Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
PER FEDERICO ALDROVANDI

di : mazzetta
venerdì 22 settembre 2006 - 17h22
2 commenti
JPEG - 44.5 Kb

Voglio porgere un invito ai commentatori che domani affronteranno l’ingrato compito di riferire della manifestazione in programma a Ferrara per chiedere che sia fatta luce sulla morte di Federico Aldrovandi.

Quasi tutti quelli che conoscono la sua storia lo devono alla sua famiglia, che ha trovato la forza di reagire a una situazione che nessun cittadino italiano dovrebbe mai affrontare.

Una mattina di un anno fa, il 25 settembre, Federico non è tornato a casa. E’ morto a pochi metri dalla sua abitazione, all’alba, in una tranquillissima zona di Ferrara, dopo un serata con gli amici.

La polizia, che ha disgraziatamente incrociato il destino di Federico quella mattina, riferì che il giovane diciottenne era stato sorpreso a picchiare la testa contro i pali della luce. Dice che ci fu chi telefonò al centralino per avvertire di questa bizzarria di Federico e che gli intervenuti si adoperarono per contenerlo e soccorrerlo. Qui comincia una vicenda che sarebbe surreale se non chiamasse in causa l’onorabilità delle istituzioni e non traesse spunto dalla morte di un ragazzo.

La polizia non ha saputo produrre la telefonata al centralino, che non ha lasciato traccia.

La polizia riferisce che Federico, molto agitato, sarebbe salito due volte sulla loro auto per lanciarsi nel vuoto, la seconda addirittura a cavalcioni di una delle portiere aperta. La polizia riferisce di averlo immobilizzato e ammanettato.

I genitori di Federico però sono chiamati riconoscere un cadavere che porta i segni di una selvaggia violenza, difficilmente compatibili con l’autolesionismo. La stessa polizia riferisce di aver rotto due manganelli. Sul corpo tumefatto ci sono anche diverse ferite, una delle quali allo scroto (ricordate Federico che si tuffa dal tetto della volante a gambe aperte?).

La versione della polizia non concorda con quella dei sanitari intervenuti in seguito. Sulla stampa locale Federico muore "per un malore provocato dalla droga", i cronisti locali vengono "imbeccati" e denunceranno poi pressioni. Passano i mesi e i risultati dell’autopsia sul corpo di Federico tardano troppo. I genitori non sanno che pesci pigliare, visto il muro di gomma che avvolge la vicenda ancora più di quanto la nebbia non cinga la città in quei mesi. Scoraggiati pensano di aprire un blog per denunciare i loro sospetti e chiedere ragione delle troppe incongruenze.

Il blog si rivela provvidenziale, diversi volontari lo affiancano e diffondono la storia di Federico. Gli eventi vengono analizzati in rete, emergono sempre più numerosi particolari "inquietanti" e comportamenti altamente disonorevoli, quando non veri e propri reati, sia da parte di elementi della polizia che del "sistema" cittadino, troppo veloce ad assolvere distrattamente chi invece sarebbe stato richiesto di chiare e solari spiegazioni. Perizie contestate, indagini interne affidate a personale in rapporti stretti con gli indagati, contraddizioni a valanga e comportamenti contrari ai doveri imposti dallo status. I sindacati di polizia non mancano di coprirsi di vergogna in nome di un peloso garantismo.

A oggi la storia di Federico è ancora in attesa di un verità giudiziaria; è giunto l’interessamento del Ministro dell’Interno e il questore di Ferrara (particolarmente sgradevole nella vicenda) è stato promosso e rimosso. Ma ancora la verità sulla morte di Federico non c’è.

A Ferrara si terrà quindi una manifestazione, il 23 settembre, con la quale la famiglia e quanti hanno affiancato la loro lotta contro un’istituzione sorda ai diritti dei cittadini e cieca con le responsabilità dei suoi operatori, chiederanno verità sulla sua morte.

Alcuni giornali hanno già preparato il "panino" con il quale fanno digerire questo genere di notizie ai loro lettori.

Secondo queste geniali fonti la manifestazione per Federico può essere utilmente tradotta e riassunta nella domanda: "Ci saranno violenze?". Domanda che presume la pubblicazione di una serie di ipotesi apocalittiche e di quadri che dipingono l’arrivo dei barbari nel tranquillo paesone estense, la prima fetta del panino.

Per concludere, a manifestazione passata, la seconda fetta composta da una serie di articoli a stigmatizzare qualche slogan controverso urlato da chissà chi o una scritta su un muro.

Ovviamente questo serve a non riferire delle raccapriccianti circostanze della morte di Federico e dell’inverecondo comportamento degli agenti coinvolti, dei loro colleghi, del questore e in generale di tutto il sistema ferrarese, stampa compresa.

Per questo, visto che la prima parte del panino ci è già stata propinata, pregherei i signori della stampa, in particolare quelli della stampa ferrarese che hanno più di qualcosa da farsi perdonare, di evitare di servire la seconda fetta. Se proprio non possono pubblicare un’analisi obiettiva della vicenda di Federico, per informare i propri lettori e come attenzione dovuta a un difetto "di sistema", tacciano.

Facciano finta di non aver saputo della manifestazione o parlino d’altro; sarà sempre meglio del noioso ed ipocrita panino con il quale ormai traducono qualsiasi protesta in una pochade per creduloni impauriti dai teppisti non meno che dai truci musulmani.

Giù il cappello, frullatori di hamburger nel fast-food dell’informazione. Si ricorda la morte di un cittadino che non doveva morire e si accompagna il dolore della sua famiglia. Abbassate gli occhi e fate silenzio. Grazie.

www.altrenotizie.org

Il blog dei genitori di Federico

http://federicoaldrovandi.blog.kata...



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo


Forum del' articolo
 

> PER FEDERICO ALDROVANDI
22 settembre 2006 - 17h29 - Di 900849c1e3cb34dcd7635fe49922dab2...

Cara Patrizia,

sabato prossimo ci saremo anche noi, in piazza, assieme a migliaia di altre persone, a ricordare Federico e la sua terribile fine.

Ti saremo vicine, cara Patrizia, come ti siamo state vicine in questo lunghissimo anno, a manifestare per il tuo estremo bisogno - che è anche il nostro estremo bisogno - di giustizia.

L’Obiettivo della nostra associazione è l’azione politica per dare alle donne quella voce che viene spesso loro negata.

Il tuo comportamento, però, ci insegna che quando una donna è mossa dalla passione dell’amore materno, da quello stato di fusione con il corpo di suo figlio che durerà eternamente, è capace di prenderla, quella voce, e di usarla.

La manifestazione di sabato è un gesto simbolico più concreto di qualunque azione concreta, perchè è un atto fertile, che partorirà degli effetti profondi e indelebili in tutte e tutti noi, e nella nostra memoria.

Noi saremo là, a condividere con te questo momento di grande forza, coraggio e nutrimento per la società tutta, e ti assisteremo ed aiuteremo quando ce lo chiederai.

Le donne dell’UDI

Ferrara, 21 settembre 2006"



> PER FEDERICO ALDROVANDI
23 settembre 2006 - 11h03 - Di 900849c1e3cb34dcd7635fe49922dab2...

Aldro, un anno di bugie
by paskal007r@freemail.it

Esattamente un anno fa, il 25 settembre 2005, veniva ucciso in un bagno di sangue Federico Aldrovaldi, diciottenne, morto nelle mani delle "forze dell’ordine", costato allo stato la rottura di 2 manganelli.

Esattamente un anno fa, il 25 settembre 2005, veniva ucciso in un bagno di sangue Federico Aldrovaldi, diciottenne, morto nelle mani delle "forze dell’ordine", costato allo stato la rottura di 2 manganelli.
Morì rincasando, a piedi, dopo una serata fuori casa; alle otto di mattina del giorno dopo sua madre lo chiama più di una volta, gli manda SMS, ma nulla, non ottiene risposta.
Poi, chiamando quel cellulare col numero del padre (che era memorizzato col solo nome di battesimo, "Lino", nella rubrica), finalmente una risposta; la voce chiese chi era a telefono, di descrivere Federico(!) e si qualificò solo alla fine come un agente di polizia.
Disse che il cellulare era stato ritrovato su una panchina e che stavano facendo accertamenti, quindi ha riattaccato, sbrigativamente.
Passano tre ore in cui il centralino della questura viene tartassato di domande, assieme agli ospedali della zona e gli amici di Federico.
La polizia ha avvertito i genitori di Federico solo alle 11, quando il corpo era già stato rimosso.
Il decesso è avvenuto alle sei, cinque ore prima.
Dopo cominciarono le storie, così tante e così diverse che sarebbero la gioia di ogni scrittore. Dissero che un abitante della zona aveva chiamato lamentandosi di delle urla e che arrivati sul posto lo avevano trovato intento a sbattersi la testa contro i muri(!). Dissero che aveva resistito all’arresto, che era addirittura salito sulla macchina della polizia in piedi. Dissero che era drogato, un tossico e autolesionista. Dissero anche che era ancora vivo quando sono arrivati i medici, che addirittura si erano opposti all’idea di togliergli le manette. Dissero che era morto per un malore. Dissero che era morto di overdose. Dissero che non era morto per le percosse, anzi, le percosse non c’erano nemmeno state.
Dissero una valanga di menzogne.
I medici invece hanno raccontato una storia diversa, più precisa, ricca di dettagli: hanno riferito che Federico aveva lo scroto schiacciato, una ferita lacero-contusa alla testa e numerosi segni di percosse in tutto il corpo, segni neri ai polsi, lasciati dalle manette. L’ambulanza all’arrivo l’ha trovato già cadavere.
I fatti lasciano poco spazio, in verità, a divagazioni fantastiche.
Riassumiamone alcuni: ci sono 2 manganelli rotti, evidenti e numerosi segni di percosse, i segni delle manette ai polsi del cadavere, 4 agenti della polizia sono stati curati nel vicino Ospedale S.Anna, l’auto contro cui si sarebbe ferito Federico è stata riparata e ripulita prima ancora che venissero effettuati accertamenti, non sono state sequestrate le armi del delitto (i manganelli), in una registrazione di una comunicazione tra i poliziotti e la questura gli agenti hanno dichiarato di averlo "pestato di brutto" e altre amenità, sono state fatte false attestazioni nei verbali, i legali e la madre della vittima sono inoltre stati indagati e denunciati disciplinarmente(!!!), tessuti del cadavere prelevati come campioni e classificati come reperti non sono stati conservati e sono stati usati solo per esami estremamente limitati, infine troviamo il ferreo silenzio degli indagati davanti al pm.
E’ una valanga di fatti che delineano da soli una storia completamente diversa da quella che raccontano le forze dell’ordine ai giornali.
La storia di una verità palese ma negata, di un’impunità di casta che dopo l’insabbiamento delle indagini sulle violenze del G8 sembra destinata a diventare la nuova regola portando le forze che avrebbero dovuto garantire la legge al di là della legge stessa.
Tutto questo è inaccettabile in quella che dovrebbe essere una democrazia, è inaccettabile di fronte all’umanità e ai valori di giustizia che la nostra costituzione e la dichiarazione universale dei diritti umani rappresentano, è inaccettabile per chi ritiene di vivere in uno stato civile, per chi ritiene di essere protetto e non minacciato dalle forze dell’ordine, in definitiva è inaccettabile per ogni cittadino che con le sue tasse paga l’esistenza e le armi di chi ha ucciso Federico e che potrebbe in qualsiasi momento essere al posto della vittima.

divideetimpera.splinder.com






Corruzione e schiavitù moderna : il controverso leader del Qatar in visita in Italia
lunedì 19 - 12h52
di : Valentina Ricci
In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

Aucune carte du monde n'est digne d'un regard si le pays de l'utopie n'y figure pas. Oscar Wilde
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito