Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
Nell’anniversario dell’11 settembre, con l’Iran l’Europa tratta mentre Bush minaccia un’altra guerra

di : Gennaro Carotenuto
martedì 12 settembre 2006 - 14h00
JPEG - 11 Kb

di Gennaro Carotenuto

Questo articolo è la traduzione in italiano di quello da me scritto per il quotidiano "La Jornada" di Città del Messico.

Per celebrare l’11, il presidente statunitense George W. Bush non trova di meglio che minacciare una nuova guerra contro il più ovvio e più difficile dei bersagli: l’Iran. Questo paese, secondo Bush, “è come Al Qaeda”. È la misura del fallimento di cinque anni di "guerra al terrore".

Nella fase attuale dei negoziati tra Unione Europea (la troika), le Nazioni Unite (i 5+1) e l’Iran, le parole più sagge le ha avute Felipe González. Atterrando a Madrid, dopo di essersi incontrato a Teheran con il presidente iraniano Mahmoud Ahmedinejad, l’ex presidente socialista spagnolo ha affermato che ci sono importanti margini di trattativa, che l’Iran non vuole l’arma atomica, ma esige il rispetto del suo diritto allo sviluppo tecnologico garantito dallo stesso trattato di non proliferazione nucleare.

In una situazione nella quale Bush e Ahmedinejad si scambiano quotidianamente insulti che risultano surreali per l’osservatore internazionale, González ha riportato la crisi al suo punto di partenza, spogliandola di propaganda e estremismi.

Risulta chiaro che, nella partita per il nucleare iraniano, si confrontano almeno quattro posizioni. La prima è quella dello stesso Iran, che vive una fase storica nella quale vede possibile la consacrazione del proprio ruolo di potenza regionale. Il suicidio statunitense in Iraq ha trasformato questo paese in zona d’influenza iraniana -paradossale dopo che negli anni ’80, con Saddam Hussein, gli Stati Uniti avevano utilizzato proprio l’Iraq per limitare l’espansione rivoluzionaria degli ayatollah- e il fallimento bellico israeliano in Libano ha aumentato il prestigio perfino dell’industria bellica persiana. Una seconda posizione, quella europea, cerca una soluzione che convinca Teheran a rinunziare alla bomba attraverso i negoziati. Per l’Unione Europea, una nueva guerra statunitense, sarebbe una tragedia e un rischio mortale per la sicurezza energetica e commerciale dell’Europa. Anche se non escludono sanzioni, puntano sui negoziati. Un terzo gruppo, che in parte si interseca col secondo, maggioritario nel Consiglio di Sicurezza, ma che lascia perplesse la Cina e la Russia, punta a sanzioni immediate contro l’Iran che il 31 agosto ha violato la risoluzione numero 1.696 del Consiglio di Sicurezza dell’ONU e non ha sospeso il processo di arricchimento dell’uranio. L’ultima squadra, espressione del neoconservatorismo statunitense, con presenze importanti in Israele, cerca di utilizzare il pretesto nucleare per impedire che Teheran eserciti il suo ruolo di potenza regionale e regolare definitivamente e con le armi i conti sia con l’Iran che con la Siria.

L’Iran, firmando nel 1970 il trattato di non proliferazione nucleare, accettò di rinunciare alla bomba atomica e il fatto che la rivoluzione komeinista non abbia mai denunciato quella firma, va inteso come un valore in sé. Tuttavia, proprio per quello stesso trattato, nessuno può discutere il diritto iraniano allo sviluppo nucleare pacifico. Purtroppo, sia gli Stati Uniti che l’Iran, quando dicono pacifico intendono bellico e sia il fondamentalista protestante Bush che il fondamentalista sciita Ahmedinejad, si considerano strumenti delle loro rispettive divinità per realizzare missioni storiche. Bush, per mettere fine alla politica estera indipendente inaugurata in Iran solo dalla Repubblica Islamica (dopo l’episodio Mossadeq quando gli anglostatunitensi dimostrarono di considerare l’Iran come una semicolonia alla stregua del Guatemala o della Repubblica Dominicana), è disposto a sacrificare perfino quel minimo di governabilità raggiunto in Iraq, proprio in coabitazione con Teheran. Bush vuol giocarsi le traballanti relazioni con gli sciiti iracheni, per evitare la realizzazione dei presunti obbiettivi iraniani, ma per farlo confonde la minaccia del sunnita Osama Bin Laden con quella degli sciiti iraniani: mettere fine al neocolonialismo statunitense nella regione, ai regimi musulmani prooccidentali, distruggere Israele. Ahmedinejad risponde con un discorso radicale che si accorda perfettamente al discorso di Bush e la retorica dell’uno è funzionale a quella dell’altro. Per il presidente iraniano l’Islam è il futuro rispetto ad un liberalismo decadente. Bush, cinque anni dopo l’11 settembre, non può ammettere che la guerra contro il terrorismo, e tutta l’impalcatura dell’unilateralismo neocon, siano in stallo -se non sconfitti- per l’incapacità del messianismo protestante di coniugare la forza con la politica. Non un solo paese al mondo è oggi più sicuro per gli interessi statunitensi, e la dimostrazione definitiva è stato il caso libanese. Il Libano era mostrato come modello del successo della strategia di esportazione della democrazia e del Grande Medio Oriente ma, alla prima occasione, l’alleato israeliano ha ritenuto di non avere altra via che cancellarlo dal pianeta. Oggi i nemici sono aumentati rispetto a cinque anni fa e dopo l’ultima guerra libanese il mondo islamico si è perfino convinto che sia Israele che gli Stati Uniti non siano invincibili. Paradossalmente il pianeta è molto più multilaterale oggi di quando inizio l’imposizione dell’unilateralismo statunitense chiamato "Progetto per un nuovo secolo americano", le tavole della legge del neoconservatorismo. È chiaro oggi che proprio la logica della guerra contro il terrorismo impedisce agli Stati Uniti di fare politica, raccogliendo i segnali che gli iraniani moderati -i riformisti di Kathami, i tecnomullah di Akbar Hashemi Rafsanjani- hanno continuato a lanciare verso Washington. Bush non ascolta, non ascolta mai, e sogna oggi di imporre il più stretto isolamento all’Iran -quasi un embargo che ricorda quello di Cuba- per abbattere il regime, possibilmente manu militari.

Quello di Bush è un sogno pericoloso oltre che impraticabile. Sia la Russia che la Cina, entrambi membri permanenti del Consiglio di Sicurezza, come altri attori globali come l’India e il Venezuela, testimoniano che la comunità internazionale, che coincide sempre meno con l’Occidente, va in un’altra direzione e non ha nessun interesse ad isolare l’Iran. Dal 1997 il riformista -qualunque cosa significhi- Mohammad Kathami ha lanciato ininterrottamente segnali di riconciliazione. Mentre gli europei -in particolare Germania ed Italia- stabilivano fruttuose relazioni con Teheran, solo “il grande Satana” non raccolse quei segnali. Adesso in Iran la stagione riformista è terminata -soprattutto a causa delle guerre concentriche con le quali gli Stati Uniti hanno circondato il paese, dall’Afghanistan all’Iraq- e sono ritornati a comandare gli estremisti. Forse ha ragione Bush sul fatto che con Ahmedinejad non si può trattare. Eppure, chi ha spinto l’Iran verso una svolta a destra se non la politica costantemente aggressiva degli Stati Uniti che ha rafforzato i Pasdaran dei quali proprio Ahmedinejad è espressione, incapace di differenziare tra le diverse anime della teocrazia iraniana? Forse la misura più chiara dell’incapacità statunitense di comprendere la realtà iraniana e quindi fare politica è testimoniata dal protervo, crudele e dannoso mantenimento nella lista dei gruppi terroristi dei "Mojahedin del popolo", la principale organizzazione politico-militare che si oppone al regime. Proprio questa settimana il mojahedin Valiollah Feyz Mahdavi, 28 anni, è morto in galera in circostanze che neanche Amnistia Internazionale riesce a chiarire. È almeno il sesto prigioniero politico iraniano morto in carcere quest’anno nell’indifferenza di quell’Occidente che si autodefinisce "comunità internazionale". Tale indifferenza esplicita che il cammino verso il cambio di regime per i neocon passa esclusivamente attraverso il loro intervento dall’esterno. L’uso della forza appare sempre di più l’unico strumento della politica estera statunitense anche se, in questo modo, perfino la deterrenza perde valore come arma negoziale. È palese che l’aggressività statunitense sia invece lo strumento più utile alla continuità dello stesso regime iraniano. Ed è la misura del totale fallimento della politica mediorientale di Bush a cinque anni dall’11 settembre.

http://www.gennarocarotenuto.it



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo





In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista
Terremoto di Casamicciola
martedì 22 - 17h08
di : Lucio Garofalo

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

Le progrès technique est comme une hache qu'on aurait mise dans les mains d'un psychopathe. Albert Einstein
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito