Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
Un giorno al Senato: Lidia racconta...

di : Doriana Goracci
domenica 30 aprile 2006 - 11h06
3 commenti
JPEG - 17.6 Kb

Questa è una mail di Lidia Menapace, ci racconta le sue impressioni da senatrice, dall’"altezza" del suo posto, con la sua semplice e scanzonata profondità...

di Lidia Menapace

Sono entrata in Senato il giorno 28 scorso. Dico il bello e il brutto della sede. E’ molto bella, un palazzo raffinato, di proporzioni eleganti, con interni ben arredati, anche con dipinti di pregio e anche con opere contemporanee; fornito di tutto ciò che si può desiderare, tranne che i bagni sono un po’ scadenti e anche non molto numerosi: ma vi è una ricca buvette al piano dell’aula e un ristorante a pianoterra, eccellenti e scandalosamente a buon mercato, a ciascuno/a di noi spetta un portatile della generazione più moderna e numerosi altri servizi, alcuni schiettamente privilegiati, altri attinenti l’esercizio del mandato.

La cosa di gran lunga più gradevole sono i molti e molte commesse, attentissime sollecite preparate, che ti avviano dovunque, ti accudiscono con grande precisione professionalità e decoro. Il primo inconveniente per me e alcune altre è stato che -siccome i padri della patria erano "grandi", ma più d’una madre piccoletta- a me e ad altre è capitato di non toccare terra, una volta sedute, e questo fa gonfiare i piedi alla lunga. Proposto io di portarmi uno sgabello i solleciti commessi mi hanno sconsigliato (potrebbe diventare un’arma impropria nelle colluttazioni ) e si sono impegnati a far mettere delle pedane fisse lungo un banco, appunto per le senatrici non all’altezza delle tradizioni.

Il tutto dà però alla fine una sensazione quasi claustrofobica: di fatto appena avremo le stanze individuali con tavolo telefono poltrona computer ecc. basterebbe mettere una branda e si potrebbe vivere lì, dormire, lavarsi, nutrirsi e credere che quello sia il mondo. Una idea di autosufficiena può venire, come anche però di stare in una gabbia dorata. Cerco di pensare sempre a voi anche per non perdere il senso delle proporzioni e della realtà.

La prima sessione sapete come è andata. Dopo un travaglio di due giorni è stato eletto dalla maggioranza di centrosinistra Franco Marini (della Margherita), e con iter più sollecito alla Camera riuscivano ad eleggere Fausto Bertinotti. Erano presenti da noi al Senato i senatori a vita, la straordinaria Rita Levi Montalcini, che sembra una bambolina di porcellana e se ne sta attenta tenace composta a seguire a e prendere parte a tutto e poi gli altri Cossiga, Napolitano, Colombo e tutti insomma. Una bella visibile novità è il numero di donne nei banchi di Rifondazione che spicchiamo davvero e veniamo notate: tutti, più o meno a bocca stretta, ci complimentano, dicendo "Eh sì, vi trovate ad essere tante" come fosse l’esito di una giocata al lotto, invece che il risultato importante di una importantissima lotta. Presiede Scalfaro ed è stata una faticata non da poco.

Alcuni hanno criticato sottovoce una gestione non rigidamente protocollare, ma mi sembra che Scalfaro (attaccato spesso con durezza e volgarità da senatori della destra) abbia preferito, in una atmosfera elettrizzata e accesa, lasciare anche la parola oltre il diritto, far sfogare tutti, e concludere quando di "argomenti" dicibili non ce n’erano più e si doveva soltanto mettere rimedio a quelli non confessabili. E’ stato faticoso, molto, moltissimo, ma credo sia stato saggio, una gestione più puntigliosa e rigidamente formale avrebbe scatenato accuse, proteste e tumulti (che non sono comunque mancati). Alla fine dopo estenuanti votazioni a scrutinio segreto con le schede da depositare a mano nell’ urna e un collegio scrutinante fatto dai 4 più giovani eletti al Senato, alla terza votazione Marini ha ottenuto un po’ più dei voti necessari ed è stato eletto alla presidenza del Senato.

Durante le operazioni di voto siamo state raggiunte dalla notizia che la Camera aveva eletto Bertinotti alla Presidenza e poi anche informazioni del suo discorso concordemente definito eccellente, le donne che ci mandavano messaggini felici per essere state nominate per prime.

Delegazioni di compagni deputati si sono viste nelle tribune dell’aula (Giordano, Mascia, Rutell, Prodi) e ci sono anche venute a far visita dopo la fine dei lavori (Elettra Dejana ecc.).

Che cosa è successo? al Senato si sono segnalate subito alcune schede bianche e alcune "segnate" fino al famoso episodio del Francesco al posto di Franco, mentre alla Camera 11 voti sono andati a D’Alema invece che a Bertinotti, (l’opposizione alla Camera non aveva un suo candidato e votava bianca), e nello scrutinio decisivo Bertinotti è stato eletto permanendo comunque una cinquantina di schede per D’Alema. Si tratta verosimilmente di un pacchetto di dalemiani, più un investimento abbastanza massiccio da parte dell’ opposizione e il tutto ha un chiaro segno politico, non quello "anticomunista", perchè per la destra propagandisticamente anche D’Alema è comunista, bensì messaggi non poi tanto cifrati che indicano a D’Alema e ad altri e a tutti/e una propensione non indifferente nell’opposizione per la "Grande coalizione".

Se Marini non fosse stato eletto l’operazione poteva anche riuscire subito, così è rinviata e un po’ indebolita. Al Senato i voti mancanti o cifrati possono essere il risvolto di palazzo Madama della stessa operazione, più debole e forse non appoggiata dalla Lega (che ha votato al primo giro il suo candidato Calderoli) e/o una operazione più classica di potere spicciolo, diciamo pure di posti, fatta con i tradizionali "pizzini", come mi è venuto spontaneo di chiamarli. Si sono incrociate due operazioni, una più schiettamente politica l’altra più schiettamente di bottega, che però non sono passate.

Il miglior contributo all’elezione di Marini l’ha in fin dei conti portato Andreotti, perchè pur di non lasciar passare lui -uno che ha avuto pendenze con lo stato per anni e ne è venuto fuori libero personalmente (del che sono lieta per lui), ma gravato di prove non confutate di amicizie mafiose- fino a lasciargli prendere in mano la seconda carica dello stato, quella che prevede persino la supplenza del presidente della Repubblica in caso di suo impedimento, credo che avremmo votato anche uno scranno vuoto. Marini ha concluso una diffiicile vicenda con un discorso modesto, con un paio di battute velenose come quella volta a ringraziare Tremaglia per aver voluto il voto degli italiani all’estero, che come fair play poteva anche risparmiarsi, ma in un contesto generalmente non molto "fine" ci stava bene.

Finito, adesso si può cominciare a lavorare per la formazione del Governo e per le amministrative e per il referendum sconfermativo dello scempio costituzionale, e stare sempre attenti alle insidie che stanno ovunque. Amen!



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo


Forum del' articolo
 

> Un giorno al Senato: Lidia racconta...
30 aprile 2006 - 20h43 - Di 757320f4447620e8ab2bbc7c4fee35ae...

grazie lidia, aspettiamo altri resoconti così
buon lavoro
maria



> Un giorno al Senato: Lidia racconta...
1 maggio 2006 - 01h40 - Di 4ff14b7a0954212530906bec284dede0...

Lidia trovo i tuoi scritti dal senato veramente interessanti e piacevoli, oltre che scritti bene, ho deciso di aprire nel mio blog un tag dal titolo Cronache romane dove postare queste tue gustosissime cronache ti chiedo quindi di segnalarecele sempre ogni volta che ne
scrivi una nuova.
Ti segnalo la cosa anche prchè oggi, appena postato le tue due prime cronache, è subito apparso un tuo ammiratore dicendo: "Lidia for president forever!!!" Si firma Ans ma in realtà si chiama (almeno dice di chiamarsi) (anselmo) francesco berardi.
puoi leggerlo qui
http://georgiamada.splinder.com/pos...
Io, personalmente, ormai tifo per tina anselmi per la presidenza e poi credo che dopo la camera a bertinotti, sia utipistico credere che la presidenza della repubblica possa andare ad un altro candidato di rifondazione.
Peccato perchè saresti stata un ottimo presidente e ci avresti potuto svelare i segreti del Quirinale con le tue cronache dal colle :-)
georgia



È importante capire che Social-lavoro+Resources=LiFe (questa è la politica primaria della vita sociale)
4 maggio 2006 - 06h12 - Di 6a97a9b85ee1a3c28d9ea2e1cab92990...

Il punto importante da capire da questa discussione è quello senza riguardo ad un titolo delle persone, ruolo o percieved il valore nella struttura sociale, esso è la combinazione di RISORSE + LAVORO = VITA - per con verso l’esterno alimento, acqua, il riparo, i vestiti, ecc... è impossible da sostenere gli stati di pensiero e di istruzione superiori che sono preRequistists di più alta coltura e stati sociali di vivere e DA PERMETTERE che GLI UOMINI E LE DONNE seguano altri obiettivi istruiti della scoperta fisica, sociale, mentale e creativa così SEMINALE al existance della RAZZA UMANA. Ciò allora rappresentano l’unica politica della realtà di vivere su un pianeta con le risorse e le psico abilità linguistiche che abbiamo come oggi. Che quegli antenati in anticipo del nostro sistema disorientato noi e le nostre strutture sociali seguire secondo una regola "degli scambi basati sui valori percepiti" che emenating da un desiderio "a controllo per il beneficio soprattutto PERSONALE" e non vedere un più grande contesto di pensare evolutivo oltre questo. Questo phylosphy miope circa controllo delle risorse e del lavoro basati "su uno scambio" per produrre "un prodotto o un servizio commerciabile" valore è sradicato in gente errante nomade che dove landless e piuttosto che "raiding e la distruzione esercitantesi per il aquisition del resrouce e di controllo" hanno optato per un sistema che è stato basato su un indottrinamento "dei valori di scambio" o un meccanismo di controllo ha basato in gran parte "su che cosa hanno fatto altre percepire come metalli preziosi" principalmente ORO, argento ed altri gioielli che hanno avuti valore piuttosto durevole in termini di disintegrazione o ossidazione ed in gran parte uneducated così le menti di tribale iniziale ed i capi culturali erano "idea attraente contro una GUERRA o Le opzioni di pLunder per la loro gente "ed in questo modo eserciti commerciali vagano le regioni ampie dall’Estremo-Oriente Asia, a Medio Oriente ed in Europa e nelle isole britanniche stabilenti le idee ed il dogma delle colture dominate Warrior-Owner-capo-Killer che il più debole e gente meno informata e più piccola dove dominato in slavery per le colture commerciali" del oro-prodotto "in che queste società in anticipo evolute. Era la prima versione della tabella capitalistic. Ora oggi questa tabella di controllo capitale indoctrinated su noi poichè era lunga fa alla nascita che incita a lavoro lo schiavo per alimentare ed il voilence perché quelli che cercano il controllo del lavoro e delle risorse hanno generalmente quozienti d’intelligenza più bassi ed è dato più facile ad indottrinamento impressionabile di dogma e psico imbreeding sociale e genetico ha prodotto un periodo in où questo elemento dei capi sociali del capitalista ha dominato le regioni della terra ha formato un patto CONTRO psico formazione e consapevolezza linguistiche (particolarmente quella che si è evoluto a causa del Internet) e generare il BOOGY-MEN del futuro. TERRORISMO. Per come nei tempi antichi di raiding e di colza dei villaggi in Europa, la metà e l’Estremo-Oriente, era violenza che questa gente si è legata insieme su come loro principio di controllo del RUOLO nella tabella sociale e sotto il timore della MORTE che effettuano il controllo, benchè non sempre ordine poichè il controllo evidente ha prodotto la risposta psicologica evidente di lotta per la visione e l’identità e lo scopo personali che è l’antitesi a tutte le organizzazioni FASCISTE e MILITARI di ordine sociale. Da questo che allora arriviamo all’oggi, in un mondo in cui gli elementi di psico manipolazione sociale con la religione dogmatica stanno venendo a mancare, psico farmacologia riesce soltanto partialy in la repressione dell’identità specifica ed il TIMORE attraverso gli psico messaggi linguistici (azioni di propaganda/military) serve soltanto da illusione distasteful di che cosa realmente sta accadendo. Quello è il visionario capitalistic vede la loro visione come venendo a mancare e così sempre degenera nel driver primario di quella visione poichè ha avuto luogo nel passato e quella è l’allineamento della conquista militare e controllo psicologico con pensare miltary di indottrinamento e modifica di semantci delle percezioni sociali di altre non come "le corse differenti e varie, le colture o le religioni" ma "come enemys con le religioni diaboliche, le colture degenerate ed ideologie razziste polarizzate". Ciò è per produrre il KAOS sociale (CAOS) che è necessario riguadagnare il controllo ed eliminare gli elementi pensanti liberi e movimenti socialmente evolutivi che possono rappresentare una minaccia al sistema che è affermato su una struttura del capitalista e che i concetti gradiscono la proprietà riservata voluminosa della proprietà, o piccola impresa come di appoggio di dentro in grande è qualche cosa ma lo zucchero che glassa sul poisen. In effetti la società moderna è l’unico elemento di controllo da un punto di controllo del capitalista poiché tiene elementi dell’eccedenza di ondeggiamento i grandi delle popolazioni sociali in termini di movimento di capitale per finchè i RELATIVI SCHIAVI LAVORANTI accosentono PER SEGUIRLI. Non appena il lavoro di funzionamento SI RENDE CONTO che deve essere ridotto nel life-style o essere eliminato, o hearded in una guerra o in un caos per staccare il collegamento mentale dei bambini ai loro genitori PSICOLOGICAMENTE INFORMATI e per generare così una nuova generazione degli schiavi controlable di MENTE alla struttura capitalistic. Ciò è infact perchè il tasso della guerra e del voilence ciclico sta aumentando in quanto i regolatori di psico reti sociali dappertutto compreso l’ovest, l’EST e Medio Oriente in effetti stanno slacciando il controllo con i loro meccanismi tradizionali delle religioni, polarizzazione culturale, metodi istituzionalizzati di indottrinamento, ha inventato un programma PER GIRARGLI tutti i upone e questo allora è il MECCANISMO primario dietro TERRORISMO. Non è circa gli arabi, o la religione ma circa la massa di lavoro che si sveglia al fatto che hanno per le migliaia di anni con la poca formazione ed agli elementi di indottrinamento stato infact asservito ad un più bassi potenziale di vita e livello di progresso creativty e personale e di felicità potenziale da un gruppo ragionevolmente piccolo degli elementi di controllo capitali che hanno col tempo raffinato e non ha provato molti meccanismi vari dalle droghe, dalle guerre, dalle politiche e da molti altre per completare la loro eccedenza di dominazione quelli che producono le merci ed i servizi ai codici categoria ed ai commutatori commerciali dei soldi. Ciò è infact perchè i nuovi movimenti basati sui valori molto attentamente tenuti di parità d’accesso e di compartecipazione UGUALE nelle lotte della vita continueranno a svilupparsi, perché tutti dipendiamo in qualche modo da eachother e siamo venuto relize quelli che dipendono da tutti sono di lavoro e CONTROLLANO l’uso con la ricerca CAPITALE nuoc per VOLERGLI una vita migliore per, le nostre famiglie e principalmente perché capiamo le cose che hanno nascosto da noi ed usato contro di noi per le centinaia, se non migliaia degli anni; quale in effetti è stato responsabile della maggior parte didi guerra, didi voilences e dei comportamenti IGNARI del sfruttato che poichè l’universo sta espandendosi sempre ed in modo da è con la CONSAPEVOLEZZA dell’UOMO e della DONNA di FUNZIONAMENTO. Siamo a begining della nostra nuova e libertà per sempre legantesi basata su conoscenza, sulla responsabilità e sulla comunicazione in maniera fidata. In quanto si trova un futuro e una lotta utili. Ciao-Bello- A’Tutti! -7b






In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista
Terremoto di Casamicciola
martedì 22 - 17h08
di : Lucio Garofalo

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

Il vient une heure où protester ne suffit plus : après la philosophie, il faut l'action. Victor Hugo
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito