Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
IL SACCONISMO E LA LEGGE 30

di : FALCRI Banca Nazionale del Lavoro
giovedì 20 aprile 2006 - 18h14
4 commenti
JPEG - 27.6 Kb

Il nostro Sindacato ha intrapreso da sempre la strada che deve portare alla revisione profonda della legge 30 se non addirittura alla sua abrogazione.

Abbiamo coinvolto migliaia di lavoratori/lavoratrici, studenti e cittadini attraverso la raccolta di firme, promossa dal “Comitato Lavoratori Falcri contro la legge 30”, sotto forma di Petizione Popolare da presentare al nuovo Governo.

Non possiamo quindi che rilevare, con grande preoccupazione che, proprio al termine della consultazione popolare, da parte dei leader di Cisl e Uil vengano posti pesanti paletti affinché la legge 30 non cambi se non esclusivamente attraverso l’inserimento di quegli ammortizzatori sociali promessi e mai varati dall’uscente governo.

A conferma, di quanto affermato, il futuro Segretario Generale della Cisl ha dichiarato alla stampa addirittura che “la legge 30 non ha creato più precarietà come sostenuto invece dal centrosinistra”!

In palese contraddizione con quanto dichiarato alla stampa dobbiamo altresì rilevare che il Segretario Generale della Uil Angeletti durante la trasmissione “Ballarò” del 18 aprile ha duramente contestato le affermazioni dell’ex ministro Moratti ribadendo l’inadeguadezza della legge 30 che consentirebbe alle aziende che la utilizzano sfrenatamente una concorrenza sleale nei confronti di quelle aziende che non lo fanno. Per rafforzare questa sua tesi ha dichiarato che i contratti atipici dovrebbero costare di più proprio per regolarne l’utilizzo e che il lavoro buono si conquista combattendo quello cattivo.

A sostegno dei difensori della legge 30 interviene addirittura il governo uscente attraverso l’inossidabile sottosegretario al welfare Maurizio Sacconi che non solo annuncia barricate al Senato ma minaccia manifestazioni di piazza con tanto di “Comitati in difesa della legge Biagi”.

Ma cosa c’è da difendere della legge 30?

Cosa c’è di affascinante nel Job Sharing (lavoro ripartito), dove due giovani vivono un (1) posto di lavoro come due fratelli siamesi vivono la vita per cui se uno viene licenziato perde il posto anche l’altro!?

Oppure cosa c’è di positivo nel Job on call (lavoro a chiamata), dove un ragazzo è costretto ad attendere lo squillo del telefono per potere sperare di lavorare qualche ora?!

Ma non è finita qui! Come si fa a condividere un apprendistato lungo 6 (sei) anni, attraverso il quale le aziende (anche se “gonfie” di denaro!) risparmiano il 90% di contributi che scaricano sulla collettività e sottopagano legalmente di due livelli i giovani apprendisti?!

E non ci si preoccupa nemmeno che 2milioni e mezzo di lavoratori atipici, iscritti alla gestione separata dell’INPS, con un reddito medio annuo lordo di 11.000 euro (ipotizzando una crescita dei compensi del 2% annuo) a 65 anni e dopo 40 anni di contributi ininterrotti maturerebbero una pensione mensile di 410 euro?! E che solo se i contributi raggiungessero quelli da lavoro dipendente pari al 33% la pensione salirebbe a “ben 678 euro” mensili?!

E’ fondamentale che tutti i lavoratori respingano questi fenomeni di “sacconismo” che ciclicamente ritornano a galla attraverso le dichiarazioni di CISL e UIL.

La precarietà, al contrario di quanto afferma la CISL, esiste eccome, e viene drammaticamente vissuta nel quotidiano da tanti giovani come anche la Francia avrebbe dovuto insegnare.

La FALCRI BNL non smetterà di battersi affinchè ai giovani venga riconsegnata quella prospettiva e quella fiducia nel futuro che si realizza restituendo centralità al rapporto di lavoro a tempo indeterminato.

Roma, 20 aprile 2006

Segreteria ODC FALCRI BNL

www.falcribnl.com



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo


Forum del' articolo
 

> IL SACCONISMO E LA LEGGE 30
21 aprile 2006 - 12h57 - Di 79f5311183782a8636db56b0415a0ee6...

La legge 30 va abrogata punto e basta !! L’atteggiamento di coloro che pretenderebbero solo di modificarla per , dicono loro, migliorarla è molto sospetto. Intanto questa può essere semplicemente una tattica dilatoria, che, contando sui probabili contrasti interni al nuovo governo, permetterebbe di congelare la situazione e di continuare ad applicare la legge vigente ancora per molto tempo. In secondo luogo anche una volta avviata la discussione sulle proposte di modifica la maggioranza centrista del nuovo governo farebbe di tutto per sterilizzare i contrasti e far approvare soltanto modifiche di dettaglio, lasciando inalterata la sostanza della legge. Se poi si arrivasse, com’è molto probabile, ad un governissimo di "grosse koalition", ogni ipotesi di modifica migliorativa finirebbe in un cassetto e ci sarebbe da proccuparsi soltanto di evitare ulteriori modifiche peggiorative. Questo della legge 30 sarà sicuramente uno degli snodi chiave su cui il nuovo governo rischia seriamente di andare in crisi e su cui il centro-destra farà opposizione durissima.
MaxVinella



> IL SACCONISMO E LA LEGGE 30
21 aprile 2006 - 15h32 - Di e4ef7a224b8e196eb614da9bcfa44b15...

Lavoro: il banco di prova del centro sinistra

L’undici aprile scorso CGIL-CISL-UIL e Atesia hanno firmato un accordo che conferma la condizione di precarietà per i circa 4000 collaboratori/trici di Atesia. Un accordo che prevede l’applicazione dell’infame Legge 30 anche un po’ peggiorata: 426 contratti di inserimento; 1100 contratti di apprendistato, a fronte di una presenza di dipendenti non superiori alle 300 unità, non tenendo quindi conto del rapporto di uno a uno per quanto riguarda tempi indeterminati ed apprendisti previsto dalla legge stessa (c’è un deroga in proposito); solo 170 lavoratori da giugno ed altri 124 entro ottobre a tempo indeterminato; circa 1000 rimangono a progetto mentre altri 1000 spariscono (licenziati/e o desaparecido).

Considerando la data in cui è stato firmato l’accordo ci viene da pensare che sia questo un bel regalo al nuovo governo Prodi, all’indomani delle richieste di Epifani di abrogazione delle legge 30! Come dire la legge 30 la superiamo: peggiorandola!

Il regalo fatto dai confederali a padron Tripi non fa altro che confermare le nostre ipotesi sul rapporto clientelare e di amicizia fra il magnate dei call-center e la classe politica al governo e all’opposizione. Mentre finora nessuno ha neanche preso in considerazione l’idea di metter mano a quel mostro di precarietà che è Atesia, leader nazionale nel settore precarietà e sfruttamento.
Dal primo giugno del 2006, data in cui verranno applicati i contratti previsti dal summensionato accordo, 4000 persone si ritroveranno con contratti di inserimento (anche se non hanno bisogno di essere inserite nel mercato del lavoro dato che lo sono già da anni), apprendistato (anche se non hanno nulla da apprendere dato che sono anni che rispondono al telefono), ancora a progetto e, per circa mille persone, la disoccupazione causa mancato rinnovo contrattuale; per pochi “fortunati”, circa 300 (il 5% dei lavoratori/trici di Atesia), ci saranno contratti a tempo indeterminato. Tutti i contratti, a parte la differenza del nome, hanno in comune la miseria del salario previsto: circa 650 euro mensili, per part time a 25 ore su turni a coprire le 24 ore. Inutile specificare come tali stipendi non garantiscano neanche la sussistenza in una metropoli come Roma! In sostanza si passerà da una forma di precarietà ad un altra.

Le lavoratrici ed i lavoratori di Atesia si stanno preparando per rimandare al mittente l’accordo bidone, ma consideriamo importante, sul piano politico e sindacale, l’esito della vertenza Atesia per la classe lavoratrice in generale, dato quello che Atesia stessa rappresenta tanto per chi subisce quanto per chi impone la precarietà: invitiamo quindi tutti e tutte, lavoratrici e lavoratori, collettivi contro la precarietà, sindacati di base, istituzioni locali e chiunque sia interessato a lottare contro la precarietà a partecipare all’assemblea che si terrà
venerdì 21 aprile nel piazzale antistante Atesia, in via Lamaro 25, alle ore 17:00

PER LA STABILIZZAZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO

PER SALARI DIGNITOSI

PER IL REINTEGRO DEI 5 LICENZIATI POLITICI DI ATESIA

NO A CONTRATTI PRECARI (PROGETTO, APPRENDISTATO, INSERIMENTO, SOMMINISTRAZIONE, ECC...)

NO ALLE ESTERNALIZZAZIONI E ALLE CESSIONI DI RAMI D’AZIENDA

STABILITÀ PER TUTTI/E, PRECARIETÀ PER NESSUNO

Collettivo PrecariAtesia


> IL SACCONISMO E LA LEGGE 30
23 aprile 2006 - 11h21 - Di 900849c1e3cb34dcd7635fe49922dab2...

"L’accordo Atesia è pessimo"

Rsu Slc-Cgil Cos Roma e Lazio · il 23/4/2006

I DELEGATI DEL GRUPPO COS

«L’accordo Atesia è pessimo. Adesso serve un referendum»
*Sentiamo la necessità di esprimere la nostra condizione, visto che la
discussione ha preso vita sul manifesto, giornale che ha seguito dall’inizio
la nostra vertenza, il caso Cos-Atesia.

L’11 aprile è stato siglato un’ulteriore accordo con Atesia, call center
oggetto di grande discussione, di conflitto sindacale e di dibattito
politico pre-elettorale, questo soprattutto grazie al clamore sviluppatosi
con le lotte degli ultimi 2 anni. La sua grandezza è legata innanzitutto ai
numeri: 25.000 giovani sono passati in 15 anni per questa società,
producendo super guadagni per i padroni, nel 2003 gli utili sono stati pari
a 10 milioni 612.557 di euro su un fatturato di 94 milioni 387.459 di euro.
Ci riferiamo a un’anomalia sviluppata ben prima della legge 30, nella
Holding Almaviva, capofila del gruppo Cos, composta da: 1) Finsiel Spa
(società d’informatica acquisita da Telecom); 2) Gruppo Cos (che con diverse
società tra cui Cos e Atesia, svolge attività esternalizzate di call
center).

L’Italia Cos: uno su quattro non ha diritti

Facciamo allora il quadro dell’andamento e della qualità del lavoro: 1) Alla
Cos di Roma è in corso una cassa integrazione per diverse decine di persone
che ormai si protrae da più di 6 mesi (ultima proroga firmata dalle
strutture di categoria del Lazio, nonostante il parere negativo dei
delegati), che segue a una procedura di mobilità aperta nel 2004. 2) Alla
Cos Napoli lo scorso anno è stata aperta una cassa integrazione per 6 mesi
per diverse decine di persone e sono presenti centinaia di cocoprò. 3) Xcos
nel Lazio è stata messa in liquidazione licenziandone il personale a tempo
indeterminato, 36 persone che non hanno neanche avuto accesso alla mobilità.
4) Per le diverse società che compongono Finsiel spa dopo le dichiarazioni
dell’azienda su costi eccessivi ci sono timori per i possibili esuberi e per
un cambiamento contrattuale (sono metalmeccanici). 5) Alla Alicos di Palermo
(proprietà 60% Cos, 40% Alitalia) ci sono forti tensioni tra i lavoratori
che hanno il contratto dei trasporti. 6) Su un altro call center Cos di
Palermo si è stipulato un accordo che fa vivere 1300 lavoratori
contrattualizzati part time al 50% con circa 2000 lavoratori cocoprò a
cottimo. 7) Al call center Inaction di Milano si susseguono le iniziative di
lotta per la stabilizzazione, anche qui ci sono moltissimi cocoprò. 8) Nel
call center Cos di Catania lavorano 900 cocoprò e per questo ci sono
fortissime tensioni e lotte.

Insomma, in tutta Italia solo un quarto dei 12.000 lavoratori Cos sono
subordinati con diritti sindacali, la prospettiva di una pensione, la
malattia e le ferie. Per rimanere nel Lazio, negli ultimi 2 anni si è
passati da 830 a 610 dipendenti, e dopo la fusione prospettata per il 2007
tra Cos e Atesia su Roma si avranno quindi: 836 lavoratori a tempo
indeterminato; 294 assunti a tempo indeterminato con l’accordo in questione,
part time a 5 ore e reddito 650 euro lordi; 426 inserimento lavoro (18 mesi,
650 euro lordi); 1100 apprendisti (36 mesi e 650 euro lordi). I restanti
lavoratori Atesia, cioè circa 2680 persone rimarranno cocoprò, a cottimo e
senza diritti per svolgere la stessa attività dei colleghi subordinati. Più
la possibilità per l’azienda, come è stato sottoscritto, di poter continuare
ad assumere a progetto.

I lavoratori sottoposti alla trasformazione contrattuale avranno stipendi
più bassi di quelli che percepivano prima e orari peggiori, saranno
considerati disponibili 24 ore su 24 e avranno la clausola di flessibilità
prevista dalla legge 30. Tutto questo rende evidente il processo in atto,
liberarsi del lavoro che costa per utilizzare le forme atipiche e questo
avviene mentre il gruppo cresce occupando fette sempre più ampie di mercato
e con l’intenzione esplicitata di lanciarsi in borsa.

Troviamo inopportuno, anche alla luce di questo andamento, la sottoscrizione
di un accordo che «normi» il lavoro a progetto, creando la commistione tra
lavoro autonomo e subordinato, accettando la logica dell’azienda che chi
utilizza il contratto a tempo indeterminato è fuori mercato.

Inoltre ci chiediamo dove sia finita la piattaforma che qualche mese fa con
fatica si era costruita e diffusa tra i lavoratori, avendone un riscontro
positivo. Essa definiva con nettezza alcune questioni irrinunciabili:
1) Assunzione a tempo indeterminato di coloro che avevano un anzianità
superiore ai 5 anni (si valutava 500-600 persone). 2) Inserimento e
apprendistato per circa 1500-1700 persone per le quali si sanciva
l’assunzione a tempo indeterminato dopo x mesi per tutti; 3) Part time al
75% e full time; 4) Progressiva trasformazione dei restanti cocoprò presenti
in lavoratori subordinati fino a totale assorbimento e blocco di nuove
assunzioni con tale tipologie contrattuali; 5) Diritti sindacali per tutti i
lavoratori.

La Cgil e il nodo cruciale della democrazia

L’ultimo sciopero del Gruppo Cos del 9 settembre scorso, nel quale si
rivendicava il secondo livello di contrattazione, cioè la redistibuzione
della ricchezza prodotta e la stabilizzazione dei precari, si è perso nel
silenzio nonostante il successo. Noi pensiamo che il sindacato non debba
rincorrere né attendere la politica, bensì usare tutti i suoi strumenti per
la soddisfazione dei bisogni che rappresenta anche attraverso il superamento
in avanti del quadro normativo. Pensiamo che gettare i frutti di quella
straordinaria capacità di mobilitazione espressa negli ultimi anni perché si
vogliono fare i conti con la «triste realtà» sia limitativo per un
sindacato, di cui noi ci sentiamo parte, e che aspira a «riprogettare il
paese».

Per la prima volta nella nostra storia, la nuova generazione ha una
condizione di lavoro e di vita peggiore dei propri genitori, per la prima
volta si è invertito un processo evolutivo, e la riflessione non può solo
essere legata all’evento Berlusconiano, si dovrebbe avere la volontà di
analizzare le scelte fatte dalla classe dirigente negli ultimi quindici
anni.

Infine, questione centrale per noi della Cgil, la democrazia: riteniamo,
visto il numero enorme di lavoratori e la loro ricattabilità, come unico
strumento di validazione dell’accordo quello del referendum. Ci va
riconosciuto di essere coloro che vivono la condizione del lavoro precario,
il che ci dà diritto di votare, contestare e lottare in prima persona per il
nostro futuro.

*Rsu Slc-Cgil Cos Roma e Lazio

www.ilmanifesto.it 22.4.06

Assemblee agitate, verso il voto

by reporter Sunday, Apr. 23, 2006 at 11:12 AM mail:

Due assemblee agitatissime ieri nel call center Atesia
di Roma. Erano state convocate dai sindacati confederali per discutere
il testo siglato con la Cos. Avrebbero partecipato circa 400 persone (gli
operatori Atesia, lo ricordiamo, sono oltre tremila). L’accordo è stato
subissato di critiche,
le risposte sul destino degli inseriti e degli apprendisti sarebbero state
evasive. Criticato il mantenimento di gran parte degli addetti nello stato
di cocoprò e la possibilità di assumere nuovi lavoratori a progetto anche
per il futuro. Diversi iscritti alla Cgil hanno chiesto un referendum, e per
il voto sarebbe stata fissata la data del 15 maggio.

Critici anche i
lavoratori del Collettivo Precari Atesia, che pongono il problema della
gestione del referendum e della sua trasparenza. Sandro Medici, presidente
del X Municipio, ha offerto di svolgerlo
con i crismi dell’ufficialità presso lo stesso municipio.

www.ilmanifesto.it 22.4.06


> IL SACCONISMO E LA LEGGE 30
22 aprile 2006 - 11h47 - Di 5e6d82dcfee106607a37918193e9fdd2...

secondo me la legge 30 deve essere abolita...perchè ha creato molto precaritò. I giovani come me non sanno cosa fare...con la legge 30 si è creato lo sfruttamento degli operai con contratti ridicoli...gli uffici di collocamento stanno scomparendo dando ampio spazio alle agazie private che favorisco le industrie e dando un forte aiuto allo sfuttamento. io spero che il governo Prodi ma sopratutto Rifondazione Comunista posso intervenire facendo una riforma del lavoro avanzata che possa dare hai giovani e al sud grande spazio.






Corruzione e schiavitù moderna : il controverso leader del Qatar in visita in Italia
lunedì 19 - 12h52
di : Valentina Ricci
In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

Si tu ne participes pas à la lutte, tu participes à la défaite. B. Brecht
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito