Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
Cindy Sheehan, Codepink e il digiuno contro la guerra

di : lora
mercoledì 5 luglio 2006 - 10h31
JPEG - 91.8 Kb

Code Pink co-founder Medea Benjiman, center, sits with Cindy Sheehan, center right, and others who are taking part in the ’Bring the Troops Home Fast’ hunger strike at Layafette Park in front of the White House, Tuesday, July 4, 2006, in Washington.(AP Photo/Lawrence Jackson)


Digiuno contro la guerra

di M.G. Di Rienzo

Ringraziamo Maria G. Di Rienzo [per contatti: sheela59@libero.it] per questo importante appello di Codepink che condividiamo e a cui invitiamo i nostri lettori ad aderire.

JPEG - 87.3 Kb

Codepink ha annunciato un digiuno collettivo, per chiedere il ritiro delle truppe Usa e la fine dell’occupazione in Iraq, che avrà inizio il prossimo 4 luglio (festa nazionale statunitense). Fra le centinaia di persone che hanno già deciso di partecipare al digiuno vi sono Cindy Sheehan, l’ambientalista Diane Wilson, l’attore Dick Gregory, il cantante Willie Nelson, il segretario generale del Congresso nazionale delle chiese Bob Edgar, la presidente del Congresso nazionale delle donne di colore E. Faye Williams, l’ex diplomatica Ann Wright, il reduce dall’Iraq Geoffrey Millard; la presidente del Now (Organizzazione nazionale per le donne) Kim Gandy e le cofondatrici di Codepink Medea Benjamin, Jodie Evans and Gael Murphy.

Nel comunicato si legge: “Se non avete ancora aderito, vi preghiamo di riflettere sull’opportunità di unirvi a questo storico digiuno per un giorno, una settimana, o di più. Potete unirvi a noi a Washington, di fronte alla Casa Bianca, o digiunare nella vostra comunità. Potete farlo individualmente, o organizzare una staffetta in un luogo pubblico, come un ufficio del Congresso, un centro di reclutamento militare, un palazzo federale, una chiesa. E se vivete fuori dagli Usa, vorremmo incoraggiarvi a digiunare il 4 luglio di fronte ad un’ambasciata americana o ad un consolato. Mentre i funzionari si godranno i barbecue e i festeggiamenti, noi desideriamo ricordare loro la continua sofferenza degli iracheni e dei soldati. Nessuna delle cose che facciamo sarebbe stata possibile senza il vostro sostegno, e di ciò vi siamo profondamente grate.” Informazioni:

CODEPINK : 2010 Linden Ave : Venice, CA 90291 : (310) 827-4320

info@codepinkalert.org

ebmistress@codepinkalert.org

Aderisci al digiuno contro la guerra lanciato da Codepink

Nell’intervista che segue, realizzata da Medea Benjamin, Diane Wilson spiega dettagliatamente le sue ragioni per l’azione.

MB: Eravamo insieme in Iraq con la delegazione di Codepink prima che la guerra cominciasse. Come hai vissuto quell’esperienza? DW: Non la dimenticherò mai. Le persone erano così amichevoli e gentili con noi, sebbene il nostro paese stesse minacciando il loro. Abbiamo girato per Baghdad giorno e notte, e quando mi perdevo c’era sempre qualcuno, un bambino o un adulto, che mi rimetteva sulla strada giusta.

Non riesco ad immaginare come sia la vita quotidiana per gli iracheni, oggi, con tutte le morti e la violenza che li circondano. Mi spezza il cuore pensare che i bimbi che ho incontrato sono morti o stanno morendo.

MB: Prima della guerra, gli iracheni separavano molto nettamente il governo americano dal popolo americano. Dopo tre anni di guerra, pensi che sia ancora così?

DW: No. Non vedono gli statunitensi contrastare questa guerra basata sulle menzogne, così la distinzione fra il governo e il popolo si è dissolta. Non abbiamo mostrato di essere davvero contro la guerra, e sarebbe ora di farlo. I loro corpi sono sulla linea di fuoco ogni giorno, così come quelli dei soldati. Perciò, perché non dovremmo mettere in gioco i nostri, di corpi? Dovremmo essere determinati nel costruire pace, così come altri sono determinati nel fare guerre.

MB: Il digiuno è anche a sostegno dei soldati in Iraq?

DW: Sì, perché sono vittime anche loro. Io l’esercito lo conosco bene, e ho toccato con mano cosa la guerra fa ai giovani. Durante la guerra del Vietnam ero medica. Nei campi d’addestramento ho visto come si prende un ragazzino di 17 anni e se ne fa un assassino. Li indottrinano ad odiare, ad odiare altre persone, e a uccidere, uccidere, uccidere. Gli si insegna anche ad eseguire gli ordini e a non pensare mai con la propria testa. Quando mi prendevo cura dei feriti tornati dal Vietnam, li vedevo questi ragazzini che si muovevano come zombie, si drogavano, e non sarebbero mai usciti dalla rovina in cui erano piombati. Il mio ex marito tornò dal Vietnam vivo, ma era una persona diversa. Ancora oggi ne soffre: dice che ha un nodo in gola che non se ne vuole andare. Stessa cosa per mio fratello. Adesso stiamo rovinando un’intera nuova generazione di giovani con la guerra in Iraq.

MB: Hai parenti fra i soldati che sono in Iraq?

DW: Ho dei nipoti là, e il fidanzato di mia figlia è un fuciliere che è già stato in Iraq e non vuole tornarci. Mi ha raccontato di un checkpoint in cui hanno ucciso un’intera famiglia innocente. E’ completamente traumatizzato. Quando gli ho detto del digiuno, mi ha incoraggiata. Ne’ lui ne’ il suo intero plotone vogliono tornare in Iraq. Detesto vedere questi ragazzi forzati a rischiare la vita per nulla.

MB: Tu hai già digiunato per protesta altre volte. Come furono quelle esperienze?

DW: Ho imparato dalle mie lotte contro le compagnie chimiche che un digiuno può essere un’azione davvero incisiva. Ho digiunato per due settimane per indurne una a condurre uno studio sull’impatto ambientale, e l’ho ottenuto. Il digiuno più lungo che ho fatto durò 31 giorni. Era il 1998 e stavo cercando di indurre la Dupont a riciclare le acque di scarico della sua industria. Ho cominciato da sola, poi altri si sono uniti a me, e ce l’abbiamo fatta. Ho digiunato per 29 giorni in solidarietà con la gente di Bhopal. Mi sostennero le donne di Codepink, e oltre 1.000 persone in otto paesi. Inducemmo il governo indiano a cambiare le sue politiche nei confronti della Union Carbide.

MB: Questa volta per quanto tempo digiunerai?

DW: Il mio scopo è portare a casa le truppe, affinché gli omicidi degli iracheni finiscano. Non so ancora per quanto tempo posso farcela, lascio il termine aperto. Mi propongo di protrarre il digiuno il più a lungo possibile, spingendomi oltre quanto abbia mai fatto nei miei 58 anni di vita. Penso che tutto, nella mia vita, mi abbia condotto a questo punto. Sento che il nostro futuro è in gioco, e sono pronta a intraprendere un sacrificio anche grande.

MB: Come può sostenerti chi volesse farlo?

DW: Chi vuole sostenermi può digiunare almeno per un giorno, o quanto a lungo si sente. Potrebbe anche provare a testare i propri limiti. Se pensa di poter digiunare per un solo giorno, provi per due. E’ disagevole? Sì, ma siamo rimasti nell’agio troppo tempo, ormai.

MB: Occorre venire a Washington per unirsi al digiuno?

DW: Ci piacerebbe che le persone venissero in qualunque momento, durante l’estate, davanti alla Casa Bianca. Ma possono pure digiunare a casa, la cosa importante è renderlo visibile. Gli americani hanno bisogno di vederci. I turisti che verranno alla Casa Bianca devono vederci. Chi non può venire a Washington si sieda davanti ad un palazzo federale, a un centro di reclutamento. Le persone possono digiunare a staffetta, coinvolgendo la comunità, con ogni individuo che digiuna per 24 ore. E chiediamo alle persone di altri paesi di farlo in special modo il 4 di luglio, davanti alle ambasciate Usa.

MB: Cosa fornisce la forza spirituale per condurre un digiuno a lungo termine?

DW: Gandhi parlava del digiuno come di una cosa “mentale”. Non devi preparati fisicamente, ma mentalmente. Lui lo chiamava “potere dell’anima”. Digiunare trasforma sia l’individuo sia in senso lato la società. Non mangiare riduce le tue funzioni corporee e ti permette di andare alla profondità di te stesso, di sentire là la tua connessione con il mondo. La Bibbia dice che per trovare te stesso devi perdere te stesso. Io trovo me stessa, digiunando. Gli scioperi della fame mi hanno cambiata, totalmente. Mi hanno dato più fiducia nel mio corpo. Mi hanno permesso di liberarmi dalle piccole trappole di ogni giorno, dalle illusioni, dalla paura.

MB: Alcuni distinguono fra il digiuno, dando ad esso una dimensione religiosa, e lo sciopero della fame, a cui attribuiscono una dimensione politica. Quest’azione cos’è, digiuno o sciopero?

DW: Io sono solo una pescatrice, al massimo mi arrovello con i pesci, non con le parole. Non entro in questa faccenda dell’arrampicarsi sulle parole. Non mi importa molto come vogliono chiamare il fatto che smetterò di mangiare. Sono solo una pescatrice che smetterà di mangiare per far finire la guerra.

MB: Sei religiosa?

DW: Sono cresciuta in una famiglia pentecostale, ed una delle cose che mi ha sempre colpito è che per i pentecostali ognuno è il garante di ogni altro fratello umano. In questo ci credo, davvero. Ma la definizione di “fratello” per me non ha confini. Mentre Bush dichiara che il suo dio gli ha detto di fare la guerra, il mio dio mi dice che dovremmo fare tutto il possibile per fermarla, per proteggere sorelle e fratelli in pericolo. In questo periodo sembra che tutti parlino di religione. Ero alla fiera del libro di New York, a firmare copie del mio libro, e ho visto tutti questi testi su dio, religione e politica. E c’è tutto questo dibattito a sinistra sul non lasciare la fede alla destra religiosa. Non capisco: siamo coinvolti in una sanguinosa guerra d’aggressione, con l’apocalisse proprio davanti agli occhi, e continuiamo a parlare e parlare. E’ ora di finirla di parlare di religione e di praticarla, se si è religiosi.

MB: C’è già gente che scrive a Codepink dicendo che non vuole che ci ammaliamo per questo digiuno. Alcuni dicono che il movimento pacifista è per la vita, e che noi attiviste dobbiamo rimanere forti e in salute.

DW: E sono preoccupati per questi ragazzini che mandiamo in guerra? Scrivono loro che potrebbero ferirsi o ammalarsi? Ogni volta in cui mi viene un dubbio sul correre qualche rischio, penso ai bambini iracheni, e ai bambini che mandiamo in guerra. Non c’è paragone fra i rischi che loro corrono e quelli che corro io. Guarda, per come la vedo, la nostra nazione è a un punto di svolta. Se permettiamo a questa guerra di continuare, l’invasione di un altro paese sarà solo questione di tempo: l’Iran, o magari il Venezuela. Non possiamo rimanere sdraiati come tappetini e permettere che il nostro governo ci calpesti. Lo sai anche tu, no, che tutto quello che serve al male per trionfare è che gli onesti non facciano nulla. Dobbiamo fare qualcosa per arrestare il male.

MB: E usare altre tecniche?

DW: Lo facciamo. Abbiamo sfilato, fatto campagne di pressione, siamo state arrestate. Io ho appena finito di scontare tre mesi di prigione per aver srotolato uno striscione: 120 giorni e 2.000 dollari di multa. Abbiamo fatto una veglia davanti alla Casa Bianca che è durata quattro mesi. Ma questo non ha fermato la guerra, perciò dobbiamo andare avanti. E durante il digiuno non smetteremo di lavorare ad altre campagne: Elettori per la pace, Città per la Pace, Dichiarazione di Pace, e non smetteremo di chiedere alle persone di unirsi a questi sforzi.

La “Dichiarazione di Pace” dice che se entro il 21 settembre prossimo, Giorno Internazionale della Pace, il governo non avrà stabilito un soddisfacente piano d’uscita dall’Iraq, noi ci impegneremo nella disobbedienza civile di massa. Io dico sempre: le donne ragionevoli si adattano al mondo, le donne irragionevoli adattano il mondo a se stesse. E’ ben venuta l’ora di essere “irragionevoli”.

MB: Pensi davvero che il digiuno otterrà qualcosa?

DW: La storia ci insegna come le persone hanno usato lo sciopero della fame: Gandhi ottenne l’indipendenza per l’India senza sparare un colpo. Le suffragiste ottennero il voto. Certo, alcuni digiuni raggiungono lo scopo e altri no. Non lo sai mai con sicurezza. Ma quello di cui io sono dannatamente sicura è che se non facciamo nulla, nulla cambierà. Il mare mi ha insegnato a fidarmi del mio istinto, delle sensazioni “di pancia”. E la mia pancia mi dice che con questo digiuno possiamo creare lo spazio per il cambiamento. Non so cosa accadrà, ma so che la fiducia può essere magica. Credo possiamo creare miracoli, quando i nostri intenti escono da noi in questo modo. E sono lieta di mettermi in gioco per questo.

M.G. Di Rienzo

Aderisci al digiuno contro la guerra lanciato da Codepink:

http://www.ildialogo.org/noguerra/d...

Sabato, 27 maggio 2006

http://www.ildialogo.org/


http://www.edoneo.org/



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo





In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista
Terremoto di Casamicciola
martedì 22 - 17h08
di : Lucio Garofalo

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

Lorsque les arbres seront tous abattus, les animaux tous exterminés, l'homme découvrira qu'il ne se nourrit pas d'argent. Abraham Lincoln
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito