Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
SEGNALI SINISTRI

di : Doriana Goracci
venerdì 2 giugno 2006 - 08h22
7 commenti
JPEG - 17.7 Kb

di Doriana Goracci

Non ho amato il precedente Presidente della nostra Repubblica Ciampi. Oltre ai suoi silenzi-assensi, ha ripristinato la parata militare del 2 giugno opportunatamente eliminata da Scalfaro, ha riaperto il "dialogo commerciale" con la Cina sul mercato delle armi.Un nonno pacifista che sventola la bandierina italiana? Non scherziamo.

Abbiamo inondato a migliaia, giornali e forum e caselle di posta di onorevoli e senatori per l’elezione di "nonne" come Lidia Menapace: molti commentavano che era troppo anziana...

E’ stato incaricato un altro autorevole "nonno" amato dalla sinistra e non solamente a rappresentare il Paese. Abbiamo rinondato con la stessa campagna l’attuale Napolitano, presidente della Repubblica di lettere appelli con toni diversi, perché non ci fossero mostrate armi leggere o/e pesanti-leggere in questa "nostra" giornata.

Tutto vano.

I giornali e i media parlano solo della contraddizione dell’attuale maggioranza, reale e vera. Come vera e reale sarà la volontà e la fatica di quanti oggi manifesteranno il loro intendere la festa della Repubblica, la volontà di un popolo e non di un singolo monarca. La presenza della sinistra radicale alla parata diventa grottesca, quando altr* della stessa coalizione sono mobilitat* diversamente.

La presenza della sinistra moderata ha da tempo mostrato il suo volto integralmente liberista e opportunista in nome delle riforme.Un taglia e cuci che non riesce a rammendare neanche più un calzino ormai logoro: il cammino su strade assai diverse ha usurato la volontà e la speranza di quei milioni di persone che hanno chiesto la fine della guerra e dell’uso delle armi. Quegli stessi semplici affaticati confusi milioni di persone, hanno peraltro trovato la forza di eleggere un governo di sinistra, chiedendo subito inversioni di rotta.

Il popolo che rifiuta la guerra, che vuole salvare la Costituzione, che cerca di vivere dignitosamente ed onestamente, ha eletto i suoi rappresentanti al Parlamento, ha avuto delle prime risposte.

Libero d’esprimersi questo presidente e coloro che gli siedono vicino , oggi il segnale ce l’hanno dato: un segnale sinistro.

Abbiamo un governo tollerante e rispettoso delle diversità, non è vero?

Liberi dunque anche noi oggi di presidiare piazze, camminare "pacificamente" per le strade d’Italia, libera io di scrivere...

Cionostante avverto dall’alto, io che sto così in basso, solo segnali sinistri.



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo


Forum del' articolo
 

> SEGNALI SINISTRI: da Indymedia
2 giugno 2006 - 16h06 - Di b2059f2ccbb6914a5035bb1ec0ee2603...

brav*
by i* Friday, Jun. 02, 2006 at 10:00 AM mail:

brav*, hai proprio ragione!
tutt* (*[l](*)) cos* che dici sono giust*; bravissim*!
un(*) ver* compagn* che si preoccupa di cos* seri(*)!


dubbio
by alessandro Friday, Jun. 02, 2006 at 10:12 AM mail:

Perchè non vi ponete qualche domanda? Magari la vera essenza della repubblica si esprime nella parata militare. Magarai rammentere le stragi che hanno contribuito al consolidameto della repubblica. Magari ricordare che TUTTI gli stati hanno eserciti e servizi segreti. Può aiutare a capire se è davvero il caso di difendere la repubblica, la costituzione, di arrabbiarsi per la parata ma non mettre in discussione l’essenza mortifera degli stati. Tutti nessuno escluso.


si
by politically correct Friday, Jun. 02, 2006 at 10:42 AM mail:

per me l’uso del * e’ una cacata pazzesca.

PS-scommetto che chi lo usa ha sempre la R moscia.


la pace e la guera...
by rafgano Friday, Jun. 02, 2006 at 11:18 AM mail:

"Si vis pacem, para bellum" Se vuoi la pace prepara la guerra, dicevano i romani,questo purtroppo è l’ossimoro che
sempre riferendoci ai romani "in secula seculorum" regge
tutte le prevaricazioni del mondo.Si mescola la parola pace con il suo contrario guerra, è tutto da ridere,come il "combattere per la pace" "competizione amichevole"
"convergenze parallele"-"copia originale"-"critica costruttiva"-"forza di pace"-"guerra civile"-"libertà condizionata"-"lucida follia"-"onorevole Previti"-"politicamente corretto"-"tolleranza religiosa"-"vacanza di
lavoro"-temporaneo aumento delle tasse"-E,presa per il culo finale: "rimborso delle tasse".Se ve sete fatta ’na risata,tanto de guadagnato pe’ la salute.Passo e chiudo.


*******..........
by Doriana Friday, Jun. 02, 2006 at 12:33 PM mail:

Puntini, asterischi, parentesi...ognuno ci mette quello che vuole. Anche a me non piace la parola PACE perchè è legata alla GUERRA. Preferisco tranquillità, serenità, vita.
Purtroppo ci viviamo in guerra, purtroppo ci viviamo in uno stato, questo non toglie che l’esposizione degli eserciti e delle armi che difendono(??) gli interessi economici di coloro che governano i cittadini del paese, debbano oscenamente con piroette verbali e tragica indifferenza, farlo il 2 giugno e non il 4 novembre.Lasciar fare,non tirar fuori in determinate "date" l’insoddisfazione e la rabbia dello straniamento di feste del popolo, non mi fa stare zitta oggi, domani e dopodomani.E sono una "buona" qualunque.I misfatti passati, anteriori e remoti sono, credo, sotto gli occhi di noi tutti, quotidianamente.


2 giugno, la sinistra si divide, Bertinotti sul palco, Prc in piazza
by CLAUDIA FUSANI Friday, Jun. 02, 2006 at 12:40 PM mail:

2 giugno, la sinistra...
vialetruppe.jpg, image/jpeg, 370x232

Il centrodestra: ennesima crepa interna all’Unione
Il sottosegretario Cento alla "peace-parade"
2 giugno, la sinistra si divide
Bertinotti sul palco, Prc in piazza
La "controparata" divide l’Unione, Cdl all’attacco

di CLAUDIA FUSANI

ROMA - Ci prova il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano a richiamare il centro sinistra all’unità. Dice che "il 2 Giugno è il compleanno degli italiani" e che "siamo vicini ai nostri militari all’estero". Passaggi del discorso ufficiale sulla festa della Repubblica che però non bastano per zittire le polemiche nell’Unione divisa tra "parata militare sì" (Margherita, Rosa nel pugno e i Ds) perché "la difesa è un sacro dovere del cittadino e le forze armate sono parte dello spirito democratico della Repubblica".

Contrari alla parata la sinistra radicale e pacifista, Verdi, Rifondazione e Comunisti che con il cartello "Sbilanciamoci" daranno vita alla peace parade. "E’ legittimo boicottare una festa che è stata usurpata e strumentalizzata" dice l’onorevole-disobbediente Francesco Caruso. Una divisione che ieri ha fatto gioco al centro destra che da An a Forza Italia parla di "ennesima crepa interna alla sinistra" (Baldelli, Fi) e di "indegna cagnara" (Leone, Fi).

In realtà Palazzo Chigi e il ministero della Difesa hanno ridimensionato di parecchio la parata lungo i Fori imperiali: durerà poco più di mezz’ora e sfileranno settemila uomini anziché novemila, pochissimi aerei e poche decine di mezzi pesanti. Un po’ per questioni di soldi e di bilancio. Soprattutto per evitare certi eccessi marziali e dimostrare, spiegano a Palazzo Baracchini, "il legame indiscutibile tra la Repubblica e le sue forze armate". Significativa anche la scelta del titolo: "W l’Italia". E basta.

