Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
SE S’ASSASSINA IL CENTRAVANTI

di : Enrico Campofreda
sabato 3 febbraio 2007 - 20h59
5 commenti
JPEG - 21.9 Kb

di Enrico Campofreda

Dello stadio enclave della violenza pare siano stanchi, offesi e colpiti in tanti. Non solo la Polizia che come venerdì ci lascia il morto. Il suo morto. A volte il morto lo fa o se lo fanno fra loro le fazioni ultrà in stadi diventati campi di battaglia.

E non la battaglia simulata proposta dalla tenzone sportiva. Sugli spalti e fuori ci si spranga, accoltella, spara. Si tira in faccia la bomba carta che andrà a segno con maggior certezza rispetto al bazooka che assassinò Paparelli.

Era la fine degli anni Settanta e gli sciagurati che uccisero in quel modo sembrano pivelli rispetto alle fazioni che stagione dopo stagione si sono organizzate spargendo sangue e morte.

Un’organizzazione meticolosa creata alla luce del sole col benestare di tifoserie e club. E in tanti casi anche di Ministri degli Interni cui l’enclave piaceva.

In lunghe annate nessun dirigente sportivo, presidente federale, politico – sempre presenti in tribuna d’onore - ha voluto mettere davvero le mani nel merdaio. Tutti hanno finto di affrontare la questione ma non si potevano intaccare interessi diretti. L’interesse del capitale innanzitutto. Il mega business che gira attorno all’impresa calcio con diritti televisivi, sponsor, scommesse ufficiali, scommesse illegali – comprese quelle di Calciopoli e dei giocatori che come nella canzone di De Andrè venderebbero la madre a un nano -.

S’è creato un sistema simile alla malavita: il picciotto che uccide per 500 euro è l’ultimo anello della catena alla stregua del giovane - delinquente, invasato o in buona fede - che si sfoga allo stadio. Quest’ultimo magari alza svastiche, infila coltelli nelle pance, lancia bombe carta gratuitamente senza la mancia di nessuno. E se pure l’ingaggio c’è poco importa. Importa che ci siano coloro che tirano le fila e quelli che fanno i sepolcri imbiancati. Come la Mafia con la maiuscola costoro sono all’interno del Palazzo. Pensiamo d’aver battuto la Mafia arrestando Provenzano? Naturalmente no, se i politici della Mafia girano indisturbati. Gli uomini dell’Onorata siedono nel Palazzo e questo accade anche nello sport. E se non sono direttamente Padrini, conoscono collusioni e appartenenze alla Famiglia. Come la saga delle registrazioni di Calciopoli ha fatto udire all’Italia intera.

Ha ragione Maurizio Crosetti de “La Repubblica” d’aver conosciuto i ceffi peggiori dietro certe scrivanie. Lo ha provato anni fa sulla pelle quando a Torino subiva l’ostracismo della triade più chiacchierata del pallone. E di ceffi, purtroppo, son pieni i club calcistici. C’è d’augurarsi che il segnale lanciato dal commissario Pancalli con la sospensione di tutti i campionati duri a lungo (nota di merito assoluta al suo coraggio, ve l’immaginate i Carraro, Matarrese, Nizzola a sospendere ogni serie?) Che la politica italiana, e dunque il Governo, sempre pronti a rifarsi all’Europa adottino quelle misure drastiche ed efficaci che hanno estirpato la violenza hooligans in altre nazioni.

Non c’è da inseguire misure parolaie, bisogna attuare fatti. Disputare incontri a porte chiuse, sospendere squadre, mettere in condizione di non nuocere facinorosi. Tutto si può se si vuole. Se però si rioffre spazio a buonismo, piagnistei, giustificazioni, incolpevolezza generalizzata, inciuci di partito e campanile che proprio la politica della “Nuova Repubblica” ha sparso a piene mani allora il male già incurabile allargherà le sue metastasi. E uscirà dall’enclave, vivremo il Mucchio Selvaggio, la guerra di tutti contro tutti. Quel putrescente Far West di culto della violenza immotivata che il Belpaese sta ormai diventando.



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo


Forum del' articolo
 

SE S’ASSASSINA IL CENTRAVANTI
3 febbraio 2007 - 21h42 - Di cb6dc4f9e263adde832218681d1a79ba...

ragionevoli bubbi

inviato da: non tifoso · il 3/2/2007 · alle: 21:36 · email:

Come è stato martirizzato Carlo Giuliani lo abbiamo visto tutti migliaia di volte, straziato dai proiettili, schiacciato ripetutamente dai copertoni della camionetta, preso a calci, ormai morto, dagli anfibi degli sbirri.

Ma questo vice-commissario-cavaliere e chissà cos’altro di che è morto in realtà?
Prima dicevano un petardo, poi una bomba carta, ma queste fanno molto rumore, è difficile che ammazzino un uomo. Poi se ne escono con la storia dei fumi respirati allo stadio, ora se ne vengono con una pietrata enorme presa nello sterno mentre era dentro la macchina “strano davvero!”

E’ morto subito? All’ospedale era ancora vivo….

A me sembra che al povero poliziotto gli è venuto un semplice infarto, uno dei tanti cancheri che gli lanciavano i tifosi alla fine gli è arrivato per davvero!

Un incidente di lavoro, succede a tanti di morire per un arresto cardiaco, in banca, a scuola, in officina, mentre dormi o scopi.C’est la vie!

Ma i poliziotti dopo averle prese adesso fanno le vittime, prendono il loro collega morto d’infarto e ne fanno un martire, un eroe, qualche medico consenziente, qualcxhe telefonata di pezzi grossi dell’arma e di politici lecchini e il gioca è fatto! Mi dispiace che qualche povero coglione di tifoso analfabeta innocente pagherà per tutti, c’è sempre bisogno di un capro espiatorio, tra poco salterà fuori, già li vedo i titoloni sui giornali”"Preso teppista che ha lanciato la bomba-il petardo-la pietrona- il fumo- il canchero contro l’eroico vice-commissario- cavaliere del lavoro!”.

T’ho scoperto mascherina!

da www.triburibelli.org



SE S’ASSASSINA IL CENTRAVANTI
4 febbraio 2007 - 12h40 - Di cb6dc4f9e263adde832218681d1a79ba...

Magari, a parte i legittimi dubbi sul’effettiva motivazione della morte dell’ agente, bomba, asfissia, pietrone sullo sterno, semplice infarto ?- le scene di scontri che ci fanno vedere continuamente in Tv sono successive di un ora e mezza al ricovero della vittima - uscirà fuori che "l’assassino" è un conclamato neonazista ( come ce ne sono a bizzeffe nelle curve del Catania) o un affiliato al clan Santapaola/Pulvirenti ( come era persino il defunto presidente dello stesso Catania, Massimino, a cui è incredibilmente dedicato lo stadio).

E allora saremo tutti più tranquilli .... Carlo Giuliani o Aldrovandi non c’entrano nulla se non nella fantasia di qualche ragazzotto livornese o piacentino ..... avremo il mostro da sbattere in prima pagina .. probabilmente pure di destra e/o mafioso .... e gli schemini sono salvi.

Anche qualche ex duro e puro dei settanta, come l’amico Enrico Campofreda, potrà tranquillamente invocare misure autoritarie sul modello tatcheriano inglese o secondo le indicazioni borboniche di un Calderoli o di un Gasparri ... tanto nell’ immediato sarebbero contro fascisti e mafiosetti .....

Non credo sia così semplice ......

E non è questione solo di "odio" contro gli "sbirri", credo che alla fin fine anche questo sia un aspetto esistente, ma secondario.

A quale futuro può oggi aspirare un ragazzo delle periferie metropolitane, al nord e ancora di più nel profondo Sud ? Quello di lavorare "in nero" nei cantieri e lasciarci la pelle ? O quello di lavorare da co.co.pro in un call-center a 350 euro al mese ?

Il calcio è a dir poco "malato", ma soprattutto è "malata" la società, e non solo nelle regioni meridionali, visto che certi fenomeni esistono da Bolzano a Lampedusa ed anzi trovano nelle metropoli, Roma e Milano, le situazioni più eclatanti.

Per non parlare di quello che avviene in certe curve francesi, non solo quelle del calcio ma anche di altri sport.

Ed ogni fenomeno è inevitabilmente "sociale" e non si potrà rimuovere sul serio fino a che non verrà appunto affrontato "socialmente" ; qualcosa del genere ieri l’ha dichiarata persino un post-fascista come Gianfranco Fini ...... e invece i nostri centrosinistri di governo sanno fare solo la "voce grossa" ed invocare la "repressione", come fecero in quel lontano 1977, favorendo di fatto la crescita del lottarmatismo degli anni successivi .....

In Inghilterra, con una serie di misure ( peraltro introdotte anche in Italia ma mai applicate per periodiche concessioni di deroghe a pressochè tutti gli stadii italiani) hanno solo spostato gli incidenti da dentro a fuori gli stadii stessi.

E i fatti di Catania, comunque siano veramente andati, sono avvenuti FUORI e non dentro lo stadio .....

Quindi, di cosa stiamo parlando ?

Keoma



SE S’ASSASSINA IL CENTRAVANTI
4 febbraio 2007 - 16h03 - Di cb6dc4f9e263adde832218681d1a79ba...

SIAMO I CAMPIONI DEL MONDO ……

Ho letto, come tutti voi, ormai di tutto e di più sulla morte di Filippo Raciti.

Su quanto fa schifo il mondo del pallone.

Purtroppo non succederà nulla. Non verrà fermato il campionato. Non cambierà nulla.

L’italietta rimarrà campione del mondo.

Vorrei invitare tutti quei coglioni che andavano in giro scalmanati a cantare “poporopoporopo” a farlo adesso. Cantate ora se avete le palle. Festeggiate ora il campionato più bello del mondo.

Il calcio è merda.

Lo è sempre stato.

Quello dei cortili un pò meno.

Poi in cortile arriva un coglione sui 50 anni che ti tira dentro una società.

Avviamento al calcio.

Per allenarti, per diventare un campione.

Sognare la seria A.

E allora cominci a vedere le cose diversamente: il calcio non è più un gioco, è un business.

La maglietta sudata, ma col marchio dello sponsor (Autolavaggio Nicola).

“Poporoporopororoporo”.

Poi ci sono quelli della curva.

Quelli che cantano tutti in coro, che credono nella maglia. (Io credo più nei pantaloni)

Poi ci sono quelli coi tamburi, quelli che “sono allo stadio dalla serie C”.

Quelli che vanno a tutte le trasferte e si portano dietro un coltellino.

Ma il calcio è malato.

“Poporoporopororoporo”.

Poi ci sono i giornalisti, l’entourage di puttane che si scopano i calciatori, il giro dei locali, le macchine, gli agenti, i procuratori, gli under 21, il presidente magari amico di qualche politico, la moglie del presidente, l’amante del presidente, gli sponsor, la nazionale A, quella B.

Poi ci sono quelli che dimostrano in piazza. Quelli che hanno solo una fede.
Quelli che gridano i colori della maglia.

“Poporoporopororoporo”.

Quelli che fanno i miracoli in campo.
Quello ha giocato in nazionale a 14 anni. Quell’altro che guadagna 10mila euro al giorno.

Ronaldo torna a Milano. ….....

“Poporoporopororoporo”.

L’Inter vince lo scudetto.
Moratti. Moratti. Tronchetti Provera.
Moratti.

Ah, bei tempi quelli dell’avvocato.
La juve è pulita.

Biscardi è stato esiliato. E’ colpa sua se ci sono le risse.

La Gazzetta fa schifo, io leggo lo Stadio.

Stasera c’è la partita.

“Poporoporopororoporo”.
Non cambierà nulla.
Lo spettacolo deve continuare.
Lo spettacolo deve continuare.

Anche il morto è spettacolo.

Il calcio è la vita. Se qualcuno muore per il calcio significa che il calcio è importantissimo.
Roma! Roma!

Quel di canio è proprio forte, è un fascista, hai visto che coraggio ha avuto domenica, ha fatto il saluto romano. E gli hanno pure fatto la multa. 10mila euro. Maccheccazzo gliene frega!!! Lui ce li ha i soldi!!!

Er pupone! Ce l’abbiamo solo noi!

“Poporoporopororoporo”.

Papà, posso andare allo stadio?
Ho comprato la sciarpa e non la tolgo più.

Hai sentito cosa ha detto il giornalista? Che il fallo non c’era!!!

Buffon scommetteva sul risultato della juve, fa bene, fa.

Doping nel calcio è normale.

“Poporoporopororoporo”.

E ora, idioti che andate allo stadio e vi piace tutta questa merda. Cantate.

Postato Domenica, 4 Febbraio 2007 alle 15:57 da VM99 ( dal blog di Leonardo Coen )


SE S’ASSASSINA IL CENTRAVANTI
5 febbraio 2007 - 10h39 - Di e4ef7a224b8e196eb614da9bcfa44b15...

Lunedì, 5 Febbraio 2007

Maddechè?

“L’autista che mi riaccompagna da Fiumicino a casa è un tifoso romanista (…) E adesso? . Nel senso che indurrà alla ragione e farà trovare soluzioni? ”.

(Gabriele Romagnoli, la Repubblica, 5-2-2007)



SE S’ASSASSINA IL CENTRAVANTI
5 febbraio 2007 - 10h42 - Di e4ef7a224b8e196eb614da9bcfa44b15...

SCUSATE, IL TESTO INTEGRALE E’ QUESTO, PRIMA ERA SALTATA UNA RIGA.

Lunedì, 5 Febbraio 2007

Maddechè?

“L’autista che mi riaccompagna da Fiumicino a casa è un tifoso romanista (…) E adesso? Son contento, perché sono convinto che questa sosta ci farà soltanto del bene. Nel senso che indurrà alla ragione e farà trovare soluzioni?

De che? Nel senso che magari recuperiamo Mexes, che adesso è infortunato”.

(Gabriele Romagnoli, la Repubblica, 5-2-2007)





In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista
Terremoto di Casamicciola
martedì 22 - 17h08
di : Lucio Garofalo

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

Il vient une heure où protester ne suffit plus : après la philosophie, il faut l'action. Victor Hugo
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito