Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
Lula, Prodi e i trotzkisti

di : Franco Ferrari
venerdì 2 marzo 2007 - 04h03
5 commenti
JPEG - 16 Kb

di Franco Ferrari

La decisione del Senatore Franco Turigliatto di differenziarsi dalla posizione del PRC nel voto sulla mozione di sostegno alla politica estera del governo è stata spesso commentata sotto l’angolo del problema di coscienza individuale, oscurando così il progetto politico che la sottende.

Turigliatto, come il deputato Salvatore Cannavò, è da lungo tempo un esponente di primo piano della sezione italiana della Quarta Internazionale, la principale delle numerosi correnti trotzkiste nota nel gergo dei seguaci di Trotzki come “Segretariato Unificato”.

Non si può quindi comprendere interamente la scelta di Turigliatto di entrare in rotta di collisione con il Partito nelle cui liste è stato eletto, senza inquadrarla nelle scelte che la stessa organizzazione internazionale ha assunto in altri Paesi nei quali dispone di un seguito significativo (pur nelle dimensione comunque ridotte dell’estrema sinistra). Per questo occorre fare qualche passo indietro e partire dal Brasile.

Poco tempo dopo le elezioni che hanno visto l’arrivo al potere di Lula e del Partito dei Lavoratori (PT), si è aperto uno scontro interno fra una parte della sinistra interna e la maggioranza sulle scelte compiute dal governo di sinistra, accusato di avere tradito le aspettative degli elettori. Se le critiche delle componenti di sinistra del PT erano piuttosto diffuse solo un piccolo gruppo di parlamentari ha spinto il dissenso fino a votare contro la riforma delle pensioni dei funzionari pubblici sostenuta da Lula. Tra questi alcuni componenti della corrente interna al PT che fa capo alla Quarta Internazionale, guidata dalla popolare senatrice Heloisa Helena.

Di fronte al voto di questi parlamentari contrario alla politica del governo, il PT ne ha deciso l’esclusione, ritenendo incompatibile la loro permanenza nel partito, che pure si è sempre caratterizzato per un elevato grado di pluralismo e democrazia interna. La Quarta Internazionale aveva avviato una polemica contro l’esclusione, tra l’altro con un appello internazionale sottoscritto da alcuni noti intellettuali, tra cui Noam Chomsky e Ken Loach (analogamente a quanto accaduto in questi giorni con il “caso Turigliatto”). Questa raccolta di firme (circa un migliaio) era partita da Socialist Resistance, la piccola sezione inglese dell’organizzazione trotskista.

Il responsabile internazionale del PT, Paulo Delgado, si prese la briga di scrivere una risposta indirizzata al Dott. Noam Chomsky in quanto il più illustre dei firmatari dell’appello contro l’esclusione di Heloisa Helena. Fra le altre cose scriveva Delgado che “per essere tolleranti è necessario sapere che cosa è intollerabile”. Il dirigente petista rivendicava legittimamente il fatto che nel PT esiste la più larga di espressione, ma che questo partito è “orgoglioso della sua democrazia interna come della sua unità d’azione”.

Ricordava che in diverse occasioni precedenti quando parlamentari del PT avevano votato in modo difforme sulla questione del governo questi erano stati esclusi. “La libertà in partiti democratici come i nostri –scriveva Delgado - significa condividere e accettare collettivamente dei limiti”. Per il PT era malizioso e infamante “cercare di confondere il funzionamento di un partito democratico e trasparente con l’ambiente politico esistente sotto una dittatura”. Inoltre precisava Delgado “è naturale che chi condivide la nostra politica resti nel partito. Ed è altrettanto naturale che, in un paese guidato dal PT, chiunque abbia il diritto di creare il proprio partito. Ma non è leale restare nel PT per combatterlo sistematicamente dall’interno, proclamando di essere i guardiani delle genuine virtù del PT.” In sostanza, scriveva il dirigente del Partito dei Lavoratori, i parlamentari minacciati di espulsione (e poi effettivamente espulsi) cercavano di presentarsi come vittime, “quando in realtà essi hanno commesso un atto di aggressione rompendo l’unità interna, benché essi avessero ogni diritto di esprimere le loro opinioni all’interno e all’esterno del partito, come stavano facendo. Essi preferiscono esercitare una opposizione sleale e miope alle politiche del governo del PT”.

La corrente del PT facente capo alla Quarta Internazionale si divise profondamente sulla questione del governo. La maggioranza, attorno a Raul Pont, Miguel Rossetto e Joaquim Soriano è rimasta nel PT per continuare la propria battaglia per correggere gli aspetti non condivisi della politica di Lula. La minoranza ha deciso di formare un nuovo partito con altri gruppi trotskisti, che alle recenti elezioni presidenziali e legislative ha deciso di non sostenere Lula contro la destra nemmeno al secondo turno. Una scelta considerata settaria anche da una parte degli stessi militanti fuoriusciti dal PT.

La Quarta Internazionale è intervenuta a sostegno dei fuoriusciti, suscitando la protesta della maggioranza dei propri seguaci brasiliani che l’hanno accusata, attraverso un articolo di Joaquim Soriano, pubblicato su Inprecor, di mettere al centro l’attacco al PT e al governo di Lula anziché ad una destra brasiliana ancora molto potente. La corrente del PT, Democrazia Socialista, che ha sempre organizzato i militanti della Quarta Internazionale in Brasile, ha contestato l’idea sostenuta dal centro parigino secondo cui il governo Lula sarebbe neoliberista, rappresenterebbe gli interessi del capitale finanziario, ecc.

Il giudizio dato dalla Quarta Internazionale sul governo Prodi non è molto diverso da quello liquidatorio rivolto al partito di Lula. Come sintetizza un testo di un esponente di Sinistra Critica pubblicato sul sito dei giovani trotskisti francesi, in politica estera il governo dell’Unione ha “rilanciato il ruolo imperialista dell’Italia” . Per quanto riguarda i parlamentari di Sinistra Critica si precisava già prima del recente non voto di Turigliatto in Senato, che essi applicano “una tattica per rilanciare la mobilitazione, indebolendo il Governo, e dando appuntamento al movimento, per cercare di dimostrare ad una scala di massa la natura liberale e pro-imperialista del governo Prodi”.

E’ evidente che questo progetto politico non può che essere conflittuale con la politica del PRC che fa parte del Governo “pro-imperialista” e per questo è stata assunta la decisione di trasformare la tendenza “Sinistra Critica” in “associazione/frazione pubblica, alfine di dotarsi degli strumenti politico-organizzativi di cui abbiamo bisogno per costruire le lotte indipendentemente dalla linea del PRC, per difendere le nostre posizioni in maniera conseguente, soprattutto nelle prossime scadenze parlamentari sul bilancio e l’Afghanistan ed anche per affrontare le minacce di esclusione”.

La collocazione di Turigliatto va quindi inserita in un cambio di strategia della sezione italiana della Quarta Internazionale, verso un profilo sempre più autonomo e conflittuale nei confronti del PRC, di cui aveva già parlato il deputato trotskista Salvatore Cannavò nel corso dell’Università d’estate della LCR francese diversi mesi fa. Se la scelta di andare allo scontro con il PRC era già stata presa, risultava meno chiaro anche a qualche trotzkista d’oltralpe quale fosse il passo successivo, se non quello di dar vita ad un altro partitino trotzkista da affiancare a quelli già esistenti di Ferrando e di Ricci.

*Franco Ferrari è autore della tesi di laurea “Ottobre addio? Le correnti trotzkiste internazionali dalla rivoluzione cubana al movimento no-global”



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo


Forum del' articolo
 

Lula, Prodi e i trotzkisti
2 marzo 2007 - 18h43 - Di ce67e1a2fec51cc42540c5cf1a57a94a...

Tutti trotzkisti?

Sono amareggiata dall’allontanamento per due anni di Turigliatto da Rifondazione.

Ecco su questioni come l’Iraq, la Palestina, l’Afghanistan non si puo’ fare, dire e votare cose diverse. Non si puo’ marciare il giorno prima contro tutte le guerre e il giorno dopo dichiarare fedeltà alla Nato e inviare le truppe in Afghanistan.

Prendo a prestito una frase e dico che "Ribellarsi è giusto e disobbedire è un dovere!"
Ci vuole coerenza!

Chi è in Senato non puo’ votare di tutto con il continuo spauracchio di Berlusconi che torna!

Certo il ritorno di Berlusconi è un pericolo reale ma anche l’allontanamento di chi è al governo con il paese reale, con le donne e gli uomini che erano a Vicenza contro la base è un pericolo reale.

A Vicenza ho notato che quasi tutti i pezzi del corteo si caratterizzavano oltre che per il loro NO alla base anche per altri NO, quell contro la TAV, quello per l’acqua come bene comune, quello contro mille altri progetti che cercano di passare in questi mesi oltre che prima con il governo Berlusconi.

E’ stato un dire: ci siamo, siamo qui ora, ma rivendichiamo tutte le lotte che in questi mesi hanno visto il paese in piazza e il palazzo dire altro.

Allora non ce la si puo’ cavare con la storia dei gruppi trotzikisti per altro minoritari in tutti i paesi citati. E no!! Non c’erano solo i trotzkisti a Vicenza.

C’era anche la Sinistra Critica certo ma c’era forte la nostra CRITICA ALLA SINISTRA AL GOVERNO, c’era quel popolo di sinistra che il giorno dopo si è sentito dire da Prodi e D’Alema "Noi andremo avanti" e che ha sentito queste parole bruciare sulla propria pelle.

E le parole di quei 200.000 e di altre e altri ancora dove sono arrivate, da chi sono state ascoltate, in che cosa si sono tradotte?

Chi tra noi puo’ davvero parlare di "tradimento"?

mariangela



Lula, Prodi e i trotzkisti
4 marzo 2007 - 06h22 - Di 6b24d86a66e4f1a71855082d72bdf074...

Non mi sembra, Mariangela, che questo Governo abbia "inviato truppe in Afghanistan". Semmai si è rifiutato di farlo, nonostante quella fosse la richiesta degli USA. Io credo abbia rifiutato proprio perchè in questo governo c’è la posizione politica, che trovo molto coerente, di Rifondazione.
Turigliatto, con il suo voto "coscienzioso", poteva determinare esattamente l’ opposto di ciò che chiedeva la manifestazione di Vicenza: un governo senza il PRC avrebbe meno problemi a inviare rinforzi e armi a Kabul.

Egalité



Lula, Prodi e i trotzkisti
4 marzo 2007 - 16h22 - Di cb6dc4f9e263adde832218681d1a79ba...

E così, per non vedere la crisi di rappresentanza tra tutto il centrosinistra e i suoi elettori ( segnalata persino dai sondaggi di Repubblica) e il complotto, questo sì evidente, Usa-Vaticano-Confindustria dietro la crisi-lampo del governo Prodi, ci si inventa il "complotto trotzkista" internazionale ....

Convinti voi ....

K.


Lula, Prodi e i trotzkisti
4 marzo 2007 - 17h43 - Di 5b6b3a03f6590997125dc1adb33b1b97...

Non mi pare che Ferrari parli di complotto ma, piu’ semplicemente, di linea politica. Dunque basterebbe rispondere se corrisponde o no alla realta’. E, se per avventura dovesse corrispondere, dire se si e’ d’accordo o non lo si e’.
Romeo


Lula, Prodi e i trotzkisti
6 marzo 2007 - 12h33 - Di e4ef7a224b8e196eb614da9bcfa44b15...

Ma quale autogol, la crisi è di rappresentanza

(da “Il Manifesto” del 4 marzo 2007)

La grande paura è passata. Il governo ha ritrovato la maggioranza grazie al riconoscimento agli integralisti cattolici del diritto di veto sui diritti civili e alla negazione della libertà di coscienza sulla guerra per tutti gli altri; e anche grazie al fatto che i due parlamentari dissidenti hanno votato la fiducia pur restando in dissenso, facendo quindi l’opposto di Rifondazione comunista nel 1998.

Secondo l’opinione largamente prevalente a sinistra, c’è stato un autogol, una ventata di follia dovuta a quella che il teorico di Blair, Anthony Giddens, ha su La Repubblica sintetizzato come l’incapacità di alcune persone della sinistra tradizionale di accettare le responsabilità di governo. Purtroppo anche Rossana Rossanda un po’ accetta questa tesi, che a me sembra assolutamente priva di fondamenta. La crisi di governo è invece dovuta alla crisi di rappresentanza delle forze fondamentali che compongono la coalizione di centro sinistra.

Ci si rimprovera che è sciocco pensare che questa coalizione possa essere più a sinistra dei suoi equilibri formali. Ma sono convinto che una consultazione tra gli elettori, sulla guerra, sulla precarietà e sulle pensioni, darebbe risposte ben più a sinistra degli attuali equilibri di governo.

Infatti, il 7 di dicembre gli operai di Mirafiori hanno contestato sindacati e governo. Lo hanno fatto quando, secondo il dibattito accreditato ufficialmente, era in vigore la fase uno, con il predominio delle istanze della sinistra estrema e dei sindacati. E’ quel successo radicale che è stato fischiato.

Con Marco Revelli abbiamo scritto che Vicenza segnava uno spartiacque. Qui non si trattava infatti di ascoltare un movimento pacifista globale, ma di dare una risposta positiva a una città che per la prima volta si spostava su posizioni alternative al blocco sociale e culturale della destra. Un no alla base non avrebbe messo in crisi nessuna alleanza o impegno internazionale. Invece c’è stato il no del Presidente del Consiglio. Successivamente la maggioranza di governo si è divisa, tra i veleni, sulla partecipazione alla manifestazione, salvo poi ignorarla in Parlamento per non litigare.

Si potrebbe andare avanti ancora nell’elencare l’incapacità di questo governo di misurarsi con movimenti che certo non sono tutto, ma che pure sono un elemento decisivo del consenso. Ma conviene andare alla domanda di fondo: c’era un’alternativa possibile? Secondo me sì.

Nello schieramento politico e sociale che ha sconfitto Berlusconi c’erano sin dall’inizio due posizioni, quella riformista e quella che oggi viene definita radicale, ma che a me pare si fondasse sul rifiuto netto della guerra e del liberismo in tutte le loro forme. Si è pensato di risolvere questa diversità di fondo con un patto di vertice e con un programma di 300 pagine, anziché definire alcuni punti fondamentali (meno di 12) e lasciare sul resto spazio alla trasparenza della dialettica e del confronto nel Parlamento e nel paese. Se un parlamentare non vuole l’intervento in l’Afghanistan e non se la sente di votare con Berlusconi e Fini il rifinanziamento della missione militare, non si può accusarlo stalinisticamente di volere il ritorno della destra al governo.

E chi respinge i tagli sulle pensioni e chiede al sindacato di scioperare per fermarli, non può subire la stessa accusa, quasi che gli equilibri del Senato fossero estesi a tutta la società.

Si può ben dire di lotta e di governo, ma proprio questa politica è platealmente fallita. Quando si raccoglie la critica sia di chi dice “lasciate stare Prodi”, sia di chi dice “con Prodi non contate nulla”, o si considera il tutto un complotto di Vaticano, padroni e troskisti, oppure c’è qualcosa d’errato nell’impianto delle scelte politiche.

Che fare, allora? Augurarsi la fine di questo governo, secondo il cliché che viene attribuito a tutti coloro che sono scontenti da sinistra? No, però neppure accettare il voto di fiducia permanente. Non so suggerire nulla a gruppi dirigenti di partito che mi paiono oggi chiusi in se stessi, paralizzati dalla paura e intenti solo a ricercare alchimie di vertice nel partito democratico da un lato, nella sinistra alternativa dall’altro. I movimenti, invece, possono usare questa fase per conquistare maturità. Vedo così la proposta di Luca Casarini di trovare sedi ove tutti si possa cominciare a discutere, partendo dalla realtà dei conflitti. Anche nei movimenti la doppiezza a un certo punto paralizza.

Da un lato a Vicenza in 200.000 dietro lo striscione “Prodi vergogna”, dall’altro l’angoscia per la caduta del governo.

E’ una contraddizione reale, anche se magari non riguarda le stesse persone.

E la si affronta solo partendo dalla piena affermazione della totale indipendenza dei movimenti dal quadro politico.

Piuttosto che crisi tra i partiti, quella che viviamo è una crisi tra la politica e i cittadini, tra rappresentanti e rappresentati.

E governabilità e decisionismo sono solo un aggravamento del male, da destra come da sinistra.

Non si ricostruisce la sinistra senza ricostruire la politica su nuove basi democratiche.

Giorgio Cremaschi (Segreteria Nazionale FIOM/CGIL)






In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista
Terremoto di Casamicciola
martedì 22 - 17h08
di : Lucio Garofalo

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

Le progrès technique est comme une hache qu'on aurait mise dans les mains d'un psychopathe. Albert Einstein
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito