Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
PELOSO

di : spartacus
mercoledì 15 marzo 2006 - 16h08
4 commenti
JPEG - 10.4 Kb

di Spartacus

L’ha vinto il primo match col prode Prodi, il Cavaliere. L’ha vinto lì sopra la bella fronte che ora non esalta più la pelatina. Le sofferenze - quanti buchini! - dell’estate, la bandana così sbarazzina che però non legava col fumé Caraceni sono dolori andati. Ora la peluria spicca e lui, come un tempo, può rivincere a colpi di chioma. Inquadrato a distanza reggeva benissimo il confronto con capellone Romano, troppo scuro, magari tinto. Invece il premier che classe! Tutta pelugine nuova, altro che riportino pippobaudesco. La gioia di pelo dev’essergli cresciuta non solo fuori perché più volte mostrava villosità interne che proprio non ce la facevano a stare a cuccia.

Così il venditore, troppo compresso dai buoni consigli dei consigliori, strabordava. Prima nei secondi d’intervento, quindici-venti in più per due, tre, quattro volte: ma in fondo chi è che si candida a destrutturare per altri cinque lunghi inverni il Paese? Chi deve rivincere il 9 aprile? E allora fateglielo prendere il suo tempo, coi suoi tempi eterni, gli irsutismi innati con cui non sopporta il mascherone prodiano che cela, dietro tanta bonarietà, il “cumunismo”. Affonda il Cavaliere, dice quel che ha fatto e giù numeri, anche se secondo alcuni osservatori (non le stucchevoli e balbettanti penne scelte per disturbare il meno possibile con domande in alcuni casi raggirate) tali numeri rimpiazzano le proverbiali barzellette perché sballati.

Ma l’uomo del destino è così. Lo si odia o lo si ama. I “cumunisti” prodiani lo odiano e vogliono sbarazzarsene però non sfoggiano la camicia giusta che buca il video. L’azzurro shirt dell’azzurro d’Italia brilla rispetto a quella di Romano, forse scivolato nelle mai inappuntabili forniture di D’Alema. Anche qui la classe non è acqua e siamo due a zero. Lo nota la curva ultrà gestita dal fedele Emilio che nel dopo partita esulta per la vittoria dell’idolo di casa. Il suo pelo tracima anche dallo stomaco e intona la litanìa della solita Sinistra disfattista (lo dice sempre anche Schifani), infedele (lo dicono Pera e Casini), “cumunista” (lo confermano i bravi ragazzi di An), pederasta (lo dice la nipotina di Salò). E poi non si sopportano i sindacati, i magistrati, le leggi che non fanno comodo e quella pletora di regole - come queste di contingentare il tempo di dibattito televisivo -. A che servono? e perché, se c’è Lui a garantire?

Eccolo invece il viatico vincente che il Cavaliere peloso dispensa al popolo: ricrescita. Sì, come la crescina che gli ha infoltito la capigliatura anche l’elettore - se vota bene - potrà ricevere i benefìci di stipendi accresciuti, opere pubbliche lievitate, credito italiano nel mondo rivalutato, economia rilanciata, rapporti internazionali risaliti. Tutto in crescita come la chioma del capo. Godiamoci a peli ritti lo spettacolo, sino al 9 aprile c’è tempo.

Spartacus, 15 marzo 2006



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo


Forum del' articolo
 

> PELOSO
15 marzo 2006 - 17h59 - Di 900849c1e3cb34dcd7635fe49922dab2...

Macchè noia, Berlusconi alle corde è uno spasso

Del duello tv di ieri sera si può dire di tutto. Ma non che fosse noioso. Non almeno per chi simpatizza per l’Unione di centrosinistra.

Quel Berlusconi ingessato, con gli occhi bassi sul foglio, nervoso, incapace di contenere il suo discorso nei tempi e quindi continuamente interrotto dall’arbitro Mimun, che chiama le donne una «categoria», che non riesce a finire l’appello finale, ebbene quel Berlusconi lì è davvero uno spasso.

Altro che i siparietti da Vespa, altro che proclami a reti unificate, altro che foto di gioventù in cui sembra un adone. Altro che copertine taroccate con i capelli disegnati con Photoshop (noto software di grafica digitale, per chi non fosse avvezzo al ramo).

Quello che si è visto ieri è il vero Silvio Berlusconi, un leader in rotta e che sa di esserlo. Uno contestato dai suoi stessi alleati che hanno tentato ogni strada per non ricandidarlo.

Dopo la performance di ieri occorre dire che avevano le loro buone ragioni. E Gianfranco Fini oggi s’è incaricato di dire la verità: «Serve un centrodestra diverso». La più chiara ammissione di sconfitta.

Si badi però: non sono una sconfitta mediatica, ma una sconfitta politica. Frutto di 5 anni di governo nei quali il presidente del consiglio ha fatto tutto ciò che era utile a se stesso e a pochi altri (le leggi ad personam) e nel tempo libero da questo gravoso impegno si è dedicato alla distruzione dello Stato e delle sue «agenzie»: scuola, sanità, welfare locale. Senza dimenticare ovviamente i diritti dei lavoratori cancellati dalla legge 30 e la guerra in Iraq al servizio di Bush.

Insomma, una sconfitta che viene da lontano che il duello tv di ieri ha fatto emergere con evidenza.

www.rossodisera.info



> PELOSO
15 marzo 2006 - 21h26 - Di 005a96fc21f2ca946c58686c0952fc92...

Primo duello tv tra Prodi e Berlusconi. Botta e risposta su economia, euro, immigrazione, conflitto di interessi
Regole rispettate, confronto aspro
I duellanti a caccia degli indecisi
Alla fine il Professore lancia il suo "slogan sulla felicità"
E il Cavaliere si lamenta: "Non ho potuto spiegare bene..."

Regole rispettate, confronto aspro
I duellanti a caccia degli indecisi

ROMA - Pacato, senza colpi di teatro, o siparietti semicomici. Ma tra Prodi e Berlusconi è stato scontro totale. Dalle tasse alle grandi opere, dagli immigrati all’euro, dalla concertazione al conflitto di interessi. Grandi assenti dal dibattito, i fatti di Milano e il caso Storace, la devolution e la giustizia.

La strategia comunicativa di Berlusconi è chiara sin dall’inizio. Il Cavaliere evita di usare la parola comunisti, ma introduce le sue repliche accusando sempre l’avversario di dire menzogne e di mistificare la realtà. Prodi, invece, insiste nel segnalare puntigliosamente quello che a suo parere è il fallimento dell’operato dell’esecutivo in carica.

Il risultato è un confronto aspro, che si accende anche sul piano personale intorno alla metà della trasmissione, quando il Professore si rivolge direttamente a Berlusconi (che lo aveva definito un uomo di facciata) intimandogli di "avere più rispetto". E che si nutre, via via che incalzano le domande di Roberto Napoletano e Marcello Sorgi di parole forti, come l’accusa di "spudoratezza" rivolta spesso dal capo del governo all’altro candidato.

L’impressione è che nella prima parte il premier abbia ripetuto troppe volte, sempre e comunque, l’accusa a Prodi "di ribaltare la realtà"; e che il Professore abbia troppo indugiato nel ricordare le buone cose fatte dai governo dell’Ulivo in passato. Una tendenza ridimensionata da entrambi i contendenti nella seconda parte del programma, nella quale la bilancia è parsa comunque pesare dalla parte del capo dell’opposizione, più rilassato e pungente. Prova ne sia il passaggio conclusivo, nel quale il presidente del Consiglio si è lamentato di "non essere riuscito a spiegare bene" le cose che voleva dire.

Ma alla fine - al di là della "pagella" ai leader - se il confronto doveva servire a orientare le scelte di chi è indeciso, restano i contenuti dei passaggi politici. Vediamoli in sintesi.

Tasse e conti pubblici
La prima domanda rivolta ai candidati è sulle tasse. Romano Prodi conferma che l’Unione al governo abbasserà di cinque punti il cuneo fiscale. E assicura che i calcoli sul reperimento dei fondi per diminuire le tasse sul lavoro "sono stati fatti con precisione", rimodulando allo scopo le attuali leggi sul lavoro precario e "senza toccare affatto le pensioni". Il presidente del Consiglio replica che sulla questione "la coalizione non è d’accordo".

Poi il Cavaliere, dopo aver ricordato che "è stata la Cdl ad abbassare le tasse", dice i conti pubblici ("promossi proprio oggi dall’Ecofin") sono stati rimessi in sesto da lui dopo il disastro ereditato dalla sinistra. Una affermazione contestata da Prodi: "Alla fine partirà da Garibaldi, con questa mania di attribuire ai governi passati ogni cosa". Lo stesso leader dell’Unione, in conclusione, tornerà all’attacco: "Berlusconi vuole scrivere lui il nostro programma, ma noi non metteremo nuove tasse. Solo lavoreremo per un fisco più giusto"

Euro e prezzi
Duro lo scontro sulla moneta unica. Prodi ha accusato il governo di non aver fatto nulla per calmierare i prezzi, mentre il premier ha replicato che "l’esecutivo ha lavorato bene sul contenimento della inflazione". Poi l’affondo del Professore: "Volevate il cambio a 1.500 lire, così il Paese sarebbe affondato".

L’immigrazione
Il botta e risposta è serrato. Per Berlusconi le file di queste ore agli uffici postali sono la prova che la politica del governo funziona, perchè i clandestini si regolarizzano. Replica del Professore: "Non avete programmato nulla, ecco i risultati. E non avete saputo fare una politica seria di dialogo con le imprese sul tema dell’immigrazione". Controreplica del capo del governo: "Questi sono i clandestini che sono arrivati con il vostro governo, quando avete spalancato le porte".

Le grandi opere e la scuola.
Sulle infrastrutture Prodi rimprovera al governo di non aver finito "nulla o quasi nulla di ciò che ha cominciato", mentre il Cavaliere ha accusato la sinistra di non volere nessuna grande opera, "dal Mose alla Tav". Nella sua replica il Professore ha posto una questione di metodo: "Finiremo le opere iniziate, e ne faremo altre, ma cercando l’accordo con le realtà interessate".

Poi, lo scontro sulla scuola e sulle riforme. A Berlusconi che ha difeso la riforma Moratti, Prodi ha replicato che è assurdo far decidere a tredici anni il proprio percorso formativo. E i due si sono confrontati anche sulle scuole tecniche: "Noi le sosteniamo", ha detto il premier; "Al contrario, stanno chiudendo".

Il conflitto di interessi
Uno dei passaggi più vivaci del dibattito. Il premier ha ribadito di non sentire il peso del conflitto, che le sue televisioni sono equilibrate e non attaccano mai la sinistra e ha ricordato di essere uscito "solo quattro volte" dalla sala del Consiglio dei ministri quando si doveva decidere di cose che riguardavo sui interessi. "Quattro volte è una enormità", ha replicato il leader dell’Unione, ricordando che il conflitto di interessi è "regolato severamente in tutti i paesi del mondo". Nelle repliche Berlusconi è tornato sulle accuse alle coop e alla sinistra ("E’ lì il vero conflitto tra aziende e politica"), mentre Prodi gli ha risposto, polemicamente, che le sue liste parlamentari sono piene di "uomini-azienda".

La concertazione. Argomento caldo, con Prodi che insiste sul metodo del dialogo: "Il Paese si cambia solo con il dialogo, sempre prima il dialogo, e poi la decisione". Berlusconi replica sostenendo che il suo governo ha cercato a lungo il confronto con i sindacati, ma "che si è trovato davanti a un muro". La prova, per il Cavaliere, è che gli scioperi fatti in questi anni sono stati tutti politici".

Gli appelli finali. Tocca per primo a Berlusconi, che spende oltre un minuto per dirsi "dispiaciuto di non aver potuto spiegare bene, con questo tipo di regole, le cose che aveva da dire agli italiani". Poi conclude dicendo che il 9 aprile non si confronteranno lui e Prodi, ma due diverse visioni dell’Italia, "quella della libertà e dello Stato leggero" e dall’altra parte "quella dei partiti che vengono da una vecchia ideologia".

Prodi conclude dicendo di essere anch’egli "per lo Stato leggero", ma ricordando che "Berlusconi ha aumentato perfino i dipendenti di Palazzo Chigi". Quindi lo slogan: "l’Italia ce la farà ad andare forte del mondo, e così sarà possibile organizzare anche un po’ di felicità per noi".

http://www.repubblica.it/2006/c/sez...



> PELOSO
16 marzo 2006 - 09h49 - Di b4e2cf58caaa5c47164c2d255471cc8f...

Nel confronto, B sbaglia temi, modi e toni.
Crisi irreparabile.
A 5 punti sotto il centrosinistra, gioca tutto se stesso nel confronto con Prodi e va da schifo. Ora è dura.
Non vuol fare più confronti. Sente che è finita.
Subito l’entourage farà propaganda fitta per inventarsi una immagine di vittoria fasulla e rappezzarla come può.
Ma gli italiani lo hanno visto. E come se lo dimenticano?
Gli è tutto da rifare.
Ha irritato l’opinione pubblica senza convincere gli indecisi e dando una immagine aggressiva e non costruttiva, velenosa e non progettuale.
Il suo tono aggressivo non ha creato sogni ma evocato guerre e veleni. Basta!
Ignora la gente, i problemi e il paese.
Si accanisce a creare un monumento a se stesso, narcistica e megalomane, del tutto inverosimile e offensivo per chi non arriva alla fine del mese, per chi e’ povero, per chi non ce la fa. Ma che ce frega del monumento a lui stesso?
Mica ci mangiamo le sue ricchezze!
Abbiamo bisogno di un governante, non di un attore o di una ballerina o di un magnate che aumenta i profitti!
Persino Il foglio parla di una fine simile a quella del ventennio.
... e poi lasciare il maggioritario per le tre punte e infine per il proporzionale! Che errore madornale! Sbriciolare la politica in 180 partiti! Mettersi contro i suoi stessi alleati!!
Ora ha contro anche Casini e Fini, che si smarcano e lo criticano.
"Ero stanco... calo di zuccheri... vedevo tutto bianco... un blocco..non ricordavo più nulla... ero andato troppo in tv... ho visto un muro bianco... sto male... chiamate il dottore... vado alle Bermude... devo cambiare strategia (a 3 settimane dal voto?!)... faccio il partito unico (ora?! col proporzionale in atto?!)"
...è perso!

Lo studio sembrava una gelateria.
Era un obitorio.
La salma ancora parla, ma è imbalsamata.
Portate i canopi e finiamola qui!

Ridiamo: la pena con l’Annunziata sarà forse la ripetizione dell’intervista con B. Ma la Rai vuol punire B o l’Annunziata?

viviana


> PELOSO
16 marzo 2006 - 13h39 - Di b4e2cf58caaa5c47164c2d255471cc8f...

La trasmissione ’Le storie’ di Augias ha appena dato la notizia terribile, arrivata online, che gli USA hanno pronti attacchi preventivi contro l’Iran
Ricordo che, nell’incontro Prodi- Berlusconi, sull’Iran il silenzio di B è stato totale, ha anche fatto finta di non capire se gli veniva chiesto dell’Iran o dell’Irak, con tutto che le domande le sapeva benissimo perché le aveva concordate preventivamente e si era preparate le risposte da tempo
Prodi si è appellato alle decisioni dell’ONU, ben sapendo che l’attacco ’preventivo’ all’Irak è avvenuto contro di esse, in totale e autonoma aggressione degli USA
B ha fatto finta di non capire ed è stata l’unica domanda per cui, rispondendo, non ha sforato, perché l’Italia con lui ha perso ogni volontà di politica estera autonoma, limitandosi a registrare gli ordini degli Stati uniti
La prospettiva di un’altra terribile guerra preventiva è terrificante e di nuovo apre scenari spaventosi sul futuro. Possiamo star certi che, se B sarà rieletto, ci ritroveremo con un’altro spalleggiamento di truppe italiane a truppe USA, un’altra ipocritca "missione umanitaria", ora che si è deciso di inviare in Afganistan dei "cacciabombardieri", sempre per missione umanitaria, si intende
Sono molto scossa per quanto accade
Ci stiamo a preoccupare delle tasse future mentre per molti di noi non ci sarà alcun futuro.
Parliamo di religione con la bocca piena del sangue di una guerra che si sta dilatando oltre ogni limite e vorremo solo imporre altre censure e altre limitazioni di diritti e altri abusi
Parliamo di superiorità della civiltà occidentale mentre prepariamo altre guerre

Piccola notaz. a margine: nella trasmissione di Augias parlava una giovane donna iraniana, di grande intelligenza e finezza, plurilingue, imprenditrice di talento, Daryl Majiadi, presidente dei giovani industriali a Livorno
Dov’è il mentecatto che ha detto che le donne devono stare in casa a fare da spose e madri lasciando fare la politica ai soli uomini?

viviana





Corruzione e schiavitù moderna : il controverso leader del Qatar in visita in Italia
lunedì 19 - 12h52
di : Valentina Ricci
In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

Vivre simplement pour que simplement d'autres puissent vivre. Gandhi
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito