Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
PER UNA RICONCILIAZIONE DEI MOVIMENTI

di : Nella Ginatempo
mercoledì 22 febbraio 2006 - 17h46
JPEG - 29 Kb

di Nella Ginatempo

su Guerra e Resistenza

Dopo l’assemblea di Firenze sembra che si sia creata una aporìa nel movimento contro la guerra, cioè un blocco, una situazione paralizzante che impedisce di procedere. Ciò è dovuto ad un conflitto non risolto, incancrenito da tempo e cioè non governato . Ma la vera politica è l’arte di governare i conflitti, e tanto più una politica di pace. Dunque è possibile- mi chiedo- che tante persone che da anni lavorano per il diritto alla pace, per una cultura di pace, per coniugare pace e giustizia, non riescano a trovare una forma di convivenza politica che consenta di procedere insieme tra pezzi diversi della sinistra alternativa ?

Eppure la piattaforma per il 18 marzo, recepita nell’appello europeo e in quello di Caracas è ampiamente condivisa e rappresenta istanze innovatrici e concrete per una politica di disarmo e di svolta in politica estera. Dunque sarebbe dissennato, un vero spreco di energie e di speranze collettive se prevalessero le risse e le divisioni nel movimento e più in generale in tutta quella galassia presente a Firenze alla assemblea del movimento contro la guerra. Una galassia che rappresenta un punto di tenuta, di resistenza del movimento contro la guerra senza se e senza ma, un punto di autonomia e di riaffermazione di Unaltromondopossibile, rispetto alla centralità soffocante che ha acquisito il programma ambiguo dell’Unione e le compatibilità del centrosinistra. Ci siamo detti più volte e lo abbiamo ribadito a Firenze che il protagonismo dei movimenti e la conflittualità sui territori sono il sale della democrazia e impediranno la deriva socialdemocratica che si profila all’orizzonte con le sue trappole politiche che, soprattutto sul tema della guerra, cercano di normalizzare il movimento e di riproporre una continuità con la politica estera di sempre, fondata sulla subalternità agli USA e sul riarmo.

Ma a Firenze si è rinnovata la volontà di rivendicare una svolta in politica estera, di non fermarci al ritiro delle truppe dall’Iraq ma di ribadire il ritiro dell’Italia dalla guerra e dunque da tutti i teatri di guerra e dalle missioni militari comunque mascherate, dalle spese militari, dalle fabbriche d’armi, dalla militarizzazione dei territori con le basi militari USA e NATO. Ora, questo costituisce un vero programma di svolta per una vera riforma di pace, un programma che parla al futuro governo e al futuro Parlamento perché proviene dalle istanze sociali più innovatrici e radicali. L’unità del movimento su questa linea non deve e non può essere messa in crisi dalle divisioni ideologiche su resistenza e terrorismo, su violenza e nonviolenza : altrimenti sarà inevitabile il fallimento del nostro, vinceranno i disegni di normalizzazione delle lotte ed anche la criminalizzazione dei settori giudicati più "estremisti", insomma lo steccato ideologico tra buoni e cattivi. Per questo vorrei richiamare tutte e tutti ad uno spirito più responsabile e costruttivo, ad una nuova politica di pace verso il movimento e dentro il movimento.

Ciò che propongo è una gestione trasparente del conflitto a fini di pacificazione tra i pezzi diversi del movimento, e dunque in sintesi e più rozzamente una MORATORIA tra i sostenitori della nonviolenza e gli irriducibili del sostegno alla resistenza armata.

Per realizzare questa moratoria è necessaria una disposizione di animo, innanzi tutto, che interiorizzi tolleranza, uno spirito laico nel guardare alle diversità, una rinuncia alle posizioni più intransigenti, insomma una posizione di chiarezza e fermezza sulle proprie posizioni ma coniugata con la disponibilità al dialogo ed alla ricerca di una convergenza vera e non di facciata.

Parlo innanzi tutto per me stessa e per la mia parte: sono convinta che solo la pratica della nonviolenza di massa possa cambiare il corso della guerra globale e aprire un altromondopossibile. Non solo perché la nonviolenza disegna un mondo rivoluzionario per la sua eticità, mai visto finora nella storia e dunque per i valori e comportamenti di cui è portatrice. Ma anche perché alla lunga è l’unica pratica efficace che può contrastare il potere militare, geopolitico, economico e ideologico del Nuovo impero. Soprattutto il potere militare, secondo me, non può efficacemente essere vinto sul suo stesso piano, quello delle armi, ma viceversa sul piano delle lotte di massa e della decostruzione del consenso e della obbedienza ai poteri forti. Credo, come predicava Gandhi, che la disobbedienza civile di massa possa salvare il mondo e che solo una gigantesca resistenza civile nonviolenta possa spezzare l’isolamento delle lotte di liberazione nazionale ( vedi l’esempio del Chiapas) e contrastare la sconfinata licenza di uccidere dei signori della guerra.

Ma queste mie radicate convinzioni devono fare i conti con l’analisi del contesto attuale e delle forze in campo, con l’analisi del movimento e delle sue difficoltà, con l’analisi dei soggetti oppressi e delle concrete risorse culturali e politiche che hanno a disposizione. E con il mio desiderio sincero di realizzare l’unità quanto più ampia possibile di tutti i movimenti che si battono contro la guerra senza se e senza ma e contro la sistematica costruzione dello scontro di civiltà.

In omaggio a queste considerazioni politiche mi sono chiesta: a cosa sono disposta a rinunciare della mia ideologia ? Su quale punto di mediazione sono disposta ad attestarmi e a tendere una mano a chi la pensa diversamente da me ?

Ho pensato che questo punto di mediazione è il diritto internazionale: la carta dell’ONU, le convenzioni di Ginevra, il processo di Norimberga con la sua sentenza sui crimini di guerra e i crimini contro l’umanità e naturalmente la Dichiarazione universale dei diritti umani ( chi se ne ricorda più ?). Non si tratta di documenti che sanciscono l’idea della nonviolenza, tutt’altro. Sono il gracile tentativo di legislatori illuminati che hanno cercato di raccogliere le aspirazioni universali dei popoli a porre un freno alla ferocia delle azioni belliche, in definitiva a limitare la guerra, a limitare la violenza in nome del rispetto della persona.

Questo diritto internazionale riconosce il diritto di resistenza armata contro gli eserciti occupanti invasori, ma contemporaneamente pone dei limiti alle azioni belliche, anche a quelle che considera legittime per il diritto di autodifesa. I limiti sono quelli del rispetto dei diritti umani universali anche per la guerriglia dei popoli oppressi e le guerre di liberazione. Qui appare evidente la distinzione tra resistenza e terrorismo. La prima, lotta armata di un popolo oppresso contro l’esercito che gli ha mosso guerra, evita il coinvolgimento dei civili inermi, ripudia il terrore e le stragi contro il popolo o componenti di esso, esclude le violazioni di diritti umani come gli atti di inutile ferocia, i sequestri di civili e le esecuzioni sommarie, gli stupri etnici e i linciaggi, gli attentati in zone densamente abitate Questa linea di demarcazione è leggibile ieri nelle deliberazioni della resistenza italiana, assunte dal CLN, ed oggi, per fare un esempio, nella sentenza della giudice Clementina Forleo che ha distinto il diritto dei resistenti dai crimini del terrorismo. Tanti esempi si potrebbero fare: oggi questa distinzione è presente tra importanti settori della resistenza palestinese, è assunta nei documenti del Consiglio degli Ulema in Iraq e dal movimento sciita resistente di Muqtada al Sadr.

Per me accettare la legittimità della resistenza armata è un dolore, ma è anche un passo avanti che sento di fare verso le difficoltà dei popoli oppressi che non hanno le condizioni oggi per pensare e praticare la nonviolenza di massa oppure che non la condividono come mezzo efficace. E io non voglio ergermi a giudice e censore dall’esterno, non voglio imporre le mie convinzioni come condizioni obbligatorie per fornire il mio sostegno morale e politico alla lotta di quei popoli, altrimenti farei l’integralismo della nonviolenza. Tuttavia queste considerazioni non inficiano la mia fermezza e determinazione nel chiedere alla resistenza di quei popoli la condanna dei metodi del terrore e delle violazioni dei diritti umani e non diminuiscono la mia determinazione nel cercare altre strade, alternative alla lotta armata, attraverso la resistenza civile e nonviolenta di massa.

Contemporaneamente, questa condanna del terrore e questi limiti che in nome dei diritti universali dovremmo sempre chiedere ai movimenti di liberazione nazionale, aumentano il nostro sdegno verso il terrorismo di Stato, verso il regime violento dell’Impero e le sue infinite violazioni dei diritti della persona, con le torture, le detenzioni illegali, le deportazioni, l’uso di armi di distruzione di massa, lo sterminio e il genocidio di civili, i giganteschi crimini di guerra e contro l’umanità-. Non dovremmo stancarci di chiedere una Norimberga per Bush e i suoi accoliti, per lo Stato criminale di guerra, gli U.S.A., di cui siamo complici e alleati.

E tuttavia, ripetere che il vero terrore è quello a stelle e strisce e che lo scontro di civiltà viene alimentato dal terrorismo di Stato non è sufficiente a superare le divisioni ideologiche che abbiamo in seno al movimento nostro.

Dunque ritorniamo al punto di convergenza: se gente come me che scrive, lavora e lotta secondo i principi della nonviolenza è disposta a legittimare sul piano politico e morale la resistenza armata del popolo iracheno e palestinese, dall’altra parte, i sostenitori della lotta armata e denigratori della efficacia della nonviolenza, sono disposti a fare un passo indietro, rinunciare ad una posizione integralista ed accettare due principi importanti?

Il primo è che il terrorismo esiste anche dentro le fila di quel mondo che vuole lottare contro l’Impero degli USA e che esso va ripudiato e condannato, come metodo in sé, perché costituisce un crimine contro l’umanità; corollario di questa posizione è condannare l’uso dei kamikaze come strumento di guerra, anche da parte di quei movimenti che agiscono in nome e per conto dei popoli oppressi.

Il secondo principio è che la resistenza civile e nonviolenta di massa deve essere sostenuta e ampliata come parte di un’unica vasta opposizione sociale alla guerra e al dominio USA

Naturalmente poi, è utile per tutte e tutti noi esercitare l’arte della distinzione politica e comprendere i soggetti, i contesti, le differenti resistenze in campo, ad esempio in Iraq, con differenti visioni politiche e differenti possibili sbocchi, verso un processo di liberazione democratico e laico o verso processi involutivi di vecchio e nuovo integralismo. E credo che tutte le nostre azioni debbano essere ispirate dalla prudenza politica di chi vuole spegnere lo scontro di civiltà e dal coraggio politico di chi vuole dissociare l’Italia dalla complicità con l’impero criminale degli USA. Ripudiare il terrorismo significa ripudiare la guerra e l’occupazione militare dell’Iraq, ma sostenere davvero la resistenza del popolo iracheno significa aiutarla a trovare uno sbocco politico non armato, a ridurre le violenze e i lutti, ad ampliare la partecipazione della cittadinanza attiva ad un processo costituente reale e laico dell’Iraq.

Ma il primo dovere politico che abbiamo è disarmare l’Italia, impedirgli di nuocere, ritirare le armate, spegnere i venti di guerra che attraversano la nostra Repubblica, forieri di nuovi incendi.

LA PACE AL PRIMO POSTO



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo





Corruzione e schiavitù moderna : il controverso leader del Qatar in visita in Italia
lunedì 19 - 12h52
di : Valentina Ricci
In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

Vis comme si tu devais mourir demain. Apprends comme si tu devais vivre toujours. Gandhi
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito