Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
Voi che dite "giovani borghesi" non avete capito proprio nulla

di : Oreste Scalzone
giovedì 6 aprile 2006 - 12h51
4 commenti
JPEG - 54.8 Kb

di Oreste Scalzone

Nel sommovimento sociale venuto alla ribalta in Francia si sente dire spesso “a destra e a manca” che... in fondo, si tratta «strettamente di studenti» (dunque di “ceto medio”) che si battono per conservare... no, anzi, per ritornare a un modello di “vita attiva” (di... vita), di “mondodel- lavoro” (di... mondo) che sia quello delle “sicurezze”, della sicurezza del posto di lavoro fisso, del lavoro-a-vita “dei loro padri” (o non piuttosto, nonni?), con tutto quello che a ciò va insieme, che questo sottende, implica, comporta... Ceto medio (che anche la lingua francese, così ricca, è costretta a dire classe moyenne) è espressione di conio sociologico, di diffusione giornalistico-descrittiva, teoricamente debole, scadente: in qualche modo, uno pseudoconcetto. Che lo usino Opinion- makers, ideologhi “del Padrone”, nel senso di propagandisti della vulgata apologetica del sistema integrato tecno- capitalistico-statale, è “logico”.

Voi che dite “giovani borghesi” non avete capito proprio nulla

Che facciano loro eco pensosi maîtres-à-penserdella cultura “alta”, saggistica, accademica, non ci stupisce più di tanto. Che, in particolare, pubblici e pubbliche pens-at[t]ori e pens-a[t]trici di ascendenza “sessantottesca”, anche nonrinnegata, si lancino a sostenere simili castronerie, è rivelatore di un denominatore comune che - nelle diverse forme, intenzioni, motivazioni probabili o credute, auto-attribuitesi - si risolve in una triste e sindrome di orrore per tutto ciò che potrebbe intervenire a “rimettere in questione” vita, “routine”, sicurezze, bilanci. Certo, all’inizio di questo movimento che ha preso spunto dalla resistenza, dal No al Cpe, la cecità è stata minore. Si sarebbe dovuto esser davvero intellettualmente ciechi, per non vedere che sotto, nelle viscere sociali, esistenziali, nella fibra stessa delle passioni, des affectes, nell’energia, nella scommessa, nel gioco, la sollevazione che aveva incendiato territori fisici ed esistenziali, topografie e psico-topografie, a partire dall’autunno scorso, era una “corrente”, un fattore di tellurismo all’opera. non foss’altro che per un elemento “visibile” a occhio nudo: nell’aspetto anche - come ha mostrato Henri Lèfebvre, come hanno mostrato i situazionisti a proposito della Comune - di festa dei mo(vi) menti insurrezionali (“il 18 marzo - giorno dell’inizio dell’insurrezione della Comune di Parigi - sarà sempre e dovunque la più gran festa del proletariato”), in quegli “strani studenti”, giovani e giovanissimi “soggetti schizometropolitani” comunque proletarizzantisi nella lotta, nella coalescenza di motivazioni singolari, diverse che trovano una comunanza; in quelle loro cariche battenti, che “snidavano” la testuggine dei Crs (i celerini della Rèpublique) per alla fine farsi inseguire, un po’ (anche) come si fa col toro alla festa, la fiesta mobile di Pamplona... non era chiaro che ci fosse anche l’ebbrezza liberatoria di un’emulazione riuscita? Stavolta, la cosa in qualche modo appariva anche nei commenti “saputi” degli scienziati sociali, nelle loro versioni divulgative e autodivulgative. Ma è bastato l’ovvio presentarsi di elementi di “Babele dei linguaggi”, lo sgranarsi diversificato di comportamenti anche diversi, per far ripartire la macchina del crimine continuato del pensiero-propaganda, propagandistico e auto-propagandistico.

La tentazione dello schema manicheo, gli stereotipi e le malizie corrispondenti, la speranza nelle divisioni, il vecchio lurido gioco del “divide et impera” della ricerca del tradimento, della delazione e della paranoia del tradimento è un classico. Ma nessuno di quanti si sono impressionati, e hanno rapidamente subìto e introiettato questa “rappresentazione”, cominciando a focalizzarsi, come minimo sull’incomunicabilità tra “studenti-studenti” e “pègre ghettizzata di banlieue” (nel caso dei più ”addetti ai lavori“, la riedizione del “classi laboriose/ classi pericolose“, “lavoratori/lumpen”...), nessuno si è accorto che la cosa sostanzialmente non è passata? Nessuno si è accorto, o ha fatto mostra di accorgersi, che, non solo quella che chiamano “la casse” (termine di sfasciacarrozze), ma neanche alcuni episodi estremi che lo scoperchiamento della fenomenologia sociale rivela, porta alla ribalta, fa emergere allo scoperto, in piena luce, hanno scosso più di tanto il movimento, né hanno fatto flettere la freccia ascendente della estensione e radicalizzazione?

Si pensi alla vicenda di quei gruppi di neo-dépouilleurs che - quantomeno ostentando una estraneità vertiginosa rispetto a “tutto”, non ultimo a scontro con la polizia, e “scontristi”, “casse” e “casseurs” - hanno cominciato a replicare un comportamento apparso tempo fa ad una manifestazione di studenti: approfittare del buco, del black-out, della sospensione della sorveglianza, del controllo “del territorio”, e il presentarsi di una “jungla mobile” in principio non ostile, per “gettarsi su tutto quello che si muove”, in primis dei e delle manifestanti dall’aspetto più “domestico”, con un comportamento di razzìa, come se fosse ricondotto ad un sottobasamento “etologico”.

Ebbene: malgrado il carattere effettualmente odioso che la cosa può assumere; malgrado la vertigine che esso può dare, non c’è stato panico, paura, ripiegamento legalistico, diffusione di discorsi querulenti, rifugio sotto le gonne della “buona società civilizzata” e dello Stato... Proprio in forza di un comportamento da apparato parapoliziesco di apparati sindacali, nella fattispecie la Cgt, che, prendendo spunto da problemi e difficoltà reali, si erano prodotti in un comportamento che aveva in corpo un germe del teppismo da linciatori nella variante “rosso-staliniana”, non già interponendosi ed eventualmente anche bastonando per dissuadere severamente chicchessia da tali comportamenti, ma procedendo alla maniera della polizia quando scatena la “caccia”, sulla base di una presunzione semplicemente fondata su criteri tipologici si è poi “scoperta” una dimensione difficilmente utilizzabile per demonizzazioni: l’età media di questi “dépouilleurs” essendosi rivelata più al disotto che al di sopra dei quattordici anni, la patata bollente torna alla “società organizzata”, come sempre in questi casi, dalla Sierra Leone a Scampìa... E che dire della inedita tenuta di un fronte sindacale che ostenta compattezza, intrattabilità, resistenza in un No senza subordinate, decisione di andare fino in fondo nella volontà di strappare il puro e semplice ritiro del Cpe, e questo in presenza di segni chiarissimi di una crisi di “regime” più che di governo, nel contesto di un’impressione più generale - non solo francese - di una deliquescenza del “Politico” di una obsolescenza della sovranità degli Stati-nazione (con una cessione di sovranità di fatto, per un verso in direzione del Frankenstein commerciale-finanziariomonetario- penale che è l’Unione Europea; ma soprattutto verso gli istituti dell’“amministrativizzazione globalizzata della Decisione”). Conosciamo la natura di sindacalismo e sindacati - peraltro sempre più sussunti in “concertazioni”, ruoli “nazional- popolari”, istituzionali, interni all’esercizio delle diverse funzioni della gouvernance: se dunque va come va, è che non trovano - neanche la Cfdt, la Cgt o i più moderati e spesso “collaterali” ai Governi, il modo e l’occasione per sfilarsi senza pagare un prezzo altissimo, data la potenza del movimento. Allora, movimento “di studenti” o “di ceti medi”, come estrazione e come modi di vita, ruoli sociali, mentalità, autorappresentazione? Ma di che si parla? Di “estrazione sociale”, quella per cui Kropotkin sarebbe un principe, Marx un figlio di borghesi, e cosi via con volgarità degne di un... Giovanardi?

I sociologi definiscono gli studenti come «ceti medi». Ma di che si parla? Di “estrazione sociale”, quella per cui Kropotkin è un principe e Marx un figlio di borghesi

Di “sogno illusorio, nostalgico”, di una vita di posto di lavoro garantito, una vita di lavoro a vita, una vita di lavoro, stabile, full time, full-life, senza scampo, e addio al “lavorare tutti per lavorare meno”, alla critica del lavoro, e tutto il resto? Su questo misto di meccanicismo e sociologismo si ripiega? Ci manca solo - faccio un’iperbole - che persino chi ha tanto parlato di “capitalismo cognitivo”, di “produzione immateriale”, di “General Intellect”, di “precariato intellettuale”, rischi di esser risucchiato in un misto di determinismo e moralismo da “passioni tristi”...

Ci voleva Alex Honneth, successore in cattedra di Habermas alla Scuola di Francoforte, per formulare (sul supplemento di Le Monde dello scorso fine settimana) la rilevazione evidente secondo cui «la rivolta delle banlieues ha giocato un ruolo decisivo nel movimento contro il Cpe», permettendo agli studenti «di prendere coscienza che possono ancora cambiare le cose» Tempus fugit...., dunque qualche conclusione provvisoria, con qualche traccia di proposta, brutalmente semplificata. Vorrei (e spero di poter dire, non troppo in pochi, vorremmo), dire: ma come si fa a non vedere che - dopo almeno un quarto di secolo in cui il modello di accumulazione e l’estrazione mondiale del plusvalore sociale, con le sue forme di lavoro sommerso, disperso, dissimulato, “informale”, non riconoscibile, con l’incedere sempre più veloce di segmentazioni e “atomizzazioni”, e con la conseguenza di una difficoltà estrema a dar corpo ad una cooperazione antagonistica; dopo effetti di delocalizzazioni, disinvestimento, importazione di esercito salariale di riserva, per gli effetti della vertiginosa accelerazione della “mondializzazione reale”, nella fattispecie del mercato della forza-lavoro; mentre la forma la più elementare di lotta di classe si trovava come interdetta alla radice; la lotta di classe, anzi la guerra (anche nei suoi risvolti di economia criminogeno/penale), veniva condotta da una parte sola: solo dall’alto in basso, come se fosse consentita la serrata, ma interdetto, e anche, peggio, impossibile, lo sciopero - ecco, come si fa a non vedere che per la prima volta, qui, ora si ripropone e ripresenta una forma di confluenza, di coalescenza, una forma «massificata» che ricompone le moltitudini diverse attorno ad un denominatore comune generale, trasversale a tutte le diversità? C’è il luogo, ci sono le forme, c’è la sincronia: io credo che la svolta irreversibile consista nel fatto che è finito un ciclo che veniva, dagli uni vagheggiato, dal nostro bordo lamentato, o tentato volontaristicamente aggirare ed esorcizzare: quello dominato dall’idea e dalla realtà che la vita era divenuta una variabile dipendente delle Razionalità tecno-capitalistico- statali, e le immense piaghe di disastri eco-sociali, mentali, antropologici, erano degli ineliminabili “danni collaterali”. Puo’ cominciare ad essere fi-ni-ta.

Chi (come i vertici del Centro-sinistra in Italia) sembra non voler vedere che leggi 30, Treu, Cpe, etc. sono semplici variazioni su tema, e che è il tema, lo spartito, tanto per cominciare, che sono oggi rifiutati e verranno travolti, credo incontrerà sorprese amare.

Chi (come i vertici del Centro-sinistra in Italia) sembra non voler vedere che leggi 30, Treu, Cpe, etc. sono semplici variazioni su tema, e che è il tema, lo spartito, tanto per cominciare, che sono oggi rifiutati e verranno travolti, credo incontrerà sorprese amare. A noi interessa una radicalizzazione allargata, potente, capace di recare in sé, anche nei passaggi più minuti, locali, l’idea direttrice di una comune autonomizzazione come unica forma adeguata a tradurre la “potenza di vita” e anche a permettere una sfida e una scommessa rispetto ad una tendenza che, altrimenti, sembra la corsa folle all’annichilimento del treno di “Cassandra crossing”. Questo ci interessa: qualcosa a cui sta stretto lo stesso termine “rivoluzione”. Proprio per questo, non ci interessa guardarci allo specchio delle brame per sentirci dire che siamo noi i più puri, sovversivi, e compagnia cantando. Pensiamo che bisognerebbe - accanto all’estensione, radicalizzazione, aumento d’intensità del movimento, per esempio in questa forma dei blocchi stradali e ferroviari come forma di interruzione, sabotaggio del funzionamento meccanico ordinario, a mezzo di uno “sciopero della cittadinanza” ricorrente, prodotto e riprodotto incessantemente -provare due cose. In primo luogo, la messa in opera di un funzionamento autonomo di una comunità attiva, sul terreno del sapere, nei licei e nelle Università (reinventando ben altro che le conosciute autogestioni.

In secondo luogo provare - perchè no? (si fa “individualmente, ma non si dice ”coralmente”?) a mettere in discussione la gestazione di “Fiere della merce-forza lavoro, precaria, migrante, informale, instabile’’, che contendano terreno alla messa in concorrenza individuale, o per strati, micro-corporazioni, lobby...Braccio di ferro esplicito, dichiarato: val la pena di aprire una discussione a tutto campo? Mi faccio l’avvocato del diavolo da me; mi assale il morso del dubbio, dello scrupolo: non ricadremo nella dannazione “dualistica” del sindacalismo, nella schisi dell’autocontraddizione fra il rifiuto, la contestazione radicale, la sovversività che non puo’ non sapere di guerra? Ma che, questa scissione atroce non la viviamo ogni giorno? Quello che andrebbe tentato, sarebbe una sperimentazione autonoma dell’articolazione: diciamo, fra terreno del sopravvivere e della disperata potenza tendente a vivere; entrambi su un piano d’immanenza.



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo


Forum del' articolo
 

> Voi che dite "giovani borghesi" non avete capito proprio nulla
6 aprile 2006 - 14h03 - Di 900849c1e3cb34dcd7635fe49922dab2...

Parigi, 13:54

FRANCIA: GIOVANI ANTI-CPE BLOCCANO ACCESSO AEROPORTO ORLY

Varie centinaia di giovani contrari al Contratto di primo impiego (Cpe) hanno bloccato gli accessi all’aeroporto parigino di Orly. I manifestanti, hanno riferito comunque le emittenti locali, non sono riusciti a entrare nell’aeroporto, protetto da agenti anti-sommossa, e il traffico aereo ha subito solo qualche ritardo. Il blocco delle strade di accesso a Orly fa parte del ventaglio di azioni lanciato dal coordinamento studentesco anti-Cpe contro il traffico stradale e ferroviario in varie citta’ del Paese, per mantenere sotto pressione il governo e ottenere la revoca del contratto di lavoro giovanile. Stamane erano state bloccate anche alcune stazioni ferroviarie a Parigi e il traffico dei treni era rimasto paralizzato circa un’ora. Le ferrovie francesi, l’azienda Snfc, hanno puntualizzato che il traffico e’ ripreso grazie all’intervento delle forze dell’ordine senza che ci fossero disordini. Blocchi stradali e ferroviari anche nel resto del Paese.

www.repubblica.it



> Voi che dite "giovani borghesi" non avete capito proprio nulla
6 aprile 2006 - 19h23 - Di 49d0b82663d180f7850e5fa2cd976a16...

LA FRANCIA respira venti di bufera.Leggendo interventi di sociologhi filosofi psicanalsiti sociali attenti alle question sociali,ecc.,questa rivolta ,non ha niente di nuovo.non meraviglia,;da anni si parlava in francia di stato situazione pre’insurrezionale ,;prima le periferie,poi gli studenti,dopo gli intermittenti del precariato artistco qui in francia di massa,essendo gli artisti lavoratori dello spettacolo,quasi impiegati dello stato(il contrario dell’italia,dove dire di essere un artista significa,aspettarsi risate burlesche e derisioni varie in un paese ultraliberale fotocoia americana).quindi niente di nuovo per chi resta,attento alle letture sociologiche che psicanalizzano la società francese da anni.il problema é alquanto complesso,ed non é soltanto un fenomeno nazional francese ma implica tutta l’europa ed i paesi detti del capitalismo avanzato ..iL NON,dei referendum francese,il non all’europa liberale protoamericana,delle tecnocrazie ,era il primo segnale di rivolta delle popolazioni francesi,che speravano in una ribellione dell’intera europa,difatti,il no francese ,non é stato ,,certamente ,un no nazional sciovnista,(visto che le destre nazionali sono alquanto minoritarie ). ma era un "no" di proposta ad un europa ed ad ,per un dibattito per l’europa sociale.,ecc,come queste ribellioni, erano previsibili,visto che governi sia di sinistra che di destra hAnno abbandonato queste popolazioni al loro destino fatto di esclusione discriminizioni,ecc;diceva sartre:ribellarsi égiusto...La francia attraversa una grave crisi di rappresentazion,Ed,un braccio di ferro si é,instaurato tra il potere e la piazza della società cIvile.Una crisi del sistemùa del capitalismo sociale francese é in atto ed il governo non riesce a calmare,il gioco dopo la tempesta;tutti i mezzi vengono usati,dividere studenti e proletari periferici,stessi,studenti dell’occupazione piu politicizzati e contro la precarietà ,contro minoritari studenti ,che pur essendo CONTRO,IL CPE,aspirano a continuare i loro corsi preoccupati per esami ecc;la represiione continua ma le" sirene continuano a dettare il nostro tempo metropolitano parigino;Mille azioni simboloche si susseguono e scandiscono i nostri tempi di guardoni, che cercano di capire l’inquietitudione che regna nelle nuove generazioni militanti non organizzati spontanei,dopo tanti anni una nuova generazione ribelle militante é nata soltanto, che non hanno ancora una vera coscienza politica(come s dicebva una volta ,per noi del 77°°):i massmedia chiamano tutti" casseurs", senza cercare di capire che ,molti di questi giovani,seppure forse sbaglando,lasciano scritte politiche,contro la precarietà ,la,vita non la soprevvievnza ecc;difatti,una notte,questi manifestanti giovani sono andati, in centinaiia a scrivere sui muri, simbolici della comune di parigi:,place du tertre,:paris svegliati,primavera 06/ 1871 comune di parigi....QUINDI NON TUTTI QUESTI Giovani sono dei ribelli lumpenproletariato ,cultori della violenza,che picchiano manifestanti pacifici ecc(commenti tv francese);SI DOVREBBE EFFETTAURE UN ANALISI ¨piu approfondita,non superficiale, come quella,purtroppo, dei massmedia ,che leggono soltanto dal punto di vista dei pochi commercianti (che verranno risarciti)impauriti dalle vetrine rotte,pochisisime,à Rennes,ecc;:/non é solo la francia che va male.LA FRANCIA é stata la prima ad ascoltare questa malattia sociale che si chiama globalizzazione.QUESTA PRIMAVERA,DOVREBBE ESSERE RAPPRESENTATA, DAL PITTORE edward MUNCH/:L’URLO;oppure dalle poesie di allen ginsberg:,della beat generation,:howl./..COME SCRIVE Il filosofo, jacques RANCIéRE ,UNA VOGLIA DI POLITICA DI DEMOCRAZIA STA EMeRGENDO;;;sta a noi adulti sapere ascoltare quest’ urlo, di sofferenza ,di malessere giovanile esistenziale...; sta a noi comprendere e transformare queta ribellione voglia di vera politica in democrazia radicale,sociale per la costruzione di una nuova" individualizzazione psichica collettiva", come suggerisce ,SIMONDON G.;OPPURE PER CONSTRUIRE UNA COMUNITà ,NUOVA, di INDIVIDUI SINGOLARI PLURALI COME SUGGERISCE,infine, IL NOSTRO AMATO FILOSOFO agamben giorgio, nel suo testo :la commuanauté qu’il vient..////un singolare plurale./////comunque ,l’intervento ,principale(di o),potrebbe aprire un dibattito ,nel futuro per meglio capire questi eventi ,ancora al caldo,adesso,in costruzione... delle situazioni...
......ce n’est qu’un débout,continuons le débat


> Voi che dite "giovani borghesi" non avete capito proprio nulla
7 aprile 2006 - 08h20 - Di 8e8b1cb9005b45f9f26fc46d770b076e...

Nonostante alcuni lirismi, tipici di un linguaggi di vecchia scuola
operaista, e nonostante quelli che potrebbero sembrare pareri
impressionistici su una vicenda sociale che va interpretata guardando
anche i cicli di lotta precedenti ed il corso della crisi del capitale,
che non risparmia più neanche la "grande Francia" il testo di Oreste è
una buona fotografia di un movimento che, da mesi, sta bussando alle
nostre porte.
Il problema - purtroppo - è che nella nostra Italietta
molti sono convinti che la battaglia contro la precarietà del lavoro e
della vita vada delegata a Prodi, a Fassino....a Bertinotti!

Michele
Franco



> Voi che dite "giovani borghesi" non avete capito proprio nulla
12 aprile 2006 - 16h56 - Di 863a301b596cadd6582398b42c5f3901...

Caro Oreste ,
Apro questa mia con la formula che ripristina immediatamente la nostra inossidabile continuità comunicativa "..Col sale" .
Rilevo senza sorpresa la tua legittima partecipazione ad eventi politici familiari che fortunatamente ci dimostrano come la storia sia tutt’altro che finita.
Adesso che Il governo francese ha revocato la CPE incomincia la parte più difficile , governare il riflusso , sfuggire il più possibile dalle inevitabili strumentalizzazioni ( sarkozy ha liquidato il suo avversario per le prossime presidenziali , i sindacati , i partiti di sinistra , inclusi i gruppuscoli , non si capisce se brindano per il successo , o perchè si apprestano ad incassare il lodo ) raccogliere la parte politicamente più sensibile , sviluppare un po’ di teoria e sedimentare istanze organizzative , per evitare di dover tutte le volte prendere in parola la frase consolatoria di De Coubertin .
ti saluto caramente
La mia firma è già in apertura






In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista
Terremoto di Casamicciola
martedì 22 - 17h08
di : Lucio Garofalo

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

Notre esprit humain exige sans délai la solidarité et l'union entre les peuples et les nations au-delà des différences qui pourraient les séparer. Augusto Roa Bastos
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito