Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
SENZA FEDE-SENZA MISSIONE

di : Doriana Goracci
sabato 8 luglio 2006 - 07h19
2 commenti
JPEG - 20.5 Kb

di Doriana Goracci

Non credo fermamente nell’altrui autorità, sia essa politica o religiosa e non tollero essere "assistita" da una fede nell’espressione della mia libertà che mi porti a diventare soldatessa di nessun esercito, di pace o di guerra, né tantomeno un’inviata su di essa, a propagare con una missione le mie convinzioni religiose o politiche. Tanto più che non ne possiedo e ho fatto molta fatica, fin da piccola, a rendermi indipendente da coloro che dovevano convincermi del contrario.

Sono priva di cittadinanza di fronte allo schiacciamento e all’oppressione sui popoli. Mi affianco con chi lotta contro il potere, istintivamente.

Ma non sono una nomade,un’apolide, non girovago, abito in Italia, ci ho lavorato, ho una famiglia che come me è residente in questo Paese.

Ho passato una vita a sentire le storie di quanto sono cattivi gli altri (zingari nazisti comunisti terroni ladri puttane atei anarchici senzadio vandali sfaccendati stranieri) e quanto siamo onesti e buoni noi, quelli dall’altra parte, che si sono costruiti con fatica una vita dignitosa, aiutati dalla saggezza e lungimiranza politica e della chiesa.

Sono ritornata indietro di cinque anni, quando allora, malgrado totalmente coinvolta nel mio personale, mi feci convincere dagli occhi di mia figlia sedicenne a chiedere dei giorni di ferie per andare a Genova.

Conobbi persone di ogni età e nazionalità, sigle che non avevo mai sentito se non per caso, fui travolta dalla ribellione al potere del G8.

Vidi, senza andare in luoghi di guerra, una città militarizzata, i check point, le zone rosse,gli eserciti, le armi, la violenza, la paura instillata nei cittadini fino ad indurli ad abbandonare qualsiasi attività, addirittura la loro quotidiana vita nella città stessa, tranne quelli che non avevano o non volevano avere i mezzi per andarsene.

Ho "visto" in quei giorni, ho vissuto pienamente, con gioia e dolore, l’esperienza di una piccola rivoluzione.

Me l’ero cercata, così mi dissero al ritorno: forse inconsapevolmente, ma era vero.

Con molta ostinazione ho cominciato a praticare strade prima a me sconosciute: il movimento, il partito, la testimonianza fatta in prima persona, la ricerca della controinformazione, la sua diffusione.Poi le Donne in Nero.Poi le donne.

Scrivo questi pensieri perché oggi come allora, come quel luglio del 2001, mi ritrovo non a scegliere da che parte stare, il treno per Genova lo presi comunque, ma con chi continuare il percorso.

Mi rivolgo alle tante e ai tanti che ho conosciuto in questi anni, a quelli che hanno condiviso le strade con me, a quelli che non conosco perchè distanti.

La notte dell’attacco americano in Afghanistan, stavo con le Donne in Nero di Roma davanti all’ambasciata americana dove ci eravamo dati tutti appuntamento.

Ci buttammo a terra a formare una scritta umana (poteva essere pace o no war non ricordo), si fece musica, si attendeva,poi andammo a dormire. Una notte brevissima: attaccarono all’alba.

Francamente non so come vivevano le donne afghane o irachene prima di questa data, se non per quello che lessi dopo, come potevano giocare i loro figli, come potevano campare quei popoli. So che sono morti in tanti, sono saltati sulle mine, sono stati bombardati,giustiziati, massacrati, torturati, oppressi.Peggio, assai peggio comunque, oggi rispetto al loro ieri.

So che noi non siamo entrati in guerra con nessuno e la guerra è quella della memoria dei miei genitori, so che noi siamo in missione, so che noi abbiamo fede.

Ma io non sono una donna di fede e non sono una missionaria. Il giro di boa è per me iniziato da tempo.Le parole non bastano a rendere la tristezza di questi momenti, in cui vedo vacillare non solo la speranza nella pace e nel buonsenso, ma le relazioni di affetto e stima che mi hanno legata a tante/i.

Lo dico con pacatezza e misura: come si può scordare di essere state contro le missioni umanitarie, contro le guerre di religione, contro le logiche del potere, contro la belva insaziabile del dio danaro, come si può chiedere di aspettare, di trovare un buon compromesso, di tacere, di non sciupare un mondo occidentabile sostenibile che sostenga quello orientale, magari anche del terzo mondo, con la fede, la speranza e la carità, in chi?

Il 17 luglio sarò a Roma a chiedere che non sia votata questa ennesima vergogna: a sostenere chi ha già detto no.

Non credo ci sia da interpretare molto in quello che ho scritto e grazie per aver letto fin quì.

Senza fede-senza missione, continuo a tentare, con tutti i miei limiti.



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo


Forum del' articolo
 

I furbetti del movimentino
11 luglio 2006 - 13h00 - Di 97a767bd53f7974b3866ec931bb11e6d...

In totale condivisione, ho ricevuto questa mail dai compagni di Red Link e ve la inoltro.Doriana

****************************************************************************
Giramo una presa di posizione di Piero Bernocchi, che condividiamo integralmente, in merito alla preparazione della mobilitazione per il giorno in cui si voterà il rifinanziamento delle missioni di guerra e sulla proposta di Agnoletto di fare invece una manifestazione a Genova con il chiaro intento di non disturbare il manovratore
Anche se si tratta di un giorno feriale è importante che il giorno 17 si manifesti a Roma e che le realtà romane non siano lasciate sole ad esprimere il dissenso contro l’ipocrisia del male minore. Pensiamo che occorra fare uno sforzo affinché anche piccole delegazioni si muovano dalle varie realtà territoriali per rendere visibile ed incisiva l’opposizione alla guerra senza se e senza ma.

i compagni di Red Link

I furbetti del Movimentino

Ripartire da Genova? E perché non da Roma? Dalle manifestazioni davanti alla Camera (17 luglio ore 18) e al Senato quando si voterà il decreto di rifinanziamento delle missioni di guerra, per dire QUI e ORA (non in autunno o in inverno) no alla guerra di Prodi, per appoggiare i parlamentari che voteranno NO al decreto, per ottemperare adesso e non in futuro a quanto deciso ai Forum di Caracas e di Atene.

Perché fate i furbetti del Movimentino, falsamente equidistanti, confuciani esponenti dell’"aurea via di mezzo", né con quello ne con questo, fingendo di non sapere che il principale nemico del movimento oggi , ciò che lo riduce a Movimentino, è la sindrome "del governo amico"?

Proprio quella che colpisce anche voi quando scrivete che "il decreto introduce elementi di cosiddetta riduzione del danno"; che pace e guerra "sono troppo importanti perché su di esse si scatenino vecchie e nuove concorrenze" e che "non è il momento di polemizzare con chi ci siede vicino"; che "partecipare al governo e a una guerra non sono due scelte obbligatoriamente tra loro vincolate"; e quando proponete di incontrarci a Genova per "costruire una mobilitazione capace di ottenere dal Parlamento entro il 2006 l’approvazione di una strategia di uscita dalla guerra".

Avreste scritto questo cumulo di assurdità se ci fosse stato il governo Berlusconi? Se il Cavaliere fosse andato in Parlamento dicendo: Bush voleva che aumentassimo le truppe in Afghanistan ma io mi sono rifiutato, ho ridotto il danno, "congelando " il contingente (a parte le due navi)? Avreste usato l’orrendo termine " riduzione del danno ", che fa il paio con " guerra umanitaria ", per gli afgani che riceveranno pallottole di centrosinistra invece che di centrodestra? E avreste bollato come " concorrenza " la battaglia politica intransigente contro il decreto o la polemica " con chi ci siede vicino" (lapsus di Agnoletto, che pensava ai suoi vicini di seggio a Strasburgo)? E avreste usato la grottesca espressione " non obbligatoriamente vincolate " per dire che stare al governo non costringe a fare la guerra? E infine: vi sareste dimenticati che le manifestazioni a settembre sono già state decise al Forum Europeo e non certo per chiedere " una strategia di ritiro " bensì il ritiro immediato da tutti i fronti di guerra di tutte le truppe?

Tre giorni prima che uscisse il vostro appello, il segretario del PRC Giordano aveva annunciato che, una volta approvato il decreto, Rifondazione avrebbe fatto partire il movimento per il ritiro delle truppe (e cioè contro il decreto: la paraculaggine italica non ha limiti, con una mano faccio la buca con l’altra la riempio). Fate da battistrada? E’ un caso che il promotore e primo firmatario dell’appello sia chi, ieri leader di movimento, oggi è un accasato parlamentare europeo del PRC?

Trovo infine di pessimo gusto usare la straordinaria e terribile esperienza comune di Genova per lanciare una iniziativa che si pretenderebbe unitaria e che invece si incunea tra due mobilitazioni di piazza per fermare il decreto e la guerra QUI ed ORA, che, per quanto con numeri limitati o da voi non condivise, non vanno sbeffeggiate. E’ come se, mentre ci si accinge a fare uno sciopero, qualcuno/a dicesse che non lo farà ma ci invitasse a discutere il giorno prima dello sciopero di un altro da tenere tra tre mesi.

Ragazzi/e, meglio una polemica aspra che la melassa degli amici del "governo amico". Le ipocrisie da furbetti del Movimentino non ci restituiranno il movimento.

Piero Bernocchi



> SENZA FEDE-SENZA MISSIONE
11 luglio 2006 - 21h21 - Di e5d728e0fcbd571eb34199d4c9515d3d...

RIPARTIRE DA GENOVA? NOI NON CI SIAMO MAI FERMATI!
by comitato nazionale ritiro truppe Tuesday, Jul. 11, 2006 at 5:11 PM mail: info@disarmiamoli.org

E CHIAMIAMO IL POPOLO DELLA PACE A ROMA, IL 15, il 17 ED IL 24 LUGLIO, CONTRO LE MISSIONI DI GUERRA, SENZA SE E SENZA MA!

L’appello per “ripartire da Genova”ci trova in profondo dissenso.

In un momento cruciale come questo è fondamentale far sentire la voce sotto i palazzi del potere centrale, a Roma, il 17 ed il 24 luglio, quando alla Camera e poi al Senato si voterà sul rifinanziamento delle truppe in Afghanistan e negli altri 27 fronti di guerra nei quali sono impegnati i soldati italiani.

Sappiamo che le mobilitazioni romane saranno probabilmente simboliche e d’avanguardia, a causa non solo e non tanto della stagione estiva e dei giorni feriali, ma di un “affaticamento” del movimento perseguito sistematicamente da chi stava preparando la Caporetto di questi giorni, nei quali siamo costretti ad assistere al clamoroso voltafaccia degli ex “paladini del pacifismo non violento”, intenti con spillette e patetici escamotage (la riduzione del danno….) a giustificare un voto ingiustificabile.

Siamo in profondo dissenso con coloro i quali oggi evidenziano l’esigenza di contemperare il no alla guerra con la tenuta del governo.

Spiacenti, il movimento contro la guerra non ha “governi amici” di fronte all’alternativa tra pace o guerra.

Dissentiamo dall’idea di mettere ai voti un principio come quello del NO alla guerra. Sui principi non si vota, ma si costruiscono politiche concrete, a costo di essere “impopolari”.

O le scelte “impopolari” devono essere solo quelle che chiedono sacrifici ai soliti noti, magari per finanziare proprio le costosissime missioni?

I ripetuti sondaggi di questi anni ci dicono invece che la scelta sarebbe molto popolare, perché la maggioranza del popolo italiano è per il ritiro delle truppe, trasversalmente ai poli.

Ogni temporeggiamento rispetto a questo passaggio è in stretta continuità con il lavorio di smobilitazione già abbondantemente intrapreso in questi anni contro il movimento

Ci indigna che si usi la categoria della “concorrenza” a sinistra su un tema di questo genere: Concorrenti su che cosa? Sulla vita o la morte degli afgani, dei kosovari, degli iracheni, dei palestinesi?

I tempi sono scaduti e le scelte sono di fronte a chi ha ricevuto un mandato preciso: il No alla guerra senza se e senza ma.

Chi farà una scelta diversa non lo farà in nostro nome, e se ne assumerà tutta la responsabilità politica e morale di fronte al popolo della pace, in Italia e nel mondo.

Noi saremo a Roma, il 15 luglio alla assemblea autoconvocata dai senatori e deputati che mantengono una posizione di coerenza con il mandato elettorale, il 17 al sit in del movimento davanti al Parlamento, in P. Montecitorio, il 24 di fronte al Senato.

Il Comitato nazionale per il ritiro dei militari italiani

www.disarmiamoli.org






In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista
Terremoto di Casamicciola
martedì 22 - 17h08
di : Lucio Garofalo

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

Ne demande pas ce que ton pays peut faire pour toi, demande ce que tu peux faire pour ton pays. John Fitzgerald Kennedy
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito