Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Lavoro usurante: una chimera per i lavoratori

di : Alessandro Ambrosin
martedì 26 settembre 2006 - 13h13
4 commenti
JPEG - 15.5 Kb

di Alessandro Ambrosin

Con l’ultima manovra finanziaria si torna a discutere di pensioni e dell’ età anagrafica per raggiungere questo diritto. Una tematica che alla fine ha sempre colpito con meno o più impeto le tasche dei lavoratori.

Un tema delicato e controverso sotto tanti aspetti. Una volta definito il tetto massimo di età pensionabile, restano ancora in discussione i lavori usuranti, cioè quelle tipologie di professione a rischio per la salute di chi opera in certi contesti.

Un accenno storico

Il sistema pensionistico italiano è relativamente giovane rispetto agli altri paesi europei. In Italia il sistema pensioni si caratterizza dalla coesistenza della normativa di quiescenza dei dipendenti pubblici con le forme mutualistiche di assicurazione dei dipendenti privati contro la malattia, l’invalidità, la vecchiaia, la morte, dapprima forme settoriali e facoltative e poi dal 1920 come assicurazione generale e obbligatoria.

Le differenze inizialmente tra questi due grandi comparti del mondo del lavoro erano fondamentali: la pensione dei dipendenti pubblici si poneva di fatto come prosecuzione del compenso per il servizio reso allo Stato, e quindi aveva un rapporto strettissimo con l’ultima retribuzione percepita in servizio; nel privato, invece, la libera iniziativa dei lavoratori si rivolgeva al canale assicurativo e presentava fin dall’inizio il classico rapporto contributi/prestazioni.

Fino al 1992 il sistema pensionistico si è rapportato con questi due comparti. Uno pubblico e l’altro privato. L ’intervento del governo Amato nello stesso anno fu attuato bloccando le pensioni di anzianità per il periodo necessario ad approvare in Parlamento una scarna legge delega e a emanare il relativo decreto legislativo delegato. Si affrontarono allora soprattutto i problemi finanziari più urgenti, ma si misero anche in moto meccanismi destinati ad armonizzare, nel lungo periodo, la disciplina dei dipendenti pubblici con quella dei dipendenti privati.

Fu elevata l’età pensionabile e aumentato il numero di contributi necessario per andare in pensione di vecchiaia; il massimale pensionistico fu esteso a tutti, anche se in modo graduale, così come la limitazione del cumulo pensione-reddito da lavoro. Anche il calcolo della pensione, pur rimanendo retributivo, uscì dalla logica dell’ultimo stipendio per prendere in considerazione, a regime, tutte le retribuzioni della vita lavorativa, a partire da quella del 1988.

Con la riforma del 1995 (riforma Dini) nasce un nuovo regime pensionistico, applicabile in maniera assolutamente identica a tutti i lavoratori, privi di anzianità assicurativa alla data del 31 dicembre 1995, in tutti i settori e categorie del lavoro dipendente e autonomo: si tratta del regime contributivo, che rompe le rigidità del regime precedente sia nel numero di contributi necessari per andare in pensione (un requisito contributivo molto alto è causa del formarsi di un gran numero di posizioni “silenti”, cioè infruttuose per chi le ha aperte) sia nei limiti di età.

Questo è possibile grazie al meccanismo di calcolo della pensione, costruito in modo da mantenere inalterato l’onere finanziario del sistema indipendentemente dalle scelte effettuate dagli iscritti all’interno di una gamma prefissata. Per la pensione di anzianità si previde una scaletta di crescita dei requisiti che a regime (cioè nel 2008) avrebbe dovuto portarli a combaciare con quelli previsti nel regime retributivo: non meno di 57 anni di età (come nel contributivo) o, in alternativa, non meno di 40 anni di contributi (come nel contributivo).

Con un passaggio successivo, nel 1997, il processo di crescita del requisito di età fu velocizzato in modo da arrivare alla soglia dei 57 anni già nel 2002. Quest’accelerazione non riguardò le categorie che , in assenza di altre forme di tutela del lavoro usurante, come la legge del 1993(1) tuttora inapplicata avevano e hanno ancora nella pensione di anzianità l’unica valvola di sicurezza per la cessazione dell’attività lavorativa prima dei limiti di vecchiaia.

Il lavoro usurante

Il 4 settembre 1999 la Gazzetta Ufficiale pubblico’ il decreto nel quale individuava i nuovi lavori usuranti. Usuranti sono quelle professioni con caratteristiche di maggiore gravità dell’usura che presentano anche sotto il profilo dell’incidenza della stessa sulle aspettative di vita, dell’esposizione al rischio professionale di particolare intensità, delle peculiari caratteristiche dei rispettivi ambiti di attività con riferimento particolare alle componenti socio-economiche che le connotano, le seguenti, svolte nei vari settori di attività economica (pubblicato sulla G.U. n.208 del 4/9/1999).

 lavori in galleria, cava o miniera
 lavori nelle cave
 lavori nelle gallerie
 lavori in cassoni ad aria compressa
 lavori svolti dai palombari
 lavori ad alte temperature
 lavorazione del vetro cavo
 lavori espletati in spazi ristretti
 lavori di asportazione dell’amianto

Tutte devono essere mansioni svolte con carattere di prevalenza e continuità.

Al momento vi sono mansioni lavorative del tutto escluse da questo elenco e che prima invece appartenevano ai cosiddetti "lavori a rischio".

I parametri optati per deputare un lavoro usurante sono evidenti e giustificate, ma le scelte esclusive del tutto arbitrarie. Nessuno studio è mai stato portato avanti con la collaborazione del Ministero della Sanità in tale senso, e la maggior parte delle volte si è cercato di sminuire la gravità di alcune mansioni.

L’Inps non ha mai pubblicato un censimento sulla mortalità dei lavoratori rispetto alla professione svolta.Le Asl, e il ministero della sanità non hanno mai divulgato dati sulle patologie piu’ diffuse in alcuni settori. E di questo oscurantismo ne traggono vantaggio le aziende che spesso e volentieri celano i rischi nel proprio settore produttivo. Avere dati ufficiale significa anche influenzare i contratti collettivi di lavoro.

Una sentenza del 2 febbraio 2005 (Tribunale civile di Roma, Sentenza 2 febbraio 2005 n°1760) dice che ai lavoratori impegnati in lavori particolarmente usuranti, (sotto il profilo delle aspettative di vita e dell’esposizione a rischio professionale di particolare intensità ) sia anticipata l’età pensionabile.

Ma questa sentenza rimane un fatto isolato. Ogni lavoro deputato a rischio ma non ufficializzato dal decreto dovrebbe in maniera individuale ricorrere ad azioni legali per vedersi riconosciute e convalidate le proprie caratteristiche usuranti. E cio’ comporta tempi lunghissimi.

Oltre ad un usura visibilmente oggettivata dai danni fisici che un lavoro può provocare , oggi con la conseguente iper-produttività in aumento esponenziale, subentrano anche patologie di tipo psicologico, che ancora non vengono prese in considerazione.

E’ ormai evidente che confindustria e aziende di vari settori abbiano un controllo affinchè non trapeli niente in tale senso. La legge sui lavori usuranti deve essere messa in funzione dal ministero del Lavoro, individuando anche ulteriori risorse aggiuntive a carico dello Stato, e qualsiasi intervento sulle pensioni di anzianità deve tenere conto in maniera adeguata della specificità delle categorie di lavoro .

Tutti interventi, che migliorerebbero il grado di tutela ed equità del sistema e che permetterebbero un ulteriore risparmio di risorse con la logica della razionalizzazione piuttosto che del taglio.

Ma il Governo fino ad oggi non ha tenuto conto dei lavori usuranti e non vuole introdurre norme a tutela di queste posizioni. O per lo meno le sottovaluta palesemente. Attualmente risultano esclusi i lavoratori dell’industria, del commercio e dei servizi (siderurgici, catene di montaggio, addetti alle celle frigorifere, autisti, turnisti a ciclo continuo,operatori di volo,marittimi, chimici, ospedalieri, etc.). Per chi svolge un’attività lavorativa che ne riduce drasticamente le aspettative di vita la pensione anticipata per aver svolto una professione usurante diventa una mera chimera.

(1) Il decreto legge n.148 del 1993 punto 11: Ai fini dell’attuazione di quanto previsto dall’articolo 1, commi da 34 a 38, della citata legge, in materia di lavoro usurante, i criteri per l’individuazione delle mansioni usuranti sono stabiliti con decreto del Ministro del lavoro e della previdenza sociale, di concerto con i Ministri del tesoro, del bilancio e della programmazione economica, della sanità, per la funzione pubblica e per gli affari regionali, da emanarsi entro sei mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, su parere di una commissione tecnico-scientifica, composta da non più di venti componenti, costituita con carattere paritetico da rappresentanti delle amministrazioni interessate e delle organizzazioni maggiormente rappresentative dei datori di lavoro e dei lavoratori)- avevano e hanno ancora nella pensione di anzianità l’unica valvola di sicurezza per la cessazione dell’attività lavorativa prima dei limiti di vecchiaia.



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo


Forum del' articolo
 

> Lavoro usurante: una chimera per i lavoratori
26 settembre 2006 - 16h34 - Di a3242ebcadcf91878c4ca93be7a3017b...

Non vengono considerati usuranti mestieri come l’autista di autobus che sta varie ore nel traffico con motirini ed auto che ti spuntano all’improvviso ma in compenso viene ritenuto usurante il lavoro di commesso alla camera dei deputati(ogni anno di contributi vale un anno e mezzo a fini pensionistici).Questa è l’Italia dei piccoli e grandi privilegi!



> Lavoro usurante: una chimera per i lavoratori
24 dicembre 2006 - 18h47 - Di 084f256cf6d11f8570de7b409cb202aa...

sono un infermiere e svolgo la professione da 30 anni,turnista in H24,in contatto diretto con la malattia e la morte,non credete che la mia professione debba essere ritenuta anch’essa usurante?

S.R


> Lavoro usurante: una chimera per i lavoratori
7 agosto 2007 - 16h59 - Di 5bd27cff58a08aea3571bc93f0f91b61...

sono un infermiere anchio il nostro è un lavoro durissimo specialmente chi è turnista è svolge 12 ore di notte.
ma la legge ha inserito gli infermieri turnisti come lavoro usurante.
oltre al rischio biologico, o meglio infettivo che stiamo sempre noi poveri infermieri massacrati con turni sconvolgenti io sono un infermiere da circa 33 anni è ti posso assicurare che per 25 anni la notte sono stato da solo con due reparti uno di chirurgia generale, l’altro di ortopedia con grossi interventi di protesi d’anca. più usurante di questo dove sono i controlli, dove sono i sindacati un ciao a presto in attesa della tua risposta. comunque la riforma pensionistica a inserito gli infermieri turni sti come lavoro usurante ciao alex


Lavoro usurante: una chimera per i lavoratori
8 agosto 2007 - 17h46 - Di 8dd8d1558fc7dc32e0fb9dd13359e12a...

ciao a tutti sono una guardia giurata, noi al momento non siamo compresi nella normativa in questione, però siamo compresi nella normativa " carne da macello a poco prezzo" senza tutele,senza valore,con stipendi da "circo" , pensate da noi , contemplato nel ccnl esiste il contratto "nottr fissa" 35 anni senza vedere la luce, è un paradosso però è la verità, esiste anche la tipologia di servizio " tiro al bersaglio fermo" alias pintonamento bancario, oppure il tiro dinamico in movimento,"vedi il povero collega venuto a mancare pochi giorni fa mentre consegnava il danaro con un furgone portavalori in meridione" ma il nostro non è unlavoro usurante ci vogliono piu vittime, 18 al momento siamo solo in agosto se x la fine dell anno arriviamo a 30 forse il governo ci da la bambolina, abbiamo però un opportunità cambiare lavoro, tanto altri sicuramente prenderanno nil nostro posto....... un caro saluto a tutti quelli che mettono l anima nel loro lavoro che credano in un futuro migliore e che domani.... possano leggere di nuovo qesti sfoghi letterrari w l italia
oreste57






FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista
Terremoto di Casamicciola
martedì 22 - 17h08
di : Lucio Garofalo
La Strage di Barcellona ed il genio incompreso di G Romero
lunedì 21 - 21h23
di : pugliantagonista
16 agosto 1894: Sante Caserio fa il fornaio non la spia
martedì 15 - 18h38
di : caserio
Agosto 1926-2017 Resistete agli sfratti, opponete l’azione autonoma di Classe
venerdì 11 - 17h52
di : pugliantagonista
editoriale 10 anni di Pugliantagonista.it
giovedì 10 - 21h58
di : pugliantagonista
UNO SPETTRO NAZIFASCISTA SI AGGIRA NEL MEDITERRANEO [MA CHI LO FINANZIA?]
domenica 6 - 16h31
di : Lucio Galluzzi
In rete il numero di luglio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 17 - 11h12
di : Franco Cilenti
Uomini o caporali
martedì 11 - 16h48
di : Lucio Garofalo
no In rete il nuovo numero del periodico nazionale Dire, Fare Rifondazione
domenica 9 - 10h29
di : Franco Cilenti
Progettifici e dittatori scolastici
mercoledì 5 - 15h57
di : Lucio Garofalo
Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino
venerdì 2 - 16h52
di : Alessio Di Florio
In rete, e in distribuzione, il nuovo numero del periodico lavoro e Salute
martedì 23 - 10h59
di : Franco Cilenti
Pubblicato Dire, Fare Rifondazione, notiziario dell’Organizzazione - maggio 2017
lunedì 15 - 08h28
di : Franco Cilenti
1 comment
Pubblicato Dire, Fare Rifondazione, notiziario dell’Organizzazione - maggio 2017
lunedì 15 - 08h28
di : Franco Cilenti
L’ESERCITO DI RISERVA NELLE MANI DEL CAPITALISMO NELLA LOTTA DI CLASSE
sabato 6 - 06h15
di : PCL Pavia
Sinceramente razzisti
giovedì 4 - 19h25
di : Antonio Recanatini
PACE
sabato 8 - 07h43
di : Franco Astengo
SULL’ORLO DELLA GUERRA?
venerdì 7 - 10h21
di : Franco Astengo
LA PROSPETTIVA DI UN GOVERNO DELLE LAVORATRICI E DEI LAVORATORI
martedì 28 - 06h03
di : PCL Pavia
La vendetta come augurio (Elogio della vendetta)
martedì 21 - 21h55
di : Antonio Recanatini

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

La question est de savoir dans quels cas et jusqu'à quel point nous sommes obligés d'obéir à un système injuste. John Rawls
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito
Letteratura e guerra partigiana in Italia a Parigi
martedì 7 Febbraio
di : ANPI PARIGI
Il Collettivo Bellaciao sarà presente... Un ciclo di incontri sulla letteratura della Resistenza presentato da Daniele Gaio presentato da Daniele Gaio 13 e 27 febbraio, 5 marzo 2012, ore 19 alla libreria: "La Libreria" 89 rue du faubourg Poissonnière 75009 Parigi L’Anpi Parigi, sezione Carlo e Nello Rosselli, in collaborazione con La Libreria, vi propone un ciclo di incontri sulla letteratura della Resistenza italiana. Quattro narratori (Italo Calvino, Cesare Pavese, Beppe (...)
Leggere il seguito