Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
PIOGGIA D’ESTATE -DILUVIO AUTUNNALE

di : Doriana Goracci
domenica 30 luglio 2006 - 22h42
4 commenti
JPEG - 51.9 Kb

de Doriana Goracci

Apprendo ora dell’ennesima "pioggia" su Cana in Libano:I bambini morti...Sono le 9,45 è una notizia ansa.

Una domenica di luglio come tante altre, molti quì sono andati al mare, al lago. Dalle città si fugge.Chi può. Certo non si può sfuggire alla pioggia estiva delle armi che non rinfranca nessuno,che appaga solo la vendetta infinita di una parte dei signori della guerra.

Ascoltavo stamattina alle 7,15 un giornalista del Foglio, Christian Rocca, raccontava le prime pagine dei quotidiani italiani, su Rai Tre. Mi ha colpita il tono salottiero e scorrevole con cui descriveva gli incontri dei rappresentanti mondiali dei governi. Lamentava che nessuno enumera i morti israeliani, cita articoli di approfondimento di giornalisti della sinistra americana che rivendicano oggi invece posizioni assai vicine a Bush, ma sopratutto alla fine della trasmissione come nei giorni precedenti ecco che il tono si fa più incalzante e come in una sfida chiede di prendere parte attiva, di schierarsi con il mondo occidentale, con la democrazia vera, con la chiesa. A me è sembrata una posizione chiara, ovvia.

Ma la sinistra, ci racconta lui attraverso i giornali, è schierata? No, è in mezzo.

Cita l’intervista della Gagliardi su Liberazione a Bertinotti, dove Lui può pacificamente spiegare che cosa significa allargare la maggioranza, aprirsi alla borghesia.

Gli arsenali da cui partono queste piogge infinite estive preannunciano diluvi universali, non comandati dagli dei, ma da scellerate guerre. E la nostra sinistra tutta europea, tutta occidentale, non prende posizione, che so interposizione?

Ma certo lo farà, che tacciano le armi, dicono i nostri al senato e alla camera. Intanto si sono fatte le intese economiche e finanziarie, tecnologiche e scientifiche con Israele. Quelle intese che contano.

Ma la sinistra fa bene ad andare avanti così. Sa di poter contare sul popolo italiano, che conosce la lotta e la resistenza...al momento opportuno, quando è necessario. La sinistra sa che gli italiani l’hanno delegata per far tacere la destra, le armi, la guerra, per avere lavoro casa sanità scuola...

La sinistra sa che agli italiani piace riconoscersi nelle sigle, nelle grandi folle, vuoi per un papa morto vuoi per un calciatore. La sinistra sa che siamo quelli del volemose bene e non esitiamo a dare soldi alla banca etica, a firmare appelli, a fare fiaccolate malgrado il caldo maledetto...Magari una pioggia, che il diluvio universale è lontano e una fraschetta dove mangiare una pizza ci può sempre riparare...

Diteci che dovremmo fare? Loro una risposta ce l’hanno sempre pronta...un pochino alla volta, hanno cominciato dai tassisti e hanno chiesto la fiducia per l’Afghanistan... Che volete, fa caldo...

Mezzi e persone continuano a camminare, comunicare morte, annunciare piogge estive sempre più violente e sfacciate. Il diluvio? Mettete i braccioli ai vostri bambini ed imparate a nuotare, tra queste menzogne.



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo


Forum del' articolo
 

> PIOGGIA D’ESTATE -DILUVIO AUTUNNALE
31 luglio 2006 - 12h29 - Di e3050c4fb6ccfa13845ef8f5ff9e5efa...

Riporto questo significativo intervento di Floriana Lipparini
Doriana

Carissime,
riprendo il dialogo dopo qualche tempo, non riuscendo a pensare a
nient’altro se non a quello che sta accadendo in Libano e che è ovviamente
collegato a tutto quanto accade in Iraq, in Afghanistan, in Palestina.
La guerra per sua natura non rispetta regole e codici, non conosce limiti,
non arretra di fronte a nulla. La guerra è un crimine per sua natura, e in
questi giorni lo si vede con estrema chiarezza.
Cosa ci possiamo fare se gli hezbollah usano i civili come scudi umani?,
dicono i governanti e i militari israeliani. Già, cosa ci possono fare?
Rinunciare a bombardare, ecco ad esempio cosa potrebbero fare.
Come fa il governo di un popolo che ha subito quello che hanno subito gli
ebrei, proprio perché hanno conosciuto l’orrore del male assoluto, l’orrore
della violenza e dei massacri, la tremenda condizione di vittime innocenti,
come fa ad infliggere violenza e morte ad altri civili innocenti?
Come fa il governo di un popolo che è stato per millenni ingiustamente
accusato, perseguitato e infamato, costretto a fuggire per scampare dai
pogrom, a non rendersi conto che ora sta infliggendo ad altri un simile
destino, confinandoli nei campi profughi, sterminandoli anche nei campi,
massacrando i bambini nelle case?
Come fa il governo di un popolo additato per millenni come l’Altro,
l’estraneo, un popolo costretto a portare su di sé gli orrendi segni della
discriminazione, come fa, ora che possiede uno stato potente, ricco,
superarmato, a guardare i palestinesi come se fossero nemici per il solo
fatto di esistere, come se fossero non persone, come se fossero Altri da
odiare?
Come fa il governo di un popolo che ha subito la Shoah a non aver orrore di
ogni forma di violenza? Come fa a credere di potersi conquistare sicurezza
con il terrore? Come fa a pensare di poter vivere in pace seminando morte ai
propri confini? Come fa a non capire che uno stato costruito
sull¹arroccamento etnico e sull’esclusione degli Altri produce solo odio?
Quale sicurezza può nascere dall’odio?
I governanti israeliani dicono che la loro violenza è lecita autodifesa
poiché proviene da un legittimo stato, mentre quella degli altri, che uno
stato non ce l’hanno, è terrorismo. Strano modo di pensare e di dimenticare.
Dimenticare che uno stato democratico, tanto più perché ufficialmente
costituito, dovrebbe bandire la violenza e cercare strade pacifiche di
risoluzione dei conflitti. Dimenticare che i palestinesi non hanno uno stato
perché i successivi governi di Israele gliel’hanno impedito, ignorando da
decenni le risoluzioni Onu che dicono: due popoli, due stati.
Quello che va estirpato, in ogni campo, è la radice di una cultura, se così
si può chiamare, fondata sul diritto della forza. Una primitiva,
sanguinaria, tribale concezione di sé e degli altri, fatta di bandiere, di
confini, di armi. Assurdo senso di superiorità, timore di contaminazioni
(anche il femminile, in questo tipo di cultura, è qualcosa da cui star
lontani per paura di contaminarsi!), discriminazione religiosa ed etnica:
noi, i prediletti da dio, da una parte, il resto del mondo (gli altri, gli
inferiori) dall¹altra. E guai a mescolarsi. Qui sta il seme delle guerre.
Mai come in questi giorni ci si sente inadeguati e incapaci di fermare la
guerra. Noi, povere/i e poche/i pacifiste/i, non riusciamo a dividerci in
centomila parti, l’Iraq, l’Afghanistan, la Palestina, il Libano e le mille
altre guerre del pianeta. Abbiamo l’enorme compito di fare una rivoluzione
culturale per bandire l’idea stessa della guerra dalla storia, per farla
diventare una vergogna, un tabù. Non c’è tempo se non per questo, e allora
dovremmo trovare la forza di interrogarci tutti insieme sulle strade
migliori per arrivarci.
Soprattutto noi donne pacifiste dovremmo riportare al centro un’altra
concezione del mondo e della politica, in cui la mente non sia separata dal
corpo, il logos non sia privato dai sentimenti, la realtà delle vite
individuali non sia schiacciata dalla realpolitik dei potenti (e quanti si
sentono potenti non appena varcano le porte del Palazzo!).
Mi fa paura quello strano Noi che qualcuno rivendica quando entra a far
parte del ceto politico, un Noi altero, separato dai comuni mortali. Che
significa? Noi e voi, siamo sempre da capo. La strada di chi lotta contro
le ingiustizie, le guerre, le violenze, le menzogne, è naturalmente diversa
da quella del potere, ma uno degli obiettivi più importanti è proprio quello
di lavorare perché un giorno il potere sia diverso e sia diversa l’aria che
si respira nel Palazzo.
Fin quando la politica proseguirà sulla strada del cinismo un mondo diverso
NON sarà possibile. Allora i movimenti proprio questo devono fare: in piena
autonomia lavorare perché la politica cambi, perché sia possibile un mondo
in cui donne e uomini abbiano voce in capitolo anche quando non stanno su
quelle poltrone, perché su quelle poltrone stiano donne e uomini coerenti
con gli impegni presi e sensibili alla voce di chi sta fuori. Una grande
sfida, è vero.

Abbracci.

Floriana



> PIOGGIA D’ESTATE -DILUVIO AUTUNNALE
31 luglio 2006 - 15h13 - Di 7da8dc78e59f4a3b4a4ef92ea01d1c76...

Sto cercando l’etimologia della parola acqua nelle lingue ebraiche e sulla pagina web di
Aljazira mi imbatto nello scritto di Jean Genet sulla strage di Chabra e Chatila.

Non resisto dall’inviarvelo.

Volevo riuscire a spiegare ai ragazzi che incontrerò il prossimo settembre, quando si
riapriranno le scuole , prendendo spunto dalla parola acqua, elemento che ci unisce,
quanto sia assurdo questo riproporsi della guerra nella storia.

Ho trovato che la parola acqua nelle tre lingue dei contendenti ha la stessa radice MA

In arabo si pronuncia mà, in libanese maille e in ebraico maim, e scopro che in ebraico
è collegata alla parola cielo che fa Sha-maim, e mi viene subito in mente che questa
operazione che era partita sulla palestina ed ora prosegue in Libano si chiama "pioggia
d’estate" .

....ma da questo cielo piovono bombe.

Non riesco a trovare la traduzione della parola bombe, credo che sarebbe complicatissino,
ne esistono talmente tante varietà oggi e forse la lingua ebraica non ha ancora coniato
l’equivalente di bombe al fosforo

Come sono inadeguati i dizionari, spero invece siano adeguate le parole di Genet per
aiutarci a capire

Paolo rizzi - Laura bergomi

vi incollo un estratto ma su questo link trovate tutto il testo completo è
impressionante il parallelismo.

http://www.aljazira.it/index.php?op...

Il giorno dopo l’entrata dell’esercito israeliano noi eravamo prigionieri, ma mi è
sembrato che gli invasori fossero più disprezzati che temuti, incutevano più ribrezzo
che angoscia. Nessun soldato rideva o sorrideva. Qui non c’era sicuramente un tempo
propizio al lancio di riso e fiori.
Quando hanno interrotto le strade, col telefono silenzioso, privo di ogni comunicazione
con il resto del mondo, per la prima volta in vita mia mi sono sentito diventare
palestinese e ho odiato Israele.
Alla città sportiva, vicino alla strada Beirut-Damasco, nello stadio già quasi
interamente distrutto dalle incursioni aeree, i libanesi consegnano agli ufficiali
israeliani dei mucchi di armi, per quanto si può vedere tutte messe volontariamente
fuori uso.
Nell’appartamento in cui abito, ognuno è alla sua radio. Si ascolta Radio Kataeb, Radio
Morabita, Radio Amman, Radio Gerusalemme (in francese), Radio Libano. Senza dubbio,
stanno facendo lo stesso in tutti gli altri appartamenti.
«Noi siamo legati a Israele da numerosi fili che Ci portano bombe, carri, soldati,
frutta, legumi; essi importano in Palestina i nostri soldati, i nostri figli... in un
andirivieni continuo che non ha mai fine, perché - come dicono loro - noi siamo legati a
essi da Abramo in poi, nella sua discendenza, nella sua lingua, nella stessa origine...»
(un fedayn palestinese). «Insomma», continua, «ci invadono, Ci rimpinzano, ci
soffocano e vorrebbero abbracciarCi. Dicono di essere nostri cugini. Sono molto tristi se
vedono che Ci voltiamo dall’ altra parte. Devono essere furiosi contro di noi e contro
sé stessi».



> PIOGGIA D’ESTATE -DILUVIO AUTUNNALE
31 luglio 2006 - 15h22 - Di 7da8dc78e59f4a3b4a4ef92ea01d1c76...

Ricevo ed inoltro...Doriana

******************************************************************************
Una serie di proposte da coordinare con i gruppi pacifisti mondiali per dare un segnale di dissenso ai nostri governi sulla loro politica nei confronti del Medio-Oriente:

1. Richiesta di estradizione per essere giudicati nei rispettivi paesi per crimini di guerra di tutti i mercenari arruolati nell’esercito Israeliano (uno dei quali è il famoso soldato fatto prigioniero dai Palestinaesi a Gaza che ha la nazionalità francese e non è chiaro se abbia anche quella israeliana). Nella maggioranza dei casi chi decide di trasferirsi in Israele (perchè di discendenza ebrea o perchè invitato dai vari privilegi offerti) mantiene la propria nazionalità (non sono mica scemi!), quindi l’esercito israeliano è pieno di francesi, inglesi, americani, russi, polacchi, argentini, messicani, ecc... . Se un giudice francese richiedesse l’estradizione del soldato prigioniero a Gaza e se i palestinesi concedessero l’estradizione, la Francia dovrebbe andare a prenderselo e l’Europa non potrebbe certo permettere azioni contro la Francia da parte di Israele.
2. Richiesta di chiusura immediate di tutti i contratti di collaborazione militare e ricerca scientifica firmati dall’Italia e dall’Europa con Israele ( e sono molti),
3. Boicotaggio totale dei prodotti Israeliani (so che esiste una lista già pubblicata, dovrebbe essere fatta circolare e pubblicata su tutti i giornali) e di tutte le aziende che intrattengono relazioni con Israele ( e sono tante, soprattutto nel settore della comunicazione, telefonia mobile, apparecchi per registrazione ed identificazione vocale ecc...),
4. Inchiesta sulle armi che Israele sta utilizzando, obbligando Israele ad accettare una missione medica indipendente,
5. Inchiesta sulla basi militari installate in Italia ed in Europa e sull’uso che ne viene fatto in funzione di rifornimenti e passaggio armi e militari verso i luoghi di conflitto,
6. Richiesta ai paesi del Mercosur (America del Sud) di interrompere qualsiasi relazione commerciale con Israele,
7. Invio di una missione scientifica per effettuare rilevazioni dell’inquinamento da radiazioni esistente in territorio palestinese (zona Hebron, ad esempio) - ricordarsi che i venti non hanno confini ed arrivano alle nostre coste (solo per sollevare la "coscienza" nazionale) - ed identificare tutte le fonti di inquinamento da radiazioni per scorie nucleari che si dice siano nascoste in territorio palestinese (se fosse vero gli israeliani sono matti veramente). Vi ricordo il caso del fisico Vananu sequestrato a Roma dal Mossad dopo le dichiarazioni fatte ad un giornale inglese sul programma nucleare di Israele e chiuso in isolamento totale in una prigione israeliana per venti anni ed al quale oggi viene ancora impedito di comunicarsi con la stampa.
8. Invio di una missione scientifica per identificare tutte le fonti di inquinamento provocato da Israele in territorio palestinese (discariche nocive ed altamente inquiinanti, rifiuti industriali sparsi in suolo palestinese, ecc...),
9. Sul muro tanto si è già detto e tanto si è già fatto, bisogna solo continuare a chiedere a Israele di rispettare il verdetto internazionale. Ma bisognerebbe anche promuovere una missione indipendente che faccia chiarezza sullo scandalo del cemento che proveniva sussidiato dall’Egitto verso imprenditori-politici palestinesi per finire invece nelle mani di imprese israeliane.
10. Promuovere un’inchiesta sul ruolo di Israele in Iraq (e visto che si siamo anche su quello della Giordania).
11. Fare chiarezza sul ruolo di Giordania, Turchia, Egitto ed Arabia Saudita nel conflitto per il "Grande Medioriente".
12. Fare chiarezza su quanto affermato da Ciampi, durante il suo mandato presidenziale, in occasione della visita del ministro degli esteri israeliano. Ciampi disse pubblicamente che l’Italia è il miglior amico di Israele. Cosa significa esattamente? In cosa consiste esattamente questa amicizia? Ciampi sia chiamato a rispondere di questa sua affermazione.

Tutto quanto scritto qui è basato su quanto si scrive, si dice e si osserva in Palestina. Bisognerebbe solo pubblicarlo tutto in insieme in 12 punti ( e se qualcuno vuole aggiungere ancora meglio). Purtroppo, non avendo altri contatti, l’unica cosa che posso fare io è distribuire i 12 punti a tutte le mail-lists che conosco.
Mi scuso in anticipo per il disturbo
Simonetta



> PIOGGIA D’ESTATE -DILUVIO AUTUNNALE
31 luglio 2006 - 16h06 - Di a3ebb947a6b656b6d439b17f539b5cd4...

La strage degli innocenti di Cana : Olmert peggio del generale Santa Anna.

Chi di noi non ha sentito parlare di Fort Alamo o non ha visto uno dei film della saga di Alamo che hollywood ci ha proposto per esaltare gli eroi che si sacrificarono in quella missione abbandonata trasformata in un fortino indipendentista?
La storia racconta come nel 1835 i texani proclamarono la secessione dal Mexico e si dichiararono repubblica indipendente.
Fu nel marzo del 1836 quando una banda di 200 secessionisti texani ( l’equivalente dei ceceni di oggi ) si installò ad Alamo , vicino a San Antonio, al comando del colonnello William Travis.
Nonostante il loro valore la loro resistenza terminò quando il generale Santa Anna, dittatore del Messico, attraversato il Rio Grande con una poderoso esercito cinse d’assedio Fort Alamo e poi lo distrusse.
Da Alamo nessuno uscì vivo come ci hanno fatto vedere decine di film americani,
ma nonostante che Santa Anna avesse fama di soldato spietato e senza scrupoli, come dimostrò quando la settimana dopo in un altro scontro contro 350" guerriglieri" texani a Goliad, fece fucilare a sangue freddo coloro che si erano arresi, nell’episodio di Alamo la storiografia ( e la cinematografia americana) di lui riportano un gesto di umanità: prima dell’assalto finale al suono del deguejo , autorizzò che le mogli e i figli dei difensori di Alamo potessero uscire dal forte incolumi ed allontanarsi al sicuro.
Oggi 30 luglio 2006 il premier israeliano Olmert, che non è riuscito con la forza militare dell’esercito più efficiente del mondo a domare la resistenza di quel pugno di guerriglieri hezbollah asseraglianti in uno sperduto paesino del libano del sud , Bir Jebil , la Alamo libanese, ha mostrato una ferocia peggiore del sanguinario Santa Anna, massacrando decine di bambini innocenti,
Due secoli fa il Messico vinse ad Alamo ma perse la guerra contro il Texas, oggi Israele come può pensare di vincere la sua guerra macchiandosi di questi delitti contro l’umanità?
Antonio Camuso
Osservatorio sui Balcani di Brindisi






In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista
Terremoto di Casamicciola
martedì 22 - 17h08
di : Lucio Garofalo

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

On a voulu, à tort, faire de la bourgeoisie une classe. La bourgeoisie est tout simplement la portion contentée du peuple. Victor Hugo
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito