Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
LIBERAZIONE E IL FASCISMO CHE RESTA

di : Enrico Campofreda
giovedì 20 aprile 2006 - 13h54
2 commenti
GIF - 18.4 Kb

di Enrico Campofreda

“Una mattina mi son svegliato, o bella ciao ...” Non è stata mai amata da tutti la Liberazione intesa come scatto di popolo in armi che si ribella al nemico, anche nelle condizioni più improbabili tipo le quattro giornate di Napoli. Se si parla poi di bande e brigate e divisioni partigiane gli Anglo-americani, opposti alle forze dell’Asse, storcevano il naso. Quelle forme d’autodeterminazione popolare non piacevano, sapevano di giacobinismo e soviettismo, le sorti della guerra dovevano girare attorno agli eserciti con le stellette, alle grandi armi di distruzione sino a quelle atomiche. Cosicché anche la fornitura di armi leggere, coi famosi lanci, verso chi combatteva in montagna fu scarsa e rivolta al più alle forze politicamente controllabili come i badogliani. Questo punto di vista s’insinuava anche nel moderatismo politico che all’epoca formulava più l’attendismo che la partecipazione attiva per la Liberazione.

Il partigianato non piaceva perché determinava coscienza e azione, riprendeva uno dei capisaldi dell’origine storica della Patria ottocentesca nata più dal garibaldinismo che dagli accordi di Plombières. Gli eserciti popolari a orientamento ideale e ideologico, com’erano state le Brigate Internazionali nella guerra civile spagnola, dovevano essere ostacolate. Eppure il partigianato nacque e crebbe e non fu un fattore irrilevante dei durissimi venti mesi di guerra in Italia, come non lo fu nell’assai più lungo e aspro conflitto resistenziale jugoslavo. Lì molti territori furono conquistati e liberati dalla Stella Rossa dell’EPLJ che mise in ginocchio la Wehrmacht. E l’Italia del Nord contò dal giugno al novembre del ’44 le famose zone libere repubblicane, proprio nell’apice della distruzione e della canea repressiva nazi-fascista.

Questi i fatti, non la retorica. Capillarmente testimoniati e documentati da migliaia di lavori d’ottima fattura che la pubblicista storica ha ricostruito col certosino lavoro di almeno due generazioni di studiosi e ricercatori. Eppure la volontà politica di obliare, nascondere, affossare i capisaldi d’una storia Patria, risorta dalle ceneri della dittatura fascista e nata secondo la Costituzione dalla Resistenza, fu immediata. Tant’è che il governo Parri ebbe vita brevissima e la linea del compromesso prese il sopravvento su quella dell’affermazione dei princìpi. Così anno dopo anno, la Liberazione è diventata sempre più asfittica celebrazione che non festa di popolo.

Naturalmente c’era una parte della nazione che non festeggiava perché rimasta fascista nello spirito prima che nella nostalgia - non solo i 45.000 criminali liberati dall’amnistìa Togliatti che son più del doppio dei 12.000 uccisi fra la guerra di Liberazione partita dal settembre del ’43 e proseguita nelle vendette del dopoguerra sino a tutto il ’46 - erano i fascisti d’opinione che convogliavano il proprio credo antidemocratico verso i partiti del nuovo blocco conservatore (monarchici, Uomo Qualunque e anche Democrazia Cristiana). E questo fascismo, non più cinto d’orbace, l’Italia l’ha conservato coi suoi privilegi di caste da ancien régime e con la voglia di sopraffazione e menar le mani che i Farinacci del Duemila mostrano.

L’azione degli ultimi anni messa in atto dalla neodestra autoritaria - che nell’Italia pre-Tangentopoli nasce guardacaso con quell’altro socialista di nome Craxi che cerca lustro come il Duce - ha puntato per fini elettorali al recupero della destra paraeversiva del Movimento Sociale sdoganando e vivificando non tanto uomini politicamente impresentabili, Fini compreso, ma linee di condotta e pensieri ideologici assolutamente antidemocratici. Alla confusione e al pressappochismo culturali di molti media, tivù in primis, al battente revisionismo che racconta una storia diversa dai fatti accaduti, si sono accompagnate forme d’arroganza del Potere proprie delle dittature striscianti che hanno nel classismo, nel disprezzo delle leggi e della democrazia partecipata, nella sopraffazione, nella collusione, nell’uso e nella protezione della malavita i cardini per perpetuare il proprio dominio. In più s’assiste all’incrudirsi d’un individualismo antropologico che riporta pensiero e aspirazioni umane addirittura indietro di tre secoli, come se l’Età dei Lumi non fosse mai sbocciata.

Nella ricorrenza del giorno della libertà che ha diviso il mondo fra chi voleva vivere e chi voleva sottomettere e dominare più deciso corre l’impegno nella ricostruzione d’un Paese squassato nell’anima che purtroppo ha conservato in una componente politica il senso di morte di chi non vuole governare ma dominare. Da uomini liberi riprendiamo la volontà di costruire non per una parte sola ma per tutti, lottando con ogni mezzo a difesa d’una irrinunciabile democrazia.



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo


Forum del' articolo
 

> LIBERAZIONE E IL FASCISMO CHE RESTA
20 aprile 2006 - 16h15 - Di 79f5311183782a8636db56b0415a0ee6...

Condivido tutto quanto enunciato nell’articolo tranne il richiamo all’ "età dei lumi".
Adorno ed Horkeimer già nel 1947 nella loro "Dialettica dell’Illuminismo" osservavano che il pensiero illuminista non rappresentava soltanto una delle varie ideologie del movimento filosofico del 18° secolo, ma anche e soprattutto l’ideologia dominante della società capitalistica e persino di tutto il complesso di atteggiamenti, che dall’uomo primitivo a quello moderno, ha perseguito l’ideale di una razionalizzazione del mondo tesa a renderlo soggiogabile da parte dell’uomo.
L’Illuminismo, che da sempre ha perseguito l’obiettivo di togliere all’uomo l’angoscia, di smascherare i miti, di rendere l’uomo padrone della natura, si è rivelato esso stesso mito e totalitarismo, proprio in quanto ha avuto bisogno di miti per celare la propria intrinseca irrazionalità. La quale è determinata dal fatto che la pretesa di dominare sempre più la natura tende a rovesciarsi in un progressivo dominio dell’uomo sull’uomo e in un generale asservimento dell’individuo al sistema sociale dominante, che viene sempre presentato come l’unico possibile e senza alternative. Nato per sottomettere la natura al dominio dell’uomo, l’Illuminismo ha finito per rendere l’uomo vittima di quella stessa legge di dominio.
La società ha perso la fiducia in una ragione oggettiva, che crede nell’esistenza di verità universali e immutabili (Platone, Aristotele, Scolastica, Idealismo tedesco), cioè nella capacità dell’uomo di scegliere i fini per orientare la propria vita. La società si è affidata a una ragione strumentale (soggettiva), tesa a individuare i mezzi per perseguire dei fini che la società stessa non può controllare (dal pragmatismo al neoempirismo). Le scelte non aderiscono alla logica della ragione e della verità, ma a quella del dominio e del potere. La filosofia dovrebbe avere il compito di criticare la ragione strumentale, ridando fiducia all’uomo (vedi Eclisse della ragione di Horkheimer)."
MaxVinella



> LIBERAZIONE E IL FASCISMO CHE RESTA
21 aprile 2006 - 17h54 - Di 900849c1e3cb34dcd7635fe49922dab2...

LE ELEZIONI, LA GUERRA PSICOLOGICA, L’OCCIDENTE E L’AUTORAZZISMO

Non sarebbe la prima volta che un risultato elettorale viene rovesciato in base a meccanismi di guerra psicologica. Nel novembre del 1932 in Germania, il partito nazista subì una brusca flessione elettorale, ma pochi mesi dopo Hitler ricevette ugualmente l’incarico di Cancelliere, anche in base all’argomento che la sconfitta lo avrebbe reso più adatto a tentare una mediazione parlamentare.

Non si tratta di ritenere che Berlusconi sia un altro Hitler o un nuovo Hitler, perché la Storia non si ripete secondo le stesse scadenze. Ciò che non cambia, però, è il modo di funzionare del cosiddetto "Occidente". L’ascesa del nazismo in Germania avvenne anche sotto la pressione delle capitali occidentali, che, attraverso la loro libera stampa, esprimevano l’opinione che Hitler fosse "l’uomo adatto alla Germania". Questo è il motivo per cui oggi il "Financial Times" rimpiange Berlusconi, non perché il personaggio sia ritenuto valido in sé, ma in quanto, nella sua ridicolaggine, è considerato confacente alla posizione di inferiorità razziale dell’Italia nella gerarchia delle nazioni.

Anche negli anni ’20 e ’30, la propaganda angloamericana, pur considerando gli Hitler e i Mussolini non degni di governare in nazioni evolute come la Gran Bretagna o gli Stati Uniti, li accreditava però come adeguate soluzioni per l’Italia e la Germania. Sotto l’effetto di questa guerra psicologica, anche in Italia e Germania si era arrivati a pensarla così: la democrazia è roba per popoli superiori, non per noi.

È astratta e inconsistente, perciò, la contrapposizione tra democrazia/liberalismo da un lato e dittatura/fascismo dall’altro, perché questi non sono modelli in competizione, ma corrispondono a gradi diversi della gerarchia tra le nazioni del cosiddetto Occidente. La stessa categoria di "Occidente" non corrisponde ad un reale soggetto storico/culturale, bensì ad un quadro propagandistico con dei contenuti costanti: il razzismo e l’autorazzismo.

La propaganda berlusconiana sui presunti brogli elettorali perpetrati dalla sinistra, rientra appunto in questo quadro autorazzistico. È ormai acquisito che negli Stati Uniti i brogli facciano parte normale del gioco politico, perciò non si può ammettere che l’Italia sia un Paese un po’ meno barbaro e illegalitario degli Stati Uniti. Dove finirebbe il senso di inferiorità autorazzistico che l’Occidente assegna come ruolo all’Italia?

Si è assistito in queste settimane ad un’offensiva propagandistica contro l’astensionismo anarchico, spesso accusato di costituire una complicità con i fascisti. In realtà l’astensionismo dà fastidio agli occidentalisti, non per la sua capacità di mobilitazione numerica, ma perché rappresenta uno dei pochi momenti in cui viene messa in dubbio l’autenticità di quel quadro di false opzioni detto "Occidente".

Infatti, chi è che si sta incaricando di riabilitare storicamente il fascismo, se non degli opinionisti democratici? Cos’hanno in comune democrazia e fascismo?

Il razzismo e l’autorazzismo.

Quando uno come Giampaolo Pansa prende per buona la tesi secondo cui i "ragazzi di Salò" avrebbero voluto salvare l’onore italiano dopo il tradimento nei confronti dell’alleato tedesco, sta in effetti avallando il loro autorazzismo. In realtà l’Italia non poteva aver tradito l’alleato tedesco, perché non era mai stata trattata da alleato dalla Germania. Non si può tradire chi non si è mai fidato di te. Quei mezzi militari che erano sempre stati negati al cosiddetto alleato italiano, vennero fatti affluire in Italia solo dopo l’8 settembre del’43 per occuparla. Insomma, senza avallare facili retoriche resistenziali, se c’erano dei traditori, erano proprio quelli della Repubblica di Salò.

La propaganda occidentale, però, si incarica di riabilitarli, perché il loro autorazzismo comunque fa brodo nella guerra psicologica. Del resto i fascisti possono darsi tutte le arie da antiamericani che vogliono, ma quando squilla la tromba della superiorità occidentale, li vedi sempre tornare all’ovile.

20 aprile 2006

www.comidad.org






Corruzione e schiavitù moderna : il controverso leader del Qatar in visita in Italia
lunedì 19 - 12h52
di : Valentina Ricci
In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

La question est de savoir dans quels cas et jusqu'à quel point nous sommes obligés d'obéir à un système injuste. John Rawls
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito