Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
Giù le mani dal nostro movimento!

di : Ragazzi di Calabria
sabato 9 dicembre 2006 - 18h53
5 commenti

NOTA STAMPA DEL MOVIMENTO

“FORGIONE NON LEGITTIMI LE STRUMENTALIZZAZIONI POLITICHE DI DS & CO SUI RAGAZZI DI LOCRI”

JPEG - 152.5 Kb

LOCRI (RC), 07/12/2006 - Ci appelliamo formalmente ed ufficialmente al Presidente della Commissione Parlamentare Antimafia Francesco Forgione, oggi in visita a Lamezia Terme, affinché non presti la sua persona e l’Istituzione che rappresenta alla squallida opera di strumentalizzazione politica che il Presidente del Consiglio regionale della Calabria Giuseppe Bova ed il suo partito da mesi pianificano e stanno portando a compimento sui ‘ragazzi di Locri’.

Motiveremo con documenti e fatti la nostra denuncia-appello al Presidente Forgione anche dinnanzi all’opinione pubblica nazionale, provando carte alla mano la scientifica orchestrazione messa in piedi in Calabria dal partito dei Democratici di Sinistra, partito che nella regione del dopo-Fortugno vanta il record nazionale per il maggior numero di consiglieri regionali inquisiti con in testa il Vicepresidente della Giunta regionale indagato per associazione per delinquere, e che ora tenta disperatamente di allungare i propri tentacoli sui ragazzi di Locri a seconda delle esigenze, delegittimandone ed isolandone la parte non ‘controllabile’.

Un sistema di autoconservazione del potere che ha i suoi punti forti soprattutto nei legami a doppio filo che il primo partito della Calabria intrattiene trasversalmente con quella parte prezzolata del giornalismo regionale (ben individuata anche nella Rai calabrese), su incarichi per chiamata diretta ad alcuni di questi “giornalisti” che confezionano ad-hoc su commissione del Consiglio regionale articoli ed addirittura libri sui ragazzi di Locri, facendone proprio uso ed abuso e plasmandone l’immagine che a loro ed ai loro sponsor politici più conviene.

Per fortuna i ragazzi che i Ds sono riusciti a ‘infiltrare’ nel Movimento, nonostante ne sia stata ad arte gonfiata l’immagine persino con nomine in seno a compiacenti commissioni ministeriali e spesandoli con i soldi dei contribuenti calabresi, si contano sulle dita di una mano. Mentre la stragrande maggioranza del Movimento continua a dimostrarsi seria e coerente con i principi di spontaneità che ne hanno ispirato la nascita.

Il Presidente Bova comunque, mentre organizza le sue strumentali parate antimafia, dovrebbe anche informarsi bene circa i nomi e le storie di alcuni strani ‘personaggi’ che giornalmente frequenterebbero i suoi uffici. Ma lui questi personaggi pare di conoscerli molto bene, e questa è la cosa che più ci lascia allibiti.

Lo stesso Bova, che oramai è solo il presidente del Consiglio regionale più inquisito d’Italia, si è macchiato di un reato ben più grave di quelli presuntivamente commessi dai suoi compagni: quello di aver ucciso la speranza di tutti i calabresi onesti e di aver scientificamente, come dimostreremo, messo in opera la più squallida operazione di spaccatura, per biechi interessi di bottega, di quella che è stata la realtà più bella e portatrice di speranza per tutta l’Italia che che sono i ragazzi di Locri. Ma adesso basta, la misura è colma. Sappia questa classe di malapolitica e malaffare che i calabresi non sono stupidi, ragazzi in primis.

Il Movimento dei ragazzi di Locri e di Calabria “E adesso ammazzateci tutti”

www.ammazzatecitutti.org


PER EVENTUALI QUERELE, DENUNZIE, MINACCE, DIFFIDE, NOTIFICHE: Aldo Pecora, via On. Longo n°35 - 89024 Polistena (Rc) -



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo


Forum del' articolo
 

Giù le mani dal nostro movimento!
11 dicembre 2006 - 16h46 - Di cb6dc4f9e263adde832218681d1a79ba...

Quella poltroncina al Ministero...

inviato da: AmmazzateciTutti.org · il 11/12/2006 · alle: 16:44

Dopo aver chiesto al Presidente della Commissione Parlamentare Antimafia Forgione - certamente ignaro di tutto ed in buona fede - di non prestare il fianco alle strumentalizzazioni politico-partitiche che i Ds calabresi (ma anche nazionali) fanno dei "ragazzi di Locri", intendiamo rimanere ai fatti e non cadere nelle continue trappole e nei colpi bassi che la "politica" regionale ci tende.
Cominciamo, perciò, a giocare a carte scoperte e mettendo a disposizione di tutta l’opinione pubblica le prime "carte" (seppur virtuali).

In occasione dell’anniversario dell’omicidio di Franco Fortugno il Ministro della Pubblica Istruzione Giuseppe Fioroni esprime la volontà di voler creare una Commissione ministeriale: "Scuola e Legalità" si chiamerà. Dice che ne faranno parte anche i "ragazzi di Locri".
Tra l’altro, il 16 ottobre 2006 molti di noi conoscono il Sottosegretario alla Pubblica Istruzione Letizia De Torre, la quale si dimostra entusiasta dell’iniziativa del Ministero e dice addirittura ad alcuni di noi che le avrebbe fatto piacere elaborare percorsi di sinergia per il "Diritto allo Studio" (la sua delega).

Si aspetta allora, pensavamo ignari ed ingenuamente, che si decida democraticamente tra tutti i "ragazzi di Locri", quanti e chi delegare a rappresentarci tutti nella commissione ministeriale (Ammazzatecitutti è il movimento, ma poi ci sono anche diverse associazioni e realtà aggregative a Locri e nella Locride).

Ma non essendo stati ricontattati da nessuno dei dirigenti del Ministero incaricati dell’istituzione di tale Commissione, in buona fede continuiamo ad aspettare e tenerne d’occhio il sito ufficiale.
E’ il 23 ottobre 2005 quando sullo stesso sito appare questo comunicato.
La Commissione si è insediata, all’oscuro da tutto e tutti. Ma un nome a "rappresentare" (rappresentare?) i "ragazzi di Locri" c’è: Anna Maria Pancallo.
Basta fare un giro su Google per capire, guarda caso, a quale partito sia tesserata la "ragazza di Locri" che in barba a tutti i ragazzi e senza rispetto alcuno per i propri amici e compagni, si è accaparrata la prima poltroncina utile al Ministero.

Ci teniamo a sottolineare che il Movimento non è affatto spaccato, non lo è mai stato. C’è solo un po’ di auto-referenzialismo e prima o poi, seppur a malincuore, bisognava pur dirlo. Ci dispiace dover cominciare a rendere pubbliche queste cose (che tra l’altro pubbliche già sono in quanto noi stessi ne siamo venuti a conoscenza attraverso siti internet ufficiali), ma d’altronde, anche l’auto-referenziale "ragazza di Locri dei Ds" Pancallo se n’è altamente infischiata di tutti gli altri "ragazzi di Locri". A proposito.... ma il gettone di presenza, qualora ci dovesse essere, Anna Maria se lo tiene per sé?

E che adesso i Ds ed il Presidente del Consiglio regionale smentiscano tutti questi link, dove è presente il nome di chi loro hanno NOMINATO d’ufficio (o di partito, secondo la moda attuale) referente dei "ragazzi di Locri":

http://www.pubblica.istruzione.it/m...
http://www.dsonline.it/speciali/ama...
http://www2.tecnicadellascuola.it/i...
http://www.dsonline.it/speciali/ama...

Curiosità:
Tra i nomi-nominati al Ministero che trovate nei link sopra proposti (e nell’immagine grafica sopra riportata, compare anche quello di una nostra "vecchia conoscenza"... indovinate un pò chi è? Si, è proprio lei, Adriana alias "La Fioraia" Musella, l’antimafiosa di professione. Ma questa è un’altra storia che riprenderemo a tempo e luogo.




Giù le mani dal nostro movimento!
12 dicembre 2006 - 15h27 - Di e4ef7a224b8e196eb614da9bcfa44b15...

Quando, questa estate, stavamo progettando di organizzare a Pisa la conferenza sull’omicidio Fortugno abbiamo provato a rintracciare Aldo.

I primi contatti li abbiamo avuti proprio con il Forever che subito ci ha messo in guardia.

Farfugliò la ragazza con cui parlammo (di cui ho scordato il nome) di un problema grave con delle magliette, ma non lo capì nessuno.

Poi ci raccontarono del fatto che Aldo è strumentalizzato dal padre e che era un fantoccio della Margherita e che aveva combattutto Rita Borsellino.

Ma noi cercavamo proprio Aldo Pecora perchè avevamo letto della polemica avuta con Loiero, che trovavamo in completa malafede e sapevamo che Loiero nascondeva ( e continua a nascondere) qualcosa, e ci era parso che Aldo rappresentasse alla perfezione la voglia di rivincita morale della giovane Calabria sulla ’Ndrangheta.

Non è cambiato nulla da allora e come è parso a noi che quelli che ci parlavano male di Aldo e di Ammazzateci Tutti fossero dei cialtroni perditempo il Paese lo sa già ed attaccare Ammazzateci Tutti è un errore gravissimo dovuto solo all’invidia che questo movimento di 20enni ha generato.

Come da sempre succede in Calabria il potere prova a distruggere ciò che non riesce a controllare.

Fregatevene, tanto non ce la possono fare........

Sinistra per ... - Pisa



Giù le mani dal nostro movimento!
12 dicembre 2006 - 22h17 - Di cb6dc4f9e263adde832218681d1a79ba...

COLPIRNE UNO PER EDUCARNE CENTO”

DOCUMENTO-COMUNICATO STAMPA DELLA RETE PER LA CALABRIA

Dicembre 2006

Ormai è chiaro che in Calabria è scoppiata, anche se non dichiarata ufficialmente, una guerra che ha tutte le caratteristiche dei conflitti asimmetrici: da una parte i detentori del potere costituito, un potere che finge di sventolare bandiere di partito con colori diversi ma che in effetti è trasversale ed obliquo ai diversi piani di gran parte della classe politica che ha governato e che governa la Calabria, e dall’altra una società civile variegata e composita, che solo lentamente ma progressivamente sta prendendo coscienza del ruolo ineludibile che la storia le sta assegnando.

La lobby del Potere ha ormai messo profonde radici nella Pubblica Amministrazione calabrese, con tutti i drammi potentemente denunciati nei giorni scorsi con un’immagine cruda ma terribilmente vera dal Prefetto di Reggio Calabria dott. De Sena. E le forti tensioni esplose in questi ultimi giorni non sono che la rappresentazione plastica della terribile e feroce lotta per garantirsi posizioni di ferreo controllo su tutti quei “valichi” del bisogno che tutti i giorni sono costretti ad attraversare a schiena curva i poveri cristi calabresi.
E se esiste una tensione all’interno del Palazzo vogliamo augurarci con tutto il cuore che il tutto non sia ridotto ad una guerra tra bande ma che, sia pur nell’ambito di quella oligarchia, ci sia anche chi lotta per impedire accaparramenti, per dare la bacchettata sulle mani adunche che i rappresentanti diretti del malaffare, della malapolitica, della massoneria deviata e della mafia, le quattro “m” maledette della nostra storica ipoteca sociale calabrese, stavano ancora una volta allungando.
Ma dall’altra parte chi c’è?
Vorremmo poter dire tutti gli altri, tutta la vasta gamma degli esclusi da quella aristocrazia del potere, dal disoccupato al lavoratore cassintegrato, dal precario alle casalinghe, dai pensionati ai lavoratori in nero, e via via salendo nella diversificazione non solo lavorativa ma anche sociale ci dovrebbero essere i poveri, gli sfruttati, i senza casa, i genitori con famiglie numerose, e poi il vasto mondo della piccolissima e piccola impresa, degli artigiani, della cooperazione sociale e non, i sacerdoti ed i vescovi, l’associazionismo culturale e sociale, i movimenti, i sindacati, gli imprenditori, gli appartenenti alle forze dell’ordine ed alla magistratura, gli impiegati, i giovani. Soprattutto i giovani.

Quanta gente! Ma sono veramente tutti dall’altra parte?
Certamente in buona parte sì, escludendo quella parte malata della società civile che vive di collusione con il potere, accontentandosi delle briciole che cadono dalla tavola dei potenti. Ma di questa parte senza dignità, fatta di giovani prostituiti nelle segreterie dei partiti, o di vecchie ciabatte dei corridoi dove si decide non vogliamo neanche parlare, perché sono la vergogna della società.

Quello di cui vogliamo parlare è invece di quella Calabria che fino ad oggi, pur essendo fondamentalmente sana e salda nei princìpi, ha dato delega di rappresentanza a quella aristocrazia, credendola classe dirigente.
E invece non era così, perché quella che fino ad oggi ha governato la Calabria non è mai stata una classe dirigente ma una casta di Intoccabili, una oligarchia a cui noi sin da oggi revochiamo ogni delega in maniera irrevocabile.
Ma non tanto per la grandinata di avvisi di garanzia e di condanne che si è abbattuta negli ultimi anni sul Consiglio Regionale della Calabria, che pure ci turba profondamente, ma soprattutto nel constatare la scomposta e violenta reazione posta in essere dal presidente del Consiglio Regionale Giuseppe Bova a fronte di una precisa e puntuale denuncia fatta dai ragazzi di Locri e di Calabria del movimento “E adesso ammazzateci tutti”, seguita oggi da una difesa d’ufficio che più che la solidarietà di una squadra è apparsa l’autodifesa di un “quasi branco”, peraltro abbastanza sparuto, che mostra le zanne aguzze pronto a mordere e ad uccidere, sia pure virtualmente, per difendere il “capo branco” ed il territorio.

Ma ci domandiamo: se un movimento di giovani vi formula delle accuse precise e taglienti come bisturi, come quella di aver strumentalizzato politicamente alcuni ragazzi annettendoli al partito dei Ds con l’intento di destabilizzare i ragazzi del movimento antimafia e di aver dirottato verso di loro una bella dote di soldi pubblici che invece sarebbero dovuti servire a finanziare tutto il movimento antimafia giovanile nato in Calabria, perché il presidente Bova anziché rispondere pacatamente e con fermezza alle accuse rivolte, come il ruolo istituzionale gli avrebbe imposto, si è invece sfilato la cinta dai calzoni come i vecchi massari per frustare a sangue uno solo di quei ragazzi, quell’Aldo Pecora che è pure il loro leader ma che non aveva scritto a suo nome neanche un rigo di quella querelle?

Un presidente del Consiglio Regionale che non ha solo dimostrato un nervosismo quantomeno sospetto, ma che non ha esitato ed esporre Aldo, questo povero meraviglioso ragazzo di vent’anni che si è messo a capo di una allegra brigata di giovani straccioni di Valmy che senza risorse economiche ed inventandosi anche i centesimi pur di non dipendere dalle casse pubbliche ha messo in piedi la più bella e non violenta ribellione contro tutte le mafie che si sia mai vista in Calabria negli ultimi trent’anni almeno, additandolo – con un comunicato stampa - con nome, cognome e residenza anche alle possibili vendette di chi si è visto scoprire gli sporchi giochi che girano attorno a quel mondo mefitico chiamato ‘ndrangheta. Siamo d’accordo con i ragazzi, che hanno scritto che in questa Calabria si può morire per molto meno.

Cosa c’è dietro questa strategia di puntare il dito come una calibro nove contro Aldo da parte di Bova e del branco che si è scatenato in sua difesa?
E’ evidente: c’è il vecchio pensiero di Mao, il “grande timoniere” della rivoluzione comunista cinese, che diceva “colpirne uno per educarne cento”.
Non bastava rispondere civilmente alle contestazioni mosse dal più importante movimento di giovani antimafia calabrese (checchè farfuglino i membri del branco, la verità è come la luce del sole, e nessuno può sognarsi di oscurarla), era necessario “dare una lezione” che dimostrasse a tutti cosa costa mettersi contro il Potere. E per dare quella lezione bisognava trovare un capro espiatorio e crocifiggerlo senza pietà nelle pubbliche piazze, cosicché fosse di monito agli altri.
Come facevano gli antichi romani con i primi cristiani, come fecero i fascisti con Matteotti, come fece la mafia con Peppino Impastato.
L’unica differenza è che non hanno usato le armi da fuoco ma la penna, orchestrando il peggior linciaggio mediatico mai visto sui giornali calabresi, nemmeno quando catturarono i boss della ‘ndrangheta, nemmeno quando presero i killer di Fortugno.
E come dice qualcuno di noi “in Calabria è più pericolosa la mafia della penna che quella della lupara”.

Ma stavolta hanno fatto male i loro conti, perché Aldo Pecora non è solo, non è quel vanesio scriteriato e quel matto che hanno creduto di far passare: Aldo Pecora siamo tutti noi, e non avranno abbastanza legno per crocifiggerci tutti.
Aldo non è un leader per decreto, come alcuni di loro sono rappresentanti nelle istituzioni democratiche, Aldo è un leader perché sul suo cervello, ma anche sul suo cuore, sulle sue gambe e sulle sue giovani braccia poggia a vive la speranza dei giovani calabresi onesti.

Giù le mani da Aldo Pecora, presidente Bova e tutti voi che avete alzato lo scudiscio per colpire un giovane trasparente come un bicchiere d’acqua. Se non avete saputo rivestire con dignità il mandato che noi calabresi vi avevamo affidato, sappiate almeno affrontare con dignità il vostro tramonto.

Il Coordinamento Regionale della Rete per la Calabria (www.perlacalabria.it)



Giù le mani dal nostro movimento!
15 dicembre 2006 - 12h31 - Di e4ef7a224b8e196eb614da9bcfa44b15...

CHI HA PAURA DEI RAGAZZI DI LOCRI ?

di Riccardo Orioles, 14 dicembre 2006

Il notabilato di sinistra, al sud, è già in gran parte un notabilato d’affari; non lo castra il moderatismo, ma proprio il posizionamento sociale. La sinistra giovanile di molti paesini del Sud, che non è fatta di notabili ma di ragazzi, pur con la stessa linea politica formale, si batte contro la mafia con coraggio e determinazione. Il difetto, evidentemente, non sta nella politica ma in chi la incarna.

Tanti anni fa il Giornale di Sicilia - politicamente vicino ai cugini Salvo - ebbe la buona idea di pubblicare i nomi e i cognomi di tutti gli esponenti del Coordinamento Antimafia di Palermo, corredati dai rispettivi indirizzi di casa e da ogni altra utile indicazione.

Aggiungendo che in realtà questi quattro fanatici - di cui vedi elenco nominativo - non rappresentavano nessuno e che il movimento antimafia in realtà non esisteva.

Adesso, il presidente del consiglio regionale calabrese, che si chiama Giuseppe Bova e che purtroppo è diessino (torneremo su questo particolare) sostiene che il movimento dei ragazzi di Locri, "Ammazzateci tutti", in realtà non esiste ed è composto solo da quattro estremisti fanatici che non contano niente. E ne dà, ovviamente, i nomi: il primo è Aldo Pecora, che è un ragazzo di vent’anni e ha avuto il grave torto di fare alcune domande pubbliche sulla personale correttezza di alcuni politici calabresi.
Locri, come sapete, è un posto mite dove se qualcuno ti accusa di essere l’unico e decisivo esponente di un movimento antimafia puoi girare tranquillo per le strade, sicuro che nessuno ti farà niente. E’ come se Bova avesse detto, poniamo, a Stoccolma "Guardate che questo Pecora è il capo dei vegetariani e se togliete di mezzo lui nessuno contesterà più le bistecche". Perciò egli ha fatto benissimo a intimidire pubblicamente Aldo, a metterlo a bersaglio della ’ndrangheta e a dire "se vi stanno antipatici i ragazzi di Locri, prendetevela solo con lui".

Ma perché è così importante che Bova - uno che denuncia pubblicamente i capi del movimento antimafia - è diessino? Forse perché "ormai sono tutti uguali"? No. E’ un fenomeno tipico del Ds meridionale, ed è esattamente lo stesso fenomeno che si verificava nella vecchia Dc.

La Dc, partito interclassista, organizzativamente era una struttura dei notabili. Un territorio, un notabile: ognuno, statisticamente, con le caratteristiche sociologiche del ceto medio (poiché la Dc era un partito di ceti medi) del suo territorio. In Veneto, così, avevi un Rumor pacioso che rappresentava più o meno il professionista cattolico del trevigiano o di Rovigo. C’era una borghesia cattolica, in Lombardia, da sempre iperattiva e colta, ed eccoti i vari Bassetti. A Torino (operai, Acli, sindacato) Donat-Cattin. In Sicilia o in Campania, dove il notabilato locale era quel che era, spuntavano i Lima e i Gava.

Molti anni dopo, quando il partito socialista cambiò - come si disse allora - da una razza all’altra, il meccanismo fu più concentrato nel tempo, ma sostanzialmente eguale: nel vecchio partito di notabili i ceti notabilari "moderni" subentrarono a quelli tradizionali, il nuovo commercialista al vecchio medico condotto.

Quanti operai evoluti ci sono adesso nel ceto dirigente del Ds meridionale? Quanti professionisti "tecnici" - insegnanti, impiegati, ingegneri - e quanti legati invece alla gestione del denaro? Come si è trasformato sociologicamente il notabile meridionale, e quello "di sinistra" in particolare? Visto che ormai di interclassismo si tratta, e dunque di notabilato locale (già ora che ci sono ancora i partiti: figuriamoci quando ce ne sarà solo uno, il famoso "partito democratico") la questione non è di poco peso.

Il notabilato di sinistra, al sud, è già in gran parte un notabilato d’affari; non lo castra il moderatismo, ma proprio il posizionamento sociale. La sinistra giovanile di molti paesini del Sud, che non è fatta di notabili ma (finché non vengono eventualmente cooptati) di ragazzi, pur con la stessa linea politica formale, si batte contro la mafia con coraggio e determinazione. Il difetto, evidentemente, non sta nella politica ma in chi la incarna.

E quando un pezzo di società si ribella - sostanzialmente e non solo "politicamente", come da noi - e comincia a contestare il potere, è visto automaticamente come un nemico, da questo notabilato. E viene denunciato come tale. Bova, perciò, non ce l’ha coi ragazzi di Locri perché siano "estremisti" (Dio sa che non lo sono affatto) o perché siano di altri partiti (la maggior parte di loro, probabilmente, vota proprio Ds). Li teme proprio perché sono antimafiosi, e dell’antimafia riprendono istintivamente il contenuto più profondo, la lotta alla gestione incontrollata e padronale del potere. Abbastanza per combatterli senza starci a pensar troppo su.
Bova, che è "di sinistra", per fortuna si limita a combatterli con le parole, anche se la sua professionalità di politico evidentemente non gli ha insegnato la pericolosità dell’uso incontrollato delle parole.

Non volendo maramaldeggiare, ci asteniamo dall’elenco dei casi (spesso anche penalmente rilevanti) in cui sono stati coinvolti, negli ultimi dodici mesi, notabili di quel partito in quella zona. Ne attribuiamo l’origine, ripetiamo, non al partito ma all’imprinting sociale.
Osserviamo però che Bova avrebbe dovuto essere pubblicamente censurato dal suo partito già a agosto, quando nella regione Calabria - col suo contributo determinante - si ebbe il silenziamento d’autorità di tutte le informazioni via internet su tutte le attività della Regione.
Appalti, consulenze, pubblici esborsi, in Calabria divennero di punto in bianco - come nella Calabria vicereale, o come in Cina - "arcana imperii". Questo non si sarebbe dovuto tollerare; ed è stato tollerato.
Il Ds nazionale, in questo, è stato inadempiente.

Adesso un’ulteriore tolleranza è impossibile, visto che il comportamento di Bova si estrinseca non solo in un imbavagliamento delle notizie, ma anche in un pericolo fisico per i dirigenti del movimento antimafia, i vari ragazzi di Locri e i loro amici. Perciò tutte le critiche per Bova (nel senso e coi limiti che abbiamo detto) non possono più fermarsi in Calabria ma risalgono l’autostrada e - faticosamente e lentamente - approdano a Roma. Qui possono essere prese in esame dalla direzione Ds e dalla sua segreteria.

Onorevole Fassino, se le parole di Bova (il "giudice ragazzino" di Cossiga: Livatino fu ucciso poco dopo) dovessero produrre danno, la responsabilità morale, Lei comprende benissimo, sarebbe - per inadempienza - anche Sua.

fonte: http://www.aprileonline.info/



Giù le mani dal nostro movimento!
15 dicembre 2006 - 19h02 - Di cb8d49c737d977a0e2b361639d2a1a3a...

ciao ragazzi sono una semplice cittadina vi scrivo perche non vi sentiate soli in questa grande lotta che voi tutti siete un grazie e siete grandi






Corruzione e schiavitù moderna : il controverso leader del Qatar in visita in Italia
lunedì 19 - 12h52
di : Valentina Ricci
In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

Lorsqu'on ouvre une école, on ferme une prison. Victor Hugo
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito