Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
Nessuno ha fermato la riforma Castelli

di : Viviana Vivarelli
sabato 17 giugno 2006 - 07h42
7 commenti
JPEG - 11.6 Kb

di Viviana Vivarelli

Il primo grave errore di Prodi è non aver bloccato la riforma della giustizia di Castelli. E aveva anche detto che lo avrebbe fatto! Intollerabile!

Bastava un decreto di Mastella che la rimandasse, poi si poteva vedere con calma.

Ma ciò non è stato fatto. E il 18 giugno la riforma diventa legge operativa con tutto quel che comporta di punitivo e di riduttivo dei poteri della Magistratura e, di conseguenza, della giustizia e del livello di Democrazia di questo paese.

Non si finirà mai di ripetere che la Democrazia si basa essenzialmente sulla divisione del potere tra tre organi autonomi e paritari che reciprocamente si controllano.

Non basta andare a un referendum che squilibria la Costituzione, accentrando ogni potere sul primo ministro con violazione di autonomia degli altri due organi: Magistratura e Parlamento e dei poteri del Capo dello Stato.

La riforma Castelli va nello stesso senso perverso della riforma costituzionale, in quanto subordina i giudici al potere del primo ministro, e doveva essere fermata.

La Magistratura deve esser libera di peserguire chi vìola la legge e non deve insabbiare inchieste e processi perché così vuole il potere politico. E, se è il governo a decidere delle carriere dei magistrati, avverrà proprio questo. Come avverrà che, con una Corte Costituzionale subordinata al governo, passino più facilmente mutamenti legislativi o costituzionali antidemocratici e autoritari, che faranno la nostra Democrazia a pezzi.

Non dimentichiamo che la legge Castelli impedisce anche, di fatto, l’informazione pubblica, prevedendo pene per chiunque dia o riceva notizie di inchieste per i media. Il che è un’altra forma di bavaglio alla trasparenza e alla verità.

Il piano è quello di mettere i potenti al riparo da inchieste, processi, propagazione di notizie, pene.. costituendo una casta di impuniti che possono permettersi di fare quello che vogliono contro ogni legge, perché sono "sopra" la legge. Il che è un passo inquietante verso la dittatura.

Tutta la legislatura di Berlusconi è stata contrassegnata da un attacco durissimo contro la Magistratura, la delegittimazione quotidiana con termini offensivi dei magistrati (si pensi solo al martellamento di Sgarbi), ingiuriati, demonizzati e vilipesi ogni giorno, la distorsione delle leggi per salvarlo dai suoi reati (dal divieto di cercare prove all’estero, alla ricusazione del giudice, alla depenalizzazione del reato di falso in bilancio, all’attacco alle intercettazioni, alla clemenza verso i reati finanziari , alle prescrizioni facili, alla legge Pecorella, Cirielli ..).

B, come ogni trasgressore, odia i giudici. E Castelli, con questa riforma, ha incarnato la sua vendetta.

La legge di questo ingegnere, ignorante di giustizia e pronto a favorire il suo socio e padrone, elimina l’autonomia della magistratura e la sottomette al capo del governo, violando i fondamentali principi democratici e l’equilibrio dei poteri che è il perno di uno stato civile.

Analoga offesa B tentò di farla inciuciando con D’Alema nella bicamerale e il comportamento antidemcoratico di D’Alema ci brucia ancor oggi.

Il patto contro la Magistratura sottendeva il tradimento di uno dei massimi poteri dello stato, per questo D’Alema cedette alla separazione delle carriere. Ora il puzzo di quel patto aleggia di nuovo. La legge diventa operativa. La Repubblica si dissolve anche in questo tradimento dei principi fondamentali del nostro stato.

Se Prodi subentra nel disprezzo della legge, nel sopravanzare dell’interesse privato su quello nazionale, nell’amnesia dei fondamentali principi democratici, andiamo male, molto male!

Allo stesso tempo nulla si vede sul conflitto di interessi e sulla pulizia degli eletti, che dovevano essere i primissimi punti, inalienabili, delle richieste degli elettori. Persone dalla fedina penale sporca ricevono nomine anche all’interno della maggioranza, mentre la richiesta di Di Pietro di ineleggibilità per motivi penali non viene presa nemmeno in considerazione.

Di questione etica si è parlato troppo vagamente in questa compagine politica, ma, ora che il potere è stato assegnato, anche quelle poche e vaghe promesse di ripristino della legalità e della giustizia sembrano dimenticato dagli eletti, mentre gli elettori le tengono bene a mente con crudezza e urgenza e sono offesi dalle recenti dimenticanze.

Se 20 giorni sono troppo pochi per valutare quello che di buono un governo può fare di buono, diventano troppi per condannare quello che già può fare di sbagliato. E non aver bloccato la riforma Castelli sulla magistratura non può che renderci inqueti, perché rappresenta un errore gravissimo e un attentato allo spirito fondamentale della Costituzione democratica!



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo


Forum del' articolo
 

> Nessuno ha fermato la riforma Castelli
17 giugno 2006 - 11h00 - Di 9d686ca59571ecbb6fd1024b0056a9e6...

Cara Viviana, dicono che il movimento non ha fermato nessuna guerra, guerra-guerra, guerra alla precarietà dell’esistenza in guerra e in pace-finta, che nessuno ha fermato le crociate della disinformazione, dell’indifferenza, della divisione a sinistra, della rinuncia alla lotta, della solidarietà tra donne e uomini, tra donne, tra uomini, tra cittadini del mondo. Ma chi lavora, (ben diversa è la retribuzione economica) e non solo si impegna, a questi progetti perchè non rimangano cantieri, che poi hanno messo in piedi le formichine di cui sopra ecco che puntualmente ci ritroviamo, come tu bene fai osservare, davanti alla dis-attesa, al dis-impegno, alla dis-illusione. Cosa ci rimane? Scriverci? Fare sit-in appelli rivolte locali mailbombing denunce? Non so, davvero a volte la frustrazione avanza, come il cinismo, lo stesso con il quale da sempre siamo trattati. Da destra e sinistra.
Un abbraccio, Doriana



> Nessuno ha fermato la riforma Castelli
17 giugno 2006 - 13h52 - Di eb27fbf3b46453355abf0fdc57704317...

Io non volevo levarti nessun merito, Doriana, e so quanto fai e quanto fanno tante persone oneste e volenterose nella società comune.
Quando dicevo che nessuno ha fatto nulla per bloccare la riforma Castelli, intendevo nessuno dei politici, nessuno del centrosinistra, nessuno dell’Unione, sopratutto nessuno del governo Prodi e del ministero di Mastella. Insomma questo è peggio di una mancanza, questo è un delitto.
Cordiali saluti e buon lavoro. Invidio tutto quello che puoi fare e vorrei essere come te
viviana


> Nessuno ha fermato la riforma Castelli
17 giugno 2006 - 15h07 - Di dd5083d2456020677d7aaedf960e9f14...

Quel nessuno che tu intendevi, è assolutamente lo stesso che intendo io e ho inteso io. Cosa puoi levarmi tu?Niente, aggiungi cara Viviana, aggiungi solo valore ai nostri rimuginamenti basati sui "non fatti" dei politici , e dei vertici di partito.E ricordati solo che io non lavoro più, sono in "esodo volontario" dopo 31 anni di banca...Vivere nella propria realtà, non significa lavorare ed essere retribuiti, anzi...Costa, costa caro ,molto caro.L’amicizia e la comunanza lo può far diventare amore per la vita.
Buon...tempo di vivere!
Doriana


> Nessuno ha fermato la riforma Castelli
17 giugno 2006 - 15h39 - Di 900849c1e3cb34dcd7635fe49922dab2...

Beh, decisamente ( l’ho rilevato anche da messaggi in altri luoghi), oggi Doriana si è decisamente alzata un pò nervosa .....capita e non c’è niente di male .....

Del resto, francamente, anche a me i toni del messaggio di Viviana hanno immediatamente sollevato qualche perplessità.

Cioè, ho pensato, possibile che di fronte al mare di oggettive "delusioni" che già in meno di un mese può aver creato il neo-governo Prodi, c’è qualcuno che mette in testa a tutte queste la questione della giustizia ? Tanto più che il mancato "blocco per decreto" della riforma Castelli è stata giustificato, dal governo, con questioni tecnico/procedurali che mi sono sembrate anche abbastanza convincenti ...

Sarà che non mi ha mai particolrmente appassionato lo scontro Berlusconi-magistratura, sarà che l’ ho sempre considerato una questione meramente di scontro tra poteri borghesi, sarà che non posso dimenticare che la "mitica" procura milanese non è solo quella di Tangentopoli e dei procedimenti contro il Caimano ma è anche quella degli allucinanti processi a Sofri e quella che tiene da tre mesi in galera 25 giovani ( tra i quali un mio caro amico e collega) che si sono opposti ad un corteo di nazisti....

In tutta sincerità, parlando del governo Prodi, mi scandalizza di più il cincischiamento rispetto al ritiro dall’ Iraq ( con annessa possibilità di un impegno maggiore in Afghanistan !), mi scandalizzano di più le dichiarazioni di Padoa-Schioppa rispetto ad ulteriori "sacrifici" da imporre ai soliti noti poveracci, mi scandalizzano di più le "sgridate" fatte da Prodi, D’Alema e Rutelli a vari singoli ministri ( Ferrero, Bianchi, Polllastrini, persino la Bindi) colpevoli di aver detto "qualcosa di sinistra" su vari temi ....

E mi scandalizza ancora di più il fatto che la "mitica" Cgil - nella persona di Nicoletta Rocchi, vecchia conoscenza mia e credo anche di Doriana come di tutti i bancari - pochi giorni dopo le elezioni politiche, abbia pensato bene di firmare un accordo sindacale in Atesia in cui non solo si legittima la legge 30 ma addirittura ne si peggiorano gli effetti, condannando 4.000 giovani precari ad una ulteriore esperienza di "moderna schiavitù" ........

Per non parlare dell’ ex metalmeccanico ed ex Cgil ministro del lavoro Damiano che non solo rifiuta di ricevere i lavoratori di Atesia in sciopero ma addirittura richiede l’intervento della celere contro di loro .....

Quanto a Mastella, pur conoscendone bene la fetida storia politica e personale, debbo invece dire che mi ha favorevolmente stupito in positivo per la grazia velocissima a Bompressi e per l’iniziativa pro-amnistia, con annessa visita a Regina Coeli .......

Ma probailmente, cara Viviana, io e te - pur entrambi pervicacemente antiberlusconiani - partiamo da concezioni assai diverse.

Io ho sempre privilegiato, nell’opposizione a Berluskoni, le questioni "di classe", quelle della famosa "gente in carne ed ossa" - dall’ art.18 ai problemi del precariato, dalla Tav alle lotte autonome dei tramvieri, dalla perdita del potere d’acquisto delle buste-paga ai licenziamenti politici di 5 ferrovieri - rispetto ai temi "morali" tipici del girotondismo e anche di certo pacifismo monotematico e quasi "professionale" ......

E soprattutto non ho mai pensato a soluzioni "miracolistiche" che potevano venire da questo centrosinistra ( anche se indubbiamente pensavo che piovesse e non che cominciasse subito a grandinare ....).

E se non mi pento affatto di essere tornato in questi anni a votare per cacciare Berluskoni e tornerò a farlo al referendum del 25 e 26 giugno, non ho mai pensato che la sacrosanta ( ed ancora non del tutto compiuta) cacciata del Caimano avrebbe risolto automaticamente alcun problema .....

Semplicemente ho ritenuto necessario contribuire a voltare pagina ma con la chiara coscienza di dover ricominciare subito a mettere in piedi una seria opposizione politico/sociale anche rispetto al nuovo governo di centrosinistra .....come ho spesso scritto, anche su Bellaciao, in tempi non sospetti .....

Purtroppo, mi sembra evidente che - anche su queste pagine - non eravamo in molti ad essere coscienti di questo ......

Ciao, Keoma


> Nessuno ha fermato la riforma Castelli
17 giugno 2006 - 17h21 - Di 28a20953f78308bf3bc4bf7ef8a32686...

A me Doriana sembra quella di sempre.
Se ho parlato della latitanza del governo sulla legge Castelli è solo perché questa entrava in vigore il 18 giugno, a meno che qualcuno non la fermasse con un decreto. Mastella lo aveva promesso. Non lo ha fatto. Parlare di lotta di classe non permette di fregarsene del problema della giustizia, e, chiunque sia al potere, sapere che la magistratura è imbavagliata e messa agli ordini del potere politico non fa piacere, né se questo potere è di destra né se è di sinistra.
Berlusconi spera ancora che questo governo cada rapidamente in modo da riprendere il suo iter verso il potere assoluto. Ricordo che disse che doveva essere il governo a decidere anno per anno la priorità dei reati. A me questa frase fa venire i brividi. Ma se parlare di queste cose non sembra interessante a qualcuno, il problema credo sia suo.
Io sono per la democrazia, anzi per una democrazia allargata, e per la difesa della Costituzione.
Di abusi della magistratura a fini politici ne abbiamo visti abbastanza per non temere che il peggio si ripeta. E votare no al referendum ma fregarsene della riforma Castelli che, di fatto, subordina la magistratura ai disegni politici di qualcuno mi sembra una aberrazione. Non mi consola pensare che la bicamerale di D’Alema faceva altrettanto. Anzi D’Alema non l’ho mai sopportato
saluti
viviana


> Nessuno ha fermato la riforma Castelli
17 giugno 2006 - 17h52 - Di 900849c1e3cb34dcd7635fe49922dab2...

Ma guarda tu se, su un punto specifico e dopo quello che ho detto nel precedente commento, mi tocca difendere il governo Prodi ...

Mastella aveva promesso di abolire la riforma Castelli e non di fare un "decreto" immediato.

Per il semplice motivo che un decreto fatto oggi andrebbe in discussione in piena estate, quando una vecchia volpe come Mastella sa benissimo che è difficile "militarizzare" i senatori dell’ Unione e quindi sarebbe facile al Senato andare in minoranza ...

Per cui, con tutto il governo, ha deciso di riviare tutto ad un disegno di legge di riforma complessiva che ovviamente avrà tempi più lunghi e sul quale sarà possibile porre la questione di fiducia..... Tutto qui.

D’Alema non l’ho mai sopportato nemmeno io, sulla storia politico/personale di Mastella ho già detto, ma meno ancora sopporterei un governo diretto, sulle questioni della giustizia, dal "partito dei giudici".

Da un Violante o da un Di Pietro, per intenderci .... certe logiche "di emergenza" lo ho già vissute sulla pelle negli anni settanta e non vorrei francamente ritrovarmici, tanto più che ho anche ben presente il massacro napoletano del marzo 2001, col centrosinistra ancora al governo, e che fu il prologo di quello successivo di Genova.

Così come non sopporto, sulle questioni economico/sociali un governo diretto - come i fatti sembrano dimostrare - dal "partito degli industriali" di Confindustria o dal "partito dei banchieri".

E, se permetti, da un punto di vista "di sinistra", banchieri e industriali che gestiscono un governo che ho contribuito ad eleggere mi sembra assai più grave che non il rinvio, peraltro credibilmente motivato, di un decreto ....

Anche se, come dicevo e scrivevo prima delle elezioni, ero comunque cosciente di tutto questo.

E qui ritorniamo dalle concezioni assai diverse da cui partiamo .....

E alla storia delle illusioni sul centrosinistra e delle conseguenti disillusioni ......

Di nuovo, Keoma


> Nessuno ha fermato la riforma Castelli
17 giugno 2006 - 20h15 - Di 900849c1e3cb34dcd7635fe49922dab2...

Alla luce di questo, credo che l’abolizione della Castelli può decisamente anche aspettare qualche mese.

Purtroppo però credo che non verrà fatto nulla di concreto nemmeno per le "famiglie italiane" .....

Vanni

FAMIGLIE: RAPPORTO DIRITTI GLOBALI 2006, IN ITALIA SONO ALLA FRUTTA
by asca Saturday, Jun. 17, 2006 at 8:08 PM mail:

La fotografia di un’altra Italia, che non va in tv e che non fa tendenza. Ma che ha difficolta’ a far quadrare i conti in famiglia, che vive di "cattivo lavoro" e che vede crescere le grandi diseguaglianze.

L’immagine del paese emerge dalla quarta edizione del Rapporto sui diritti globali 2006, promossa da Cgil, Arci, Antigone, Cnca, Forum ambientalista e Legambiente, presentato questa mattina in una conferenza stampa, dal curatore Sergio Segio. Le famiglie italiane "sono alla frutta", ha spiegato Segio, perche’ una su due ha un reddito mensile netto inferiore a 1670 euro mentre "le tariffe sui beni essenziali continuano a crescere". Dal rapporto emerge che dal 2000 al 2004, il reddito individuale da lavoro dipendente e’ cresciuto dell’1,6% mentre quello da lavoro autonomo del 10,1%. Davanti alla crisi economica delle famiglie, c’e’ un’altra parte del paese che continua ad arricchirsi. Il rapporto segnala che nel 2005 le immotricolazioni di auto di lusso sono cresciute del 12,6% e quello delle barche di lusso del 16,5%. In Italia si vendono ogni anno circa 90mila macchine grandi o di lusso che costano almeno 50mila euro.

Eppure - segnala Segio - sono solo 188mila le dichiarazioni dei redditi che denunciano 100mila euro lordi l’anno.

www.asca.it





In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista
Terremoto di Casamicciola
martedì 22 - 17h08
di : Lucio Garofalo

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

Notre esprit humain exige sans délai la solidarité et l'union entre les peuples et les nations au-delà des différences qui pourraient les séparer. Augusto Roa Bastos
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito