Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
FOTOGRAFI - Igor Kostin e la tragedia di Cernobyl

di : edoneo
martedì 7 marzo 2006 - 08h15
JPEG - 39.1 Kb

FOTOGRAFI Rivedere il nucleare. Quello vero

Come un uomo, Igor Kostin, rischiando fino in fondo la salute e la vita, ha voluto documentare con le immagini la tragedia di Cernobyl. Che oggi tanti vorrebbero farci dimenticare

di ASTRIT DAKLI

E’ assai curioso, per non dire sconcertante, sentire tanti illustri nomi che riparlano con crescente insistenza - e fin con entusiasmo - di energia nucleare partendo dai problemi del gas e dei gasdotti, visto che proprio ai gasdotti si associano di regola i nomi "Russia" e "Ucraina", che dovrebbero evocare automaticamente un senso di totale ripulsa nei confronti del nucleare. Eppure il mondo è strano: così vanno le cose, a quanto pare.

Sono passati quasi vent’anni da quel fatidico 26 aprile 1986, quando il quarto reattore della centrale di Cernobyl esplose: e quella catastrofe immane sembra esser stata quasi completamente esorcizzata, almeno nel senso comune politico-televisivo, nei vespigni salotti e negli editoriali della grande stampa. Sì, certo, c’è stata Cernobyl; uh, che guaio, ma allora erano altri tempi, altra sicurezza, quella era una centrale sovietica le nostre sarebbero ben più sicure, e poi se il gas è in mano all’orso moscovita e il petrolio in mano a Osama bin Laden dobbiamo pur garantirci l’energia di cui abbiamo bisogno, ecc. A volta si ha come la sensazione che Cernobyl sia stata una rappresentazione scenica, un film, una pura emozione - sì, ricordi la grande paura per l’insalata? e però poi non è successo niente...

Beh, qualcosa è successo, eccome. Sulla verticale del reattore Igor Kostin, fotoreporter dell’agenzia Novosti, se ne accorse molto presto, quando a mezzogiorno del 26 aprile arrivò in elicottero sulla verticale del reattore esploso poche ore prima, senza sapere niente di preciso sulla natura dell’incidente, ed ebbe l’immediata percezione che quella non fosse una delle tante «fabbriche disastrate» che aveva fotografato dall’alto nella sua carriera. Una lastra di cemento di tremila tonnellate «rivoltata tutta intera come una frittata », l’aria che brucia anche senza fiamme né fumo, uno strano bagliore rosso cupo sotto le macerie. La fotocamera che dopo pochi minuti di colpo si blocca. E le pellicole, sviluppate al ritorno, completamente nere. Bruciate.

Kostin fu il primo e rimase l’unico fotografo a recarsi alla centrale in quel giorno - un caso «fortunato », nell’ottica di chi cerca uno scoop, determinato dal fatto di essere specializzato nella documentazione dei danni a fabbriche causati da incendi e affini, per cui venne convocato «a prescindere». Ma in fondo non fu un grande scoop: al termine della giornata gli rimase una sola foto stampabile, anch’essa mezza bruciata. Fosse stato per quella - che la Novosti comunque non pubblicherà mai - non sarebbe certo diventato famoso, anzi «leggendario» come lo definì più tardi il Washington Post, né si sarebbe parlato del suo eroismo.

Igor però non cercava scoop. Aveva capito subito che quello non era un incidente, seppur grave, ma una tragedia inaudita; e il fatto che stampa e televisione dell’Urss per giorni tacessero del tutto e poi cercassero in ogni modo di minimizzare (a lui, Kostin, la Novosti rifiutò persino di assegnare un’auto per andare avanti e indietro da Kiev a Cernobyl, e nessuna foto venne pubblicata dai giornali) gli fece intuire che si trattava di una tragedia che avrebbe segnato un’ epoca e sconvolto dalle fondamenta la società sovietica e il suo modo di esistere. Per cui decise di non mollare la presa.

Studiò un sistema per proteggere le macchine fotografiche dalle radiazioni; chiese e ottenne il permesso per seguire direttamente le varie, drammatiche fasi del «dopo»: anzitutto il coraggio incredibile delle migliaia di «liquidatori», gli uomini che ripulirono praticamente a mani nude il luogo del disastro; e poi l’evacuazione della popolazione, la costruzione del sarcofago intorno ai resti del reattore esploso, i vani tentativi di «lavare» la contaminazione dalle case e dai veicoli, poi la loro distruzione. Voleva disperatamente documentare tutto quello che succedeva, per evitare che venisse prima o poi cancellato dalla memoria - quel che in effetti si sta tentando di fare, da noi come altrove, a cominciare dalla stessa Russia dove il programma nucleare sta ripartendo alla grande.

Documentare tutto Riprendeva e documentava il lavoro eroico dei liquidatori - turni di 40 secondi sul tetto della centrale, dove arrivavano salendo di corsa le scale con addosso 35 chili di protezione in piombo, una palata di detriti giù nella voragine, sul cuore fuso e pulsante del nocciolo, e poi via di corsa, con una dose di radiazioni assorbite superiore a quella tollerabile nell’arco di una vita intera. Cinque volte Igor Kostin è salito su quel tetto, fianco a fianco con quegli anonimi eroi, «solo » per immortalare il loro coraggio, e con la consapevolezza di rovinare irreparabilmente il proprio corpo.

Igor Kostin si è gravemente ammalato, negli anni successivi; è stato sottoposto a vari interventi chirurgici (anche a Hiroshima, in un ospedale specializzato nelle cure di patologie da radiazioni) ma ha avuto la forza e la fortuna di sopravvivere, a differenza di centinaia di uomini che pochi minuti di lavoro sul tetto sventrato del reattore numero 4 hanno spedito al creatore fra atroci sofferenze. Kostin ha resistito, e ha continuato a lavorare nel suo personale progetto di documentazione di tutta la catastrofe.

Dopo i giorni e i mesi della «ripulitura» e dell’evacuazione di decine di migliaia di abitanti, ha continuato a frequentare l’area di Cernobyl per fotografare quel che restava - i lavori per sigillare la centrale, le città abbandonate, la sepoltura dei villaggi, le grandi tombe a cielo aperto per migliaia di veicoli contaminati, la natura travolta, il ritorno la vita assurda dei «recalcitranti» Sempre con quel connubio di passione e maestria che rende davvero grande un fotografo.

Fotoreporter, Kostin lo era diventato relativamente tardi e in modo assai sofferto. Nato nel ’36 a Chisinau (allora Bessarabia romena, poi Moldavia sovietica, oggi Moldova indipendente) da una famiglia relativamente benestante, aveva passato l’infanzia nella fame disperata provocata dall’occupazione tedesca e dalla guerra, l’adolescenza nella fame della miseria postbellica sovietica. Dopo il servizio militare, altri anni sbandati, fra il teppistello e lo sportivo; infine l’avvio di una carriera da ingegnere, il matrimonio, i primi scontri con la burocrazia industriale sovietica che gli bocciava tutte le sue invenzioni.

Alla fine degli anni ’60 iniziò far fotografie per diletto - ritratti di belle donne - finché la passione lo travolse: respinto una prima volta dalla Novosti, lasciò lo stesso il suo posto da ingegnere (e la moglie, e la casa) per tentare quella che ora chiameremmo una carriera da freelance, vivendo per anni a pane e latte con i pochi copechi guadagnati vendendo qualche scatto. Finché ci riuscì. Finalmente assunto, a metà dei ’70 divenne fotografo di guerra, Vietnam, Cambogia, Afghanistan: «L’unico fotografo non comunista dell’agenzia », racconta. «Ma non potevo lavorare davvero, non mi permettevano di andare al fronte, mi dicevano di no su tutto.

Ero una pedina al servizio della propaganda». Finché con Cernobyl «tutto è diventato possibile... Erano cambiati i tempi, il sistema presentava delle crepe e io mi ci sono infilato. Ho assistito al crollo di un regime e Cernobyl è per me il vero simbolo di quel crollo, più della caduta del Muro di Berlino». Per il due per cento del gas A chi parla oggi con leggiadro entusiasmo di «ripensare al nucleare» per il fatto che il Gazprom ci toglie ogni tanto il due per cento del nostro fabbisogno di gas - così come a chi ascolta questi discorsi di apparente ragionevolezza con le idee un po’ confuse - bisognerebbe suggerire di dare un’occhiata al libro di Kostin («Chernobyl - confessioni di un reporter », Ega editore, Torino 2006).

Dare un’occhiata, più che leggere, perché il libro, oltre che il suo racconto, contiene soprattutto le sue splendide, terrificanti fotografie della tragedia nucleare sovietica. Splendide perché fatte tutte con perfezione tecnica e compositiva, nonostante le condizioni impossibili in cui sono state scattate; terrificanti perché, anche se non indugiano affatto sugli «effetti collaterali» (i morti, gli ustionati, i malati di cancro che a migliaia hanno subìto, immediatamente o dilazionate nel tempo, le conseguenze della catastrofe) mostrano con una violenza che attanaglia lo stomaco la materialità assoluta del «disastro nucleare».

Quella materialità è stata rimossa dalle nostre coscienze (forse perché in effetti non l’abbiamo mai davvero «vista» con i nostri occhi): premessa indispensabile che rende oggi possibile ai berluscones e ai loro epigoni di sinistra rimettere in discussione la scelta antinucleare. Agli occhi della maggior parte di noi Cernobyl fu un disastro grande ma per così dire virtuale, che si manifestava con divieti amministrativi e discorsi politici - e con pochissime immagini: mamma tv, per prudenza o impotenza, non ci mostrò quasi nulla di quel che davvero era avvenuto e stava avvenendo lì, sul teatro vero della tragedia: e quel che non c’è in tv, si sa, non esiste - chi scrive, visitando Cernobyl per la prima volta nel ’96, nel vedere con i propri occhi «the real thing» rimase inorridito e spaventato ben più di quanto non gli fosse capitato dieci anni prima. Fortuna che un bravo fotografo ha voluto fare fino in fondo il suo dovere...

da "il manifesto" del 05 Marzo 2006

http://www.ilmanifesto.it/g8/dopoge...


http://www.edoneo.org/



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo





Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista
Terremoto di Casamicciola
martedì 22 - 17h08
di : Lucio Garofalo
La Strage di Barcellona ed il genio incompreso di G Romero
lunedì 21 - 21h23
di : pugliantagonista

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

Notre vraie nationalité est l'humanité. Herbert George Wells
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito