Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Quei volti sorridenti dei soldatini israeliani

di : Gennaro Carotenuto
giovedì 17 agosto 2006 - 08h55
JPEG - 10.8 Kb

La storia di Uri Grossman (nella foto), figlio di David, militare di leva, morto a 21 anni in un paese straniero dove era stato mandato a fare la guerra, non può non commuovere ed ispirare pietà. Ma non può neanche indurre ad un messaggio che porta a leggere la guerra in Libano come parte dello scontro di civiltà tra un Occidente illustrato ed un Islam zotico.

di Gennaro Carotenuto

Le cronache ricordano l’iniziale appoggio alla guerra e poi l’appello alla pace da parte del padre, scrittore autorevole, che rende ancora più straziante la vicenda personale. Tutte raccontano in maniera pudica il dolore privato della famiglia. Descrivono un ragazzo sensibile e colto della classe media benestante israeliana, appassionato di calcio e di teatro, che appena congedato era atteso da un iniziatico giro del mondo. A quel viaggio Uri Grossman non è mai arrivato ma, con ogni evidenza, era e sarebbe stato una bella persona.

Il servizio di leva, nel XIX secolo, ha avuto un ruolo fondamentale nella costruzione dell’identità nazionale e di quella che George Mosse chiama la religione civile del sentirsi parte di una comunità nazionale. Il servizio di leva ha rappresentato anche una parte del percorso di trasformazione di tanti braccianti analfabeti in cittadini. Poi, più avanti e ancora con più forza nel XX secolo, il servizio di leva si è tinto spesso dell’iniziare i giovani al nazionalismo aggressivo al quale ha fatto da "fornitore", soprattutto a causa delle ripetute guerre della prima metà del secolo. Il nazionalismo estremo e le guerre coloniali vi hanno avuto un ruolo fondamentale. In Italia e in molti altri paesi, nel secondo dopoguerra, il lungo periodo di pace ha affievolito e poi annullato le ragioni del servizio di leva, fino all’abolizione di questo in buona parte del mondo. E’ successo soprattutto in quello ricco e occidentale, che ha preferito appaltare le proprie guerre non più alla leva ma ad eserciti professionali quando non a mercenari o a paesi terzi. Non è il caso di Israele, per ragioni temporali, politiche e geopolitiche.

Nonostante nella composizione degli eserciti professionali si ripropongano tuttora dinamiche classiste o perfino razziste (soprattutto negli Stati Uniti), ciò ha reso in qualche misura più lieve per la società l’idea della morte di un soldato professionista. Se il soldato di leva era il figlio della nazione, il soldato professionista è altro, può essere perfino straniero, dalla Legione straniera francese alla carne da cannone latinoamericana usata dagli Stati Uniti.

Solo in alcuni paesi -tra questi l’Italia- la differenza tra soldato professionista e soldato di leva sfugge. Inoltre da noi, da tempo immemorabile si è persa l’idea del riservista, così connessa a quella del "popolo in armi" chiamato a difendere la nazione. E’ un bene, beninteso, ma impedisce di collocare l’immaginario collettivo di altri popoli -per esempio quello svizzero- nel quale quella figura resta cardine. Da noi il connubio tra una corretta visione meridionalista e classista della leva militare, unito però alla retorica patriottarda delle missioni di pace -presentate come atto di generosità disinteressata sia del paese sia delle truppe impegnate- e al fatto che l’esercito italiano non sia mai stato usato contro la popolazione civile (di fatto neanche dal fascismo mentre altri corpi e apparati dello stato come carabinieri o servizi segreti sono stati usati spesso e volentieri, anche in democrazia), non ha prodotto una sostanziale divaricazione nell’immaginario tra il "soldatino di leva" e l’attuale soldato professionale.

In Italia, ed è un franco e triste paradosso, la morte sul lavoro di un militare professionista crea ondate di emozione popolare sapientemente organizzate dai media e dalla classe politica, mentre la morte sul lavoro di un muratore professionista in un cantiere edile crea il silenzio pneumatico, anche questo sapientemente organizzato dai media e dalla classe politica.

In Israele il soldato di leva è più che mai il figlio della nazione. Tsahal, l’esercito, è parte dell’identità nazionale ed ha fatto la nazione. In pochi paesi come per Israele l’esercito è stato essenziale nel "nation building" ed è parte sostanziale dell’identità stessa del paese. Simboleggia l’ebreo di Masada, quello che non si arrende, contrapposto all’ebreo errante, impaurito da un mondo oggettivamente ostile. Negli ultimi anni, proprio all’aver servito nell’esercito sono stati collegati una serie di diritti connessi allo stato sociale, per altro sempre più asfittico dopo il disastro di Bibi Netanyahu come ministro dell’Economia. E’ una maniera odiosa di limitare l’accesso degli arabi israeliani allo stato sociale, ma testimonia anche l’intima connessione tra il servizio militare e la nazionalità, anche quando si fa escludente, ma che sarebbe troppo tranchant definire solo figlia del militarismo.

In democrazia, almeno nella democrazia israeliana, aver servito come generale nell’esercito è parte fondamentale del curriculum di un politico. Sia l’ultimo capo del governo di destra, Ariel Sharon, sia l’ultimo capo del governo di sinistra, Ehud Barak, sono stati generali. Le massime perplessità destate da Ehud Olmert e Amir Peretz sono state -visto da destra- l’essersi comportati da apprendisti stregoni senza essere mai stati militari e -visto da sinistra- quello di essersi troppo affidati ai militari. Succede qualcosa di simile negli SU dove a Bush si rimprovera non il folle bellicismo ma l’essersi imboscato per non andare in Vietnam. Proprio il non avere alle spalle un curriculum militare importante, rendeva Olmert e Peretz, secondo tali tesi, vulnerabili e costretti a mostrarsi forti avallando l’aggressività dello stato maggiore. Dalla politica alle strade, chiunque conosca Israele sa quanto la presenza dell’esercito, benvoluta dagli israeliani, vista ovviamente in maniera opposta dai palestinesi, sia una presenza costante, non foss’altro per quelle centinaia di ragazze e ragazzi che vanno e vengono da casa alla caserma e che sempre stanno alle fermate degli autobus in maniera ben poco marziale ma armati fino ai denti.

Per l’intera società israeliana è difficile non condividere ognuna delle morti come fossero le morti di membri della propria famiglia. Il quotidiano Haaretz -quello più critico verso il militarismo israeliano- testimonia la propria partecipazione pubblicando ogni giorno le foto e i nomi dei caduti. Sono, come quella di Uri, foto di ragazzi giovani, belli, sani, probabilmente colti e sensibili, e che avrebbero avuto un bell’avvenire davanti.

Ma noi non siamo in Israele. Non siamo in Israele e non si può eludere una riflessione su quelle foto. Uri Grossman è un nostro morto non più di quanto non lo sia l’ultimo miliziano di Hezbollah caduto in questa guerra. Entrare in casa Grossman -non mi sfugge il caso particolare del personaggio pubblico e rispettabile- condividere il suo lutto, diviene allora parte di una guerra mediatica asimmetrica. L’esercito israeliano ha il vantaggio di avere al seguito decine di giornalisti e fotografi embedded. E così le prime pagine dei giornali di tutto il mondo sono da settimane piene di questi bei visi di ragazzi bianchi in armi, spesso sorridenti. In genere si preferiscono foto di ragazzi con occhiali che hanno un’aria d’intellettuale prestato alla guerra. Sono spesso primi piani e testimoniano spesso abbracci affettuosi e mai marziali. Gli Hezbollah non hanno fotografi embedded e se li avessero non lavorerebbero per Reuters o AP e non farebbero il giro del mondo. Non circolano mai primi piani dei miliziani. Impossibile vedere il volto di un Hezbollah sorridente. In genere appaiono anzi incappucciati e ultimamente girano foto, delle quali non conosco la spiegazione, ma non credo sia quella più facile per un europeo, nelle quali queste milizie utilizzano quello che appare un sinistro saluto romano. Gli uffici stampa lavorano e hanno il credito che meritano. I numeri dei morti israeliani sono considerati -e probabilmente lo sono- sempre ufficiali. I numeri dei morti Hezbollah sono variabili. Per la stessa azione la televisione al Manar può dare 4 caduti mentre l’esercito israeliano parlare di 40. Chissà, ma i loro volti comunque non ci vengono mostrati. Fotograficamente tendiamo a vedere questi caduti come i morti tedeschi in alcuni film sulla seconda guerra mondiale. Cadono come birilli, senza nome e senza volto ma sono anche loro ragazzi di 20 anni. Magari meno colti e con un avvenire meno brillante davanti.

Qualche anno fa il quotidiano britannico Guardian, costantemente accusato di antisemitismo ogni volta che criticava il militarismo israeliano, commissionò un’indagine su tutta la storia della sua copertura di questioni mediorentali. Ne vennero fuori cose interessanti. Per esempio che costantemente pubblicava almeno i nomi e le età di tutte le vittime israeliane e mai i nomi e le età di quelle palestinesi, che restavano sempre solo dei numeri. "Oggi sono morti Uri di 20 anni, Ariel di 23, Amos di 19 e Avraham di 34, oltre ad otto palestinesi senza nome". Forse non sarebbe impossibile procurarsi anche quei nomi. Venne fuori che costantemente il Guardian intervistava parenti delle vittime israeliane e praticamente mai parenti delle vittime palestinesi. Venne fuori che le foto degli israeliani erano sempre ritratti molto composti e quelle dei palestinesi in genere scene di isteria. Venne fuori, in conclusione, che da sempre il Guardian, pur considerato filopalestinese, si era indotto a presentare le vittime israeliane in maniera più empatica rispetto a quelle palestinesi.

Ecco dunque che l’umana compassione diviene un’operazione per nulla ingenua. Come può uno con la faccia e la storia di Uri Grossman, o centinaia di ragazzi come lui, commettere le atrocità che vengono attribuite a Tsahal? Evidentemente non può, e lombrosianamente quei bei ragazzi bianchi con gli occhiali diventano automaticamente innocenti. E anche se muoiono in un paese straniero che hanno invaso, non possono essere altro che vittime. Eppure quelle atrocità qualcuno le commette, a Gaza come in Libano. Basterebbe leggere i racconti dei refusnik. Ma chi li legge i racconti dei disertori? Ne intervistai uno a Gerusalemme nel 2003, chissà che fine ha fatto e come ha vissuto questa guerra. Come ai bei visi israeliani non possono essere attribuite atrocità, a quei truci miliziani senza volto possono invece essere attribuite tutte le efferatezze. Se ne leggono di tutti i colori. Addirittura si circonderebbero di bambini per farli saltare in aria con loro e poter dare così la colpa agli israealiani, si legge un po’ ovunque in giro con sprezzo del ridicolo. Né l’immagine dell’esercito di bravi ragazzi né quella dei folli criminali sono credibili. Ma gli israeliani -aiutati dai media mainstream- fanno di tutto per dare del loro esercito un’immagine benevola. La controparte invece -basta pensare ai video degli shahid, i kamikaze- preferisce mostrare un’immagine aggressiva. Le più "trucide" di tali immagini, basta pensare alle parate di miliziani o alle esecuzioni di spie e delatori, sono proprio quelle che, di nuovo sapientemente, prestano il fianco ad essere utilizzate contro di loro dai media mainstream occidentali.

E’ compito di chi non crede che la guerra sia mai una soluzione, quello di non farsi condizionare dall’informazione che è totalmente in mano di chi invece pensa che la guerra sia una soluzione, che il militarismo sia una soluzione e che il vicino sia un nemico, di non farsi condizionare dalle immagini manipolate dai rispettivi minculpop. Forse la cosa più vile che è stata scritta al mondo dal 12 luglio in qua l’ha scritta il senatore di Forza Italia, Paolo Guzzanti. Ha affermato che bisognava stare dalla parte d’Israele perché i soldati israeliani sono persone colte, fisici, intellettuali, musicisti. Applicando lo stesso criterio, Paolo Guzzanti sul Piave sarebbe stato dalla parte degli austriaci, che erano spesso colti, amanti della letteratura e della musica classica, contro quegli analfabeti dei contadini veneti, sardi o pugliesi.

http://www.gennarocarotenuto.it



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo





FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista
Terremoto di Casamicciola
martedì 22 - 17h08
di : Lucio Garofalo
La Strage di Barcellona ed il genio incompreso di G Romero
lunedì 21 - 21h23
di : pugliantagonista
16 agosto 1894: Sante Caserio fa il fornaio non la spia
martedì 15 - 18h38
di : caserio
Agosto 1926-2017 Resistete agli sfratti, opponete l’azione autonoma di Classe
venerdì 11 - 17h52
di : pugliantagonista
editoriale 10 anni di Pugliantagonista.it
giovedì 10 - 21h58
di : pugliantagonista
UNO SPETTRO NAZIFASCISTA SI AGGIRA NEL MEDITERRANEO [MA CHI LO FINANZIA?]
domenica 6 - 16h31
di : Lucio Galluzzi
In rete il numero di luglio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 17 - 11h12
di : Franco Cilenti
Uomini o caporali
martedì 11 - 16h48
di : Lucio Garofalo
no In rete il nuovo numero del periodico nazionale Dire, Fare Rifondazione
domenica 9 - 10h29
di : Franco Cilenti
Progettifici e dittatori scolastici
mercoledì 5 - 15h57
di : Lucio Garofalo
Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino
venerdì 2 - 16h52
di : Alessio Di Florio
In rete, e in distribuzione, il nuovo numero del periodico lavoro e Salute
martedì 23 - 10h59
di : Franco Cilenti
Pubblicato Dire, Fare Rifondazione, notiziario dell’Organizzazione - maggio 2017
lunedì 15 - 08h28
di : Franco Cilenti
1 comment
Pubblicato Dire, Fare Rifondazione, notiziario dell’Organizzazione - maggio 2017
lunedì 15 - 08h28
di : Franco Cilenti
L’ESERCITO DI RISERVA NELLE MANI DEL CAPITALISMO NELLA LOTTA DI CLASSE
sabato 6 - 06h15
di : PCL Pavia
Sinceramente razzisti
giovedì 4 - 19h25
di : Antonio Recanatini
PACE
sabato 8 - 07h43
di : Franco Astengo
SULL’ORLO DELLA GUERRA?
venerdì 7 - 10h21
di : Franco Astengo
LA PROSPETTIVA DI UN GOVERNO DELLE LAVORATRICI E DEI LAVORATORI
martedì 28 - 06h03
di : PCL Pavia
La vendetta come augurio (Elogio della vendetta)
martedì 21 - 21h55
di : Antonio Recanatini

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

C'est seulement par le risque de sa vie que l'on conserve la liberté. Georg Wilhelm Friedrich Hegel
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito
Letteratura e guerra partigiana in Italia a Parigi
martedì 7 Febbraio
di : ANPI PARIGI
Il Collettivo Bellaciao sarà presente... Un ciclo di incontri sulla letteratura della Resistenza presentato da Daniele Gaio presentato da Daniele Gaio 13 e 27 febbraio, 5 marzo 2012, ore 19 alla libreria: "La Libreria" 89 rue du faubourg Poissonnière 75009 Parigi L’Anpi Parigi, sezione Carlo e Nello Rosselli, in collaborazione con La Libreria, vi propone un ciclo di incontri sulla letteratura della Resistenza italiana. Quattro narratori (Italo Calvino, Cesare Pavese, Beppe (...)
Leggere il seguito