Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
A PROPOSITO DI GIOCHI A PREMI LE FONTI DELA RICCHEZZA E DELLA MONETA

di : Carmelo R. Viola
martedì 14 febbraio 2006 - 02h56
1 comment
JPEG - 11.2 Kb

di Carmelo R. Viola

RaiUno e Canale5 - come dire la TV pubblica e quella privata (bene rappresentata da Mediaset) - organizzano giochi a premi con in palio somme dell’ordine di molti milioni delle vecchie lire fino al miliardo ed oltre. Lo Stato fa anche peggio (basti pensare alle vinciti multimilionarie di €uro!). La gente non si chiede da dove provenga cotanta ricchezza: semplicemente aspira ad arraffarne un bel po’ con un colpo di fortuna. Ognuno ha un sogno o, più spesso, un bisogno da soddisfare e si rivolge, per l’appunto, alla fortuna piuttosto che alla “casa comune” (“res publica”) che dovrebbe essere lo Stato.

La questione della ricchezza, ma soprattutto della moneta che la concretizza, resta un rebus, un qualcosa di misterioso, di mistico, in ogni caso per “addetti ai lavori” di quello strano oggetto, che è il già citato Stato. Quando si investe in azioni o in borsa, si finge di credere che la moneta “lieviti” - insomma aumenti di volume! - per non ammettere che, in realtà si gioca a chi ruba di più a vittime che restano sconosciute e, per questo, non meritevoli di pietà.

“Si finge di credere”, abbiamo detto, pur sapendo (almeno questo) che la moneta non si autogenera come per scissione (non partorisce altra moneta anche se si dice popolarmente che “i soldi fanno soldi”). Ma l’importane è credere che il proprio danaro possa produrre profitti e quindi aumentare quantitativamente. L’azionista e l’investitore non sono necessariamente né economisti (“predonomisti”) né esperti in finanza (“monetocratici”) ma gente che, nel migliore dei casi, conosce le regole del gioco settoriale ed ha molta speranza di ricavare più danaro di quanto non ne metta in gioco.

Caratteristica - per non dire ironicamente metafisica - è poi la ricorrente circostanza che un’opera utile - anzi, necessaria - non possa essere effettuata “per mancanza di fondi” in presenza del materiale occorrente e del personale, dirigenziale, tecnico ed operaio, capace di portare a termine la costruzione del bene-servizio in questione.

In un articolo non si può inserire un trattato ma si possono tracciare cenni di essenziale per rendere intuitiva l’idea di una realtà in cui ci si imbatte tutti i giorni. Allora... Noi siamo naturalisti e ci limitiamo a “leggere la natura delle cose e della nostra specie”: le fonti di ciò che si suole chiamare ricchezza sono tre: a) la natura, b) l’uomo, c) il lavoro.

L’uomo ha bisogno di beni e servizi. Tra i servizi c’è quello di scambiare i beni stessi. In origine era il baratto: lo scambio di un bene con un altro (sempre possibile). Poi si è passato ad un mezzo di scambio (un bene intermedio): per esempio, il sale (donde “salario”), le pecore (donde “pecunia” da pecus). Ci soffermiamo sull’oro: metallo speciale per le sue caratteristiche e quindi particolarmente prezioso. Dunque, un metallo o minerale speciale a cui, come agli altri mezzi di scambio, si dava una valenza convenzionale.

Tutto ciò è inevitabile in un contesto in cui individui e gruppi tendono ad un possesso senza limite (alias predazione di origine animale) su cui si è creduto di fondare “la” economia fondando invece la “predonomia” cioè l’artescienza della predazione. Il capitalismo è la teorizzazione e la pratica della predonomia “istituzionale”: la differenza fra la predazione animale e la predonomia “civile” è che quella è regolata dall’istinto e dalla forza, mentre questa è regolata da “regole di gioco” dette leggi. Queste inoltre possono essere usate e abusate con capacità e furbizia tali da produrre vere e proprie predazioni ovvero individui e gruppi straricchi (il cui corrispettivo complementare è costituito dalla povertà e dall’indigenza). E’ la predazione “intralegale” indicata da fenomeni tipo “tangentopoli”. Una forma particolare di gioco predatorio (alias capitalistico) è costituito dai “mafiosi”, cosiddetti impropriamente da associazioni estinte (con cui hanno in comune solo le proprietà delle associazioni occulte) e che costituiscono un vero e proprio capitalismo “paralegale” (ovvero una componente strutturale del capitalismo stesso). Nella delinquenza cosiddetta comune, dedita prevalentemente all’appropriazione diretta di beni e soldi (furto, rapine e simili), con l’uso della forza (soprattutto delle armi e con sequestro di persone), si ha una vera e propria predazione animale in veste antropomorfa.

Per indicare la ricchezza di uno Stato è giunto fino ai nostri giorni l‘istituto della “riserva aurea” che, a ben pensarci, è soltanto una cosa ridicola perché i lingotti d’oro non sono controllabili nemmeno, a rigore, dagli addetti ai lavori, meno che mai dai cittadini e assolutamente no dagli altri Stati con cui si stabiliscono “rapporti di borsa”. L’oro rimane tuttavia un bene di scambio prezioso la cui valuta viene stabilita dal gioco del mercato.

Resta la grande verità che gli uomini hanno bisogno di accedere ai prodotti del lavoro, cioè ai beni e ai servizi per alcuni dei quali occorre ancora un mezzo (o bene) di scambio, che è appunto la moneta. La ricchezza di un paese non viene più calcolata, almeno così dicono le autorità competenti, sulla ridicola scorta della riserva aurea, ma sulla scorta del prodotto del lavoro ovvero prodotto interno lordo (PIL). Ma dato che siamo ancora in regime predonomico (predatorio “istituzionale”), non si utilizza il lavoro di tutti gli abili, non si riconosce a tutti un pari potere di acquisto per i prodotti del lavoro acquistabili solo con il danaro. In altre parole i beni prodotti dal lavoro collettivo (impossibile calcolare con esattezza il valore del singolo), più precisamente i servizi, (con qualche eccezione nel campo scolastico e in quello sanitario) non sono gratuiti.

Una realtà rimane certa: la ricchezza (con la sola esclusione dei frutti incolti della natura) è il lavoro. Sul piano sociale è il totale dei beni e dei servizi prodotti dal lavoro. Sul piano individuale il potere d’acquisto e di possesso, se non limitato da una norma che applichi la distributività secondo equità e bisogno, diventa il prodotto di un “gioco predonomico”, il primo dei quali è quello del “dar lavoro”, che è nella realtà un “comprar lavoro” e che, in regime predonomico (quale è quello capitalista), depreda il lavoratore di una parte del valore del lavoro prodotto. In altre parole, si dà 80 invece di 100. Di quel 20% (facciamo un esempio elementare) una parte può servire per la gestione dell’impresa mentre il resto va ad accumularsi progressivamente costituendo la ricchezza parassitaria tanto più grande quanti più numerosi sono i soggetti sfruttabili contemporaneamente. E’ la famosa “accumulazione capitalista”.

La storia delle banche - motivate dalla menzogna del risparmio - è davvero pietosa: è bene parlarne in un articolo a parte. Dietro il preteso risparmio ci sono l’usura e il ladrocinio: due strumenti istituzionali per depredare legalmente.

Ciò che viene “messo all’asta” (sia detto per esteso) è sempre la ricchezza parassitaria o predatoria, estorta a chi lavora e produce. Il profitto viene sempre dal lavoro. Ciò che si distribuisce attraverso giochi, lotterie e roba del genere, è sempre “refurtiva” (nel senso di ricchezza depredata istituzionalmente o legalmente ovvero nel rispetto di regole del gioco, alias legalità): la fortuna in investimenti azionari e in giochi di borsa viene sempre da trasferimenti (movimenti) di ricchezza depredata ai lavoratori.

Le grandi somme “spese” per comprare e compensare giocatori di calcio e per pagare gente dello spettacolo, è refurtiva sociale bella e buona divenuta bene possedibile e commerciabile legalmente.

Il fisco è una vera predazione di Stato e sostituisce quella “moneta di ritorno” che manca ad uno Stato che non è il produttore e distributore dei beni e dei servizi. In ogni caso, predazione senza tema di smentita restano le imposte indirette, cioè sui beni e servizi fruiti per acquisto e, in specie, le tasse motivate solo da un dispositivo di legge, quale è il canone Rai.

Con i giochi a premi - e siamo al punto - il sistema sfrutta la speranza della vincita per corrompere la gente, la quale vi accorre sperando di coprire quei bisogni che in una società umana “adulta” potrebbe soddisfare normalmente. Tali giochi a premi fanno parte del “predaludismo”: giochi (ludismo) la cui posta equivale ad una “preda” strappata a cumuli parassitari di propri simili. E’ uno degli “ottundori sociali”.

La società capitalista (predonomica) diventa tragico-comica quando raccoglie sottoscrizioni per la ricerca (per es. sul cancro) dal momento che i ricercatori potrebbero lavorare a tempo pieno e a tutto vapore senza ricorrere alla carità pubblica, e quando non può costruire un ospedale o illuminare una strada (di strade buie supertrafficate ce ne sono non poche!) “per mancanza di fondi”. Nel primo caso i sottoscrittori hanno un modo specifico (“squisitamente borghese”) per tacitare la propria coscienza di “predatori” (almeno potenziali); nel secondo caso, la gente viene messa davanti a sua maestà la moneta!

Difficilmente si pensa che la moneta è un bene di scambio naturalmente elastico quando non è “predonomicamente” legato ai parametri di una società ad usum domini. Una moneta vera e propria, cioè solo strumentale e quindi passiva, eliminerebbe i ricchi e la pretesa legittimazione giuridica della ricchezza come potere di acquisto parassitario ed anche quella del bisogno e della povertà. In una società adulta non ci sono poveri.

Dal punto di vista dei diritti naturali crimine non è solo la “distribuzione ludica di refurtiva sociale”, messa in palio da grossi predatori configurati da altrettante imprese produttrici (che “sponsorizzano” un gioco), ma crimine è anche ogni disoccupato o morto di fame che non sa come sbarcare il lunario in un contesto civile dove il contributo lavorativo dei soli abili dovrebbe consentire a tutti i membri della collettività di avere pari opportunità di soddisfare quei diritti naturali di cui sono portatori per il solo fatto di essere nati. Quando lo Stato dice di non avere fondi sufficienti per pagare i propri lavoratori o per costruire un ospedale, semplicemente mentisce. E’ impossibile affermare che gli attuali legislatori (eletti e quindi “onorevoli” - sic!) e governanti abbiano davvero il “senso dello Stato”. La sola “legge finanziaria” di ogni fine anno, è - alla luce di una vera scienza sociale - una macrobarzelletta da far scoppiare le interiora, ma la sinistra e il mondo stanno al gioco e l’imbroglio continua.

I fondi ci sono sempre finché esistono la natura, l’uomo e la capacità di lavorare di questo. Il neoliberismo è la degenerazione massima della predonomia: la scienza per legittimare le differenze, i privilegi e i conflitti. Quando a Rai Uno o a Canale 5 si apprende da un giocatore che spera di vincere per soddisfare un bisogno, si apprende della persistente e crescente condizione di barbarie di una giungla antropomorfa destinata all’autodistruzione. Per questo, la lotta alla mafia oltreché alla “criminalità promossa dal bisogno, dal vizio e dall’emulazione” è l’ultima e più grande cosa ridicola di una società umana bloccata a livello “antropozoico” che si fregia del titolo totalmente gratuito e grottesco di “Stato di diritto”.



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo


Forum del' articolo
 

> A PROPOSITO DI GIOCHI A PREMI LE FONTI DELA RICCHEZZA E DELLA MONETA
15 febbraio 2006 - 00h58 - Di c836b105374eaa8c949806f4cddff00a...

Personalmente ho altri sospetti sul gioco. Mi sono sempre chiesto perchè non si sa il nome dei grossi giocatori, che abbiano tutti il sangue freddo? Guardandomi in giro noto che chi gioca e vince (intendo piccole e medie vincite) chissà perchè è sempre uno che non fa niente e di un certo schieramento: combinazione? Mi sembra una gran truffa, d’altra parte i soldi da qualche parte devono pur arrivare ed essere giustificati per qualcuno: il gioco, la scommessa, la lotteria, quasi la tombolata e il tresette fra amici è gioco d’azzardo che rovina la famiglia, il lotto, la schedina, le macchinette, il casinò ecc... no perchè fanno guadagnare lo stato e direi chi sanno loro. Non ho mai avuto il vizio del gioco e non capisco perchè certi si rovinano. Questo è un male che ci cerchiamo e creiamo da soli. Non giocate! E invece no! Lavascale tanto per fare un esempio si alzano alle 4 del mattino e poi vanno a giocarsi tutto: ma piuttosto credete a Babbo Natale e alla Befana! Loro si che esistono, sono tua mamma e papà che se non sei proprio stronzo ti aiutano! Son convinta che se si potesse sospendere per un pò questa stronzata si scoprirebbe del bello!






In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista
Terremoto di Casamicciola
martedì 22 - 17h08
di : Lucio Garofalo

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

Sous un gouvernement qui emprisonne injustement n'importe qui, la vraie place d'un homme juste est en prison. Henry David Thoreau (1817-1862)
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito