Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
INTERCETTAZIONI. BUFERA SULL’AGENZIA GUIDATA DAL GENERALE HAYDEN

di : edoneo
venerdì 12 maggio 2006 - 09h46
6 commenti
JPEG - 97.3 Kb
The National Security Agency at Fort Meade, Maryland.

INTERCETTAZIONI. BUFERA SULL’AGENZIA GUIDATA DAL FUTURO CAPO DELLA CIA, IL GENERALE HAYDEN

Rivelazione choc a Washington "Tutti spiati i telefoni americani" Le compagnie private (tranne una) passano i dati alla Nsa

di Paolo Mastrolilli

JPEG - 98.4 Kb

NEW YORK. I telefoni americani, quasi tutti, sono spiati dal governo, che sa esattamente chi chiama chi. Anche il centralino de «La Stampa» e i numeri di parecchi redattori sono schedati, visto che ogni giorno ricevono telefonate dal nostro ufficio. La notizia, rivelata ieri dal quotidiano Usa Today, sta già provocando polemiche infuocate, che minacciano di erodere ancora la popolarità in calo del presidente Bush e mettono a rischio la conferma del generale Michael Hayden come nuovo capo della Cia.

Nel dicembre scorso il New York Times aveva scritto che la National Security Agency (Nsa), guidata proprio da Hayden, spiava le telefonate fatte dagli americani all’estero per intercettare eventuali comunicazioni con terroristi. Bush aveva difeso la legalità della sua iniziativa, presa senza consultare i tribunali, e aveva aggiunto che era necessaria per proteggere il paese da nuovi attacchi. La scoperta aveva fatto scandalo, ma in base ai sondaggi circa metà degli americani l’avevano accettata per il loro bene. Ieri Usa Today ha aggiunto un tassello, rivelando che il programma di controllo della Nsa è molto più vasto.

Subito dopo l’11 settembre l’agenzia di Hayden aveva chiesto a tutte le compagnie telefoniche americane di consegnarle i dati sulle chiamate fatte da ogni apparecchio. Lo scopo non era spiare o registrare le comunicazioni, ma sapere tutti i numeri composti dai telefoni americani, negli Usa e all’estero, per scoprire possibili contatti con terroristi. Le tre aziende più grandi, cioé AT&T, Verizon e BellSouth, avevano accettato, mentre la Qwest si era rifiutata per riserve legali e per il timore di essere multata.

In totale, circa 200 milioni di utenti erano finiti sotto controllo, inclusi noi. Appena uscita la notizia, l’opposizione democratica è andata all’attacco: «Questo - ha detto il senatore Leahy - è il governo di tutti, non di un partito. Chi riceve grande potere ha il dovere di rispondere agli americani di come lo usa. Dobbiamo vergognarci di aver saputo una cosa simile dai giornali». Anche alcuni repubblicani, però, si sono ribellati: «Non capisco - ha commentato il senatore Graham - cosa c’entri con la sicurezza la raccolta dei numeri chiamati dagli americani».

Il collega Specter, presidente della Commissione Giustizia del Senato, ha annunciato audizioni. Bush, messo sotto pressione, ha risposto parlando in diretta dalla Casa Bianca: «Primo, le nostre attività internazionali puntano sul Al Qaeda ed i suoi affiliati. Al Qaeda è il nostro nemico e vogliamo conoscere i suoi piani. Secondo, il governo non ascolta le telefonate domestiche senza approvazione del tribunale. Terzo, le attività di intelligence che ho autorizzato sono legali e ne abbiamo informato il Congresso. Quarto, la privacy degli americani è decisamente protetta. Noi non scaviamo nelle vite personali di milioni di cittadini innocenti».

Quindi Bush ha rivendicato il successo di aver evitato nuovi attacchi e ha lanciato un monito a chi ha passato la notizia, senza confermarla o smentirla: «Ogni volta che vengono pubblicate delicate informazioni di intelligence, ciò danneggia la nostra capacità di sconfiggere il nemico». La Casa Bianca ha sempre pensato che avrebbe vinto uno scontro con i democratici sullo spionaggio delle chiamate internazionali, perché serviva a proteggere il paese. Adesso però si parla di controlli interni, che toccano ogni cittadino. La popolarità di Bush è già scesa al 31%, e la soffiata del nuovo scandalo forse mira a deragliare proprio la conferma di Hayden alla guida della Cia.

http://www.lastampa.it/redazione/cm...


http://www.edoneo.org/



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo


Forum del' articolo
 

> INTERCETTAZIONI. BUFERA SULL’AGENZIA GUIDATA DAL GENERALE HAYDEN
14 maggio 2006 - 18h02 - Di 065cdd8c8d4efe99d66382371768aa0b...

Ovviamente non ha senso dire che si possono spiare telefonicamente 6 miliardi di persone
o 250 milioni di statunitensi, o che la polizia italiana o il Sisdi, Sismi possono intercettare 60 milioni di abitanti, le telefonate, i post, gli sms, le email.. Queste sono balle terroristiche!
Fermissimo resta tuttavia, in democrazia, il valore intrinseco e "irrinunciabile" della liberta’ del cittadino e dei suoi diritti civili e il principio "inderogabile" che una democrazia debba tutelarlo da violazioni della sua privacy e interferenze indebite da parte dello stesso stato nelle manifestazioni legittime e sacre del pensiero che e’ l’estensione del suo io.
L’articolo 21 della Costituzione tutela la liberta’ di pensiero, parole e scritti, liberta’ epistolare e dunque anche espressione telefonica o informatica.
Cio’ che scrivo su internet o dico al telefono o scrivo in una lettera equivale alla mia casa privata, un luogo che mi appartiene, e che nessuna forza dello stato puo’ invadere se non per fondati e dichiarati motivi, per precise violazioni del codice penale e secondo precise norme di legge, informandomi con avviso di garanzia, facendomi sapere i motivi di tale intrusione, con precisa richiesta di magistrato per una grave violazione di legge, di cui io sia sospettato con causa, per cui qualunque atto generalizzato che sfori queste condizioni e’ una gravissima violazione della mia liberta’ democratica, sancita e difesa dalla Costituzione, senza di che ho diritto di denunciare una democrazia violata e di ribellarmi a chi compie tale delitto in modo tirannico.
Pero’...parlare di intecettazioni a 360° mi sembra sciocco. Piu’ aumenta il numero degli intercettabili, piu’ la cosa e’ insostenibile.
E non si puo’ credere che, se Mario Rossi telefona alla fidanzata Maria Bianchi, dall’altra parte c’e’ il maresciallo che ascolta. Non e’ fattibile.
Mentre e’ scontato che Moggi o B siano intercettati, e’ davvero grottesco che vi siano malfattori che girano somme enormi di denaro sporco e pure telefonano per spiegare come fanno
viviana



> INTERCETTAZIONI. BUFERA SULL’AGENZIA GUIDATA DAL GENERALE HAYDEN
15 maggio 2006 - 10h39 - Di d7b67cfcc136c8ce1a3490cd3475b2de...

Non sono le conversazioni che interessano l’agenzia ma i numeri che contattano altri numeri.
Se il prefisso appartiene ad un paese sospetto, oppure è un numero segnalato, interviene una registrazione dei testi.
Ma la cosa piu’ inquietante è il passivismo e la rassegnazione, quando non l’entusiastica condivisione del privato di alcuni cittadini americani.


Punto-informatico oggi rivela che:

"Americani felici del governo spione":

>> La maggioranza dei cittadini statunitensi non ha problemi ad essere spiata dalla National Security Agency , l’organo del governo che svolge funzioni d’intelligence antiterrorismo. È quanto emerge da un sondaggio "a caldo" effettuato dal Washington Post e dall’emittente televisiva ABC, in seguito all’ esplosione dello scandalo intercettazioni. Secondo i risultati dello studio, il 63% degli intervistati si è detto favorevole alla strategia preventiva adottata dall’amministrazione Bush, che all’indomani dell’11 settembre 2001 avviò un programma segreto per tenere sotto controllo oltre 200 milioni di cittadini. Solo il 35% degli intervistati ha espresso indignazione per le intercettazioni condotte dalla NSA. Il 44% del campione rappresentativo selezionato dal Washington Post è addirittura "totalmente favorevole" e condivide le preoccupazioni del presidente Bush, convinto che si debba ledere la privacy degli americani per il bene della sicurezza nazionale. Il 65% dei cittadini coinvolti dal sondaggio è certo che la riservatezza delle comunicazioni personali sia un diritto sacrificabile in nome della lotta senza campo al terrorismo. In definitiva, si legge in un comunicato pubblicato dall’autorevole quotidiano americano, il 51% degli americani sembra appoggiare completamente la posizione di Bush sull’argomento della privacy. <<


Il potere è controllo e questo è noto ma quando sappiamo che alcuni satelliti possono fotografarci e seguirci in ogni momento e seguire le nostre conversazioni, (se guardi google map, ora seat-map, già ti fai un’idea della tecnologia attuale) come possiamo credere che esistano persone imprendibili, terroristi che agiscono in grande stile coinvolgendo autobus e metropolitane in piena Europa e in grandi città, senza essere visti e previsti?
Non è necessario ricordare Orwell per pensare che tutto il teatrino del terrorismo (oppure una buona parte di esso), compresi gli annessi antidoti bellici ma anche questo grosso business delle intercettazioni, non sia altro che il massimo sistema per estorcere petrolio/denaro e avere il placet del popolo bue che, almeno in Usa, continua a votare i suoi presunti salvatori.
In realtà abbiamo sempre saputo di essere presi per i fondelli ma ecco un’altra controprova.

Edoneo


> INTERCETTAZIONI. BUFERA SULL’AGENZIA GUIDATA DAL GENERALE HAYDEN
17 maggio 2006 - 07h48 - Di c06bbf54f32eea740c8aac7cf36c8150...

Che il 63% degli americani accetti di buon grado la crescente restrizione delle libertà civili diventa purtroppo un indicatore della degradazione della democrazia americana i cui cittadini diventano sempre più sudditi colonizzati da un potere abnorme, contro cui dovrebbero reagire e che evidentemente li ha del tutto plagiati. L’America è il primo paese da liberare.
Concordo con l’analisi di Edoneo e aggiungo:
dal momento che esistono le foto satellitari rinnovate ogni 24 ore, non si capisce nemmeno come possano esistere:
 costruzioni abusive
 insediamenti milit. non autorizzati
 spostamenti di truppe non conosciuti
 movimenti di aerei fuori controllo
 centrali nucleari non denunciate
 attentati dell’entità delle 2 torri ecc.
Ricordo che abbiamo scansato per puro miracolo la pretesa di Bush di insediare uno scudo atomico sull’Europa "per la nostra sicurezza" in realtà per allargare il suo dominio colonialista .
E che in Italia abbiamo 90 basi atomiche americane pronte a deflagrare, che gli USA considerano territorio loro e fanno pagare a noi per il 37%, restando impuniti per ogni loro reato (23 casi) compiuto da loro sul nostro territorio ma esente dalle nostre leggi, basi dove i militari USA portano gente sequestrata da torturare. Esse sono territorio Usa a tutti gli effetti e occupano uno spazio grande come una regione. In quanto alla spazio aereo è già cosa loro, basti pensare a Ustica o al Cermis
I 2 modi fondamentali per rendere schiavi gli uomini sono il profitto e la paura.
Sembra che i "tanto democratici" americani usino ampiamente di entrambi. Ma che anche parte della sinistra italiana si adegui alle menzogne del più forte, ripetendole in focopia, appare sempre più vergognoso
Viviana


> INTERCETTAZIONI. BUFERA SULL’AGENZIA GUIDATA DAL GENERALE HAYDEN
17 maggio 2006 - 20h29 - Di d7b67cfcc136c8ce1a3490cd3475b2de...

Schedato in segreto il Dna di migliaia di persone
Beatrice Montini

Un archivio segreto in cui viene raccolto, schedato e conservato il Dna di centinaia, forse migliaia di cittadini. Un archivio, del tutto illegale, costruito nel corso degli anni conservando le «tracce biologiche» raccolte dai Carabinieri durante normali attività investigative. Un database che il Ris, la scientifica dell´Arma, usa normalmente per identificare i presunti autori di reati. La storia è scritta nero su bianco nel verbale di un processo per il furto di alcune auto e di gioielli, avvenuto a Gargazzone (nei pressi di Merano) tre anni fa. L´imputato è un cittadino albanese che adesso si trova in carcere proprio a causa di questo database illegale e che, tramite il suo avvocato Francesco Coran, presenterà un esposto al garante della Privacy.

Questi, in sintesi, i fatti. La mattina del 25 settembre del 2003, un rivenditore d’auto di Gargazzone, svegliandosi si accorge che la sua casa è stata svaligiata: sono spariti orologi, gioielli e due automobili. Scatta immediatamente la denuncia ai Carabinieri. Un paio di giorni dopo viene ritrovata una delle auto rubate: all’interno un mozzicone di sigaretta, un paio di guanti, un fazzoletto di carta e un passamontagna. Il tutto viene inviato, come prassi, alla Sezione Biologia del Ris di Parma, punto di raccolta dei reperti provenienti da tutti i comandi e Procure del Nord Italia. Poco tempo dopo il Ris comunica i risultati: il dna del mozzicone appartiene a un cittadino albanese, pregiudicato. L´uomo viene preso e incarcerato.

Ma come si è giunti all´identificazione? Lo spiega, durante il processo, un maggiore dei Carabinieri del Ris di Parma che, come si legge nel verbale. racconta, candidamente: «Come sistema generale riceviamo tutto (ndr tutti i reperti) e poi abbiamo realizzato un nostro software fatto in casa, dove appunto immagazziniamo tutti questi dati da tutti i referti o soggetti che ci vengono inviati come eventuali sospetti per i diversi casi». Nel caso del furto di Gargazzone, spiega ancora il carabiniere, dai mozziconi di sigaretta emerge l’identikit genetico di 3 diversi soggetti: «Questi tre profili, che poi ripeto sono una serie di tanti numeri, sono stati infilati in questo software che non fa altro che comparare dei numeri e vedere se contemporaneamente ci sono queste coppie di numeri uguali». Risultato: uno dei tre identikit genetici combacia perfettamente con il dna di un uomo che «era già risultato in altri due reati». In particolare, racconta il comandante, il dna dell’albanese era stato analizzato e schedato nel corso di un’inchiesta su uno stupro avvenuto nel ‘99 a Bressanone: «La Procura all´epoca prolungò le indagini molto su questo caso e ci mandarono nell´arco di due anni circa 400 campioni di confronto». In realtà nessuno dei 400 presunti colpevoli aveva un dna compatibile con il violentatore e il caso è quindi rimasto irrisolto. «Il Ris, però, non ha distrutto i risultati delle analisi come avrebbe dovuto secondo quanto stabilito in primis dalla legge sulla Privacy che vieta la conservazione segreta di dati sensibili - sottolinea l´avvocato Coran - Ma li ha inseriti nel famigerato software fatto in casa per riusarli ogni volta che si tratta di identificare un dna sospetto».

Gli interrogativi a questo punto si moltiplicano. Prima di tutto perché in Italia la legge vieta il prelievo non autorizzato del Dna a sospetti (anche se il decreto legge antiterrorismo di Pisanu lo scorso luglio prevede la possibilità di fare un "tampone" in bocca per prelevare la saliva) e poi perchè, a differenza di altri paesi europei, non esiste alcuna norma che consente di tenere una banca dati del Dna di persone fermate, arrestate, incarcerate. E quindi l´archivio «fatto in casa» dal Ris è «assolutamente illegittimo», come sottolinea il senatore Ds Guido Calvi, capogruppo Ds in commissione Giustizia nell´ultima legislatura: «Si tratta di una violazione della legge sulla Privacy - spiega - che oltretutto, come è evidente, non viene fatta su tutti i cittadini ma solo su extracomunitari e quindi è anche un atto di discriminazione».

Qualche mese fa in Inghilterra la scoperta di un archivio simile che raccoglieva il dna di migliaia di minorenni incensurati fece tremare il governo Blair: «Spiace che oggi il Parlamento non sia attivo - dice Calvi - perchè avremmo immediatamente proposto un´interrogazione per capire se questa prassi sia diffusa».

http://www.unita.it/view.asp?IDcont...


> INTERCETTAZIONI. BUFERA SULL’AGENZIA GUIDATA DAL GENERALE HAYDEN
22 maggio 2006 - 10h54 - Di 787ae6b06eeb1638e08c428a62f0f833...

cara Viviana, mi spiace che la sua disinformazione sia cosi grande. ora mi permetta di spiegarle come funziona il sistema: le telefonate, e non solo, sono effettivamente tutte ascoltate, anche in Italia, come? non dall’uomo perchè sarebbe impossibile, ma dai computer. il sistema tutto sommato è semplice: si usano la famose parole chiave. se il sistema automatico trova una parola chiave nella comunicazione, allora stampa tutto e lo invia all’analista-uomo. chiaro adesso? in Italia esistono 2 stazioni d’ascolto. una a Pian di Spagna (alto lago di Como) e la seconda a S.Vito dei Normanni (Puglia). la prima in realtà spia il nord Europa, mentre la seconda ascolta l’Italia. Cari saluti.


> INTERCETTAZIONI. BUFERA SULL’AGENZIA GUIDATA DAL GENERALE HAYDEN
22 maggio 2006 - 18h05 - Di 44cfbd981b9e9d77d0b4b40fc3ba0ce7...

Per la forma (e non solo) il post che comincia con ’cara Viviana’ contiene due pecche: non e’ firmato e gia’ questo non presenta bene; da’ una notizia utile, ma lo fa nel modo peggiore, cominciando con una offesa. Faccio notare che tutti siamo disinformati di qualcosa e che e’ interessante essere informati da chi sa qualcosa di più, ma ogni volta che si inizia un approccio facendo subito notare le carenze dell’altro, si ottiene una reazione ostile. A quel punto l’altro non ringrazierà dell’informazione ma noterà gli errori di ortografia, il tono saccente, la supponenza latente, che non si sana dando di lei a una persona né dicendo ’cari saluti’, soprattutto quando la si tratta come fosse un bambino scemo di tre anni. Chiaro adesso?
Cordiali saluti
Viviana





Corruzione e schiavitù moderna : il controverso leader del Qatar in visita in Italia
lunedì 19 - 12h52
di : Valentina Ricci
In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

Jamais on ne corrompt le peuple, mais souvent on le trompe. Jean-Jacques Rousseau
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito