Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
La guerra globale ce l’abbiamo dentro casa, anche se non si vede

di : Tommaso Fattori
lunedì 14 agosto 2006 - 21h16
JPEG - 22.7 Kb

di Tommaso Fattori

Che ci fa una base militare statunitense, fra Pisa e Livorno, a oltre sessant’anni dalla fine della seconda guerra mondiale? Perché la Nato è sopravvissuta al collasso del blocco sovietico e del patto di Varsavia? Risposta: vecchi involucri racchiudono le nuove forme della guerra permanente. Nuove forme, come il passaggio da un’alleanza atlantica “difensiva” ad un’alleanza oggettivamente offensiva (“organizzazione di sicurezza”), sui pilastri dell’ossimorica guerra umanitaria e dell’esportazione della democrazia con i missili.

Mentre in Pakistan si sostiene con entusiasmo un dittatore golpista e in Arabia Saudita una monarchia assoluta e anticostituzionale, in altre terre un irrefrenabile afflato di libertà suggerisce di bombardare per affermare il diritto a libere elezioni, esercitabile dai fortunati che scamperanno a guerre e guerriglie. Da una “civiltà” (diciamo “occidentale”) che beve coca cola o acqua in bottiglia e si fa la doccia con l’acqua potabile, penserà un assetato mediorientale, non c’è da aspettarsi granché. Eppure il progetto è grandioso: generare un nuovo Nomos della terra, un diritto del più forte, sulle rovine del diritto internazionale sorto all’indomani dei due conflitti mondiali.

Sono allora guerre costituenti, volte ad edificare un equilibrio predatorio e un nuovo ordine globale, che poi è il ritorno a forme di potere assoluto, economico e politico. Di ciò che era in origine, l’Onu mantiene oggi l’involucro e poco più: la massima violazione della Carta delle Nazioni Unite è per l’appunto l’aggressione, le cui caratteristiche definitorie sono due, l’essere un’azione militare “unilaterale” e “preventiva”.

Ma, argomentava già Thomas Hobbes, la guerra permanente a lungo andare non conviene a nessuno, neppure al più forte, come dimostra il cortocircuito guerra-terrorismo e i “pantani” iracheno e afghano.

Al criceto nella gabbietta sembra che continuare a correre nella ruota sia l’unica strada possibile. In questo mondo squilibratissimo c’è chi pensa che l’enorme divario debba essere mantenuto col sangue e con i denti - “the American lifestyle is not negotiable” -sia che ciò significhi non ratificare gli accordi di Kyoto (e quindi soffocamento planetario) sia che significhi inviare centinaia di migliaia di soldati a spasso per il globo.

Se i 225 personaggi più ricchi della terra hanno, da soli, un reddito annuo superiore a quello del 45% dell’umanità (oltre due miliardi e mezzo di persone), la guerra diviene il modo con cui governare unilateralmente una simile follia senza il consenso di chi abita il pianeta e senza toccare i meccanismi di produzione e distribuzione della ricchezza. Che poi la corsa alla crescita infinita (in un mondo dalle risorse finite) o che l’autoavvelenarci con i nostri stessi consumi sia la prospettiva meno realistica e meno carica di futuro anche per noi pochi “privilegiati” del pianeta, questo, ai “realisti” armati fino ai denti, sembra un ragionamento dal sapore quasi metafisico.

E la Toscana che c’entra? La guerra è infinita perché è senza tempo («decideremo noi quando finirà» dice l’amministrazione statunitense, e in questi giorni ripete il governo israeliano) ma pure perché è senza spazio: ogni spazio è spazio di guerra. Territori concreti dove non sempre, però, questo elemento è “visibile”.

Dovremmo ragionare sulla coppia visibile/invisibile: i dispositivi di controllo e dominio sono tanto più pericolosi quanto meno sono manifesti. Pericoloso è quando Guantanamo non si vede: quando Guantanamo è uno sperduto Cpt. Insidioso è quando dietro l’orrore di un teatro di “guerra guerreggiata” vi è un’apparentemente sonnacchiosa Camp Darby, in mezzo a cipressi e pini. Preoccupante è quando l’aeroporto militare di Grosseto ospita i caccia Eurofighter freschi d’acquisto.

L’unica certezza di ogni manovra finanziaria, sia detto per inciso, è che i tagli non riguarderanno la spesa militare: fra l’acquisto degli Eurofighter (121), delle nuove fregate (10) e della portaerei Conte di Cavour abbiamo già messo insieme un punto del Pil. Non potremmo cominciare da qui? E non potremmo iniziare con l’espellere i pezzi di guerra che si incistano nel nostro territorio, mostrando che sono invece possibili altre economie e altre relazioni con il mondo?

Far saltare anelli locali significa spezzare la catena della violenza planetaria: la guerra globale si regge grazie a infiniti nodi locali. La costruzione di un altro mondo passa attraverso l’azione territoriale e la costituzione di nodi di una rete altrenativa.

C’è anche un altro elemento, a proposito di connessioni nascoste o non immediatamente evidenti. La guerra in Libano è ancora un tassello della geopolitica al tempo dell’esaurimento delle risorse (si pensi ad acqua e petrolio): un pezzo della nuova geografia dell’esclusione. Questa forma di globalizzazione uniforma i territori tanto nel segno della guerra quanto nel segno della merce. Vi è un nesso strutturale fra guerra infinita e infinita mercificazione del mondo. La pace non è semplice mancanza di guerra ma giustizia sociale, redistribuzione della ricchezza, uso collettivo e non predatorio dei beni comuni.

Ma allora costruire la pace vuol dire interrompere la privatizzazione del pianeta. Insomma, che fare dei beni comuni dell’umanità? Condividerli e redistribuirli o inseguire la strada della privatizzazione, dell’“esclusione” e della guerra? Dobbiamo procedere sulla via delle energie fossili, fonti di conflitti infiniti oltre che di grandi profitti, o delle energie rinnovabili, producibili localmente e gestibili in modo democratico e partecipato? Un raggio di sole o un soffio di vento non possono essere racchiusi in un barile e venir commercializzati: la pace è anche questo.

La responsabilità, rispetto a tutto ciò, non si colloca al di là di ciascuno di noi né investe solo territori lontani da quelli che abitiamo. Il processo deve avere mille epicentri: occorre trasformare i luoghi in cui viviamo e impedire da subito che qui i beni comuni siano tramutati in beni economici e i servizi pubblici siano privatizzati.

Non esistono scelte locali che non abbiano un significato globale. Non è possibile essere pacifisti e acconsentire alla mercificazione del mondo in nome del libero mercato. Se la Toscana non solo percorrerà la strada della smilitarizzazione (chiusura delle basi, liberazione da armi pesanti e leggere, riconversione delle fabbriche d’armi e creazione di laboratori di pace e di diplomazia dal basso), ma sarà allo stesso tempo terra di sperimentazione di nuove forme pubbliche di gestione dei beni comuni; se mostrerà che la partecipazione dei cittadini è una strada per uscire dalla crisi della democrazia globale; se inaugurerà forme solidali di partenariato pubblico-pubblico, allora contribuirà alla costruzione di una vera pace globale. Non vedo altro realismo possibile.

http://www.liberazione.it/giornale/...



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo





FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista
Terremoto di Casamicciola
martedì 22 - 17h08
di : Lucio Garofalo
La Strage di Barcellona ed il genio incompreso di G Romero
lunedì 21 - 21h23
di : pugliantagonista
16 agosto 1894: Sante Caserio fa il fornaio non la spia
martedì 15 - 18h38
di : caserio
Agosto 1926-2017 Resistete agli sfratti, opponete l’azione autonoma di Classe
venerdì 11 - 17h52
di : pugliantagonista
editoriale 10 anni di Pugliantagonista.it
giovedì 10 - 21h58
di : pugliantagonista
UNO SPETTRO NAZIFASCISTA SI AGGIRA NEL MEDITERRANEO [MA CHI LO FINANZIA?]
domenica 6 - 16h31
di : Lucio Galluzzi
In rete il numero di luglio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 17 - 11h12
di : Franco Cilenti
Uomini o caporali
martedì 11 - 16h48
di : Lucio Garofalo
no In rete il nuovo numero del periodico nazionale Dire, Fare Rifondazione
domenica 9 - 10h29
di : Franco Cilenti
Progettifici e dittatori scolastici
mercoledì 5 - 15h57
di : Lucio Garofalo
Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino
venerdì 2 - 16h52
di : Alessio Di Florio
In rete, e in distribuzione, il nuovo numero del periodico lavoro e Salute
martedì 23 - 10h59
di : Franco Cilenti
Pubblicato Dire, Fare Rifondazione, notiziario dell’Organizzazione - maggio 2017
lunedì 15 - 08h28
di : Franco Cilenti
1 comment
Pubblicato Dire, Fare Rifondazione, notiziario dell’Organizzazione - maggio 2017
lunedì 15 - 08h28
di : Franco Cilenti
L’ESERCITO DI RISERVA NELLE MANI DEL CAPITALISMO NELLA LOTTA DI CLASSE
sabato 6 - 06h15
di : PCL Pavia
Sinceramente razzisti
giovedì 4 - 19h25
di : Antonio Recanatini
PACE
sabato 8 - 07h43
di : Franco Astengo
SULL’ORLO DELLA GUERRA?
venerdì 7 - 10h21
di : Franco Astengo
LA PROSPETTIVA DI UN GOVERNO DELLE LAVORATRICI E DEI LAVORATORI
martedì 28 - 06h03
di : PCL Pavia
La vendetta come augurio (Elogio della vendetta)
martedì 21 - 21h55
di : Antonio Recanatini

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

Le problème aujourd'hui n'est pas l'énergie atomique, mais le coeur des hommes. L'Etat est notre serviteur et nous n'avons pas à en être les esclaves. Albert Einstein
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito
Letteratura e guerra partigiana in Italia a Parigi
martedì 7 Febbraio
di : ANPI PARIGI
Il Collettivo Bellaciao sarà presente... Un ciclo di incontri sulla letteratura della Resistenza presentato da Daniele Gaio presentato da Daniele Gaio 13 e 27 febbraio, 5 marzo 2012, ore 19 alla libreria: "La Libreria" 89 rue du faubourg Poissonnière 75009 Parigi L’Anpi Parigi, sezione Carlo e Nello Rosselli, in collaborazione con La Libreria, vi propone un ciclo di incontri sulla letteratura della Resistenza italiana. Quattro narratori (Italo Calvino, Cesare Pavese, Beppe (...)
Leggere il seguito