Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
I GOVERNISTI

di : Leopoldo Bruno
sabato 29 luglio 2006 - 11h49
2 commenti
JPEG - 18 Kb

di Leopoldo Bruno

Il 9 aprile 2006 molti di quelli che si sono recati a votare l’’hanno fatto nella speranza che non solo le persone ma in primo luogo i fatti cambiassero, rispetto ai 5 anni di berlusconismo.

Dal lato della compagine governativa, durante i primi giorni d’’insediamento arrivavano timide dichiarazioni di nuova politica che venivano presentate da chi possedeva conoscenza delle materie dei dicasteri. Ultimamente, invece, nel merito delle questioni sembra ci sia calma piatta. Il centrosinistra, in questa ottantina di giorni, non ha così cambiato quasi nulla.

Dall’’altro lato - quello cioè debole della società civile di oggi - c’’è invece stato un primo smottamento. Associazioni, gruppi, singoli cittadini prendono a “ragionare in modo concreto sui fatti”. A esaminarne tutte le sfaccettature, i punti di vista, i pro e i contro...Anche nell’’ambito del Movimento, accade che si comincia a pensare di entrare a far parte di tavoli, commissioni, comitati, osservatori vari. In se per sé, l’’adesione allo schema concertativo ovviamente fa parte di un percorso che chi è disponibile intraprende.

Avrebbe una sua logica se, oltre che distribuire pezzettini di potere, tale approccio partisse quantomeno con delle idee, un programma specifico e condiviso, magari con una cornice di valori comuni. Tutto questo non c’è. La tecnica è quella di cominciare con chi ci sta, si lavora per un tot di tempo per poi arrivare a decisioni con chi ancora rimane. Tali decisioni “concertate” sono in genere poi messe concretamente in atto da chi infine ha interesse a gestirle. Lungo il percorso, i soggetti che decidono di venir fuori dalla concertazione - insieme a quelli che dall’inizio non lo avevano intrapreso - vengono individuati, senza possibilità di replica, come estremisti radicali dopo averci messo impegno, competenza, passioni.

Insomma, alla fine decidono e gestiscono sempre i soliti noti, in silenzio; chi cioè in genere si autoreferenzia e rappresenta in primo luogo i propri interessi.

Il secondo smottamento è facile prevedere che ci sarà con l’approssimarsi della Finanziaria. Se la strategia governativa di inizio luglio è stata quella di assumere decisioni in grado di dare un po’’ di libero spago ai sindacati, l’’orizzonte autunnale si prefigura invece come un vero e proprio richiamo all’’ordine, rivolto a chiunque ricopre incarichi di rilievo.

Ma fra i primi giorni del centrosinistra e il futuro del prossimo settembre, c’è il presente. Cosa cambia con il nuovo governo in merito alla guerra in Afghanistan? Gli stessi parlamentari, ora che fanno parte della nuova maggioranza, dopo aver votato per otto volte contro il finanziamento della guerra, adesso votano a favore.

Gino Strada fa notare che se si chiamano pacifisti coloro che antepongono il governo alla guerra, noi allora “non chiamiamoci pacifisti ma diamo vita a un movimento contro la guerra” (il manifesto 16/07/06).

Dal lato opposto, Adriano Sofri, in prima pagina de “la Repubblica” del 17/07/06, dapprima comincia reinterpretando liberamente - in cinque righe - il pensiero dello stesso Strada (senza citarne però alcuna affermazione). E poi sferra subito di seguito il suo attacco: “Gino Strada è molto ammirato, e se lo è meritato. Anch’’io lo ammiro, sul serio. Però so che dice delle sciocchezze colossali. L’’ammirazione che si è guadagnato gli gioca un brutto scherzo: gli fa spendere il suo credito sostenendo presso un pubblico generoso quelle sciocchezze, diametralmente opposte agli ideali che vuole perseguire”. E Sofri continua il suo pezzo di prima pagina titolato: “Cari pacifisti basta sciocchezze” usufruendo dell’intera pagina 15.

A mio avviso, la libera reinterpretazione in apertura d’’articolo, insieme alle tre righe e mezza che qui ho trascritto, potrebbero essere esaminate nelle università durante un insegnamento su cosa s’’intende per mainstream, corrente del pensiero di questo inizio secolo. Si va ben oltre l’’arte della retorica. E’ la possibilità di usare i mezzi di comunicazione di massa per reinterpretare, criticare e infine - di fatto - dare del poveretto a una persona che “dice delle sciocchezze colossali... diametralmente opposte agli ideali che vuole perseguire”.

Per rispondere in qualche modo a Sofri o, meglio, allo studioso Gianfranco Pasquino che ormai un giorno sì e uno no pubblica ne “l’’Unità” articoli sul tema Afghanistan e in generale sul tema della tenuta del centrosinistra, potrei - nel mio piccolo - argomentare in merito ai gorvernisti, a chi pensa di ridurre il danno di una guerra inviando qualche aereo in meno, ai semestrali (oggi diciamo di sì, ma al prossimo finanziamento della guerra fra sei mesi vedrete che casino che faremo), a chi dice di sì soltanto se la guerra è concertata (multilaterale sì, unilaterale no), a chi le vuol certificare col Bollino Nato o quello Onu, a chi soffre della sindrome da governo amico.

Invece, per quanto mi riguarda, in questa occasione preferisco esclusivamente citare l’’ultima frase dell’intervento di Strada, letto da lui stesso in collegamento da Kabul durante l’’assemblea nazionale del 15 luglio 2006 a Roma: “Cacciare la guerra dalla storia degli uomini, prima che la guerra cacci fuori gli uomini dalla storia”. Dario Fo, nella stessa occasione, ha inoltre affermato che: “Il popolo non è degno della storia che ha dietro; ci siamo dimenticati del sapere”.

L’’individuo sarà in grado di elevare l’’impegno pubblico allo stesso livello dell’’attività d’acquisizione di beni e interessi personali? Sarà capace di tornare a rendere la sfera pubblica almeno pari di quella privata nei valori della vita? Non aspettare più, come fanno in molti, di arrivare verso la fine dell’’esistenza per far del bene e per impegnarsi socialmente ma iniziare da subito o - come minimo - da quando ognuno, ancora carico di energie, occupa il rispettivo posto di potere.

Io, signor nessuno, alle soglie dei cinquant’anni mi riconosco nei concetti di Strada, e ciò nasce non solo - come dice Sofri - dall’’ammirazione, ma è dapprima in me stesso orgoglio e senso dell’essere.

Al suo esterno, vista la deriva democratica puramente mediatica-elettorale, il Movimento ha da porsi al più presto il problema se lavorare oppure no nella logica parlamentare. Se cioè è il caso di andare ancora a votare o, dichiaratamente, boicottare. Fare attenzione così alle esperienze portate avanti in Chapas, Brasile, ecc In altre parole, l’’obiettivo è quello di contribuire a prendere il potere portando per qualche anno il Governo un po’ più verso sinistra oppure è quello di demistificare, disperdere, destrutturare il potere? Se si pensa che l’’indagine telefonica ISPO - pubblicata su “Il Corriere della Sera” del 18/07/06 - rileva che il 61% degli italiani vorrebbe il ritiro delle truppe sia dall’’Iraq sia dall’’Afghanistan, si ha l’idea di come il parlamento rappresenta i suoi cittadini. Chi convincerà il ministro Arturo Parisi che le spese destinate agli armamenti rappresentano un danno per l’’umanità e non vanno aumentate, come lui invece si appresta a chiedere nella prossima finanziaria?

Al suo interno, il Movimento ha da prendere esplicitamente atto di quella divisione che già in questi anni - secondo me - si è verificata più volte. Ad esempio a Roma nel settembre 2004, con la decisione di rilasciare a Bertinotti la delega a rappresentare di fatto il Movimento presso il Governo Berlusconi per la liberazione di Simona e Simona (senza indire più alcuna iniziativa di livello nazionale) oppure a Firenze, quando c’’era da decidere su quali contenuti far riferimento per organizzare la manifestazione del 18 marzo scorso contro la guerra (senza far riferimanto esplicito all’’appoggio alla Resistenza irachena). Posizioni - queste prima messe fra parentesi - solitamente rappresentate in pubblico da “Arci”, “Un Ponte per...” e un consigliere regionale della Lombardia.

Oggi, infine, nell’’ambito del Movimento c’è chi mette al primo posto gli interessi e gli accordi internazionali, invece che il ripudio per la guerra. Questo è tema che semplicemente recide quel legame che Max Weber identificava essere “una comune appartenenza soggettivamente sentita”. Parafrasando Malcom X, è possibile dire a quei “pacifisti di sincere intenzioni” di fare il proprio cammino, lavorando in stretto contatto. Se sfera pubblica vuol dire discutere e poi scegliere liberamente, l’’idea di tenere distinti e separati i percorsi, potrà portare anche a momenti di incontro.

27/7/6 - Leopoldo BRUNO



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo


Forum del' articolo
 

> I GOVERNISTI
1 agosto 2006 - 17h05 - Di 283c2aa920944de98f96a274dc4eaf1c...

NON HO PAROLE SE SI PERMETTE A SOFRI DI SPUTTANARE IL LAVORO DI UN MEDICO E PACIFISTA SIAMO ARRIVATI ALLA FRUTTA.
GRAZIE GINO STRADA PER QUELLO CHE HAI FATTO, PER QUELLO CHE FAI E PER QUELLO CHE FARAI NON SOLO COME MEDICO MA ANCHE COME UOMO DI PACE.
GRAZIE A TUTTE LE ASSOCIAZIONI UMANITARIE E A TUTTA LA RAZZA UMANA CHE SI BATTE PER LA PACE.
MARIA DI BENEDETTO



> I GOVERNISTI
1 agosto 2006 - 17h50 - Di 5b04ea4d0a274c4972870d73c4634417...

La cornice comune...tu dici caro Leo. E’ singolare come riscontro da varie parti che interventi come il tuo, apparentemente freddo e pacato, di fatto rivoluzionario, nel senso della sovversione della calma piatta da te indicata, non suscitano commenti. Altro effetto fanno invece i copia incolla di articoli estrapolati dai giornali...Casuale?
Doriana






FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista
Terremoto di Casamicciola
martedì 22 - 17h08
di : Lucio Garofalo
La Strage di Barcellona ed il genio incompreso di G Romero
lunedì 21 - 21h23
di : pugliantagonista
16 agosto 1894: Sante Caserio fa il fornaio non la spia
martedì 15 - 18h38
di : caserio
Agosto 1926-2017 Resistete agli sfratti, opponete l’azione autonoma di Classe
venerdì 11 - 17h52
di : pugliantagonista
editoriale 10 anni di Pugliantagonista.it
giovedì 10 - 21h58
di : pugliantagonista
UNO SPETTRO NAZIFASCISTA SI AGGIRA NEL MEDITERRANEO [MA CHI LO FINANZIA?]
domenica 6 - 16h31
di : Lucio Galluzzi
In rete il numero di luglio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 17 - 11h12
di : Franco Cilenti
Uomini o caporali
martedì 11 - 16h48
di : Lucio Garofalo
no In rete il nuovo numero del periodico nazionale Dire, Fare Rifondazione
domenica 9 - 10h29
di : Franco Cilenti
Progettifici e dittatori scolastici
mercoledì 5 - 15h57
di : Lucio Garofalo
Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino
venerdì 2 - 16h52
di : Alessio Di Florio
In rete, e in distribuzione, il nuovo numero del periodico lavoro e Salute
martedì 23 - 10h59
di : Franco Cilenti
Pubblicato Dire, Fare Rifondazione, notiziario dell’Organizzazione - maggio 2017
lunedì 15 - 08h28
di : Franco Cilenti
1 comment
Pubblicato Dire, Fare Rifondazione, notiziario dell’Organizzazione - maggio 2017
lunedì 15 - 08h28
di : Franco Cilenti
L’ESERCITO DI RISERVA NELLE MANI DEL CAPITALISMO NELLA LOTTA DI CLASSE
sabato 6 - 06h15
di : PCL Pavia
Sinceramente razzisti
giovedì 4 - 19h25
di : Antonio Recanatini
PACE
sabato 8 - 07h43
di : Franco Astengo
SULL’ORLO DELLA GUERRA?
venerdì 7 - 10h21
di : Franco Astengo
LA PROSPETTIVA DI UN GOVERNO DELLE LAVORATRICI E DEI LAVORATORI
martedì 28 - 06h03
di : PCL Pavia
La vendetta come augurio (Elogio della vendetta)
martedì 21 - 21h55
di : Antonio Recanatini

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

La paix n'est pas l'absence de guerre, c'est une vertu, un état d'esprit, une volonté de bienveillance, de confiance, de justice. Baruch Spinoza
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito
Letteratura e guerra partigiana in Italia a Parigi
martedì 7 Febbraio
di : ANPI PARIGI
Il Collettivo Bellaciao sarà presente... Un ciclo di incontri sulla letteratura della Resistenza presentato da Daniele Gaio presentato da Daniele Gaio 13 e 27 febbraio, 5 marzo 2012, ore 19 alla libreria: "La Libreria" 89 rue du faubourg Poissonnière 75009 Parigi L’Anpi Parigi, sezione Carlo e Nello Rosselli, in collaborazione con La Libreria, vi propone un ciclo di incontri sulla letteratura della Resistenza italiana. Quattro narratori (Italo Calvino, Cesare Pavese, Beppe (...)
Leggere il seguito