Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Percorsi : Hamas, Hezbollah, Talebani

di : Lidia Menapace
giovedì 5 ottobre 2006 - 00h17
1 comment
JPEG - 36.3 Kb

di Lidia Menapace

Ero a Roma il 30 settembre e poichè abito molto vicino a dove si è conclusa la manifestazione per il ritiro immediato delle truppe italiane dall’Afganistan, e contro la spedizione in Libano, ho incontrato un certo numero di compagni e compagne che conosco da una vita e che mi chiedevano amareggiati perchè non ci fossi andata.

Non ero e non sono d’accordo con la piattaforma, anche se so che è detta e scritta e agita con una coscienza politica che in molti aspetti considero vicinissima a me. A allora? come mai? non sono mai stata una che per aderire a una cosa vuole che ci siano tutte le parole che ama.

Provo a spiegarmi, per me stessa, e per chi guarda con affettuoso rimprovero i miei atteggiamenti.

Credo si debbano rinnovare le nostre categorie analitiche, e questa è una affermazione generale che mi sento di fare ognivolta, di fronte a discorsi che mi suonano poggiati su categorie note conosciute studiate, ma ripetute in un modo che mi pare -ho detto a Taranto il 29 settembre- un po’ "superstizioso", avrei voluto dire: come amuleti o portafortuna, insomma non razionali, ma solo rassicuranti. Lo dico sempre di fronte a grandi categorie interpretative che a mio parere bisogna conoscere amare, ma saper anche considerare non più adatte a leggere il presente: per questo si cerca di fare la Sinistra Europea, per meno non vale la pena, per operazioni di ricucitura, rattoppo, ricamo non serve darsi tanto da fare, anche se sono lavori utili. Meno di tutto serve ripristinare una ortodossia, le scelte moderate che lottiamo non sono nate per caso, o per tradimento: i problemi che mostrano sono reali, bisogna trovare altre soluzioni, non ripetere le proposte di decenni fa.

Inoltre le nuove analisi vanno costruite attraverso il metodo del consenso cioè cercando le approssimazioni successive verso un nucleo di realtà convincente anche se non per tutti/e allo stesso modo, non credo si debba cercare l’unità, ma la molteplicità, non la sintesi che non ospiti varianti, ma ragioni diverse per concorrere allo stesso fine ecc. Vuol dire fare i conti fino in fondo col pensiero della differenza che mette in crisi tutti i monoteismi. E per raggiungere un buon consenso l’atteggiamento verso chi è di altra opinione è bene che sia modesto, sommesso, "repubblicano", come sono solita dire, e non puro e duro, sprezzante. Scrivo proprio perchè tale atteggiamento critico e sommesso ho riscontrato in chi, venendo dalla manifestazione mi ha incontrato.

Come base analitica, oltre a un atteggiamento consensuale, cioè di ricerca del consenso e modesto, cerco sempre di partire da esperienze note. E questa è la cosa che a me è tornata più utile. Mi spiego subito con esempi. Appena avviata la faccenda libanese, le parole più forti sono state usate verso gli Hetzbollah, giustamente: ma ci siamo sbracciati a chiedere chi dovesse disarmarli ecc. Intanto la missione delle N.U. non ha il compito di disarmare, bensì di garantire la tregua, chiesta dai due popoli che si fronteggiavano sanguinosamente. Aggiungo che per fondare una analisi precisa si deve partire dall’uso corretto delle definizioni, anche tenendo conto di alcune non sempre sincere sottigliezze del diritto sulle quali però bisogna imparare a giocare e non invece sprezzantemente ignorare. Mi spiego con un esempio: quando ci fu il fenomeno del fordismo Lenin non disse nè che era cambiato il modo di produzione, nè che non era cambiato nulla, ma si occupò appunto del fordismo seriamente e con precisione, per poter attrezzare la lotta operaia.

Appena dunque ho cominciato a leggere i fatti, prima di tutto ho cercato di capire che cosa sono gli Hezbollah. Non sono Al Qaeda, sono proprio un’altra forma politica di risposta ad Israele e agli USA , meno ambigua di Al Qaeda sulla quale pesano sospetti di infiltrazioni e peggio, persino a proposito dell’11 settembre. Pensando agli Hezbollah mi è venuto in mente Hamas, che avevo a lungo esaminato, dato che a me erano famigliari quelli di Al Fatah, il partito di Arafat. Sapevo che era molto corrotto, e che Hamas era per questo espressione di altri pensieri politici: ma ambedue erano e sono formazioni politico-militari. Così Hamas come partito politico-militare prende parte alla lotta politica e vince le elezioni. Da questo punto in poi tende a diventare partito politico (e quasi basta).

Un processo simile si verificò anche dentro la Resistenza: ogniqualvolta una forma politico-militare vince, si divide tra chi pensa di aver ottenuto il fine proposto e il maggior risultato possibile e passa all’azione solo politica, cioè che escluda l’uso della forza e delle armi, e chi invece vuole proseguire con le armi. Chi appoggia da fuori fa bene, a mio parere, a favorire il processo verso la politica e ad escludere l’uso delle armi. Almeno appena vede che si apre una strada che può essere percorsa appunto dalla politica, e che rende perciò non accettabile qualsiasi uso di armi. Per questo Hezbollah -per così dire- si disarma da sè e viene costituzionalizzato entro lo stato libanese, del cui governo fa già democraticamente parte.

Riusciamo a capire che cosa è utile fare da parte nostra? possiamo fare esempi con storie analoghe successe in Europa: non siamo affatto estranei da storie simili: ad esempio i Baschi e gli Irlandesi hanno formazioni politico-militari e nei loro confronti è stata rispettata rigorosamente la sovranità spagnola e inglese e non si sono invocate nè condotte invasioni missioni liberatorie ecc.ecc. E ambedue sono sulla via di una risoluzione per la quale si è usata una pazienza internazionale lunghissima. Dunque, se Hamas e Hezbollah debbono essere considerati interlocutori, ogniqualvolta si ha qualcosa da dire, perchè non cercare che anche i Talebani si riconvertano in formazione politico-militare ed entrino nel discorso? la cosa è più difficile, dato che in Afganistan formalmente c’è un governo regolare, e truppe di vari stati sotto nome Nato di occupazione, ma potrebbe essere l’Iran a consigliare Hezbollah, dato che è in contatto con loro ed è capace di essere sufficentemente doppio e sottile.

Da ciò la mia assoluta incapacità di seguire altre strade che non siano a un dipresso quelle che ho già detto: cerchiamo di trascinare la questione afghana verso azioni simili a quelle del Libano, e -anche attraverso rapporti decenti con il governo iraniano- cerchiamo di indire una conferenza internazionale alla quale prendano parte tutti gli attori afgani, il governo, ma anche l’opposizione, Rawa, i Talebani e i contadini e le truppe stanziate sul territorio e l’Europa e trattiamo con gli Afgani e vediamo se si riesce a trasformare i militari in garanti della tregua o -meglio- a sostituirli con missioni di caschi bianchi, cioè con forze organizzate ma non combattenti. Insomma a me pare che giovi far lavorare la fantasia che è una bella forma della ragione, non ripetitiva nè catechistica, che non recitare rosari ossessivi di parole d’ordine che non sono traducibili in nessuna azione politica.



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo


Forum del' articolo
 

> Percorsi : Hamas, Hezbollah, Talebani
8 ottobre 2006 - 13h17 - Di 900849c1e3cb34dcd7635fe49922dab2...

Premettendo il fatto che sono convinto che la manifestazione del 30 settembre a Roma è sostanzialmente fallita non soltanto per il boicottaggio della "sinistra radicale di governo" ma anche perchè tra i promotori e tra le adesioni sono state accettate presenze a dir poco sconcertanti che hanno tenuto lontani dal corteo anche situazioni e singoli compagne/compagni che pure ne condividevano lo spirito e gli obiettivi, mi sembra comunque giusto pubblicare la risposta di Piero Bernocchi a Lidia Menapace, pubblicata sempre da "Liberazione", nella quale sostanzialmente mi riconosco.

Keoma

La critica di Lidia Menapace alla manifestazione del 30 settembre è francamente sconcertante. Malgrado cerchi di ridicolizzare le analisi delle forze promotrici del 30, deformandole a tic maniacali (ci si accusa di “superstizione”, di parole d’ordine usate come “amuleti o portafortuna”, di analisi “non razionali ma solo rassicuranti”, di “recitare rosari ossessivi”: insomma, siamo dipinti come disadattati, “spostati” psicologicamente, beghine di parrocchia, magari islamica), è uno degli articoli sulla guerra più irrazionali e irrealisti degli ultimi tempi. Non sembra opera di una compagna che fino a poco fa aveva i piedi piantati a terra: e men che meno di una deputata di una coalizione di governo che si è caricata di gravi responsabilità, votando ben due missioni militari - quando ancora ieri mi rimproverava ogni volta che usavo quello che definiva “linguaggio militare” (termini come “battaglia”, “militante”, “strategia”, “tattica”) – dei cui risultati dovrebbe almeno dar conto prima di lanciarsi in filippiche contro i “superstiziosi”.

La tesi di fondo del farraginoso scritto sembra questa: in teoria io (Menapace) vi (i manifestanti del 30) capisco pure, i vostri argomenti sono più o meno marxisti e antimperialisti: ma sono superati dalla storia e inutilizzabili e voi li usate come feticcio perché, di fronte alla nuova realtà, non riuscite a produrre categorie analitiche nuove. Dopodiché Menapace espone le proposte a cui la portano le presunte categorie “nuove” (perdiana, Lidia, devi aver riflettuto molto quest’estate, visto che in primavera ancora usavi pure tu le “vecchie”). E qui cascano le braccia, perché il succo è il seguente: prendiamo gli armati che rompono le scatole e impediscono la pacificazione, in primis i Talebani (perché Hamas e Hezbollah sarebbero già sulla buona strada), li convinciamo – o li facciamo convincere dagli iraniani – a deporre le armi e diventare una forza politico-istituzionale, gli organizziamo una Conferenza internazionale e intanto sostituiamo i militari con forze organizzate non combattenti: e la faccenda dovrebbe aggiustarsi. D’altra parte, aggiunge Menapace, non sta andando così con i baschi e con quelli dell’IRA?

Da tal quadro, questo sì superstizioso e soprattutto irreale fino al fantascientifico, sparisce la guerra globale e le sue ragioni, l’aggressione planetaria condotta dagli USA, l’arroganza bellicista e espansionista di Israele, il Grande Medio Oriente di Bush. Insomma, sembra che stiamo parlando davvero dello scontro tra protestanti e cattolici in Irlanda o tra indipendentisti e autonomisti nei Paesi Baschi: cosicché, una volta messe via le armi, la ragione dovrebbe prevalere.

Questa, e non la nostra, è davvero “una recita di rosari ossessivi che non sono traducibili in nessuna azione politica”. Perché di mezzo c’è una guerra permanente voluta dagli USA per dominare il mondo, per controllare le ricchezze cruciali in via di esaurimento, per occupare luoghi strategici in vista della feroce competizione con le nuove potenze emergenti (Cina in primis) e per far valere lo strapotere militare, visto che quello economico vacilla, verso gli alleati-concorrenti. E dall’altra parte c’è una resistenza concreta - che ha impantanato gli USA in Iraq e Afghanistan, che ha bloccato Israele, costringendolo a ricorrere all’ONU - senza la quale neanche parleremmo più di questi paesi, sottomessi alla pax americana, bensì dell’invasione dell’Iran o della Siria: una resistenza armata, con appoggio popolare vistoso in alcuni paesi e in altri comunque diffuso, integrata con la resistenza pacifica e l’ostilità verso gli occupanti della grande maggioranza delle popolazioni.

Le forze egemoni in queste resistenze non sono marxiste, usano spesso il fondamentalismo religioso come arma-chiave, hanno sovente una visione della vita sociale lontana mille miglia da noi: ma è anche colpa della “sinistra” mondiale se oggi sono queste forze, e non quelle che piacerebbero a noi, a condurre la sacrosanta resistenza reale agli USA e ai loro alleati. Che però non stanno per nulla rinunciando all’aggressione, anzi. In Israele si parla serenamente sulla stampa di uso delle atomiche nei confronti di Iran e Siria, il massacro dei palestinesi prosegue imperterrito e l’esercito israeliano ha detto che le truppe ONU in Libano garantiscono solo una tregua prima del nuovo assalto. E in tale prospettiva noi dovremmo lavorare perché Hamas, Hezbollah, Talebani, resistenza irachena laica e non, disarmino e organizzino Conferenze di pace? “Sbracciarsi – come Menapace segnala – a chiedere chi deve disarmare Hezbollah”, contro cui “sono state usate giustamente (sic!!!) le parole più forti”? Mandare in Afghanistan forze non combattenti perché i Talebani si “riconvertano” in forza politica?

Questa sì è fantascienza, che fa male alle menti e ai corpi, perché nel frattempo Lidia e altri/e hanno permesso al governo di mandare forze combattenti in Afghanistan, dopo averci promesso che sarebbero state fuori dalla guerra: ed oggi, come altri no-war trasportati nella maggioranza governativa, si accingono a riconfermarvi non le ipotetiche forze non combattenti ma Lagunari, Incursori, Parà, Assaltatori. Sarebbero queste le nuove categorie analitiche, la razionalità, l’”atteggiamento modesto e sommesso che procede attraverso il metodo del consenso”, quando peraltro i due terzi degli italiani sono contro la guerra in Afghanistan e la metà contro la missione in Libano?

Menapace e altri/e si sono risentiti perchè li ho definiti malati della “sindrome del governo amico”. Ma produrrebbero analisi così inverosimili, voterebbero le missioni, si entusiasmerebbero per i militari in Libano e per la politica estera italiana se il “conducator” della carrozza bellica fosse ancora Berlusconi e non D’Alema?

Piero Bernocchi - Confederazione Cobas






FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista
Terremoto di Casamicciola
martedì 22 - 17h08
di : Lucio Garofalo
La Strage di Barcellona ed il genio incompreso di G Romero
lunedì 21 - 21h23
di : pugliantagonista
16 agosto 1894: Sante Caserio fa il fornaio non la spia
martedì 15 - 18h38
di : caserio
Agosto 1926-2017 Resistete agli sfratti, opponete l’azione autonoma di Classe
venerdì 11 - 17h52
di : pugliantagonista
editoriale 10 anni di Pugliantagonista.it
giovedì 10 - 21h58
di : pugliantagonista
UNO SPETTRO NAZIFASCISTA SI AGGIRA NEL MEDITERRANEO [MA CHI LO FINANZIA?]
domenica 6 - 16h31
di : Lucio Galluzzi
In rete il numero di luglio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 17 - 11h12
di : Franco Cilenti
Uomini o caporali
martedì 11 - 16h48
di : Lucio Garofalo
no In rete il nuovo numero del periodico nazionale Dire, Fare Rifondazione
domenica 9 - 10h29
di : Franco Cilenti
Progettifici e dittatori scolastici
mercoledì 5 - 15h57
di : Lucio Garofalo
Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino
venerdì 2 - 16h52
di : Alessio Di Florio
In rete, e in distribuzione, il nuovo numero del periodico lavoro e Salute
martedì 23 - 10h59
di : Franco Cilenti
Pubblicato Dire, Fare Rifondazione, notiziario dell’Organizzazione - maggio 2017
lunedì 15 - 08h28
di : Franco Cilenti
1 comment
Pubblicato Dire, Fare Rifondazione, notiziario dell’Organizzazione - maggio 2017
lunedì 15 - 08h28
di : Franco Cilenti
L’ESERCITO DI RISERVA NELLE MANI DEL CAPITALISMO NELLA LOTTA DI CLASSE
sabato 6 - 06h15
di : PCL Pavia
Sinceramente razzisti
giovedì 4 - 19h25
di : Antonio Recanatini
PACE
sabato 8 - 07h43
di : Franco Astengo
SULL’ORLO DELLA GUERRA?
venerdì 7 - 10h21
di : Franco Astengo
LA PROSPETTIVA DI UN GOVERNO DELLE LAVORATRICI E DEI LAVORATORI
martedì 28 - 06h03
di : PCL Pavia
La vendetta come augurio (Elogio della vendetta)
martedì 21 - 21h55
di : Antonio Recanatini

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

Ne fais jamais rien contre ta conscience, même si l'Etat te le demande. Albert Einstein
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito
Letteratura e guerra partigiana in Italia a Parigi
martedì 7 Febbraio
di : ANPI PARIGI
Il Collettivo Bellaciao sarà presente... Un ciclo di incontri sulla letteratura della Resistenza presentato da Daniele Gaio presentato da Daniele Gaio 13 e 27 febbraio, 5 marzo 2012, ore 19 alla libreria: "La Libreria" 89 rue du faubourg Poissonnière 75009 Parigi L’Anpi Parigi, sezione Carlo e Nello Rosselli, in collaborazione con La Libreria, vi propone un ciclo di incontri sulla letteratura della Resistenza italiana. Quattro narratori (Italo Calvino, Cesare Pavese, Beppe (...)
Leggere il seguito