Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Il risveglio

di : Michele Bono
martedì 5 settembre 2006 - 20h45

...E all’improvviso si è svegliato l’ONU...

di Michele Bono

Dopo anni di letargo l’organizzazione delle Nazioni Unite torna a voler essere protagonista di una politica internazionale sempre più assillata dal problema mediorientale. “Ma perché proprio ora?” viene da chiedersi. E soprattutto, “perché non durante la guerra in Iraq?” o “perché non per frenare l’interventismo statunitense votato unilateralmente all’attuazione cieca del biasimevole principio della guerra preventiva?”

La risposta è semplice ed implicitamente contenuta nelle domande stesse: perché gli Stati Uniti, sordi ad ogni autorità sovranazionale che non sia quella delle lobbies che condizionano la sua spregevole politica estera, hanno sempre rifiutato che si interferisse in qualsiasi modo con il suo nobile progetto di esportazione della democrazia a suon di bombardamenti, embarghi e stragi di civili. Semplice.

Ogni tentativo di placare l’avidità petrolifera e le necessità belliche degli USA si è schiantato contro un marmoreo muro d’indifferenza. Non c’erano ragioni etiche, politiche od economiche che tenessero. Il diritto alla difesa della nazione più potente del mondo non poteva essere messo in discussione da nessuno. Nemmeno dal Papa.

Kofi Annan sembrava un pupazzetto in giacca e cravatta esibito con parsimonia alle occasioni più prestigiose: meeting internazionali sui problemi del terzo mondo, congressi per la pace, viaggi diplomatici d’ogni genere. Se negli ultimi anni si fosse risolto un solo misero problema ad ogni stretta di mano del facoltoso segretario generale delle Nazioni Unite oggi vivremmo in un paradiso mistico fatto di pace amore e LSD.

Purtroppo il mondo che abbiamo davanti agli occhi è ben diverso: in ogni angolo della terra imperversano guerre, fame, povertà, regimi totalitari, sfruttamenti neo-coloniali, stragi etniche, manipolazioni ideologiche, ignoranza, terrorismo e fanatismi religiosi. Le uniche notizie “agostane” a far sorridere sono quelle sulla telenovela del calcio-mercato estivo.

All’improvviso, però, l’ONU ha magicamente smesso di essere la bella addormentata nel bosco; l’Italietta è diventata il fulcro di una difficile campagna di pacificazione, addirittura messa alla testa di un futuro contingente di caschi blu; l’America, guarda caso, si è fatta da parte, pur ribadendo la necessità urgente di risolvere la questione libano-israeliana. Tutto questo mentre la Francia tira il sasso e nasconde la mano, la Germania resta alla finestra in attesa della stella cometa, la Spagna socialista gioca a fare la prima donna, e centinaia di civili continuano a perdere la vita sotto gli incessanti colpi di stupidi missili e bombe intelligenti. All’improvviso tutti fanno finta di preoccuparsi. Perché? E soprattutto, siamo noi in grado di sostenere l’impegno che ci è stato accollato, dal punto di vista diplomatico, bellico e -non da ultimo- economico? Perché prima di avventurarci in tutte le guerre altrui non cerchiamo di risolvere i nostri problemi? Perché abbiamo votato un governo che ha parlato solo di pace e nei suoi primi due mesi di vita ha discusso solo di guerra? Perché ci ostiniamo a credere che la pace possa essere portata da uomini armati fino ai denti? Perché non partecipano tutti alla pacificazione del mondo, ma solo alcuni (e nella misura in cui fa loro comodo)?

Non voglio addentrarmi né all’interno delle questioni specifiche del conflitto tra Libano e Israele né tra gli impervi cunicoli di una politica diplomatica internazionale ormai divenuta ridicola. Vorrei solo fare alcune modeste considerazioni:

Prima di tutto l’Italia. Prodi e la sua armata Brancaleone non fanno altro che contraddirsi a vicenda, litigare per le poltrone, portare avanti a fatica il vecchio programma della Cdl, che a sua volta è divisa tra un Fini ex-fascista-filo-ebreo, un Casini pentito ed un Berlusconi “briatoresco”. Ma forse a questo siamo già abituati. La politica italiana è da sempre affetta dal morbo dell’unipolarismo endemico.

Ciò che mi scandalizza è che per la prima volta nella nostra storia un governo di sinistra sia orgoglioso di guidare una missione militare in territorio straniero per una guerra straniera. Orgogliosi di cosa? Di armare 3000 soldati italiani e mandarli allo sbando, di contro ai soli 200 francesi? Di continuare a persistere nell’idea che la pace e la democrazia siano esportabili con carri armati, fregate, bombardieri? O, come ha detto giustamente Cossiga (con il quale per la prima volta nella mia vita mi trovo d’accordo, e quasi me ne vergogno...), orgogliosi di cercare la Crimea cavouriana di Prodi, un’azione militare che dia ulteriore prestigio ai neo-campioni del mondo?

Credo che la pace sia un concetto estraneo alle regole d’ingaggio militari. Credo al valore universale del dialogo, non della guerra, delle invasioni territoriali, dei finti compromessi dietro i quali si nascondono interessi economici inimmaginabili. Credo in quell’umanità, anche logora, in cui ormai non sembra credere più nemmeno un bambino.

L’Europa. I pochi paesi che hanno aderito all’ambizioso e nobile progetto di una Comunità Europea hanno dovuto affrontare enormi sacrifici: adottare la moneta unica (non tutti); modificare strategie di politica interna per rientrare nei parametri economici comunitari; costituire una confederazione sovranazionale soprattutto per affrontare eventuali problemi internazionali. Risultato: l’Euro sta mandando in bancarotta le famiglie di semplici lavoratori di tutta Europa; nessuno rispetta le normative economiche internazionali, ma vorrebbe che tutti le rispettassero; in caso di guerra lasciamo che l’America si comporti da dittatore o spendiamo inutilmente i soldi dei contribuenti per pacificare zone che gli stessi stati facentene parte (e non solo) hanno scarso interesse a pacificare. Cosa è andato storto? Si parlava di un’Europa che avrebbe dovuto svolgere il ruolo di polo alternativo agli Stati Uniti, a me sembra che continuiamo ad essere il loro docile e fedele cagnolino. Si parlava di un Euro forte e di un Dollaro debole, a me sembra che oggi in Europa le grandi multinazionali USA vendano meglio -proprio perché il Dollaro è sceso, molto lentamente- e comprino ricattando -in virtù del fatto che con l’Euro alla stelle, per mantenere il volume di affari di un tempo, i prezzi delle nostre merci vadano abbassati. Si parlava di solidarietà internazionale, a me sembra di essere un cinico pazzo preso per il culo.

USA e Israele. Sono i due stati che negli ultimi decenni hanno, se non scatenato, sostenuto la maggior parte delle guerre del pianeta giustificandosi a vicenda, mentre il clima di terrore che attualmente si respira in ogni angolo del mondo ha raggiunto uno stato critico mai esistito prima. Bisognerebbe avere, da un lato, il coraggio di mettere in dubbio, criticare e boicottare apertamente la politica americana, una politica espansionistica meramente finalizzata all’accaparramento dell’oro nero ad ogni costo, umano ed economico; dall’altro, la forza di mandare a casa classi dirigenziali in preda a deliri d’onnipotenza e colpevolezza mistici, che alternano ipocritamente propensioni missionaristiche a desolate mortificazioni per un retaggio storico ampiamente strumentalizzato: l’orrore dell’olocausto.

Israele ha senza dubbio il diritto ed il dovere di difendersi e non ha certamente attaccato per prima il Libano, ma sarebbe ora di finirla con un asservimento ideologico nei confronti di un mostro storico la cui memoria andrebbe perpetuata con il silenzio e la pace, non con l’odio e la guerra preventiva continua.

Credo che la sproporzione della reazione israeliana alle provocazioni degli hezbollah sia palesata dalle armi in campo, dai morti e dai danni provocati. Questa è la realtà. Schierarsi sempre dalla parte del più forte -o quantomeno non suscitare le sue ire- non fa altro che alimentare la folle rabbia del più debole, quindi l’instabilità della pace. Senza dubbio i fondamentalisti islamici sono antisemiti, questo va condannato e compreso nell’ottica di una devastante ignoranza strumentalizzata dai regimi asiatici totalitari, ma anche Israele non è di certo una nazione né pacifista né filo-islamica, anzi. Qui l’olocausto non c’entra nulla. Spero si abbia l’onestà intellettuale di ammetterlo.

Sarebbe ora che i politici facciano ciò per cui sono strapagati: migliorare le condizioni in primis del proprio paese e solo dopo provare a partecipare al miglioramento del mondo, non tirare i fili della macchina del potere come se fossero giocattolai, perché le loro mosse sbagliate sono il terreno fertile della morte. Come disse il genio di Herbert Marcuse in tempi ancora poco sospetti:

“La minaccia di una catastrofe atomica, che potrebbe spazzar via la razza umana, non serve nel medesimo tempo a proteggere le stesse forze che perpetuano tale pericolo? [...] La società industriale avanzata diventa più ricca, più grande e migliore a mano a mano che perpetua il pericolo. [...] Questa società è, nell’insieme, irrazionale. La sua produttività tende a distruggere il libero sviluppo di facoltà e bisogni umani, la sua pace è mantenuta da una costante minaccia di guerra, la sua crescita si fonda sulla repressione delle possibilità più vere per rendere pacifica la lotta per l’esistenza -individuale, nazionale e internazionale.”

H. Marcuse, L’uomo a una dimensione.



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo





FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista
Terremoto di Casamicciola
martedì 22 - 17h08
di : Lucio Garofalo
La Strage di Barcellona ed il genio incompreso di G Romero
lunedì 21 - 21h23
di : pugliantagonista
16 agosto 1894: Sante Caserio fa il fornaio non la spia
martedì 15 - 18h38
di : caserio
Agosto 1926-2017 Resistete agli sfratti, opponete l’azione autonoma di Classe
venerdì 11 - 17h52
di : pugliantagonista
editoriale 10 anni di Pugliantagonista.it
giovedì 10 - 21h58
di : pugliantagonista
UNO SPETTRO NAZIFASCISTA SI AGGIRA NEL MEDITERRANEO [MA CHI LO FINANZIA?]
domenica 6 - 16h31
di : Lucio Galluzzi
In rete il numero di luglio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 17 - 11h12
di : Franco Cilenti
Uomini o caporali
martedì 11 - 16h48
di : Lucio Garofalo
no In rete il nuovo numero del periodico nazionale Dire, Fare Rifondazione
domenica 9 - 10h29
di : Franco Cilenti
Progettifici e dittatori scolastici
mercoledì 5 - 15h57
di : Lucio Garofalo
Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino
venerdì 2 - 16h52
di : Alessio Di Florio
In rete, e in distribuzione, il nuovo numero del periodico lavoro e Salute
martedì 23 - 10h59
di : Franco Cilenti
Pubblicato Dire, Fare Rifondazione, notiziario dell’Organizzazione - maggio 2017
lunedì 15 - 08h28
di : Franco Cilenti
1 comment
Pubblicato Dire, Fare Rifondazione, notiziario dell’Organizzazione - maggio 2017
lunedì 15 - 08h28
di : Franco Cilenti
L’ESERCITO DI RISERVA NELLE MANI DEL CAPITALISMO NELLA LOTTA DI CLASSE
sabato 6 - 06h15
di : PCL Pavia
Sinceramente razzisti
giovedì 4 - 19h25
di : Antonio Recanatini
PACE
sabato 8 - 07h43
di : Franco Astengo
SULL’ORLO DELLA GUERRA?
venerdì 7 - 10h21
di : Franco Astengo
LA PROSPETTIVA DI UN GOVERNO DELLE LAVORATRICI E DEI LAVORATORI
martedì 28 - 06h03
di : PCL Pavia
La vendetta come augurio (Elogio della vendetta)
martedì 21 - 21h55
di : Antonio Recanatini

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

C'est par nos pensées, nos paroles et nos actions, individuellement et collectivement, que nous façonnons nos lendemains. Sagesse Tsagali
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito
Letteratura e guerra partigiana in Italia a Parigi
martedì 7 Febbraio
di : ANPI PARIGI
Il Collettivo Bellaciao sarà presente... Un ciclo di incontri sulla letteratura della Resistenza presentato da Daniele Gaio presentato da Daniele Gaio 13 e 27 febbraio, 5 marzo 2012, ore 19 alla libreria: "La Libreria" 89 rue du faubourg Poissonnière 75009 Parigi L’Anpi Parigi, sezione Carlo e Nello Rosselli, in collaborazione con La Libreria, vi propone un ciclo di incontri sulla letteratura della Resistenza italiana. Quattro narratori (Italo Calvino, Cesare Pavese, Beppe (...)
Leggere il seguito