Ma per il popolo del ritiro immediato delle truppe dall’Iraq "che stanno violando l’articolo 11 della Costituzione", lo sforzo non basta. "Il prossimo anno dovremo cancellare la parata" sintetizza la senatrice dei verdi Loredana De Petris. Il sottosegretario Paolo Cento sarà in prima fila alla marcia pacifista che partirà intorno alle 11 e 30 da Castel Sant’Angelo e scorrerà nel Lungotevere. Con lui lo stato maggiore di Rifondazione comunista: il capogruppo al Senato Giovanni Russo Spena e il capogruppo alla Camera Gennaro Migliore.

Il segretario Fausto Giordano è a Firenze per un altro impegno "altrimenti non c’è dubbio che sarei stato alla controparata". Per Rifondazione "il 2 giugno è una grande festa civile ed è contraddittorio festeggiarla con una parata militare". Siamo una Repubblica, scrive Elettra Deiena "ma non fondata sulle armi". Netta la condanna dei Comunisti italiani. Diliberto è a Cagliari per impegni elettorali ma Marco Rizzo sarà alla peace parade: "Non siamo contro i militari né contro la festa della Repubblica, chiediamo però di sospendere la parata fino al ritiro delle truppe dall’Iraq".

Un gruppetto cosiddetto "no war" promette "azioni di disturbo" lungo i Fori Imperiali. Assenti da entrambe le parate e tutti per precedenti impegni i ministri e i sottosegretari pacifisti, da Pecoraro Scanio a Giovanna Melandri, da Famiano Crucianelli a Alfonso Gianni. In prima fila, invece, nella tribuna autorità il presidente della Camera Fausto Bertinotti. Tirato per la giacca perché ascoltasse il cuore pacifista, l’ex segretario di Rifondazione risponderà, come ovvio, al dovere istituzionale. Anche se avrebbe preferito "una marcia di pace".

(2 giugno 2006

www.repubblica.it



> SEGNALI SINISTRI: news
2 giugno 2006 - 17h06 - Di a2dcd5b638bbb8477f25c36c5144427d...

Roma
Dopo aver esposto gli striscioni della pace, color arcobaleno, sul ponte di Castel Sant’Angelo, i pacifisti (alcune centinaia) sfilano in un tranquillo corteo verso largo Argentina. Alla manifestazione partecipano diverse associazioni pacifiste, tra cui Emergency, Arci, gli Statunitensi per la pace, le Donne in nero; i partiti Rifondazione comunista, Verdi e Comunisti italiani; il sindacato dei Cobas.

Milano

Qualche spintone di troppo durante la manifestazione dei centri sociali in piazza del Duomo a Milano, mentre si svolgevano le celebrazioni per la Festa della Repubblica, e una ragazza e’ rimasta lievemente ferita al naso. Una cinquantina di giovani del centro sociale ’Il Cantiere’ si erano radunati da un lato della piazza, all’angolo di via Torino, dove la polizia li ha bloccati, e alcuni sono stati fermati per essere identificati. La polizia precisa che non e’ stata fatta alcuna carica. I manifestanti hanno protestato per il trattamento ’fuori luogo’, in quanto assicurano che la loro era una manifestazione pacifica per dire no alla militarizzazione della festa della Repubblica. Alle celebrazioni ufficiali era presente anche il sindaco uscente Gabriele Albertini, per l’ultima volta con la fascia tricolore.

Milano

Non sono mancati i tafferugli in piazza Duomo durante la consueta cerimonia di alzabandiera per la festa della Repubblica, presente anche il sindaco uscente Gabriele Albertini, per l’ultima volta con la fascia tricolore. Una cinquantina di ragazzi del centro sociale Il Cantiere si sono presentati con pentole e striscioni dal lato di via Torino e la polizia li ha bloccati. Una ragazza ferita lievemente al naso è stata portata in un ospedale. «È stata una reazione spropositata per una manifestazione pacifica - ha detto una partecipante -. Volevamo comunicare il nostro no non alla festa della Repubblica ma alla sua militarizzazione e chiedere il ritiro delle truppe. Noi eravamo a mani alzate». Il centro sociale Il Cantiere aveva ottenuto il permesso per una manifestazione nella vicina piazza Fontana ma non in piazza Duomo. I ragazzi del Cantiere se ne sono andati urlando «Stop global war» dopo essere stati portati dalla polizia in piazza Cordusio per le identificazioni. Un breve momento di tensione fra gli agenti e i ragazzi prima che la polizia li scortasse fin dentro la metropolitana da dove hanno preso un treno per tornare al centro sociale.

Venezia

Questa mattina a Piazza S.Marco sono stati portati via con la forza gli attivisti pacifisti che manifestavano in nome della pace.
Durante la mattina megafonate di piazza per comunicare con la città, issata bandiera della pace prima di essere stati sgomberati dalla celere.

CONTRO LA GUERRA!



> SEGNALI SINISTRI
2 giugno 2006 - 21h16 - Di 3a040867ff4bc8c8daff2f8c8e059e81...

ho letto qualche commento.
mi spiace molto che qualcuno sia un comunista di facciata e poi ragioni peggio di un fascista.
l’articolo è molto interessante e da condividere a pieno, ma purtroppo devo ricordare che la democrazia funziona che il parlamento decide.
e siccome in parlamento i conunisti non siamo maggioranza, ma solo una parte della maggioranza di governo, prima di prendere delle decisioni ci dobbiamo confrontare con le altre forze politiche. per fortuna la democrazia funziona così, altrimenti se dovesse funzionare come molti qui pensano, berlusconi avrebbe fatto quello che voleva col suo ex 29% di forza italia.
poi non è da comunisti pensare che napolitano debba agire da comunista stalinista, lui è il presidente della repubblica italiana, rappresenta l’italia e tutti i cittadini italiani, e tutti i cittadini italiani non sono comunisti.
ed ancora, facciamo i comunisti, non i fascisti!
Agiamo da comunisti e pensiamo da comunisti, non da fascisti!
Chi dice di essere democratico deve accettare le decisioni della maggioranza, chi non lo fa non è democratico.
I comunisti sono l’essenza suprema della democrazia.

IO SONO COMUNISTA!

Faust_76@hotmail.it



Ho fatto un sogno
2 giugno 2006 - 23h45 - Di df0b29805d51f4ec7c738c381b0131c1...

Ho fatto un sogno.....

Non solo a Martin Luther King era concesso di sognare un mondo migliore
sulle rosse colline della Georgia.

Anch’io questa mattina ho fatto un sogno.

Ho sognato che era mattino anche in casa di Fausto Bertinotti.

Inaspettatamente, il neo presidente della camera aveva convocato i
giornalisti a casa propria. "Strano" avevano pensato i più smaliziati
cronisti romani. "Lo potevamo intervistare e riprendere più tardi, alla
parata militare... Perché questa strana convocazione, la mattina del due
giugno"

Ma tant’è, il Bertinotti vale sempre la pena di un’alzataccia, e tutti, o
quasi, si erano presentati alla sua abitazione. Modesta, come si conviene
ad un comunista.

Era stato proprio lo stesso Fausto ad aprire la porta, come si conviene ad
un comunista. Ma era quasi irriconoscibile: in pigiama, stazzonato, con la
barba lunga e gli occhi pesti.

Ottenuto il cessare dei flash dei fotografi ed il silenzio dei cronisti,
aveva cominciato a parlare. Virgola più, virgola meno, questo era stato il
contenuto del suo discorso.

"Ragazzi, non ce l’ho proprio fatta. Lo so, la terza carica dello stato ad
un comunista (comunista, ragazzi, mi raccomando, non ex comunista) è un
fatto che può dare speranza a milioni di lavoratrici e lavoratori. Certo
molti di loro si saranno commossi nel vedermi seduto su quella poltrona. Ed
avranno pensato che era valsa la pena di friggere frittelle, di distribuire
volantini, di vendere porta a porta Liberazione. Sono disposto ad accettare
anche le parti meno piacevoli del mio nuovo mandato: dare la parola durante
i dibattiti a Gustavo Selva, ascoltare gli interventi della Santanchè,
zittire chi rumoreggia mentre parla Fini. Lo faccio anche per tutti i
compagni e le compagne che hanno lavorato perché credevano che la mia
presenza su quella poltrona fosse un segnale di cambiamento vero.

Ma la parata ai fori imperiali, no. Non ce la faccio proprio.

Costa undici milioni di euro. Come una scuola. Come uno screening di massa
contro qualche grave malattia. Come733 mesi di stipendio di un insegnante.

Ho provato a ripetermi "Se ne sprecano tanti......" Ho cercato di
convincere me stesso.

Niente da fare. Ho rivisto mentalmente il filmato di RAI News 24 dove si
vedeva un soldato italiano che teneva sotto il tiro un iracheno mentre un
altro gli urlava "annichiliscilo, Luca, annichiliscilo".Mi è tornata
davanti l’immagine di Bush che ci raccontava la favola della caccia a Bin
Laden e delle armi di distruzione di massa.

Ma soprattutto ho rivisto me stesso a Venezia poco tempo fa, quando
annunciavo solennemente che Rifondazione sceglieva la nonviolenza. La
nonviolenza, capite? Quindi tutta la tradizione dell’obiezione al servizio
militare, del primato della coscienza, di Gandhi, dell’imperativo
categorico, del NO davanti all’ingiustizia di milioni di persone, in
milioni di luoghi ed in ogni tempo.

Così ho deciso di non andare e di spiegarvi perché. Non credo che questo
comporterà l’elezione di un nuovo presidente della camera, perché non mi
pare che il centro sinistra che mi ha eletto debba, possa o voglia
sollevare una mozione di sfiducia nei miei confronti. Ma se così fosse,
ecco il mio mandato. Trovate un altro, io proprio non ce la faccio."

Si sa, i sogni seguono regole cinematografiche, come insegnava il vecchio
Freud. Ho visto una dissolvenza sul viso di Bertinotti e dei giornalisti
agitatissimi. Al suo posto è comparso il solito Bertinotti, elegante,
pronto per una cerimonia ufficiale. Ed ho sentito la sua voce
inconfondibile che gridava "Lallaaaaaaaaaaaa!!!!!! La parata sta per
cominciare!!!!!!!!!Dove diavolo è la mia spilletta della pace? In questa
casa non si trova mai niente!!!!!!!!"

Norma Bertullacelli



> Ho fatto un sogno
3 giugno 2006 - 15h55 - Di 0ca923c8c587b441b630c97af761a084...

Già, quanta sarebbe stata bella la non democrazia.
Compagni, usciamo da 5 anni di oligarchia, e sono solo 5 giorni che abbiamo il potere.
Le rivoluzioni, soprattutto quelle culturali e quelle radicali hanno bisogno di tempo.
Abbiamo 5 anni per cambiare il paese, non facciamo il gioco della destra, diamo un po di fiducia.

Faust_76@hotmail.it


PACIFISTI
4 giugno 2006 - 14h42 - Di 48895c29a42417a3a34e3ae4df723b06...

Un gruppo di pacifisti era presente oggi al porto antico di Genova, dove
erano previsti un lancio di paracadutisti ed una gara di orienteering
patrocinata dalle forze armate. Entrambe le iniziative si svolgevano nel
quadro delle celebrazioni per il sessantesimo anniversario della
proclamazione della repubblica; un evento che ben poco ha a che fare con
l’esercito e con le armi.
Hanno esposto bandiere arcobaleno e striscioni che chiedevano la
sospensione della parata militare di Roma, mentre alcuni di loro hanno
ricordato al megafono il costo spropositato di quella inutile ostentazione
di forza (11 milioni di euro).
Incollo di seguito il volantino che è stato distribuito; chi desiderasse
delle foto dell’iniziativa me lo comunichi e provvederò a spedirle
Norma Bertullacelli

2 GIUGNO: FESTA DI CHI?

La presenza sempre più frequente delle forze armate nelle più varie
occasioni culturali ( è di pochi giorni fa nella nostra città,
l’organizzazione da parte dell’esercito italiano della manifestazione
"Corri con l’esercito") e televisive, presenza che cerca di accreditare
un’immagine accattivante da "Italiani brava gente", impegnati soltanto a
portare pace, democrazia ed aiuti alle popolazioni, non deve fare
dimenticare la realtà e cioè che i soldati italiani sono attualmente
impegnati in guerra in Iraq ed Afghanistan in totale spregio della
Costituzione repubblicana.

(art. 11: L’Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà
degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie
internazionali).

Non è questa la nostra repubblica,

non è questa la repubblica che vogliamo festeggiare.

La nostra Repubblica:

 è quella nata dalla Resistenza e fondata sull’antifascismo;

 è quella che rispetta l’art. 11 della Costituzione, sempre e comunque, senza se e senza ma;

 è quella in cui il 2 giugno, al posto di carri armati e uomini in divisa e armi , sfilerebbero impiegati, operai,infermieri,maestri, tranvieri, migranti;

 è quella per cui non esistono "guerre umanitarie" né "operazioni di polizia internazionale" né "guerre giuste";

 è quella che accoglie i migranti e non li rinchiude in quei nuovi lager che sono i CPT;

 è quella in cui tutti i cittadini hanno diritto a lavoro, salute,istruzione, trasporti;

 è quella che assicura a tutti diritti e doveri (legge 194, Pacs,imposizione fiscale progressiva, etc.);

 è, soprattutto, quella che non si cura del Papa e del card.Ruini perché laica.



> SEGNALI SINISTRI
6 giugno 2006 - 01h51 - Di b802e105f216627eafe71fd9ce7b8a12...

Cara Doriana,
Io sulla pace la penso come te ed ho scritto al Presidente perchè la festa del 2/6 sia ben altro.
La guerra porta guerra, l’odio genera odio e la violenza moltiplica la violenza.
Ma mi rendo conto e non ne sono felice che certe conquiste sono lente, lente lente ....anzi lentissime.
E su questo lentissimo procedere è anche necessario a volte che chi rappresenta più da vicino I tuoi punti di vista faccia qualche passo indietro o laterale.
Così vanno le cose.
Ma noi non molliamo. Mai!

Hai visto che il neo Presidente della Repubblica (su pratica istruita dal precedente ministro Scajola) ha nominato Passera Cav. Del Lavoro.?Sono ovviamente indignato e deluso!
Dare questo riconoscimento, che viene (anzi dovrebbe essere) conferito agli imprenditori che si distinguono nelle loro attività con ricadute nel sociale e sull’occupazione, ad un manger stile MacKinsej che ha realizzato le sue stramiliardarie stockoption (circa 30 mln di euro) esodando 5600 persone (don’t circa 1000 licenziati) e costringendo altre migliaia ad andarsene anzitempo, mi appare così distorsivo di una corretta e etica informazione ai giovani ed al mondo del lavoro che non ho parole.
Se c’era un riconoscimento da non dargli era questo.
Le istituzioni di tutti I colori invece si complimentano e si riconoscono fra di loro.
Mai che premino di cotanto premio un poveraccio che perde il lavoro.
Pensa ad un cinquantenne collocato a riposo per salvare gli utili degli azionisti (e quelli di Intesa - oltre 10.000 miliardi di vecchie lire, una piccola finanziaria, in questi 3 anni passati ne hanno preso in abbondanza) insignito di medaglia al valore civile e fatto Cav. Del Lavoro.
Buogiorno Cav.aliere forse si senitirebbe dire .
Come trascorre le sue giornate da cinquantenne finalmente a casa dopo una semivita di lavoro?
E come pensa di aver contribuito a "salvare" l’azienda?
Si sente soddisfatto per aver adempiuto a tanto impegno civile?
Etc....etc.....
Lasciamo stare.
Per oggi va bene così.
Antonio
Un abbraccio






FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista
Terremoto di Casamicciola
martedì 22 - 17h08
di : Lucio Garofalo
La Strage di Barcellona ed il genio incompreso di G Romero
lunedì 21 - 21h23
di : pugliantagonista
16 agosto 1894: Sante Caserio fa il fornaio non la spia
martedì 15 - 18h38
di : caserio
Agosto 1926-2017 Resistete agli sfratti, opponete l’azione autonoma di Classe
venerdì 11 - 17h52
di : pugliantagonista
editoriale 10 anni di Pugliantagonista.it
giovedì 10 - 21h58
di : pugliantagonista
UNO SPETTRO NAZIFASCISTA SI AGGIRA NEL MEDITERRANEO [MA CHI LO FINANZIA?]
domenica 6 - 16h31
di : Lucio Galluzzi
In rete il numero di luglio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 17 - 11h12
di : Franco Cilenti
Uomini o caporali
martedì 11 - 16h48
di : Lucio Garofalo
no In rete il nuovo numero del periodico nazionale Dire, Fare Rifondazione
domenica 9 - 10h29
di : Franco Cilenti
Progettifici e dittatori scolastici
mercoledì 5 - 15h57
di : Lucio Garofalo
Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino
venerdì 2 - 16h52
di : Alessio Di Florio
In rete, e in distribuzione, il nuovo numero del periodico lavoro e Salute
martedì 23 - 10h59
di : Franco Cilenti
Pubblicato Dire, Fare Rifondazione, notiziario dell’Organizzazione - maggio 2017
lunedì 15 - 08h28
di : Franco Cilenti
1 comment
Pubblicato Dire, Fare Rifondazione, notiziario dell’Organizzazione - maggio 2017
lunedì 15 - 08h28
di : Franco Cilenti
L’ESERCITO DI RISERVA NELLE MANI DEL CAPITALISMO NELLA LOTTA DI CLASSE
sabato 6 - 06h15
di : PCL Pavia
Sinceramente razzisti
giovedì 4 - 19h25
di : Antonio Recanatini
PACE
sabato 8 - 07h43
di : Franco Astengo
SULL’ORLO DELLA GUERRA?
venerdì 7 - 10h21
di : Franco Astengo
LA PROSPETTIVA DI UN GOVERNO DELLE LAVORATRICI E DEI LAVORATORI
martedì 28 - 06h03
di : PCL Pavia
La vendetta come augurio (Elogio della vendetta)
martedì 21 - 21h55
di : Antonio Recanatini

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

La culture, ce n'est pas ce qui reste quand on a tout oublié, mais au contraire, ce qui reste à connaître quand on ne vous a rien enseigné. Jean Vilar
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito
Letteratura e guerra partigiana in Italia a Parigi
martedì 7 Febbraio
di : ANPI PARIGI
Il Collettivo Bellaciao sarà presente... Un ciclo di incontri sulla letteratura della Resistenza presentato da Daniele Gaio presentato da Daniele Gaio 13 e 27 febbraio, 5 marzo 2012, ore 19 alla libreria: "La Libreria" 89 rue du faubourg Poissonnière 75009 Parigi L’Anpi Parigi, sezione Carlo e Nello Rosselli, in collaborazione con La Libreria, vi propone un ciclo di incontri sulla letteratura della Resistenza italiana. Quattro narratori (Italo Calvino, Cesare Pavese, Beppe (...)
Leggere il seguito