruzione e schiavitù moderna : il controverso leader del Qatar in visita in Italia
lunedì 19 - 12h52
di : Valentina Ricci
In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

La question est de savoir dans quels cas et jusqu'à quel point nous sommes obligés d'obéir à un système injuste. John Rawls
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito