Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
Chi ha ucciso Pier Paolo Pasolini ?

di : Enrico Campofreda
lunedì 13 febbraio 2006 - 06h14
1 comment
GIF - 25.2 Kb

C’è un gruppo d’intellettuali e amici del poeta che raccoglie firme per riaprire il processo Pasolini. Da cultori e orfani della sua figura aderiamo all’iniziativa e la divulghiamo. Gli interessati possono sottoscrivere a: appellopasolini@yahoo.it

di Enrico Campofreda

“Il coraggio intellettuale della verità e la pratica politica sono due cose inconciliabili in Italia”

Il fantasma di Pasolini sui Palazzi della politica

“Io so”, avrebbe detto, come nell’incipit de “Il romanzo delle stragi” scritto il 14 novembre 1974 e raccolto nei celebri “Scritti Corsari”. Con lui anche noi sappiamo, certo non abbiamo prove. Ma indizi sì, parecchi.

Li respiravamo proprio nei mesi a ridosso delle bombe fasciste di Piazza della Loggia e dell’Italicus, opera dell’ordinovista Mario Tuti e dei suoi camerati toscani e bresciani, vezzeggiati dal partito di Almirante e del delfino Fini. Coccolati dal neofascismo istituzionale del Msi accettato nel Parlamento della Repubblica nata dalla Resistenza, addestrati dalla Cia e dai Servizi golpisti dei Miceli e Giannettini, protetti dalla crema politica dorotea degli Andreotti e Rumor e da certo clericalismo oscuro e oscurantista.

Carezzati dalla P2 gelliana che raccoglieva accanto a fascisti vecchi e nuovi, democristiani e socialisti, squadristi e malavitosi, opportunisti e facce televisive che i partiti della lottizzazione Rai tolleravano e caldeggiavano. Hanno continuato a farlo per anni. Una faccia per tutte? La finto bonaria di Maurizio Costanzo, principe del chiacchiericcio untuoso, servile, colluso e traffichino, che rafforzava quella mutazione antropologica degli italiani attraverso il tubo catodico di cui il poeta scriveva: “la propaganda tv rappresenta il momento qualunquistico della nuova edonistica del consumo”.

Taluni indizi potevamo raccoglierli durante le ronde antifasciste in uno dei luoghi di raduno degli squadristi missini: il Fungo dell’Eur. Ci dica il ministro Alemanno, munito del sorrisino da ragazzo bene che tanto ricorda i pariolini del Circeo, se insieme al compare e anch’egli ministro Storace, bivaccava in quel luogo. S’accompagnavano ai militanti-squadristi del Fronte della Gioventù, nevvero? Quelli che vagavano per viale Europa a urlare minacciosi contro il “regista lubrico” come ricorda Marco Tullio Giordana nel suo splendido film-denuncia sullo strazio del poeta.

Ci dicano Alemanno e Storace se tracciavano anch’essi scritte cubitali sotto la casa romana di Pasolini prossima al “Colosseo quadrato”, slogan contro il comunista, il diverso, il frocio. Quante volte abbiamo ripulito quei muri e le strade adiacenti dalla feccia che sarebbe diventata di governo.

Fascisti, ecco chi potrebbe aver assassinato Pasolini perché ne odiavano la mente libera e luminosa. L’odio per la vita che quell’ideologia esprime - dal regista presa a metafora in “Salò o le 120 giornate di Sodoma” - ha fatto di questi tristi figuri, dagli inizi della loro tragica storia, sanguinari assassini in molti casi usati anche da altri poteri. In quello stragismo italico, che nel profetico articolo il poeta denunciava, c’era tutto ciò. E tanto già bastava per farlo fuori.

C’erano le responsabilità internazionali giocate dall’America gendarme del mondo che attraverso gli organismi dell’Oss e poi della Cia interveniva a imporre il suo operato e interferiva nella vita pubblica. E quando si parla d’intrighi internazionali l’uso della manovalanza d’ogni genere, malavitosa in primis, è all’ordine del giorno. L’Italia del dopoguerra a partire da Portella della Ginestra è stato un laboratorio speciale di stragi, misteri, insabbiamenti come all’epoca dei massacri di civili operati dai nazifascisti e celati per decenni nei vergognosi armadi delle Procure Militari.

Fra le vergogne italiche c’è l’oblìo che molti hanno voluto far cadere su quell’orrendo delitto. La morte di Pasolini ha sgombrato il campo da un ferreo oppositore agli intrecci della real politik praticata dal suo stesso Partito Comunista cui non perdonava né metodo né contenuti. Scriveva nel famoso brano: “Gli uomini politici di tale opposizione non possono non comportarsi anch’essi come uomini di potere”. E ancora: “Sono pronto a ritirare la mia mozione di sfiducia solo quando un uomo politico deciderà di fare i nomi dei responsabili dei colpi di Stato e delle stragi, che evidentemente egli sa, come me, ma su cui, a differenza di me, non può non avere prove, o almeno indizi”. Inutile dire che nessun politico di maggioranza e opposizione farà mai né nomi né congetture e Pasolini stava già commentando la sua fine.

Come per il mistero di Ustica, altre stragi di cui si sono chiarite per filo e per segno finalità, colore, risvolti - il caso limite è Piazza Fontana - sono state col tempo trasformate in “mistero”. Dopo lineari sentenze di condanna con nomi e cognomi d’esecutori e mandanti si sono rialzati polveroni e dubbi. Addirittura per una delle stragi più odiose e luttuose, quella della Stazione di Bologna, sono tornati comodamente in semilibertà i pluriomicidi, stragisti e pluricondannati dei Nar Mambro e Fioravanti mentre svolazzano fantasie revisioniste su fantomatiche piste di terrorismo internazionale.

A uccidere l’intellettuale scomodo c’è quel mondo economico-politico descritto nell’incompiuta di “Petrolio” e anche altri potenti di Palazzo colpiti dalla trasversale chiamata di correo sulla propria omertà. Purtroppo epitaffio della sua denuncia è quanto scrive sempre in quell’articolo “Il coraggio intellettuale della verità e la pratica politica sono due cose inconciliabili in Italia”.


Anche noi parte offesa: riaprire il processo Pasolini

A trent’anni dalla morte, non sappiamo ancora da chi è stato ucciso Pasolini e perché. Questo suo assassinio va ad allungare la lista impressionante di omicidi, attentati, sparizioni, finti suicidi e finti incidenti di cui è costellata la storia d’Italia dal dopoguerra a oggi e che, a decenni di distanza, non sono stati ancora chiariti. Responsabili e mandanti impuniti, verità sottratte per decenni non solo ai tribunali ma anche al discorso pubblico.

Noi non sappiamo se a far tacere uno degli artisti più fervidi e una delle voci più scomode e tragiche di questo paese sia stata una decisione politica. Quello che però sappiamo - come lo sa chiunque abbia prestato attenzione alla vicenda - è che la versione blindata della rissa omosessuale tra due persone non sta in piedi. Sappiamo che essa è stata solo una copertura servita a sviare le indagini e a coprire un altro tipo di delitto. Quella versione, del resto, non ha mai retto, nemmeno per il tribunale di primo grado, che infatti condannò il diciassettenne Pino Pelosi assieme a ignoti. Ma oggi, dopo che il reo confesso ha dichiarato pubblicamente di non essere l’assassino di Pasolini e di essersi accusato dell’omicidio perché sotto minaccia, e dopo la diffusione della testimonianze del regista Sergio Citti, sono ancora più evidenti le negligenze e le coperture che hanno accompagnato fin dall’inizio quell’atroce vicenda.

In seguito alle dichiarazioni di Pelosi, la Procura di Roma ha riaperto e subito richiuso - per mancanza di riscontri - il fascicolo sul delitto Pasolini. Questa nuova inchiesta è stata archiviata ancor prima di iniziare! Eppure non si sono sentite molte voci indignarsi per questa reiterata non-volontà di fare chiarezza su quella morte. Uno strano silenzio ha circondato la notizia, e questo proprio mentre ricorreva il trentennale della morte di Pasolini e dappertutto fervevano le celebrazioni del poeta, dell’artista, dell’intellettuale che pure tanti fanno mostra di rimpiangere.

Dopo quanto è successo, non possiamo più accontentarci della versione ufficiale, perché significherebbe diventare complici degli assassini di Pasolini. Chiediamo perciò che vengano finalmente svolte le indagini che non si sono mai volute fare e che venga detta finalmente la verità su quel delitto.

Ci sono cose di cui, come scriveva Pasolini, è impossibile parlare senza indignazione, senza cioè far capire l’enormità di ciò che è avvenuto. Il più atroce assassinio di un poeta dell’età contemporanea, più turpe dell’assassinio di Garcia Lorca, un vero massacro di gruppo, è avvenuto a Roma, in Italia, per mano di italiani. E invece, per trent’anni, sono state cancellate prove, sono stati ignorati indizi, testimonianze e documentate contro-inchieste di giuristi e intellettuali italiani. In una situazione simile, spetta in prima persona agli scrittori, ai poeti, agli artisti, agli intellettuali, ai giornalisti, e a tutte le persone libere che hanno a cuore la verità, chiedere (come ha già fatto il comune di Roma, che si è costituito parte offesa) la riapertura del processo e l’accertamento della verità.

Ci sembra questo il modo migliore di ricordare Pasolini a trent’anni dalla sua tragica morte.

Hanno aderito finora: Andrea Bajani Marco Baliani Sergio Baratto Laura Barile Carla Benedetti Mauro Bersani Giuseppe Bertolucci Mariella Bettineschi Luca Briasco Franco Buffoni Romolo Bugaro Andrea Camilleri Anna Cascella Luciani Maria Giulia Castagnone Benedetta Centovalli Roberto Cerati Mauro Covacich Ninetto Davoli Sandrone Dazieri Gianni D’Elia Alba Donati Tecla Dozio Marco Drago Sergio Fanucci Angelo Ferrante Ivano Ferrari Gian Carlo Ferretti Gabriella Fuschini Marco Tullio Giordana Giovanni Giovannetti Giorgio Gosetti Bernard Henri-Lévy Dario Lanzardo Liliana Lanzardo Attilio Lolini Rosetta Loy Carlo Lucarelli Giovanni Maderna Angela Madesani Dacia Maraini Teresa Marchesi Mario Martone Eliseo Mattiacci Silvana Mauri Ottieri Guido Mazzon Lea Melandri Raul Montanari Antonio Moresco Sergio Nelli Aldo Nove Maria Pace Ottieri Vincenzo Pardini Massimiliano Parente Fabrizio Parenti Laura Pariani Andrea Pinketts Michele Placido Oliviero Ponte di Pino Paolo Repetti Mario Richter Luca Ronconi Anna Ruchat Gabriele Salvatores Evelina Santangelo Tiziano Scarpa Marco Senaldi Enzo Siciliano Maurizio Totti Simona Vinci Dario Voltolini

Per aderire scrivere a appellopasolini@yahoo.it



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo


Forum del' articolo
 

> Chi ha ucciso Pier Paolo Pasolini ?
13 febbraio 2006 - 09h20 - Di fd599d7554d92f37b16e0207cabd5020...

Ricordo quando ci fu il funerale di Pasolini
le parole di Moravia " è stato ucciso un poeta".
E con il poeta era stata uccisa la poesia.

E veramente viviamo in un paese, in un mondo
dove c’èsempre un boia pronto ad uccidere la poesia.

Tutti noi sappiamo che anche questo è "un mistero"
destinato a restare tale.

Io non ho fiducia nè nella magistratura, nè nelle inchieste.

Sono troppo occupati e i magistrati e la magistratura
ad inventare TEOREMI.

Del resto se un magistrato di vecchio stampo esiste
che crede in valori che non sono i miei ma che posso
anche rispettare, per la sua dirittura morale,
non fa forse la fine di Borsellino?

Non ci sarà mai nessuna verità statuale
sulla morte di Pasolini, come non ci sarà
nessuna giustizia per tutto quello di tremendo che avviene
nel mondo.
Basta pensare alla strage di Bobal.
Che verità giuridica è venuta fuori?
oppure alla morte di Ilaria Alpi.
E l’elenco non ha fine.

Noi possiamo solo dire
come faceva Pier Paolo Pasolini
IO LO SO.

e preparare il giorno in cui
collettivamente parlerà la nostra GIUSTIZIA
e la nostra VERITA’.

vittoria Oliva






Corruzione e schiavitù moderna : il controverso leader del Qatar in visita in Italia
lunedì 19 - 12h52
di : Valentina Ricci
In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

Le problème aujourd'hui n'est pas l'énergie atomique, mais le coeur des hommes. L'Etat est notre serviteur et nous n'avons pas à en être les esclaves. Albert Einstein
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito