Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
Strisciante omologazione

di : Alessandro Ambrosin
mercoledì 6 settembre 2006 - 11h57
1 comment
JPEG - 21.4 Kb

di Alessandro Ambrosin

Viviamo in un mondo capitalista governato dalla iper-produzione, con caratteristiche sempre più marcate dalle attività speculative che tale iper-produzione comporta. Analisti economici seri capiscono che la crisi capitalistica si basa in maniera inconfutabile sulla condizione traballante del sistema finanziario. Un quarto della popolazione mondiale vive ai suoi vertici, nell’opulenza, mentre i restanti tre quarti vivono nel più completo sfacelo, dove l’aspettativa di vita è proporzionale all’incertezza del futuro.

Mentre nelle società preindustriali i beni prodotti servivano essenzialmente per soddisfare i bisogni umani, nell’economia capitalistica il prodotto diventa merce e come tale è finalizzata al mercato e alla produzione di ricchezza. Solo secondariamente alle necessità umane.

Negli anni ‘50 sorge la società post-industriale. Essa basa la propria forza sul consumo di veri e propri sistemi da bisogni indotti. La scienza e la tecnica sanciscono la propria supremazia sull’uomo.

Nella società industrializzata avanzata si afferma in modo evidente ed incontrovertibile la monolitica cultura del consumismo. La conseguenza di un’omologazione di tale portata è l’appiattimento dei conflitti di classe all’interno della totalità sociale: cadono le differenze specifiche tra ceti, l’individuo perde la sua autonomia intellettuale per trasformarsi in un insignificante elemento di una massa uniforme di uomini. Questa cultura è quella dominante, quella del consumo, dell’apparire, del competere, quella che ha omologato tutti attorno a dei riferimenti e a dei simulacri che hanno ormai penetrato l’animo più profondo e intimo di ogni essere umano.

Basta stare tra le persone al supermercato, al lavoro, nelle occasioni di divertimento, nei dibattiti politici, nelle feste e nelle sagre paesane, nella passeggiata del sabato tra le vie di una qualsiasi città o paese. È sufficiente lasciarsi toccare e anche solo sfiorare da ogni momento di vita sociale per rendersi conto che ormai nessuna differenza significativa esiste tra l’operaio di una grande fabbrica, l’artigiano, la commessa, l’operatore finanziario, l’avvocato o il commercialista, la casalinga o il commerciante, l’impiegato o il contadino. Tutti vivono o aspirano a vivere nello stesso identico modo, secondo gli stessi schemi, seguendo i medesimi miti, nutrendo speranze e alimentando desideri assolutamente uguali.

È il trionfo di una cultura di massa che ha rivoluzionato in modo totale milioni di vite e ha creato i presupposti concreti per la sua perpetuazione attraverso un’opera di profonda penetrazione in ogni essere umano. Insomma, è una cultura totalizzante che ha colonizzato i desideri oltre che le abitudini. Questa è stata la vera rivoluzione, la specificità di una trasformazione epocale. Mai nel corso della storia il mutamento è stato così radicale, vero, profondo. E mai un processo di cambiamento ha assunto i connotati di un’aspirazione all’omologazione.

Nel 1973 uno tra i maggiori intellettuali italiani del ‘900, sicuramente il più profetico, scriveva sul Corriere della Sera quelli che oggi conosciamo come “Scritti corsari”: Pier Paolo Pasolini.

L’articolo è rivolto ai dirigenti della Rai e dice testualmente:

“la televisione, in termini di totalitarismo, è riuscita a fare quello che vent’anni di fascismo non sono stati minimamente in grado di realizzare, omologare milioni di persone intorno ad un unico modello sociale.”

Pasolini capisce e descrive quanto devastante sia il passaggio dalla millenaria tradizione e cultura contadina al mondo produttivo-distruttivo dell’industria.

Credo che prima di Pasolini nessuno abbia usato in questi termini la parola omologazione, vale a dire nel significato che ora noi attribuiamo all’espressione “globalizzazione”. Anche Giddens, Baumann e Chomsky, tra i massimi esponenti della sociologia contemporanea, molti anni dopo hanno scritto numerose analisi di questo fenomeno, descrivendolo fondamentalmente nello stesso modo.

L’epicentro catalizzatore di tale fenomeno ha inizio negli Stati Uniti d’America, dove si originano, a partire dal primo decennio dello scorso secolo, tutte le tendenze uniformanti che percorrono le profondità del dispiegamento storico-culturale in cui siamo immersi, più o meno consapevolmente.

Su questo fenomeno sociologico, è necessario e più che mai urgente, porsi delle domande, cercare delle risposte, formulare delle ipotesi, ma, soprattutto, uscire da schemi obsoleti, abbandonare interpretazioni vecchie e rassicuranti, disertare luoghi comuni del pensiero, magari politicamente corretti, ma fallaci e patetici nel loro svolgersi.

Tutto questo non è facile, anzi, è mostruosamente difficile, complicato, persino rischioso, perché la suadenza strisciante di questa cultura è potente, sottile, ammaliante. I fenomeni sociali che caratterizzano l’epoca contemporanea sono onnipresenti e rappresentano con dovizia di particolari la scena del teatro della convivenza.

Un altro aspetto attraverso il quale si manifesta la comune (a tutti i ceti e a tutte le età) cultura appena descritta è lo sdoppiamento morale, un fenomeno ormai esteso e penetrato in ogni realtà. Sia che si tratti di questioni generali e etiche, sia che si discuta di comportamenti sociali, vige una sorta di doppia velocità, di schizofrenica valutazione: una pubblica, identitaria, di appartenenza obbligata a un sistema ufficiale di valori, un’altra privata, intima, comoda traduzione personale di ogni morale.

La rivoluzione della massificazione totalizzante ha vinto su ogni resistenza perché ha colonizzato i desideri generando la più grande ed esclusiva trasformazione sociale che la storia abbia conosciuto, nonostante le grandi rivoluzioni del passato e a prescindere da ogni dichiarazione d’intenti, da ogni proclama. È una rivoluzione tutto sommato silenziosa, senza schieramento di truppe, senza eserciti più o meno popolari, ma straordinariamente insinuante, sottile, appetibile, desiderabile, e per questo più efficace, vincente.

*******

Il cambiamento si opera dalla base

A più riprese, negli ultimi 50 anni della storia italiana, i lavoratori hanno dimostrato il loro potenziale rivoluzionario. Dal rovesciamento di Mussolini nel ‘43 ai movimenti di massa degli anni ‘60/’70. La borghesia italiana, nonostante le sue vanterie sul sorpasso, ha dimostrato comunque una forte incapacità a governare. La crisi attuale che colpisce la società a tutti i livelli (economico, sociale,politico e morale), non è altro che l’espressione della debolezza del capitalismo italiano e del fatto che esso ha perso la propria funzione storica. Tutto ciò è rivelato dal fatto che a soli 130 anni dall’unità d’Italia la Costituzione venga messa seriamente in discussione. Un fatto del genere è già di per sé una condanna devastante del capitalismo italiano.

Credo che solo la classe dei lavoratori potrà indicare una via d’uscita da questa impasse. Le mezze misure sono inutili: non si può curare un cancro avanzato con dei palliativi. Occorre una trasformazione radicale della società, e ciò sarà possibile solo nel momento in cui la classe lavoratrice avrà capito il carattere della crisi attuale ed avrà elaborato la necessità di doversi caricare sulle spalle la gestione della società.

In base agli enormi progressi della scienza e della tecnica sarebbe possibile gettare subito le basi di una forma di società qualitativamente superiore, in cui uomini e donne potrebbero controllare coscientemente la propria vita e il proprio ambiente, invece di essere controllati da essi.

La condizione necessaria, e di ciò sono fermamente convinto, è dare alle persone la possibilità di accedere a questo cambiamento. Dare ai lavoratori l’opportunità di cambiare il mondo in cui viviamo.

Oggi più che mai siamo al centro di una vertenza generale contro tutti i settori lavorativi, in cui la possibilità di partecipazione è praticamente impossibile. La causa maggiore è prevalentemente l’orario d’impiego di molteplici categorie, che non offrono nessuno spazio collaterale. La situazione del precariato è ancora più drammatica, ma potrebbe essere quasi del tutto eliminata. Lavoriamo meno, ma lavoriamo tutti. In tali condizioni, liberati dalla tirannide del mercato e dei gretti calcoli finalizzati esclusivamente al profitto, si potranno moltiplicare esponenzialmente la creatività e le capacità umane a disposizione della società.



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo


Forum del' articolo
 

> Strisciante omologazione
7 settembre 2006 - 12h06 - Di e25ee41716d9cf11f41f118067113f39...

Il fondamento ideologico del berlusconismo è la ricerca di una costante e sistematica omologazione culturale all’interno della società italiana: Silvio B. , anche se ha perso le elezioni, ha ottenuto il consenso di circa dieci milioni di italiani, la stragrande maggioranza dei quali non hanno il conto in Svizzera, la BMW in garage, la barca a Porto Cervo e la seconda casa a Cortina e non l’avranno mai : eppure continuano a votarlo.
Il Berlusconismo è un’ideologia che è ormai interiorizzata e profondamente penetrata nella coscienza degli italiani attraverso l’imbonimento televisivo, la pubblicità e più in generale imposta con la manipolazione del pensiero operata dall’industria culturale e da tutto il sistema mediatico da essa controllato.Nella lotta contro il centro-destra di Silvio B. oggi nessuno si chiede se per caso un tale leader, esattamente lui, non rappresenti la mentalità del nostro onnipresente ceto medio meglio di chiunque altro. Nessuno si chiede chi ha creato quella società italiana modernizzata che corrisponde alla leadership di Silvio B.. Nessuno cerca di capire come mai la sinistra è sempre meno creduta e ed amata dai suoi stessi elettori.Forse la ragione è che i partiti di centro-sinistra vengono visti come la variante sbiadita, spersonalizzata ed ipocrita di ciò che Silvio B. rappresenta del tutto coerentemente e senza pudore. Lui sì è un vero “carattere” italiano. Lui è la versione trasparente e riuscita di ciò che l’italiano medio è stato indotto a desiderare di essere.
Indubbiamente se ci si riferisce ad un generico "ceto medio" si compie una banalizzazione sociologica se non proprio antropologica. Già Pasolini, trent’anni fa, osservava come fosse sempre più difficile segmentare la società in ben definite classi sociali : oggi le divisioni sono molto più trasversali ed i confini incerti. Il "berlusconismo" trae forza anche da questa confusa polarizzazione sociale, imponendo con più facilità valori fasulli e stereotipi culturali, senza incontrare resistenza da parte di preesistenti culture particolari e di classe che oggi non esistono più. Lo stesso Fascismo da questo punto di vista incontrò seri ostacoli ad imporsi come ideologia dominante : la cultura fascista non penetrò mai a fondo nella coscienza della maggior parte degli Italiani, che, anche quando la accettarono, lo fecero per lo più per convenienza o quieto vivere e non per vera convinzione. La situazione odierna è per certi aspetti più complessa e di più difficile superamento, in quanto il condizionamento politico deriva da fenomeni di omologazione culturale che, molto spesso, vengono subiti in maniera inconsapevole.
MaxVinella






In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista
Terremoto di Casamicciola
martedì 22 - 17h08
di : Lucio Garofalo

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

Les hommes passent, les idées généreuses restent. Léo Ferré
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito