Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
OGGETTO: Aggressione in gruppo di un ubbriaco inerme a Sassuolo (MO)

di : Carmelo R. Viola
martedì 7 marzo 2006 - 03h50
1 comment
JPEG - 8.5 Kb

All’Egregio Signor MINISTRO dell’INTERNO ROMA

e p. c. alla PROCURA della Repubblica di LA SPEZIA - SP

al Quotidiano “RINASCITA” R O M A (con preghiera di pubblicazione)

A Destinatari Vari

OGGETTO: Aggressione in gruppo di un ubbriaco inerme a Sassuolo (MO)

Egregio Signor Ministro,

mi spiace di doverle inviare la lettera che sto per scrivere ma non posso far tacere la mia coscienza per non sentirmi indegno di me stesso a fronte di sessant’anni spesi intensamente per la ricerca della verità e, credo per questo, per il bene dei miei simili quali che siano.

Mi riferisco al noto episodio di Sassuolo (Modena) di ieri (28 febbraio) che il Suo intervento istituzionale non ha minimamente ridimensionato. Ci sono fatti, che restano integralmente quello che sono in forza dell’oggettività e della ragione.

Ciò che mostra la video registrazione non è un’opinione ma una realtà a cui non si può aggiungere o togliere alcunché. Tre uomini malmenano, pestano, massacrano un quarto uomo (un loro simile!) un ubriaco quasi nudo, inerme, con evidenza assoluta non in forze da difendersi o comunque così tanto impaurito da non potere tentare di farlo e, che implora aiuto. Ad un certo punto della selvaggia aggressione, uno degli aggressori - il più robusto, mi pare - gli salta addirittura addosso arrecando ulteriori e peggiori - e non sappiano quanto irreversibili danni traumo-organici o traumo-neurologici, al corpo del povero disgraziato.

La valenza penale di un’aggressione in gruppo di una persona ubriaca e inerme è aggravata dalla circostanza del gruppo stesso, che esprime la tipica vigliaccheria di gente violenta quanto poco coraggiosa.

Solo in un secondo tempo apprendo trattarsi di tre agenti dell’ordine, il che dà al fatto una connotazione diversa ed una valenza penale infinitamente più grave.

E’ fuori dubbio che gli agenti dell’ordine sono anzitutto uomini e, come tali, aventi il diritto di difendere, se aggrediti, la propria incolumità, ma non possono andare minimamente oltre allo stretto necessario. Parliamo di agenti aggrediti, che non è il nostro caso. La scena ripresa dal televideo mostra tre uomini che non si difendono da aggressioni ma si accaniscono contro il corpo di un essere umano, che sta sulle difensive perché è in evidente stato, sia pure solo psicologico, in cui non è più in grado di aggredire. Questi tre uomini lo colpiscono con calci e pugni, in ogni parte del corpo e specie sull’addome (e non so se anche sul viso), dove ci sono organi vitali come il fegato e la milza, al punto che uno dei tre - come ho già detto - gli salta e balla addosso per evidente intenzionale maggiore danneggiamento somatico. Il pestaggio continua fin quando l’aggredito grida di dolore e/o per chiedere aiuto o clemenza.

Io non so chi sia l’aggredito né cosa abbia provocato la reazione dei tre uomini. So per certo:

1 - che in quell’uomo ho visto un mio fratello o un mo figlio (ho ricordato il lontano episodio in cui miserabili avvinazzati soldati della Corona Britannica pestarono a sangue mio padre senza una ragione, a Tripoli, subito dopo l’occupazione della Libia da parte della soldataglia angloamericana, avvenuta il 23 gennaio del 1943:io , appena ragazzo, ero restato bloccato dal terrore);

2 - che nessuna offesa precedente o resistenza attuale giustifica il pestaggio ripreso:

3 - che gli agenti dell’ordine possono solo difendersi se aggrediti;

4 - che la loro prima cosa da fare è quella di immobilizzare il resistente o l’aggressore;

5 - che costoro hanno il dovere di arrestare - senza alcuna violenza, che non sia la forza indispensabile al successo dell’operazione - coloro che vengono colti in flagranza di reato o dei ricercati, se riconosciuti con certezza;

6 - che gli agenti dell’ordine - come tutti i cittadini e più di questi - non hanno diritto di farsi giustizia da sé;

7 - che il compito degli agenti dell’ordine, in situazione di piazza, non va al di là del bloccare, immobilizzare, arrestare, salvo diverso ordine da parte di superiori che tuttavia, non possono mai ordinare di aggredire senza un’immediata ed evidente emergenza;

8 - che gli agenti dell’ordine di non hanno alcuna veste giuridica di infliggere punizioni corporali, meno che mai in piazza, meno che mai del genere pestaggio; 9 - che nel pestaggio in questione si possono ravvisare gli estremi di una vera e propria tortura, del tentativo di mutilazione se non di omicidio non potendo un aggredito sopravvivere con un eventuale fegato spappolato o con lesioni interne capaci di risolversi in emorragie inarrestabili o abbondanti;

10 - che il crimine del pestaggio è aggravato dalla circostanza specifica dell’azione di gruppo;

11 - che il crimine commesso dai tre uomini è notevolmente aggravato se compiuto da agenti dell’ordine in divisa e nell’esercizio delle proprie funzioni;

12 - che tale crimine, nelle circostanze in cui è stato consumato, non può avere alcuna attenuante;

13 - che i responsabili di tale crimine, consumato a danno di un individuo ubriaco e inerme, vanno, a mio avviso condannati: a) a provvedere a proprie spese ad un rigoroso esame clinico (ecografico, anzitutto) del corpo del pestato; b) alle cure totali del caso c) al risarcimento totale del danno arrecato; d) alla pena prevista dal codice penale per un crimine della fattispecie con le due aggravanti sopra specificate;

14 - che i responsabili del crimine in questione meritano, sempre a mio avviso, di essere allontanati definitivamente dai rispettivi corpi di appartenenza, per evidente carenza delle attitudini richieste se non per indegnità;

15 - che indulgere significa riconoscere che si possa essere agenti dell’ordine e nello stesso tempo delinquere impunemente nel modo che abbiamo visto e quindi autorizzarli a reiterare il reato.

Egregio Signor Ministro, mi spiace di averla delusa ma il senso della giustizia non ammette eccezioni meno che mai per coloro che rappresentano la giustizia stessa. Affermare il contrario significa che gli agenti dell’ordine possano commettere violenza senza l’immediata motivazione dell’autodifesa, impunemente, violenza che non si potrebbe mai configurare in quella consumata nel caso specifico Fatti del genere disonorano la civiltà ed offendono la sensibilità del cittadino “civile”. Se la popolazione di Sassuolo solidarizza con gli autori del crimine in questione, ciò vuol dire semplicemente, purtroppo, che la di essa evoluzione è ancora, per certe circostanze, magari solo di carattere etnico (razzista), al livello tribale.

Civiltà vuol dire che nessuno si possa permettere di aggredire un inerme chiunque esso sia, e che un agente aggredito non possa andare al di là dell’autodifesa dei limiti della sufficienza, circostanza totalmente estranea al caso in causa. Il video mostra chiaramente che l’aggredito, quasi, nudo non era in grado di reagire quando viene compiuto il pestaggio e che comunque non ha reagito, quando si è visto contro tre uomini che lo pestavano animalescamente e quando, con uno addosso sul proprio corpo, gridava di dolore o per implorare aiuto.

Io mi sento offeso nella mia sensibilità di uomo evoluto ed esprimo tutta la mia condanna dei responsabili - oltre che la solidarietà per la vittima sconosciuta augurandomi che l’autorità giudiziaria faccia semplicemente quanto nel caso specifico va fatto senza indugi e senza attenuanti di sorta.

Cordiali saluti.

Carmelo R. Viola

Centro Studi Biologia Sociale



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo


Forum del' articolo
 

OGGETTO: Aggressione in gruppo di un ubbriaco inerme a Sassuolo (MO)
4 novembre 2008 - 03h12 - Di carlo - 4f071b03e71b8eb25bb09c881092579e...

sono di sassuolo ed ho fatto un quadro su braida e come si vive lì...l’ho in digitale e mi piacerebbe mandarvelo...a che indirizzo posso farlo. ciao
carlo lanzotti






FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista
Terremoto di Casamicciola
martedì 22 - 17h08
di : Lucio Garofalo
La Strage di Barcellona ed il genio incompreso di G Romero
lunedì 21 - 21h23
di : pugliantagonista
16 agosto 1894: Sante Caserio fa il fornaio non la spia
martedì 15 - 18h38
di : caserio
Agosto 1926-2017 Resistete agli sfratti, opponete l’azione autonoma di Classe
venerdì 11 - 17h52
di : pugliantagonista
editoriale 10 anni di Pugliantagonista.it
giovedì 10 - 21h58
di : pugliantagonista
UNO SPETTRO NAZIFASCISTA SI AGGIRA NEL MEDITERRANEO [MA CHI LO FINANZIA?]
domenica 6 - 16h31
di : Lucio Galluzzi
In rete il numero di luglio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 17 - 11h12
di : Franco Cilenti
Uomini o caporali
martedì 11 - 16h48
di : Lucio Garofalo
no In rete il nuovo numero del periodico nazionale Dire, Fare Rifondazione
domenica 9 - 10h29
di : Franco Cilenti
Progettifici e dittatori scolastici
mercoledì 5 - 15h57
di : Lucio Garofalo
Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino
venerdì 2 - 16h52
di : Alessio Di Florio
In rete, e in distribuzione, il nuovo numero del periodico lavoro e Salute
martedì 23 - 10h59
di : Franco Cilenti
Pubblicato Dire, Fare Rifondazione, notiziario dell’Organizzazione - maggio 2017
lunedì 15 - 08h28
di : Franco Cilenti
1 comment
Pubblicato Dire, Fare Rifondazione, notiziario dell’Organizzazione - maggio 2017
lunedì 15 - 08h28
di : Franco Cilenti
L’ESERCITO DI RISERVA NELLE MANI DEL CAPITALISMO NELLA LOTTA DI CLASSE
sabato 6 - 06h15
di : PCL Pavia
Sinceramente razzisti
giovedì 4 - 19h25
di : Antonio Recanatini
PACE
sabato 8 - 07h43
di : Franco Astengo
SULL’ORLO DELLA GUERRA?
venerdì 7 - 10h21
di : Franco Astengo
LA PROSPETTIVA DI UN GOVERNO DELLE LAVORATRICI E DEI LAVORATORI
martedì 28 - 06h03
di : PCL Pavia
La vendetta come augurio (Elogio della vendetta)
martedì 21 - 21h55
di : Antonio Recanatini

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

Notre tête est ronde pour permettre à la pensée de changer de direction. Francis Picabia
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito
Letteratura e guerra partigiana in Italia a Parigi
martedì 7 Febbraio
di : ANPI PARIGI
Il Collettivo Bellaciao sarà presente... Un ciclo di incontri sulla letteratura della Resistenza presentato da Daniele Gaio presentato da Daniele Gaio 13 e 27 febbraio, 5 marzo 2012, ore 19 alla libreria: "La Libreria" 89 rue du faubourg Poissonnière 75009 Parigi L’Anpi Parigi, sezione Carlo e Nello Rosselli, in collaborazione con La Libreria, vi propone un ciclo di incontri sulla letteratura della Resistenza italiana. Quattro narratori (Italo Calvino, Cesare Pavese, Beppe (...)
Leggere il seguito