Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
L’oro blu, un affare miliardario

di : Alessandro Ambrosin
venerdì 19 gennaio 2007 - 22h08
1 comment
JPEG - 13.3 Kb

Intervista a Emilio Molinari, Presidente del Comitato Italiano per un Contratto Mondiale sull’Acqua.

di Alessandro Ambrosin

Con le politiche liberiste è prevalso negli ultimi anni una massiccia privatizzazione verso il servizio pubblico idrico, e l’ Italia rispetto agli altri paesi europei ne è particolarmente coinvolta.

Nel 1994 la legge Galli è un primo campanello d’allarme verso la privatizzazione dei servizi idrici pubblici, e qualche anno dopo la Legge n. 41, varata dal governo di centro-destra nel 2001, ne rafforza le procedure per dar via alle concessione ai privati.

Il 13 gennaio è iniziata la campagna nazionale di raccolta firme per la ripubblicizzazione dell’acqua. Una petizione popolare che si prefigge di introdurre, a tutela dell’ intera collettività, una legge che assicuri un controllo pubblico dell’acqua deprivatizzando anche i servizi già esistenti.

Nell’ abecedario del programma dell’Unione la prima lettera dell’alfabeto è la A come acqua. Si promette di assumere criteri di massima sensibilità, di precauzione, di forte investimento programmatico nel servizio idrico che deve necessariamente restare pubblico.

Cos’è cambiato oggi rispetto a queste promesse?

Il governo ha ribadito il suo intendimento con il disegno di legge Lanzillotta che privatizza tutto ma salva i servizi idrici, con la proroga della durata di un di un anno per effettuare gli affidamenti. Scegliere, così, tra la messa a gara dell’intera società, o la messa a gara di una parte (minimo40 % ) o la costituzione di una SPA a capitale misto, o all’ affidamento a SPA in house con capitale interamente pubblico fuori dal mercato e sul proprio territorio. L ’ente pubblico, di conseguenza, esercita il controllo analogo ai suoi uffici, con l’impugnativa alla corte costituzionale della Legge regionale lombarda che obbliga tutti gli ATO a privatizzare. Ciò che non va bene è che il governo lascia alle realtà locali e regionali la possibilità di produrre provvedimenti che vanno verso la privatizzazione.

La Lombardia fa una legge in tal senso, Pavia l’assume immediatamente. In Sicilia, a Palermo (Cuffaro) va in gara e Torino ( centro sinistra) unico concorrente alla gara vince. La Toscana respinge la legge d’iniziativa fatta dal movimento toscano. Milano città annuncia di voler privatizzare mediante fusione dell’acquaedotto in AEM e contemporaneamente estendere la fusione tra AEM e ASM di Brescia.

Il sotto segretario Letta invita tutti gli enti locali a liberare i tesoretti dei servizi pubblici e metterli sul mercato.

Lo scontro è aperto nel centro sinistra e dipenderà dalla volontà di Rifondazione Comunista, Verdi e Comunisti italiani. Molto dipenderà dal movimento, dalla raccolta di firme e dalla gente che influenzeremo.

Quali interessi orbitano attorno alla gestione idrica?

Basti vedere la pubblicità di Banca FIDEURAM e dei suoi titoli idrici su tutti i grandi giornali nazionali.

Basti pensare che nei servizi idrici nel mondo orbitano circa ai 400 miliardi di Euro. Inoltre la partita è infinita e riguarda la mercificazione universale dell’acqua, la formazione di nuove aggregazioni finanziarie che controllano l’insieme dei servizi pubblici, alle quali il capitale pubblico si aggrega, entra nel mercato e si privatizza assoggettando la politica stessa.

Il sistema di rete idrica italiana è tra i più disastrati al mondo, con una perdita durante l’erogazione che raggiunge il 60 per cento, in alcune zone. Come funziona la gestione idrica negli altri paesi europei? La rete idrica è pessima in certe regioni del Sud, ma è peggiorata dal 1994 dopo l’entrata in vigore della Legge Galli, perchè sono cessati gli investimenti e persino le manutenzioni ordinarie nella prospettiva di privatizzare. La media delle perdite è del 30%, e nel Sud si arriva al 60% anchè in virtù dei prelievi abusivi. Negli ultimi anni grazie alla privatizzazione sempre più spinta anche ACEA ha aumentato le perdite al 35% cosa che non si era mai verificata, Arezzo da anni in mano a SUEZ ha visto aumentare le perdite in rete e incrementare le tariffe.

Per quanto riguarda il resto d’Europa, le perdite sono mediamente del 15- 20%. L ’inghilterra in 15 anni di privatizzazione totale è ora completamente nelle mani della banca Mac Quaire, e ora le sue perdite si aggirano al 35% con numerose contaminazioni tra rete fognaria e rete idrica. Situazione simile anche per la rete privata francese. La rete svedese, totalmente pubblica, ha solo il 10% di perdite. I dati sono stati monitorati dall’Università di Greenwitch

A fronte di questo fatto, oggi, l’unica alternativa sembra essere quella di una campagna popolare di raccolta firme....

Uno scopo è già raggiunto. Quello di comunicare a realtà diverse le informazioni inerenti all’ acqua, e generare una forte aggregazione e partecipazione tra le persone.

Il secondo scopo sarà quello di incidere in corso d’opera sui lavori parlamentari. Costringere la politica a prendere misure di tipo istituzionale legislativo, in modo da fermare subito le gare, e collochi l’acqua nei servizi di pubblica utilità o di interesse generale. In una parola "obblighi" al rispetto degli impegni presi..

Terzo dobbiamo cercare di costruire nella campagna rapporti di forza tali da imporre al parlamento la discussione sulla nostra legge. Sono molto fiducioso, nonostante la lotta sarà dura e difficile....

Quante firme sono necessarie per raggiungere un quorum consistente, affinchè la Legge possa essere proposta in sede istituzionale?

Ne occorrono 50000. Ma per incidere maggiormente anche sul piano politico, dobbiamo assolutamente raggiungere le 300.000. Un risultato arduo, ma non impossibile.



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo


Forum del' articolo
 

L’oro blu, un affare miliardario
15 giugno 2007 - 11h05 - Di 82090ec780b19e7b5d16882a7b866ac2...

Aderisco alla battaglia contro la privatizzazione dell’acqua.

consumo circa 200 metri cubi l’anno e pago mediamente 500,00 euro, mi pare un po troppo,
in quanto 4 persone nel nucleo familiare si dovranno lavare e fare un igiene sicura in un appartamento che paga gia di ici e irpef oltre i 1.550.00 euro. insomma l’ultima bolletta di conguaglio è arrivata 347,00 euro perche vado subito in fascia di eccedenza in quanto ho tra la fascia base e quella agevolata 36 m3 contro gli 82 m3 dei miei vicini, cosa è questa ingiustizia, solo perche chi ha allacciato dopo una certa data e il depuratore non è stato costruito ha questa discriminazione.
ma la casa già esisteva e allora? questi sono anche i problemi di cui si dovrebbe parlare,
il primavato è libero di fare il prezzo perche un pretore ha bloccato gli allacci, allora si costruisca il depuratore, stanziati i soldi poi fatto l’appalto e tutto fermo da 15 anni e io da 8 anni pago le carenze di acea ato 2 a Roma.

l’acqua a un prezzo uguale per tutti, come se a Roma mancasse e comunque 45 m3 a trimestre non sono una pazzia, considerando che i fiori il giardinetto e la pulizia del cortile non deve essere un opzional e comunque io riciclo l’acqua che scende in cantina.
ma con 3 kw di corrente e un abitazione di periferia popolare il caro Veltroni ci toglie gia troppi soldi con ici e balzelli comunali nelle bollette, ma che vuole anche il deredano?
e pensare che hanno rivisitato gli estimi prima ancora che lo decidesse il governo e io sono in classe massima come gli abitanti del centro residenziale dell’Olgiata, ho fatto ricorso e sono passati 10 mesi e non se ne sà nulla.
ma si vive di pensione mica di rendita, ma siamo tutti impazziti. unico introito la mia pensione moglie e figli a carico, pensare che gli ho dato il voto per tutti i mandati fino ad ora, mi spiace ma la prossima volta cambierò.
120 voti in meno.

Rossi Massimo da Roma






FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista
Terremoto di Casamicciola
martedì 22 - 17h08
di : Lucio Garofalo
La Strage di Barcellona ed il genio incompreso di G Romero
lunedì 21 - 21h23
di : pugliantagonista
16 agosto 1894: Sante Caserio fa il fornaio non la spia
martedì 15 - 18h38
di : caserio
Agosto 1926-2017 Resistete agli sfratti, opponete l’azione autonoma di Classe
venerdì 11 - 17h52
di : pugliantagonista
editoriale 10 anni di Pugliantagonista.it
giovedì 10 - 21h58
di : pugliantagonista
UNO SPETTRO NAZIFASCISTA SI AGGIRA NEL MEDITERRANEO [MA CHI LO FINANZIA?]
domenica 6 - 16h31
di : Lucio Galluzzi
In rete il numero di luglio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 17 - 11h12
di : Franco Cilenti
Uomini o caporali
martedì 11 - 16h48
di : Lucio Garofalo
no In rete il nuovo numero del periodico nazionale Dire, Fare Rifondazione
domenica 9 - 10h29
di : Franco Cilenti
Progettifici e dittatori scolastici
mercoledì 5 - 15h57
di : Lucio Garofalo
Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino
venerdì 2 - 16h52
di : Alessio Di Florio
In rete, e in distribuzione, il nuovo numero del periodico lavoro e Salute
martedì 23 - 10h59
di : Franco Cilenti
Pubblicato Dire, Fare Rifondazione, notiziario dell’Organizzazione - maggio 2017
lunedì 15 - 08h28
di : Franco Cilenti
1 comment
Pubblicato Dire, Fare Rifondazione, notiziario dell’Organizzazione - maggio 2017
lunedì 15 - 08h28
di : Franco Cilenti
L’ESERCITO DI RISERVA NELLE MANI DEL CAPITALISMO NELLA LOTTA DI CLASSE
sabato 6 - 06h15
di : PCL Pavia
Sinceramente razzisti
giovedì 4 - 19h25
di : Antonio Recanatini
PACE
sabato 8 - 07h43
di : Franco Astengo
SULL’ORLO DELLA GUERRA?
venerdì 7 - 10h21
di : Franco Astengo
LA PROSPETTIVA DI UN GOVERNO DELLE LAVORATRICI E DEI LAVORATORI
martedì 28 - 06h03
di : PCL Pavia
La vendetta come augurio (Elogio della vendetta)
martedì 21 - 21h55
di : Antonio Recanatini

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

Si les hommes auxquels le pouvoir est confié interprètent convenablement la réalité historique, ils peuvent favoriser des accouchements, les rendre moins pénibles, moins douloureux ou, au contraire, freiner tel ou tel progrès. Pierre Mendès France
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito
Letteratura e guerra partigiana in Italia a Parigi
martedì 7 Febbraio
di : ANPI PARIGI
Il Collettivo Bellaciao sarà presente... Un ciclo di incontri sulla letteratura della Resistenza presentato da Daniele Gaio presentato da Daniele Gaio 13 e 27 febbraio, 5 marzo 2012, ore 19 alla libreria: "La Libreria" 89 rue du faubourg Poissonnière 75009 Parigi L’Anpi Parigi, sezione Carlo e Nello Rosselli, in collaborazione con La Libreria, vi propone un ciclo di incontri sulla letteratura della Resistenza italiana. Quattro narratori (Italo Calvino, Cesare Pavese, Beppe (...)
Leggere il seguito