Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
Grazie Lidia

di : Gennaro Carotenuto
mercoledì 7 giugno 2006 - 14h59
21 commenti
moderato


Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo


Forum del' articolo
 

> Grazie Lidia
7 giugno 2006 - 16h41 - Di 005a96fc21f2ca946c58686c0952fc92...

Congratulazione a Lidia Menapace per essersi espressa contro la prassi delle Frecce Tricolori, per avere detto che andrebbe abolita.

Piena solidarietà con e grande ammirazione per lei per essere stata bocciata quale capo della
Commissione Difesa al Senato.

Chiunque abbia visto l’orrore inutile creato dall’incidente di uno degli aerei delle Frecce a Ramstein, in Germania, dove una novantina di persone morirono solo per avere voluto godersi lo spettacolo delle Tricolori, non confonde più la trasmissione della cultura italiana con il fumo costoso e talvolta inutilmente letale.

Susanne



> Grazie Lidia
8 giugno 2006 - 09h11 - Di 0a3b9c54730a9057472be065483bf137...

Io manderei a casa tutti i militari. A cosa servono? Non possono fare missioni di pace. Non sono guerrieri perchè la costituzione vieta la guerra. Non possono nè sfilare, nè rappresentare la nazione Italiana con le Frecce Tricolore senza essere accusati di costare e uccidere. (Quando mai vedremo proibiti anche l’incontri di calcio perchè sono fonti di violenze e perchè la gente può morire quando vi assiste?) Sarebbe un grosso risparmio per il paese e questi poveretti non dovrebbero più subire tutte queste umiliazioni. Sono lavoratori che vengono disprezzati per il lavoro che fanno. In ogni caso, l’esercito è anacronistico. Se serve a impedire le invasioni, è troppo tardi,e ovviamente non puo fare la guerra. Che rimane? Scortare i bambini quando escono di scuola? Che insulto. Poveracci. Quanta gente dovrebbe evitare di scegliere una carriera militare per trovare un posto sicuro! E quanto è amaro trovarsi a fare il militare per quei pochi che lo fanno per amore di patria- e si trovano a sfilare davanti a persone che li disprezzano. Mandiamoli a casa!
Michele


> Grazie Lidia
10 giugno 2006 - 02h12 - Di 81302f71770f31c4d5436f6fb59e7f1e...

Circa l’utilità dell’esercito, caro Michele, ti rammento che c’è una leggera questione, in qualsiasi stato di diritto, che si chiama "sicurezza": fai un pò tu...


> Grazie Lidia
10 giugno 2006 - 09h40 - Di c66d7db6ace1f9cdaa8a3b59c6e0798c...

E allora possiamo prendere i soldati, cambiare l’uniforme con una tuta arcobaleno ( in fondo era il simbolo della gay-pride, ma nessuno se ne rende conto), sostituire il fucile con una vanga e mandarli come operatori di pace.In quanto alla "sicurezza", ci possiamo affidare alla buona volonta di chi ci vede disarmati, da buon pacifisti. Noi spendiamo il 1,5 % del PIL per la Difesa, ed è già al di sotto della media europea. Se ci saranno altri tagli alla Difesa, veramente andranno in giro con una vanga e le mutande in mano. Non è un modo dignitoso di trattare dei soldati, quindi meglio cambiare nome a quel lavoro.
Michele


Le frecce tricolori
8 giugno 2006 - 14h14 - Di 01c9ab94c1f1762f8cf113d442cefbaf...

Ricevo da Daniela Degan questo messaggio, che può interessare tutti.
Doriana

From: "Walter Mario Angelini" <mario.angelini@>To: "Daniela DEGAN" <degadan@>Subject: Pattuglia Acrobatica Nazionale: forse non tutti sanno che...
Date: Thu, 8 Jun 2006 09:35:12 +0200

Cara Daniela,

ho seguito un po’ la discussione innescatasi a seguito delle opinioni espresse dalla
sig.ra Lidia MENAPACE (il cognome ricorda gli ossimori!) che ha definito (fonte CdS)
le Frecce Tricolori (=Pattuglia Acrobatica Nazionale-PAN) "inutili, uno spreco, fanno
baccano e inquinano". Tu sai quanto sono appassionato di volo e rifacendomi a qualche
ricordo e al sito della difesa aereonautica ti propongo alcune informazioni.

Non tutti sanno che la PAN fa parte di un reparto operativo della nostra struttura di
difesa/offesa. Infatti, è parte del 313° Gruppo di stanza all’aereoporto di Rivolto
(UD). La sua collocazione (nord-est) fu espressione di questa operatività, essendo li
collocata a presidio della frontiera orientale della Nato.
Le caratteristiche operative del Gruppo sono quelle del supporto aereo offensivo in
appoggio alle forze terrestri, ovvero svolgere "missioni operative nel ruolo di caccia
bombardieri leggeri". Questo compito è permesso dalle caratteristiche dell’aereoplano
(MB-339A) che è "in grado di trasportare un buon carico di armamento e grazie alle sue
doti di agilità, può essere proficuamente impiegato come caccia bombardiere in
conflitti a bassa intensità, oppure in operazioni su scala più vasta, una volta che
sia stata acquisita la superiorità aerea".

Il Gruppo ha anche funzioni di addestramento. Infatti, dal disegno che trovi in basso
puoi rilevare che la cabina è in cosidetta configurazione tandem, ovvero per due
piloti, dove trovano posto un allievo e uno pilota esperto (un po’ come nelle
automobili delle scuola guida). Viste le caratteristiche del velivolo e le finalità
del Gruppo, i piloti sono addestrati a "missioni a bassissima quota in formazione
tattica, attacchi simulati su presunte postazioni nemiche e manovre di scampo da
minacce aeree e terrestri". Questo "lavoro" dura circa un anno al termine del quale,
"dopo il conseguimento delle qualifiche nel tiro aria-suolo con munizionamento da
esercitazione", prendono la qualifica di ready to combact, ovvero pronti al
combattimento.
Preciso che il tiro aria-suolo vuol dire che dall’alto uno spara e dal basso la cosa o
il CHI riceve lo sparo viene polverizzato (quando da ragazzetto mi resi conto che
questa sarebbe stata una delle conseguenze di essere pilota militare, e comunque
dell’essere un militare, ho obiettato prestando il mio tempo allo stato nel servizio
civile, mentre ho pacificamente continuato a volare per mio conto). Preciso che per chi
vola la percezione del danno che si provoca o delle vite che si annientano è più
difficile in quanto si è lontani dall’obiettivo e, nel caso questo coinvolga degli
umani (militari e non), non se ne può mai cogliere lo sguardo e la storia che si porta
dietro (ciò permette il più delle volte sonni tranquilli...).

Perdonami il tecnicismo che ti ho riportato, ma mi è servito per avvicinarmi a quanto
riferito dalla MENAPACE (ahi! di nuovo l’ossimoro). Le sue affermazioni, visto il suo
DNA volto alla pace, forse si riconducevano a questi aspetti del 313° reparto volo
delle nostra aereonautica. Le Frecce Tricolori esistono non tanto in quanto nota di
colore del nostro Paese, ma perchè organiche al nostro sistema di difesa/offesa.
Pertanto, le sue affermazioni sono coerenti per chi come noi vorrebbe ridimensionate le
tradizionali logiche di difesa/offesa e le vorrebbe vedere trasformate in logiche in
cui lo strumento per raggiungere la Pace non è quello dell’armamento, bensì quello di
attivare sforzi di ogni sorta per educare/ci alla pace (exducere: tirare fuori - il
senso della pace e del bene, volenti o nolenti, ce lo portiamo dentro insieme a quello
del male).

Esiste poi la nota di colore che rende, l’attività pacifica di tali aerei e piloti,
spettacolare e unica al mondo (nonostante i rumori e l’inquinamento). Concludo, non
nascondendoti che tali abilità acrobatiche fanno sempre sollevare in alto il mio
sguardo quando nei cieli passa la PAN. Non ti nego che pensando a quanto c’è dietro lo
sguardo diviene amareggiato.

Con tanto affetto.

Walter


> Grazie Lidia
7 giugno 2006 - 21h21 - Di 6f0799dda1a4dc308e0a3047ecd4dcd2...

non c’era bisogno che citaste in questa sede la recensione al mio libro, ma pace... mena-pace
gc




8 giugno 2006 - 09h11 - Di 25164d7391b1d507392e39707a32213d...

COMUNICATO STAMPA

Le associazioni AMID, ASSODIPRO, FICIESSE ed il Nuovo Giornale dei Militari, che annoverano iscritti e lettori operanti nel comparto Difesa e Sicurezza, con il presente comunicato intendono stigmatizzare quanto avvenuto in Senato per l’elezione del Presidente della Commissione Difesa che contribuisce ad incrementare la confusione politica ed istituzionale in atto.

Inoltre rinnovano la propria stima alla senatrice Lidia MENAPACE e le esprimono tutta la loro solidarietà per la deprecabile evoluzione parlamentare della sua candidatura.
Non si condividono, infatti, i “timori” espressi da talune forze politiche, rispetto all’assolvimento del ruolo istituzionale cui la sen. Menapace era stata candidata; si condividono, invece, le sue aperture verso un riconoscimento del diritto di autotutela dei cittadini militari e ritengono che il ruolo e la dignità dei cittadini militari, non debbano essere strumentalizzati per fini e strategie politiche, che nulla hanno a che vedere con le concrete aspettative della categoria.

Apprezzano, altresì, la volontà della senatrice di voler perseverare il suo impegno politico nella Commissione Difesa e dichiarano sin da ora di essere disponibili a fornirle tutta la collaborazione che riterrà utile e necessaria per l’espletamento del suo mandato parlamentare.

Associazione per i Militari Democratici

Associazione Solidarietà Diritto e Progresso

Associazione Finanzieri Cittadini e Società

Nuovo Giornale dei Militari



> Grazie Lidia
8 giugno 2006 - 09h54 - Di b93c3b15e7e862c3a0a296e801ca400f...

Grazie Lidia,

certo per lor signori è meglio tagliare su scuola, sanità, stato sociale e quant’altro che sulla mirabolante spettacolo delle frecce tricolori, degna copertina di un mondo (quello militare italiano) campione in sprechi (vedi l’ospedale di Nassirya) e ruberie (reperti trafugati in Iraq da nostri militari). Ma quanti letti di ospedale, classi, insegnanti, ricerche scientifiche, assistenti, costano le frecce tricolori. Un’ora di volo di tornado (abito vicino a una loro base) qualche anno fa costava 40 milioni di vecchie lire!
La Russa ha definito Lidia una cretina! Sarà...



> Grazie Lidia
9 giugno 2006 - 08h31 - Di 6850d15aeac35adec80acb2cbb08fe0c...

Sarebbe utile sapere la spesa italiana per la Difesa, in percentuale del PIL (1,5%). Mentre per la sanità si aggira intorno al 8,1%, le pensioni intorno al 14,% e la scuola 4,5%. Una nazione come la Botswana spende 4% del PIL per la difesa, la Gran Bretagna dedica 2,5 % del Pil e la lFrancia dedica 2% alla difesa. Se si crede di cambiare i destini della sanità, la scuola e altro con questo 1,5%, credo che ci si sbagli. Inoltre, si dovrebbe pensare agli uomini impiegati. Per "liberare" questo 1,5% del PIL bisognerebbe mandare tutti a casa. Niente in contrario, ma questo comporterebbe la perdita del posto di lavoro per moltissime persone. Ne vale la pena?Forse li possiamo cambiare uniforme ( magari arcobaleno, che era la bandiera del gay pride) chiamarli "operatori di pace", cosi almeno tengono il loro posto di lavoro. E al posto del fucile, una vanga, per operazioni di soccorso. Questo è l’esercito che il popolo italiano sta chiedendo? Meglio nessun esercito.
Michele


> Grazie Lidia
17 giugno 2006 - 10h24 - Di b93c3b15e7e862c3a0a296e801ca400f...

I tuoi dati sono un po’ vecchi, detto questo dovresti anche riportare anche i dati che gli altri paesi spendono per scuola e sanità! Per quanto riguardo le persone che lavorano riporti le stesse argomentazioni che si usavano nei casi di Marghera e Co. o nelle fabbriche che dalle mie parti fabbricavano mine anti-uomo. Personalmente le considero povere eticamente e intellettualmente.
A proposito di posti di lavoro perchè non protesti per le 3000 persone che lavoravano per la difesa LICENZIATE dall’ultima finanziaria ; forse perchè non indossavano stellette?
Comunque penso che un paese moderno debba avere dei reparti in grado di garantire sicurezza e difesa ma da qui a celebrare il culto della tecnica militare ce ne passa (roba vecchia, lo facevano i futuristi all’inizio del ’900); volevo solo segnalare uno dei tanti sprechi che ci sono a mio avviso nell’ambito militare (es. sai quanto abbiamo speso di satellite in una delle tante missioni di pace? perchè mio figlio per andare a scuola deve pagare l’abbonamento del bus e i figli degli ufficiali vengono portati a scuola con mezzi di servizio?), possibile che in Italia possiamo fare giustamente le pulci a tutto tranne che agli ambienti militari?


> Grazie Lidia
8 giugno 2006 - 11h06 - Di fe13cfcab2f73cffcfc6c01c56e97fe5...

I valori!
Da questo sito, come da quello di Peppe Sini a Viterbo abbiamo lanciato e sostenuto la candidatura di Lidia Menapace come presidente della Repubblica, con le nostre piccole forze. Le obiezioni a questa candidatura, erano già anticipo di quanto sarebbe accaduto, nella sinistra "sinistra", che gode di un ampio raggio d’azione: ho nella mia posta personale, pretestuose mail già foriere di questo atteggiamento . L’indifferenza e il censurare o meglio non pubblicare appelli, lettere, comitati di sostegno fanno parte del gioco di non far conoscere le persone che deleghiamo, e al momento opportuno metterle al centro dell’attenzione con polemiche e dibattiti, che servono solo alla stampa e all’opinione pubblica che si ritiene così tutelata dalla democrazia.
Di fatto le poltrone vengono occupate more solito. E ci vuole solo la coerenza e la grinta di una ragazza di 82 anni per rimanere coerentemente ed ostinatamente là dove si trova. Noi con lei, e non ci sono sconti per nessuno.
Doriana



> Grazie Lidia
10 giugno 2006 - 07h48 - Di 29af1e0a0f94a452f226e1de17baa38e...

Varie osservazioni sparse e fatte a denti stretti.
Chi insulta o dice sciocchezze in genere non firma, nemmeno con uno pseudonimo e questo parla già da sè della sua vigliaccheria e villania.
Attaccare Lidia Menapace poi è proprio da persone basse di cervello e di cuore e valuto inqualificabile anche il modo cretino con cui è stata attaccata.
Poi:
la festa delle forze armate è il 4 novembre e non c’era nessun bisogno di duplicarla il 2 giugno, visto che la repubblica è fondata sul lavoro e non sull’esercito, perciò è stata uno spreco e una esibizione inutile, una pura retorica delle armi che con la nostra repubblica non c’entra per niente e anzi ne ha snaturato il carattere.
La festa delle forze armate è anacronistica o obsoleta in un tempo che è dominato da guerre preventive, violazioni di tutti i trattati internazionali, campi di tortura, neocolonialismo, dichiarazioni di guerre infinite su stati canaglia che hanno il torto di possedere materie prime, mercenari e sceriffi del mondo.. Di fronte a tali orrori le retorica inbalsamata di parole come patria, bandiera, tricolore, nazionalismo, democrazia da esportare, guerre umanitarie e onor militare ecc. diventa assolutamente insopportabile. Il puzzo dell’ipocrisia sale alle stelle. E le parate diventano un di più di cui faremmo volentieri a meno.
La guerra preventiva (che vuol dire biecamente aggressiva) ha il sopravvento sul diritto internazionale, e questo è avvenuto con l’Iraq, l’Italia faceva bene a non mettersi al servizio degli aggressori e a rispettare l’articolo 11 della Costituzione che "ripudia" le guerre di attacco e, dopo questi fatti criminali, che hanno aggravato ancor di più la situazione del medio Oriente e del Mondo duplicare una celebrazione mi è sembrata fuor di luogo.
E non mi si venga a ripetere la solfa degli italiani brava gente, perché gli italiani in Iraq hanno arrestato e consegnati civili innocenti alle torture di Abu Graib, hanno bombardato per giorni alla battaglia dei ponti, uccidendo innocenti, hanno fatto perlustrazioni aeree per permettere a inglesi e americani di distruggere meglio abitazioni civili e ospedali, hanno fatto saccheggi nelle case irachene, hanno nascosto la strage di Falluja, hanno partecipato alla guerra in funzione di aiutanti e hanno speso per la ricostruzione del territorio devastato solo un decimo di quello che che la missione costa, spendendo in armi e distruzione i nove decimi, il che mi pare spiega da solo lo scopo precipuo della "missione"
Due anni fa le cifre per la difesa davano la spesa bellica italiana a 19.670 milioni di euro ai quali andavano aggiunti 1.200 milioni destinati alle missioni. L’Iraq da solo è costato 1500 milioni. Il costo dei 121 Eurofighter, caccia che hanno sorvolato i cieli di Roma, era due anni fa di 10 miliardi di euro, gli stessi per cui ora si deve fare una manovra correttiva contro la bancarotta della banda del buco, detta Cdl.
Poi chiedo: a cosa serve avere 190.000 soldati (i carabinieri non li metto in conto, pur essendo la quarta forza armata, perché svolgono anche funzioni di presidio interno) quando per le missioni all’estero si impiegano 10.000 uomini?
Il 63% degli italiani ritiene che “le guerre sono sempre sbagliate".
In quanto alla bandiera arcobaleno, è stata sventolata su tutti i punti del globo, a New York come in Giappone e alla grande manifestazione mondiale per la pace parteciparono su tutto il globo 110 milioni di persone di tutte le nazionalità, questo è avvenuto anni fa e oggi quelle persone sarebbero molte di più perché della guerra siamo tutti orripilati.
Poi tutti sanno che la bandiera della pace ha i sette colori dell’arcobaleno, perché rappresenta l’alba di una nuova era dove le divergenze tra stati siano risolte con mezzi diversi dalla barbara ferocia di guerre assassine, e rappresenta anche tutti i colori del mondo cioè l’unione dei popoli, e tutti sanno che non è uguale alla bandiera dei gay americani, perché i colori sono diversi e manca per esempio il nero, ma nel discorso della pace e della civile convivenza rientra anche l’armonia con i gay, che di male al mondo non ne hanno fatta mentre i guerrafondai hanno le mani sporche di sangue assassino.
Le frecce tricolori durano pochi secondi, e, rispetto a quello che costano sono uno spreco inutile. Sono anche pericolose. A Ramstein in Germania nel 1988 hanno ucciso 59 persone.
Il militarismo è morte non spettacolo e farne uno spettacolo stravolge solo ogni senso comune. Dietro quelle scie colorate ci sono piloti da guerra e questa cosa non fa affatto ridere.
Capisco che per quanti sforzi si faccia, resteranno sempre dei fascisti i cui fondamenti sono il culto della guerra, la discriminazione, la xenofobia, il razzismo, la violenza e la volgarità. La mia e nostra speranza è che diventino sempre meno
viviana



> Grazie Lidia
10 giugno 2006 - 08h10 - Di 29af1e0a0f94a452f226e1de17baa38e...

Copincollo da un blog (post di Anthony Joseph Geha Yuja):

"Che tristezza sapere di questi giovani Italiani morti o condannati per colpa dell’uranium impoverito e di politici senza coscienza e senza vergogna come Clinton, Albright, D’Alema ecc.

Come tanti altri politici a destra e a sinistra questi signori hanno perfezionato l’arte della menzogna e dell’inganno per servire gli interessi di finanzieri parasittari e multinazionali che fanno utili osceni seminando morte e distruzione in Libano, Jugoslavia, Palestina, Afghanistan Iraq e altri paesi sfortunati .

Come ha scritto nel suo magnifico libro "War is a Racket" il Generale dei Marines più decorato d’America Smedley D. Butler (vedi collegamento sotto) nelle guerre gli utili sono in dollari (e vanno all’"Elite" finanziaria e politica che promuovono queste guerre) mentre le perdite sono in vite umane di cittadini onesti e modesti.

http://www.veteransforpeace.org/war...

Non si può non essere nauseati dall’ipocrisia di politici e giornalisti che continuano a parlare di "missioni di pace" in Kosovo e in Iraq, quando nella prima d’Alema ha appoggiato la guerra contro la Jugoslavia voluta da Clinton, che ha devastato questo paese europeo vicino, e nella seconda Berlusconi ha appoggiato la guerra contro l’Iraq voluta da Bush e una clique di neocons pro-Israeliani, guerra che ha praticamente distrutto un paese cullo di una antica civiltà, e già fatto più di 250.000 vittime iracheene e migliaia di giovani soldati della coalizione.

Un sondaggio recente in America indica che 70% dei militari americani vogliono uscire subito dall’Iraq e per la prima volta un giovane ufficiale americano dell’esercito appellandosi alla Costituzione degli Stati Uniti ha spiegato in modo eloquente e moralmente rigoroso a Sarah Olson ( Left Turn Magazine) che si rifiuta di servire in quel paese perchè considera questa guerra immorale e illegale e basata su falsità e menzogne da parte dell’Amministrazione Bush.

http://www.leftturn.org/

(Ma davvero abbiamo bisogno di altra retorica imperialista? la guerra dovrebbe essere raccontata dai reduci, dai soldati italiani o americani o inglesi, malati di cancro e in agonia che hanno fatto figli deformi per la contaminazione da nanopolveri, dalle migliaia di giovani distrutti che sono tornati dai campi di battaglia feriti nel corpo o nella mente e incapaci di avere più una vita normale! La migliore gioventù dell’occidente! Distrutta per sempre dalla follia di governi corrotti e irresponsabili! La guerra andrebbe raccontata dai soldati, tanto amati dalla patria quando muoiono e che coprono coi resoconti dei funerali di stato ogni informazione, mentre lo stesso stato così sollecito a presenziare funerali con le sue alte cariche e a parlare di eroi, rifiuta poi le cure ai malati e le pensioni di guerra alle vedove e agli orfani e l’assistenza ai figli nati col DNA degenere.
E gli stolti che continuano a inneggiare a orrori che non capiscono e che forse nemmeno hanno fatto il servizio militare, dovrebbero essere immediatamente imbarcati verso fronti di guerra, affinché capiscano sul loro corpo e sul loro spirito che cos’è veramente quella guerra che piace loro tanto!)

Viviana


> Le frecce tricolori
10 giugno 2006 - 11h23 - Di 51cb6c0a47802df82bcbe84cf60bd49e...

A Michele
E dai col gay pride...! almeno questa volta ti sei firmato!
Per tua norma persino Buddha discese il cielo dall’arcobaleno. Da tempo imemmorabile questo è un simbolo di pace, basta avere qualche nozione di simboli universali o di religioni comparate, cosa da cui sarai immune come da molte altre.
Mi pare che nessuno abbia detto che spendiamo troppo per la difesa o che l’esercito deve essere abolito. Ma nemmeno gli Stati uniti hanno due feste per le forze armate! E spendere soldi, e parecchi, solo per i giochini esibizionistici delle fiamme tricolori ci pare eccessivo. Ma possiamo sempre tornare ai tempi in cui le parate militari erano l’unico diversivo dei cittadini e ne abbiamo buoni esempi a destra come a sinistra, forse è a quelli che aspiri di andare?

"L’arcobaleno esprime sempre e su tutta la Terra una unione. vedi il ponte di Byfrost in Scandinavia, il ponte giapponese fluttuante del cielo, la scala buddhista dei sette colori.. e così in Iran, Africa, America, Cina..E’ il ponte che collega cielo e terra, dei e uomini, uomini tra loro. Sono le 7 frequenze della luce. Anche l’Iris greca era la dea dell’unione tra gli dei e gli uomini. Così l’arco di Shiva, quello di Indra, il Naga indiano, il ponte arcobaleno australiano. Solitamente annunzia tempi felici, di concordia e pace. Quando un paese è in pericolo, l’arcobaleno appare annunziando la salvezza. E’ anche un simbolo ascensionale, relativo all’evoluzione dell’anima. Nella tradizione cristiana indica che l’ira di Dio per il male degli uomini si è placata e che possiamo essere perdonati".(Da Dizionario dei simboli, Jean Chevalier e Alari Ghherbrant- Rizzoli).
Proprio perché i colori dell’arcobaleno sono un simbolo universale, questa bandiera è stata immediatamente compresa in tutto il mondo, mentre i simboli della bandiera gay erano conosciuti solo ad alcune città degli USA. Questa è cultura, ma che te lo dico a fare? Continuerai a ripetere delle sciocchezze, beandotene...
In ogni caso non mi sembra molyo intelligente confondere le funzioni della difesa con esibizioni puramente estetiche e inutili.
Comunque, sempre per tua norma, i colori della bandiera americana gay sono diversi.
Visti dall’alto sono:
rosso, arancio, giallo, verde, blu, viola
I colori della bandiera della pace sono invece nell’ordine opposto, con in più l’azzurro, e la scritta PACE
viola, blu, azzurro, verde, giallo, arancione, rosso (cioè i 7 colori dell’iride).
vedi
http://www.fotopride.net/varie/band...
Nei locali per gay americani compare anche il nero al posto del viola.
I colori e i simboli sono importanti su una bandiera, per es. se prendi la bandiera della Lega Araba e cambi il simbolo esce la bandiera della Lega Padana, prova a dir loro che hanno una bandiera araba!

viviana



> Grazie Lidia
11 giugno 2006 - 06h49 - Di fe1449040468e9db1bf35f25b6222fcd...

Prima di tutto io sono una no global e non una comunista. Probabilmente sei così "retrò" da non saper nemmeno chi siano i no global, forse li confondi con i black block, blocchi neri, che, guarda caso sono fascisti, oltre che vandali, quando non hanno creative infiltrazioni della polizia "en déguisement", come si è largamente visto a Genova.

O forse li assimili ai comunisti e nemmeno sai che hanno ideologie polari.

Ma le menti binarie questo fanno: dividono il mondo in due blocchi e non conoscono alterità: o nero o rosso e scelgono un colore per odiarne un altro, non sanno esistere che "contre quelqu’un".

La bandiera gay nacque a contrassegnare i locali gay del Village e il suo simbolismo è diverso anche se ci sono parecchi che continuano a confonderla con la bandiera arcobaleno. Del resto c’è chi fece peggio, confondendo il sole induista con la croce cristiana e la svastica.

La sinistra non c’entra affatto con i gay, la tendenza sessuale è connaturata e ci sono gay anche nelle vostre file come ce ne sono nel clero, e non puoi farci niente col fatto che sia gay un maschietto su dieci.

Come no global, non ho partito e non ho colonnelli, propugno una democrazia allargata che parta dalla base con controlli puntuali e facile ricambio, senza servi né padroni, ma anche senza stolide discriminazioni, soprattutto di tipo sessuale o sessista, e sulla pace non mi riconosco in nessun comunismo o dalemismo, tanto meno stalinismo o leninismo, e so da me che, a sinistra, chi ha strumentalizzato le bandiere della pace non è un pacifista e lo ha dimostrato abbondantemente nel Kosovo come nell’Aghanistan come nel "Ni" tentennante di Fassino sull’Iraq.
Forse non sai nemmeno che i no global non hanno gerarchie, non corrispondono a nessun partito nazionalistico, e sono un movimento universale.

Lo so che per uno schierato come te che ha bisogno di capi, nemici da odiare, gente da discriminare e anche divise e ordini è dura da credere, ma ci sono molte e strane genti nel mondo e anche molto diverse da te, gente nuova che crede a valori che non ti appartengono in nome di un pensiero piuttosto moderno, per cui ti assicuro che non sono io "l’aliéné".
Tu appartieni a un mondo perduto, i dinosauri, i rinoceronti appunto, come diceva Ionesco.

In quanto alla bandiera della pace che non sventolerebbe nel mondo, sbagli anche qui, perché non solo la bandiera della pace è conosciuta ovunque perché, come ho abbondantemente spiegato, il suo simbolismo è universale e antico come la storia, ma nelle manifestazioni della pace è facile vederla, e l’abbiamo vista davvero dappertutto, anche e soprattutto alla manifestazione per dire no alla guerra in Iraq del 2005 di New York, che ha visto marciare 300.000 persone (la più grande manifestazione mai fatta in America) o a quella del marzo 2004 o la prima del 2002.
Da New York ci arrivarono richieste per migliaia di bandiere arcobaleno che da loro erano introvabili. Io ne vidi a Barcellona, a Hong Kong e a Londra...

Il fatto è che l’anacronista fuori tempo non sono io, ma sei tu, che resti ancorato ai regimi neri nati 80 anni fa se non più vecchi, quei regimi che hanno bisogno, per sopravvivere, del colore della morte, dei simboli della degradazione, dell’odio verso i diversi, della dittatura di un capo assoluto, dei lager.. quei lager dove di omosessuali ne avete torturati e ammazzati migliaia e lo fareste ancora se appena poteste.
Se non ricordi le efferatezze che la tua parte fece su questi infelici, ti puoi leggere l’articolo che scrissi per Bellaciao nel settembre del 2005.
http://bellaciao.org/it/article.php...

Ma davvero credi che sputare sulla pace e i diversi sessuali non appaia un insulto? Davvero credi che si possa continuare con l’apologia della guerra, il nazionalismo, il patriottismo becero, le torture, le intimidazioni, le dittature, il bavaglio all’informazione, la persecuzione dei diversi, l’annichilimento della democrazia? Tutto il retaggio che gli uomini barbari si portano dietro da migliaia di anni e che dovrebbero appartenere alle epoche buie degli uomini primitivi. Questo retaggio persiste nei partiti estremi di destra come di sinistra, ma nel tuo mondo binario questi estremi sono necessari, purché se ne idolatri uno e si annichilisca l’altro!

Lo sai in psicoanalisi come sono considerati gli omofobi?queli che hanno un odio sviscerato contro gli omossessuali? sono considerati persone che hanno una profonda paura di essere presi per omosessuali perché sono omosessuali latenti e non vogliono riconoscerlo, e, dilaniati da questa contraddizione, attaccano dunque fuori quello che li attrae dentro.

Poiché immagino che anche Eugene Ionesco non appartenga alla tua cultura, ferma alla Fallaci, a Gianfranco Miglio, a Mein Kampf, se non agli anatemi di Benedetto XIV...ti informo che “Rinoceronti” è un’opera teatrale drammatica surreale in cui accade che
"in una luminosa domenica mattina il protagonista veda improvvisamente un rinoceronte che pass di carica, l’animale piu’ stupido che ci sia, pura aggressivita’ stolida e feroce.
E’ un’epidemia: gli uomini si stanno trasformando in rinoceronti. A poco a poco le persone che il protagonista conosce si trasformano tutte, anche il suo piu’ caro amico. Alla fine gli sembra di esser rimasto solo in un mondo di umanoidi bestiali e si trova a combattere una strana fascinazione che vuole trasformare anche lui in bestia. Il rinoceronte rappresenta la barbarie racchiusa in ogni uomo, un elemento di violenza pura che attraverso la distruzione e la separazione getta l’universo nel caos."

Con le parole di Ionesco chiudo questa mail
“Je reste ce que je suis. Je suis un être humain. Un être humain.”

viviana
(Io voglio restare cio’ che sono. Io sono un essere umano. Un essere umano.)

Si comincia somigliando ai rinoceronti di Ionesco, col conformismo di massa, l’inerzia, il solipsismo egoico.. poi si diventa ‘I demoni’ di Dostojevskij con la connivenza col male, la mafia, la P2, il neoliBerismo, il militarismo, l’odio per l’altro, l’integralismo, l’aggressione alla giustizia… E sono questi esseri non piu’ umani ma umanoidi a nutrire le dittature.
Il protagonista tenta di avvisare in mondo del pericolo ma il suo grido si perde e ogni volta egli e’ deriso, scansato, stravolto da una dialettica stolta, che tutto confonde, senza che una mente lucida lo comprenda, cosi’ che alla fine anch’egli comincia a duBitare di se stesso e inizia pericolosamente ad aderire al camBiamento.

In quanto alle tasse necessarie per rimettere i conti in ordine dopo che uno sciagurato governo ci ha portati alla bancarotta, lasciamo perdere....



> Grazie Lidia
11 giugno 2006 - 08h59 - Di fe1449040468e9db1bf35f25b6222fcd...

Bowling For The American Dream
di Adriano Marenco

La palla di cannone da bowling
Puntata alla tempia del sogno americano
Ecchedice
Strike!
We Are Columbine!
Se sei un fallito adesso lo sarai per sempre.

IN GOD WE TRUST
Sta stampato a lettere e rilievo
Sulla fronte di dio
1 $
e la National Rifle Association
in pompa magna
raccontata dalla faccia da star magnanima
metteinscena lobby
dell’American Way of Life.
La Faccia Giusta per la Home of the Brave

Tutt’intorno un vecchio film di Charlton Heston in cui marcire.

Negli USA l’uomo nero affoga i figli gonfi di salute del sogno Americano.
In Italia l’albanese affoga in piscina i figli sani del nordest italiano.
E poi magari vai a scoprire che ad affogare i nostri figli biondi e castani
sono state le mamme stesse strafatte di telenovele&telepromozioni.

Noi siamo L’America sana e dobbiamo proteggerci dobbiamo proteggere la nostra famiglia la nostra famiglia la nostra famiglia e perciò ci rinchiudiamo sempre di più dentro serrature dentro serrature dentro serrature dentro recinti armati con Dio fino ai denti come cowboys circondati da indiani e dobbiamo comprare comprare comprare e infilarci nelle nostre ville bunker a beverly hills almeno chi se le può permettere.

E’ andata di lusso c’è una nuova paura da raccontare.
Le Torri.
Fissate
per ore
grazie al Peep-Show integrale
live\evil\e stupore.

Ripartiti a tappeto.
La borsa cade
ma lei non crolla.
Presto come una molla
rimbalzerà in aria

La macchina da presa racconta cosa c’è dietro le facce di sorrisi imbiancati cosa c’è dietro i costumi da lap dance che imbracciano mitragliatori colla faccia di chi succhia un cazzo magari è il tuo se spari col mio fucile magari la mia bella faccia da uomo ricco e riuscito di mezzaetà sarà la tua se ti proteggi dall’uomo nero dall’uomo cogli occhi arabi dall’uomo giallo dall’uomo mosquito col mio fucile. Racconta un capitalismo spietato che è un dio spietato.

La macchina da presa racconta la verità seguendo la massa traballante che riempe lo schermo di Michael Moore.

Con Cristo arrestato da un’embolia
che paralizza le arterie ed ogni via.
Usato
come un mulo dentro un mulino incatenato ad una macina
con la dentiera che mastica e macina
e sminuzza e sputa via.
E la carità a volte buona
come stuzzicadenti dell’anima
per disincastrare i residui dalle ruote.

Come quando esplode l’esercito di proiettili da caccia grossa alla paura.
Paura fabbricata in un mulino
che ha bisogno della guerra come del pane.

La macchina da presa racconta le facce racconta le schiene racconta i fori dei proiettili da supermercato racconta la faccia di una donna che lavora a un milione di miglia da casa per vivere nel welfare e lavorare secondo il colore di pelle che si può permettere
luca di questo mondo:

..
viviana



> Grazie Lidia
12 giugno 2006 - 15h16 - Di 7622c89130663e660bc47219129a7f50...

Che un parlamentare abbia delle critiche da fare su voci di spesa
pubblica è cosa lodevole , ma partire dalle Frecce Tricolori non è un
po come metter in discussione le spese della Camera partendo
dalle scarpe di Bertinotti (scusa Fausto , ma era per render l’idea)

Se poi il parlamentare in questione aspira al posto di Presidente
della Commissione Difesa , non sarrebbe stato piu "professionale"
parlarne prima con il Ministro responsabile di queste spese , tanto piu
se fa parte della sua stessa coalizione ?

Se la simpatica on. Menapace volesse affrontare il problema
in modo piu "effettivo" potrebbe ad esempio farci sapere il rapporto
tra le spese della Difesa e quelle del Legislativo ( % del Pil , Spesa
Media per Addetto ...) Sarebbe interssante sapere quanti "parlamentari"
ci costano le Frecce Tricolori e alla fine scopriremmo che forse è meglio
mandare a casa qualche parlamentare e tenerci le Frecce Tricolori .

Carlo Grassi



> Grazie Lidia
12 giugno 2006 - 17h30 - Di 42f780263b7466d425785a4add4825f4...

Grazie Michele, hai ragione su tutto.Mi scuso per i modi.
Due post sono spariti, uno rivolto a me e la mia risposta. Non sono in grado di ripeterla. Fa niente.
Ricordo solo che il blogger diceva che tutti sono pacifisti e che la guerra non la vuole nessuno.
Se Bellaciao me lo permette, riprendo solo questo punto.

La "Strategia della Sicurezza Nazionale" degli USA è fondata su una guerra infinita e preventiva, cioè di mero attacco, il potere per il potere.
Il solenne documento impone "l’ideologia della guerra" a fini della colonizzazione USA di tutto il mondo.
Il testo dice chiaramente che esiste un solo modello accettabile: quello neocons, tutti gli altri vanno estirpati. E la guerra è il primo mezzo per farlo, una guerra che ovviamente è permanente, come quella hitleriana, e che durerà finché qualcuno non distruggerrà New York, così come ha distrutto Berlino.
La Nato, l’esercito degli statunitensi, dei loro alleati e dei mercenari, insieme ai servizi segreti dei paesi allineati al modello americano, combatteranno questa guerra ovunque e in qualunque modo, attaccando per primi i paesi che non si piegheranno alle pretese economiche e imperialiste americane.
Per queste guerre, che devono sancire il predominio degli USA sul mondo, il governo americano se ne infischia bellamente dei diritti dei popoli, dell’autodeterminazione degli stati, della contaminazione dell’ambiente, della scomparsa delle specie viventi e dei disastri climatici, come del rispetto dell’umanità e della morte del pianeta.
I grandi organismi economici neoliberisti internazionali, come la Banca Mondiale, il Fondo Monetario Internazionale e il WTO, cioè l’organizzazione del commercio internazionale a cui si è piegata la stessa Cina, attueranno gli strumenti economici, ma egualmente di guerra, per imporre la strategia statunitense neocons al mondo e far trionfare non solo il governo degli USA ma anche le multinazionali legate ad esso e il loro perverso piano, che col libero mercato e la libera concorrenza non hanno proprio niente a che fare.
Bush ha dichiarato: "Nessuno toccherà il tenore di vita americano".
Il testo dice brutalmente: "Gli stati sono provvisoriamente accettati solo se e fino a quando accetterano il modello americano." Che poi questo piano si condisca col confessionalismo estremo di Bush è anche peggio.
Nel messianismo bellico di Bush, padre & C, la guerra preventiva è il primo e fondamentale strumento economico per garantire la sicurezza nazionale e il tenore di vita interno della classi forti, con totale spregio delle classi non benestanti della stessa America (44 milioni di poveri).
Per garantire questi scopi, qualunque mezzo è possibile, calpestando ogni sorta di legge, ordinaria, costituzionale, interna, internazionale o divina.
L’America può attaccare un altro paese per qualsiasi motivo che interessi il presidente americano, il quale è insindacabile. L’America si pone contro tutto il mondo e anche contro l’Occidente, se serve, e il suo presidente può agire a proprio arbitrio anche contro i suoi stessi cittadini (Patrioct Act).
Ogni atto di guerra è consentito: menzogna, intidimidazione, ricatto economico, rapimento, sequestro, arresto arbitrario, detenzione senza processo, tortura, morte, contaminazione, strage, uso di armi proibite dai trattati internazionali, chimiche o nucleari, inquinamento del clima, dell’aria, della terra e delle acque, costruzione o diffusione di prove false, assassinio di capi di stato, intrusione dei servizi segreti, coartazione di governi democraticamente eletti, demonizzazione ideologica, strapotere monetario, conculcazione attraverso i media, strategia del terrore, imposizione di trattati commerciali capestro... Il terrorismo è il grande alibi che giustifica ogni sorta di violenza.
"Lo scopo di questa guerra non è identificare i nemici come terroristi, ma di definire i nemici come terroristi" (Raniero della Valle).
Ogni paese del mondo può essere chiamato stato canaglia se intralcia i progetti di conquista degli americani. E l’unica risposta è l’attacco.
Questa "ideologia della guerra" è antica ma è stata ridefinita da Paul H. Nitze, che ha lavorato con gli ultimi presidenti, da Kennedy in poi, con l’unico scopo di allargare il dominio americano sul pianeta con ogni arma e mezzo possibile e in una totale assenza di etica e legittimità.
Il NSC-68 è il documento che ideò la militarizzazione della società americana, fondando uno "Stato di Sicurezza Nazionale", controllato dal complesso militare-industriale in una apocalisse di terrorismo mediatico, strategia della paura, della minaccia permanente, del paese assediato...
Nitze aveva chiesto già a Kennedy attacchi nucleari "preventivi". Oggi Ntze è considerato un debole da Rumsfeld, ancora più efferato, che predica "la guerra nucleare genocida" e applica i famigerati squadroni della morte honduregni di Negroponte all’Iraq..
Nel 2003 e 2004, Rumsfeld comandò i peggiori abusi nelle carceri americane, egli controllava direttamente la politica della tortura e l’applicò anche di persona. E’ con gente così che il governo neocons vuole trasformare il mondo in una zona militare globale permanente.

Grazie

Viviana


> Grazie Lidia
13 giugno 2006 - 07h54 - Di 21663002c526dee8259f3dc19774dbcb...

Allora avrai letto anche il libro di Barnard "Perché ci odiano". Interessante.
Michele


> Grazie Lidia
13 giugno 2006 - 10h44 - Di 728ff33f9c22bde7d07cba6186282e47...

Grazie, Michele, di questo rimando. Poiché il commento era troppo lungo ne ho fatto un articolo "La menzognera politica USA in Medio Oriente". Spero che l’errore di cliccatura del titolo venga corretto.
Saluti
Viviana

P.S.
La politica è così sporca e così falsa che qualunque apologia degli eserciti combattenti, della guerra, dei soldati, degli "eroi", dei mercenari, delle parate o delle armi, mi pare sempre più insopportabile! C’è stato uno che è venuto a dirci quanto si commuoveva a vedere lo spettacolo così bello delle frecce tricolori. Non ho parole...


> Grazie Messaggero Veneto
18 settembre 2006 - 18h17 - Di a03b9943d739f162f7d76351c91b5654...

l’Inghilterra ha i "Red Arrows", la Francia la "Patrulle de france", la Spagna la "Patrulla Aguila", gli Stati Uniti hanno DUE (oh mamma mia!) patuglie i " Thunderbirds" e i "Blue angels".... ce ne sarebbero ancora un sacco ma l’elenco completo è inutile farlo; il punto è un altro... perchè devo rinunciare io alla pattuglia acrobatica del mio Paese??
Lodevole l’iniziativa del Messaggero Veneto che dopo le parole della Sig.ra Lidia Menapace ha lanciato un sondaggio sms fra i suoi lettori che fortunatamente nella maggior parte di loro hanno dato ragione a me... C’è poco da fare, quasi tutta l’italia è con me, per fortuna ancora qualcuno è interessato a non buttare via 46 anni di storia....

Maximiliano (UDINE)






In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista
Terremoto di Casamicciola
martedì 22 - 17h08
di : Lucio Garofalo

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

Si je diffère de toi, loin de te léser, je t'augmente. Antoine de Saint-Exupéry
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito