Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
IL GIUDICE TOSTI: ENNESIMA VITTIMA DELL’”INQUISIZIONE DEL CROCIFISSO”

di : Carmelo R. Viola
lunedì 27 febbraio 2006 - 04h13
JPEG - 10.8 Kb

di Carmelo R. Viola

Pochissimi italiani sanno delle grottesche vicende giudiziarie del Giudice Luigi Tosti, magistrato monocratico ordinario con funzioni civili e penali (GIP e GUP supplente) presso il Tribunale di Camerino (Macerata). Dicevamo “pochissimi” perché i cosiddetti massmedia (alias mezzi di comunicazione di massa, che vanno dalla carta stampata alle emittenti radiotelevisive) non costituiscono più il temibile “quarto potere” di una volta, capace di mettere in difficoltà i supremi responsabili della “cosa pubblica” (come dire il potere politico) e, nel caso nostro, guarda caso, è la sedicente “patria del diritto”, oggi “laica in teoria”, ma un’industria privata con molteplici aziende, quasi tutte finalizzate alla produzione di profitti che, per ovvio motivo di successo - sempre salve le rare eccezioni - si adeguano all’andazzo politico e quindi dicono o non dicono, e in questo o in quel modo, quanto è compatibile con la loro effettiva ragion d’essere. La vera libertà di stampa è esercitata da pochi “romantici” e la loro voce è sommersa dallo schiamazzo dei grandi mercanti.

Il caso Tosti è uno di quelli che dovrebbero essere presenti nelle prime pagine dei quotidiani e accendere gli animi e le coscienze, prima e più degli ormai abitudinari giochi olimpici perché è in gioco non una banale vertenza individuale ma la dignità di una nazione.

Io non sono un avvocato nel senso “tecnico” della parola ma mi onoro di esserlo da sempre in quanto difensore di ciò che ritengo giusto, in primis della logica, che è scienza della ragione (filo conduttore dell’intelligenza) e quindi dei diritti naturali come tali, della loro traduzione nei molteplici diritti civili (non necessariamente legalizzati) e della coscienza che, in maniera impellente, esprime tutto questo, ben convinto che legale non è sinonimo di legittimo! Perciò, mi esprimo in maniera non tecnica (che è, come vedremo più avanti, spesso sofistica giuridica che avrebbe mandato in bestia il saggio Socrate) ma linearmente logica, con una dialettica con cui ritengo (mi si perdoni l’autoattribuzione) di potere frantumare qualsiasi ipocrita stratagemma “legiforme”, vuoto di contenuto specifico quanto sovraccarico di prosopopea parolaia abusiva e grottesca.

Del caso Tosti si sa poco perché il sistema-regime vuole che si sappia poco - meglio se nulla - la massa (proletariato compreso con buona pace di Marx) essendo soltanto chiamata a “consumare” i prodotti del fast food americano, le auto della Fiat, a pagare le cento bollette dei servizi e a sostenere le menzogne di un paese ad autonomia nominale, stretto fra due sanguisughe: gli Usa, da un lato, il Vaticano, dall’altro.

Ordunque, l’onesto e coraggioso Luigi Tosti ha ritenuto insopportabile continuare ad operare sotto il crocifisso, simbolo di una religione che da venti secoli obnubila ed opprime il mondo. Ciò sia detto nel rispetto di qualche umile e ingenuo operatore, che ha effettivamente dedicato la propria vita ad una creduta missione di bene. Tale religione dapprima racconta la favoletta di un Dio solitario, venuto fuori non si sa da dove, divenuto padre non si sa come che - infinitamente buono! - sacrifica l’unico figlio facendolo rinascere sulla terra dopo nove mesi di vita intrauterina, e morire fra le atroci sofferenze della croce, per redimere un’umanità che non è stata ancora redenta. (Va chiarito che con la voce religione non s’intende la naturale religiosità - presente anche in un ateo - ma la “ideologizzazione e istituzionalizzazione” di un sentimento o credo religioso). La mostruosamente sadica persecuzione romana sacrificò autentici innocenti ma rafforzò l’idea della missione divina. Da simbolo di supremazia bellica, la croce diverrà emblema del potere teocratico della Santa Inquisizione, delle Crociate e delle numerose spedizioni punitive contro eretici, ebrei, false streghe e sètte cristiane combattute dalla Chiesa. In nome del crocifisso, ostentato alle vittime come scettro di onnipotenza, sono state torturate e bruciate vive migliaia e migliaia di vittime innocenti anche in solenni manifestazioni pubbliche, sono stati costretti a giurare contro la propria coscienza i vari vecchi ed ammalati Galilei e brucati vivi con la mordacchia i vari Giordano Bruno - tanto per richiamare qualche tratto saliente del sadico terrorismo del cattolicesimo. In altre parole, il crocifisso, già diseducativo per sé stesso (per l’immagine di un uomo inchiodato su una croce), evoca una serie fra i crimini più psichiatricamente orrendi e raccapriccianti della storia del genere umano.

Contro tale simbolo è insorto il giudice Tosti dando ascolto alla voce della coscienza e alla dignità dell’uomo degno del proprio nome rispetto alle varie specie animali e all’antropozoo (che è l’adolescente della nostra specie). Il Tosti ha chiesto che, stante il regime di laicità, il crocifisso venisse doverosamente rimosso da tutte le sedi del potere giudiziario rifiutandosi di operare in un’aula appositamente privata del crocifisso perché tale ambiente avrebbe avuto il valore di un “ghetto”. Con il decadimento del cattolicesimo come religione di Stato, questo è diventato laico a tutti gli effetti e la prima conseguenza ovvia sarebbe stata quella di rimuovere il crocifisso, simbolo di quella religione, da tutti i luoghi pubblici, a partire da quelli deputati all’amministrazione della giustizia davanti alla quale sono chiamate a comparire - e a giurare! - persone di fedi religiose diverse o magari semplicemente di nessuna. Si tenga conto che da parte cattolica si pretende di rappresentare il vero e solo cristianesimo mentre esistono una serie di cristianesimi di cui il cattolico è il solo in questione.

Il giudice Tosti è disposto a tollerare il crocifisso se non è l’unico simbolo abilitato all’ostensione pubblica: avendo legittimamente abbracciato la fede giudaica, ha proposto, in alternativa, che accanto al crocifisso venisse esposta la menorà ebraica Ma anche questa ragionevole proposta gli è stata respinta.

Il Tosti ha adito tutti i livelli della giustizia. La sua “memoria difensiva” dell’udienza dibattimentale del 18 novembre 2005 è un autentico capolavoro di dialettica condotta magistralmente attraverso i meandri di un meccanismo giuridico e giurisprudenziale, che sembra fatto apposta per confondere le idee ai non “addetti ai lavori” come se questi non fossero i cittadini utenti del servizio giustizia, ovvero l’intero popolo in nome del quale vengono emesse le sentenze. Contro l’innominabile sofistica di chi è chiamato a dirimere le controversie da un posizione posta al di sopra delle parti, ma, nel nostro caso falsata anche da un indebita ingerenza del Ministro della Giustizia, il cittadino Tosti approda alfine, anzi immediatamente, alla Corte Costituzionale con un ricorso datato 25 novembre 2005, in cui mette in evidenza i vari pronunciamenti da cui risulta senza tèma di smentita la categorica laicità dello Stato italiano e insieme la totale inammissibilità dell’ingerenza del Ministro della Giustizia nell’ “imposizione coattiva del crocifisso, così ledendo, violando e calpestando i sacrosanti princìpi costituzionali, esplicitando come tale ministro non abbia alcun potere legittimo di imporre ai giudici “simboli ideologici partigiani”.

Riepiloghiamo. Il caso scoppia il 9 maggio 2005, giorno in cui il Giudice Tosti si rifiuta di tenere udienze per l’omessa rimozione del crocifisso. Dopo quasi cinque mesi inoltra lettera al Ministro Castelli e alla Corte dei Conti affermando che “i cittadini hanno diritto nella loro qualità di contribuenti, di non vedere sperperato il proprio denaro” e invitando l’Amministrazione della Giustizia a rimuoverlo dalla Magistratura e a sospendergli lo stipendio. Successivamente il Tosti si è rivolto anche al Presidente della Repubblica anche per chiedergli l’invio di un certo numero di suoi ritratti da esporre laddove campeggiava il solo crocifisso.

Intanto si sono sovrapposti due eventi:

1 - il giudice Tosti è stato condannato dal Tribunale dell’Aquila a sette mesi di reclusione e, dalla sezione disciplinare del CSM (Consiglio Superiore della Magistratura) alla sospensione dalle funzioni e dello stipendio (provvedimenti che, del resto, lo stesso “imputato” aveva chiesto);

2 - il Consiglio di Stato (sintetizziamo), in risposta ad una cittadina finlandese, che si era opposta all’esposizione del crocifisso nell’aula scolastica frequentata dai suoi figli, ha emesso (sentite! sentite!) una sentenza secondo la quale “per credenti e non credenti la sua esposizone sarà giustificata ed assumerà un significato non discriminatorio sotto il profilo religioso, se esso è in grado di rappresentare e di richiamare in forma sintetica immediatamente percepibile ed intuibile (al pari di ogni simbolo) valori civilmente rilevanti” (....) “In tal senso - sottolinea il Consiglio di Stato - il crocifisso potrà svolgere, anche in un orizzonte laico, diverso da quello religioso che gli è proprio, una funzione simbolica altamente educativa, a prescindere dalla religione professata dagli alunni” (15 febbraio 2006).

Ciò che mi viene in tutta spontaneità di dire è che tale discorso è un monumento di sofistica, che si fa gioco della logica, della storia, dell’intelligenza dei cittadini e della dignità del paese. La valutazione immediata è che si tratta di “uomini” soggettivamente legati agli interessi del Vaticano che, salvo errori, è anche uno Stato e quindi un potere politico. Dal modesto livello della mia autorità di studioso e di sociologo con sessant’anni di onorata attività creativa e pubblicistica mi permetto di dire che l’esposizione del crocifisso NON È IN GRADO di rappresentare niente all’infuori di quanto abbiamo già detto e che tale sentenza è totalmente destituita di ogni fondamento logico e scientifico. Mi piace riportare il giudizio della nota scienziata Margherita Hack che “il nostro paese sta diventando multireligioso e multirazziale” e che “bisogna avere rispetto della Costituzione secondo la quale tutti i cittadini sono uguali senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione” e che “se lo Stato è laico, tutte le religioni hanno diritto di propagandare il loro credo e a creare luoghi di culto, ma nei luoghi pubblici non devono esserci simboli religiosi. Altrimenti non è più laico”.

Per finire, se l’art. 21 della Costituzione non è stato ancora per caso abolito, finisco di esprimere le mie valutazioni non senza prima citare l’ex Presidente della Repubblica, Francesco Cossiga, autore di un disegno di legge secondo cui, considerando che “per l’assunzione della qualità di magistrato e per la permanenza in carriera debbono essere richiesti un particolare equilibrio mentale e specifiche attitudini psichiche”, qualunque magistrato può essere sottoposto a “un esame psichiatrico e psico-attitudinale” su iniziativa del Ministro della Giustizia, del Consiglio Superiore della Magistratura, del Procuratore generale presso la Corte di Cassazione o di un Procuratore generale presso una qualunque Corte di Appello.

Secondo me, norme di giustizia, trattate alla stregua di “elastici”, come han fatto i “lavoratori” del Consiglio di Stato, contraddicono totalmente alla certezza del diritto e al diritto stesso. Infatti, se una norma può dire tutto e il contrario di tutto, non è più una norma: è un flatus vocis ovvero una “lavagna su cui ognuno scrive quello che gli pare” (come diceva Feuerbach riferendosi a Dio). Lo Stato italiano o è laico o non lo è. Se è laico hanno ragione il giudice Tosti e la mamma finlandese; se non lo è ogni questione cade. Poiché lo è, hanno torto tutti coloro che, sfoggiando una sofistica onnivalente, finiscono per offendere la stessa lingua e sé stessi. La cosa più benevola che paradossalmente si possa pensare di costoro è che siano affetti da ignoranza specifica e quindi non è offensivo invitarli a studiare la logica, la storia e l’etimologia ma anche a farsi un sincero esame di coscienza: solo allora si accorgeranno che laicità significa - guarda caso - laicità e diritto diritto, non quello che a loro fa comodo di dire per difendere e non offendere la loro professione religiosa e quella lavorativa.

Solidarizzo totalmente con l’ex giudice Tosti e con la offesa e delusa mamma finlandese e auguro loro di vedere presto affermata la oro ragione che è quella dei giusti e di un paese non più oppresso dall’Inquisizione del Crocifisso di infausta memoria. Dato che la presenza del crocifisso solleva la protesta di chi ha una ragione per non accettarla, è provato che esso finisce per avere, per i non cattolici, una funzione discriminatoria, inquisitiva e persecutoria!



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo





Corruzione e schiavitù moderna : il controverso leader del Qatar in visita in Italia
lunedì 19 - 12h52
di : Valentina Ricci
In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

La question est de savoir dans quels cas et jusqu'à quel point nous sommes obligés d'obéir à un système injuste. John Rawls
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito