Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
Orson Welles - "Dracula" in radio prima della "Guerra dei mondi"

di : edoneo
venerdì 3 febbraio 2006 - 11h09
JPEG - 6.5 Kb

Welles, la voce del vampiro
L’11 luglio del 1938 Orson Welles inaugurò la sua serie radiofonica con «Dracula». A Udine, un convegno ripercorre le tappe del complesso rapporto con i media vissuto dal regista di «Citizen Kane». Nell’intervento che pubblichiamo (si terrà domani) viene analizzata la linea narrativa adottata dal maestro del cinema nell’interpretare le scene del romanzo di Bram Stoker

di GIORGIO PLACEREANI

Pubblichiamo l’intervento del curatore ufficiale del convegno internazionale di studi dal titolo «My name is Orson Welles - Media forme e linguaggi», che si terrà a Udine a partire da oggi (e fino al 4 febbraio), a conclusione della grande retrospettiva «Citizen Welles» tenutasi fra Udine e Pordenone. Il simposio verterà sul rapporto complesso del regista con i vari strumenti mediatici sperimentati nella sua carriera.

Pubblichiamo l’intervento del curatore ufficiale del convegno internazionale di studi dal titolo «My name is Orson Welles - Media forme e linguaggi», che si terrà a Udine a partire da oggi (e fino al 4 febbraio), a conclusione della grande retrospettiva «Citizen Welles» tenutasi fra Udine e Pordenone. Il simposio verterà sul rapporto complesso del regista con i vari strumenti mediatici sperimentati nella sua carrieraQuesto intervento si incentrerà sulla versione radiofonica di Dracula, trasmessa l’11 luglio 1938, con cui Orson Welles inaugurò la sua serie radio in «prima persona singolare» col Mercury Theatre on the Air.

Il Dracula di Bram Stoker (1897) è un romanzo a dossier, dove il narratore onnisciente cede il posto a una moltiplicazione dei punti di vista; in questo è rappresentativo della struttura «prismatica» e «polifonica» (le espressioni sono di Franco Marucci) della tarda narrativa vittoriana, per esempio in Wilkie Collins, un autore che, insieme ovviamente a Sheridan LeFanu, influenzò Stoker. Per questo motivo Dracula ha sempre rappresentato un problema per le varie versioni teatrali o cinematografiche, che hanno dovuto realizzare la reductio ad unum di una narrazione frazionata.

JPEG - 40.3 Kb

Un modello in questo senso, che Welles si trovò davanti agli occhi per scartarlo immediatamente, è la versione teatrale circolata negli Stati Uniti. Si può ricordare qui che anche Bram Stoker si era baloccato con l’idea di una versione teatrale del romanzo; del resto, la consuetudine di Stoker con l’ambiente teatrale, quale segretario di Henry Irving, si nota nel romanzo, che abbonda di battute a effetto che suonerebbero singolarmente bene sul palcoscenico. La versione teatrale di Dracula si deve, com’è noto, all’attore Hamilton Deane; circolando negli Stati uniti la pièce fu modificata da James Balderston.

La versione Deane-Balderston è riconoscibile, sotto pesanti modifiche, alla base della sceneggiatura del sottovalutato Dracula di Tod Browning (1931) con Bela Lugosi. Ma, a parte il fatto che sarà una costante di Welles ignorare i precedenti adattamenti delle opere che sceglie (cfr. The Magnificent Ambersons), la stessa struttura del lavoro radiofonico di Welles - lucidamente postulata fin dall’inizio - in «prima persona singolare» avrebbe reso impensabile rifarsi a quella linea narrativa. Welles riprende direttamente il romanzo, in una trascrizione esemplare per la capacità di sintetizzare il testo base in una trasmissione di un’ora; Welles lo riprende a volte parola per parola, non solo nei dialoghi ma in passaggi come la descrizione dei lupi, la scoperta di Lucy morente dopo l’attacco del vampiro, la veglia nel cimitero.

Così Welles mantiene del romanzo una lettura assai fedele (la grande pagina dell’inseguimento finale restituisce perfettamente le caratteristiche di Dracula come «romanzo ferroviario»), portando ulteriormente in primo piano quelli che già nel Dracula stokeriano sono i due narratori principali, Harker e Seward. Come interprete Welles si riserva una doppia parte: è Seward, cui è delegato il ruolo dell’interpellazione che stabilisce il necessario legame con gli ascoltatori (Seward li chiama a giudicare della veridicità dei fatti) e il conte Dracula, il mostro, la cui voce dall’accento straniero ha un innaturale rimbombo. In un passaggio, la scena in cui Harker rischia di essere gettato in pasto ai lupi, Welles regala al personaggio di Dracula un elemento di dry humour che sviluppa ulteriormente quello di Stoker.

Un secondo grande problema tutte le versioni hanno dovuto affrontare: quello dell’eliminazione del Conte. Nel collage di voci che è il romanzo di Stoker, il ruolo di Dracula è sempre di essere riferito: il vampiro non ha voce propria, è oggetto e mai soggetto della narrazione. Di più, tranne che nella sezione iniziale, il diario di Harker (quasi un romanzo nel romanzo), il vampiro compare sempre più come forza esterna, soffrendo di una sorta di calo di status narrativo (c’è perfino un passaggio ironico, quasi parodistico): in particolare nell’inseguimento finale, concluso con la scena assai veloce della sua distruzione, che relativamente a Dracula avviene praticamente senza lotta, e senza dialogo (Stoker tagliò in bozze una pagina col crollo del castello, una catastrofe di gusto eccessivamente gotico). In altri termini, nel corso del romanzo il centro di gravità si sposta progressivamente sul gruppo dei cacciatori, preoccupati per la trasformazione vampirica in atto di uno dei membri, Mina. Si potrebbe dire: dal vampirismo come persona al vampirismo come fenomeno, infezione, di cui occorre distruggere la causa.

Questa diminuzione del ruolo attivo del vampiro creerebbe un effetto di anticlimax sul palcoscenico o sullo schermo. Qualsiasi versione si pone quindi il problema di drammatizzare la distruzione di Dracula. Welles inventa una parte di dialogo per «teatralizzare» la morte del Conte, che - impossibilitato a muoversi perché non è ancora scesa la notte - chiama a sé in una sorta di magia le forze oscure della natura (ha scritto assai bene François Thomas: entro una trasmissione radio basata sull’«ossessione quasi morbosa per il rumore», Dracula in questa scena si pone come «grande ordinatore dei rumori»). Va aggiunto che, contrariamente ad alcune opinioni, questo ampliamento non si allontana in sé dalla logica del romanzo. Amplifica solo un tratto secondario del personaggio, quello demoniaco, autorizzato da un isolato riferimento precedente di Stoker alla Scholomance, la scuola del diavolo. Il Dracula di Stoker - ecco un altro aspetto che lo iscrive nell’ambito della letteratura popolare - è per così dire un «magazzino» di linee di sviluppo possibili, accennate e poi non utilizzate.

Il Dracula interpretato da Welles è un’altra delle sue figure di potenti che bisogna distruggere per ristabilire regolari condizioni di vita - e che tuttavia torreggiano sopra i loro nemici. Ora, se il tema del padre sostitutivo attraversa l’opera di Welles (popolata di rapporti giovane/vecchio), quanti padri-mariti, pater familias, distruttivi vi troviamo! Da Kane al Rankin di The Stranger a Macbeth a Otello (allo stesso tempo potente e vittima) ad Arkadin a Mr. Clay (quest’ultimo in forma astratta, ma riconoscibile). Queste figure ci fanno riflettere sulla presenza nell’opera wellesiana dell’archetipo di Crono, il padre che divora i suoi figli: implicito nel rapporto con la moglie-bambina di Kane, realizzato in Arkadin, e in Othello (sto pensando non al rapporto Otello-Iago bensì Otello-Cassio, il quale non a caso, sfuggito ai disegni di Otello, erediterà Cipro); rovesciato in Falstaff, dove avviene l’evirazione di un padre non divoratore; e possiamo aggiungervi The Other Side of the Wind. Se poi vediamo, com’è giusto, George Amberson Minafer non solo come figlio ma come erede e rappresentante di una stirpe, in cui arriva al punto massimo l’orgoglio degli Amberson (cioè, in uno spirito gotico, quale culmine dei peccati di una stirpe), ecco che anch’egli non appare estraneo allo schema.

Evidentemente Dracula appartiene alla serie di queste oscure figure parentali. Il capo-stirpe dei vampiri è un padre-marito per Mina, che chiama «mia sposa», ma che appella anche, come fa con Lucy (e per tutto il mondo infero nella scena finale), «flesh of my flesh... blood of my blood» - che è per definizione espressione paterna. È interessante ricordare a questo proposito come il Dracula di Bram Stoker sia un romanzo senza padri, un romanzo di orfani, nel corso del quale muoiono anche le figure già secondarie e umbratili di padri e madri sopravvissuti (il padre di Arthur, la madre di Lucy, quel padre putativo di Harker che è Mr. Hawkins; Van Helsing invece ha perso un figlio, e sembra rivederlo in Arthur: la linea della paternità è sempre spezzata). Il romanzo stokeriano è attraversato dal riferimento alla sterilità (come pure sterile è il vampirismo, legato a concetti di lussuria meccanica, impoverimento, morte ed esclusione da Dio). Solo dopo la distruzione del Conte Dracula si conclude con una paternità operante, la nascita del figlio di Harker e Mina: solo alla fine una famiglia integra è composta, una sterilità è superata. Bisogna però isolare, all’interno dell’ampliamento operato da Welles sul testo del romanzo, un elemento che è specificamente suo. Nel romanzo di Stoker Mina rappresenta la donna emancipata (ex istitutrice, attiva, confidente, coraggiosa; le sarebbe piaciuto fare la giornalista).

Nondimeno, però dopo la sua vampirizzazione da parte di Dracula Mina diventa anche - cosa molto vittoriana - la vittima auto-colpevolizzantesi di uno stupro («Contaminata!», grida). Dracula viene distrutto materialmente da uno dei suoi «cavalieri», Quincey Morris. Invece alla fine del Dracula di Welles - qui sì con deciso allontanamento dal romanzo - Mina sotto l’influsso ipnotico del Conte sembra voglia impedire la sua distruzione, fra la disperazione dei compagni - ma improvvisamente si libera dell’ipnosi e uccide Dracula di propria mano. Ciò serve evidentemente a potenziare la suspence della scena, è un bel coup de thêatre, ma non solo. Ci permette di riconoscere la presenza di un altro archetipo wellesiano, la donna distruttrice.

Questa figura attraversa tutto il cinema di Welles. In primo luogo troviamo quelle figure femminili che potremmo definire «sirene», che provocano il male e portano alla perdizione il personaggio maschile: Lady from Shanghai, naturalmente Macbeth, però anche zia Fanny negli Ambersons, pur nella sua umile figura di zitella che trama nell’ombra (mentre nello stesso film il destino di Isabel ci dice quale sia quello delle figure femminili non distruttrici: essere divorate - come Desdemona). Anche in The Trial l’ossessione si riflette in tutta una serie di figure femminili divoratrici. «Far torto o subirlo», direbbe Manzoni; troviamo altresì nell’opera di Welles la figura della donna distruttrice-vendicatrice, in quanto portatrice di un «tradimento moralmente giustificato»: dalla Susan di Kane alla Mary di The Stranger alla Raina di Mr. Arkadin - né dimentichiamo l’elemento della vendetta presente nella Virginie di Histoire immortelle. Anche la Mina di Dracula appartiene con tutta evidenza a questa categoria.

Tuttavia sarebbe fare grave torto alla complessa realtà artistica wellesiana non notare l’unicità di questa figura: giustificata o meno, la donna si pone sotto il segno della distruzione e del pericolo, rappresenta una sorta di contraltare egualmente oscuro agli eroi oscuri di Welles. Pertanto è interessante che il dénouement del Dracula radiofonico, unico reale allontanamento di Welles dal romanzo, sia inteso a introdurre proprio questa figura.

http://ilmanifesto.it/Quotidiano-ar...


http://www.edoneo.org/



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo





Corruzione e schiavitù moderna : il controverso leader del Qatar in visita in Italia
lunedì 19 - 12h52
di : Valentina Ricci
In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

Notre pouvoir scientifique a dépassé notre pouvoir spirituel. Nous savons guider des missiles mais nous détournons l'homme de sa voie. Martin Luther King
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito